Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Regalo per gli utenti del sito

Da qui potete scaricare GRATIS

I VANGELI GNOSTICI

Un file eseguibile ( VIRUS FREE)

che vi consente, in tutta autonomia e sicurezza, di leggere i Vangeli Apocrifi. E’ un REGALO del sito.

Vangelignostici.exe Download Vangelignostici.exe

La crisi è guidata e voluta.

 

 Ascolta l’articolo [audio:crisi.mp3]

Le attuali manovre non sono che la riconferma della concorde volontà, da parte della destra liberale e dell’eterna sinistra comunista, di annientare il popolo italiano. Ciò in nome di un’ideologia mondialista che si propone di eliminare ogni specificità nazionale per imporre ad ogni Paese la completa sudditanza economica, il caos razziale e la disgregazione sociale. Dopo la creazione del mostro pseudopolitico chiamato Unione Europea e dopo l’invasione terzomondiale chiamata “immigrazione”, si è aperto il terzo tempo della distruzione delle nazioni europee. La riduzione in miseria dei popoli sta oggi ovunque avvenendo ad opera dei loro stessi ceti dirigenti mediante la consegna dei loro interessi e del loro destino nelle mani dell’usura internazionale.

False sono le ragioni addotte dal finanziere mister Monti – boss della banca d’affari Goldman & Sachs (come Ciampi, Prodi, Padoa Schioppa, Draghi e compagnia ), della Trilateral Commission, del Bilderberg Group e di ogni altro più celato gruppo di pressione – sia sulle cause che sui rimedi per “risanare” il debito pubblico. Infatti la massima parte del “buco” del debito pubblico non è dovuta alle pur delinquenziali ruberie attuate in passato dai politici italiani, ma alla perdita della sovranità monetaria e alle manovre speculative compiute dall’Alta Finanza.
Le Banche Centrali – Bce e Banca d’Italia comprese – non sono istituzioni pubbliche come pensa la maggior parte dei cittadini, ma strutture private. Senza obbligo di tutelare le politiche nazionali, nel chiuso dei loro covi privati esse, tra l’altro, stampano segretamente, a discrezione, le banconote, stringendo o allargando il credito secondo i loro interessi privati.

E’ chiaro che un Sistema siffatto non può che creare un debito pubblico sempre maggiore, richiedere il varo di “manovre” sempre più onerose e numerose, incatenare infine in eterno i popoli alla schiavitù dell’interesse.

E’ per far funzionare tale sistema, cioè per arricchire i grandi usurai, che i governi europei – quello di mister Monti in prima fila, tra i miserabili piagnistei (vedi Sua Eccellenza Fornero, docente, banchiera e ministra) e insulti ai giovani italiani (“il posto fisso è monotono”, “sfigati”, “mammoni”, etc.) – impoveriscono i popoli strozzandoli con tasse sempre più pesanti. In secondo luogo anche un mentecatto comprenderebbe che se al cittadino si sottraggono i soldi con tasse ed aumenti di ogni genere, egli non può certo spenderli per “far girare l’economia” (nazionale?) e contribuire alla “crescita” (nazionale?). Egualmente, anche un mentecatto sa che nessuna “crescita” è possibile se non si ferma l’alluvione di merci dall’estero, tanto per dire: cinesi, prodotte con manodopera pagata un decimo degli equivalenti europei. Ma i nostri ministri sono uomini d’onore. Banchieri e professori universitari. Riveriti da ogni parassita della carta stampata e delle televisioni. Non gente come noi e voi, coi piedi per terra e il cervello funzionante.
Dopo i provvedimenti di rapina dell’Esecutivo (nel senso di “esecutore di “esecuzioni”…) – com’è buono Lei, direbbe Fantozzi – è arrivato il tempo delle “privatizzazioni” e delle “liberalizzazioni”. Tali termini sono impropri. Il primo altro non è che una svendita dei beni pubblici, arraffati per un tozzo di pane dagli “amici degli amici”. Il secondo è improprio anche perché evoca sensazioni positive di “libertà”.
Se per il primo si dovrebbe meglio parlare di “saccheggio”, per la “liberalizzazione” si dovrebbe parlare di “deregolamentazione” – “deregulescion”, nell’idioma dei manolesta – vale a dire “abolizione di tutte quelle regole che finora sono servite a mantenere in piedi una società civile”. Con l’abolizione delle regole e lo scatenamento del caos in ogni settore, con l’impoverimento generale e la guerra di tutti contro tutti, i gruppi finanziari più forti e criminali otterranno per sempre il predominio. Come sempre è accaduto quando viene calata nel concreto l’ideologia liberale.

907 Visite totali, 1 visite odierne

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter
maggio: 2012
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031