Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Vangeli Gnostici
Vangeli Gnostici

Gratis per i Lettori
i Vangeli Gnostici. Un file eseguibile, di facile consultazione.
Sicuro, virus free.

Piante estrogeniche, aggressività e sesso

colubus

Mangiare piante estrogeniche altera gli ormoni nelle scimmie, può aumentare l’aggressività e il sesso. E Nell’uomo ?

Mangiare alcune verdure non solo fornisce nutrienti chiave, ma possono influenzare anche i livelli di ormone e comportamenti come aggressione e attività sessuale, dice un nuovo studio condotto da ricercatori della University of California, Berkeley, che potrebbe far luce sul ruolo della dieta nell’evoluzione umana.La ricerca è la prima ad osservare la connessione tra composti estrogenici vegetale, o fitoestrogeni, e comportamento in primati selvatici . In questo caso, un gruppo di scimmie colobo rosso in Uganda.

Più le scimmie colobus rosso maschio si nutrono con foglie di leucantha dura, un albero tropicale contenente composti  estrogeno-simile, più alto hanno il  livello di estradiolo e cortisolo. Inoltre hanno trovato che con l’alterato  livello di ormone, sono  avvenuti più atti di aggressione e di sesso, e meno tempo trascorso alla toelettatura — un comportamento importante per il bonding sociale nei primati.

Lo studio, pubblicato nel numero corrente della rivista ormoni e comportamento, suggerisce come potenzialmente è importante il consumo di fitoestrogeni nei  primati in rapporto all’ ecologia ed evoluzione.

“È uno dei primi studi fatto in un ambiente naturale fornendo prove che impianti chimici possono influenzare direttamente fisiologia e comportamento  di un primate selvaggio agendo sul sistema endocrino,” ha detto l’ autore Michael Wasserman, che ha condotto la ricerca come studente laureato presso il dipartimento di scienze ambientali dell’Università di Berkeley, politica e gestione. ” le piante hanno giocato un grande ruolo nell’evoluzione dei primati — tra cui l’uomo, alterando i livelli di ormone, i comportamenti sociali importanti per la salute e riproduzion e la  biologia, in modi che sono stati sottovalutati.”

Per 11 mesi, i ricercatori hanno seguito un gruppo di scimmie colobus rossi nel parco nazionale di Kibale, in Uganda, e hanno registrato che cosa mangiavano i primati. i ricercatori hanno focalizzato le loro  osservazioni comportamentali, sulla aggressione, come il numero di inseguimenti e lotte, la frequenza di accoppiamento e di tempo trascorso nella cura del corpo.

Per valutare le modifiche nei livelli di ormoni, i ricercatori hanno raccolto campioni di feci una volta alla settimana da ognuna dei 10 maschi adulti del gruppo (uno studio separato sule quantità di fitoestrogeni nelle femmine è in corso). Più di 407 campioni sono stati raccolti e analizzati per misurare i livelli di estradiolo e cortisolo.

I ricercatori hanno trovato variazioni stagionali dei consumi delle piante con estrogenici, che compongono  lo 0,7 per cento su un totale del 32,4 per cento della dieta del colobo rosso in ogni data settimana. Per i maschi adulti del colobo rosso, il maggiore consumo di piante estrogenici ha corrisposto a più alti livelli di estradiolo e cortisolo, due ormoni steroidei importanti per la riproduzione e la risposta allo stress.

Fitoestrogeni si trovano anche negli alimenti umani, soprattutto soia e prodotti a base di soia. La Leucantha dura, l’albero tropicale che è il più importante per l’aumento  dei livelli di ormone nel colobo rosso e dei comportamenti sociali, è un parente stretto della soia.

“Vista la preoccupazione riguardo l’assunzione di fitoestrogeni degli esseri umani attraverso prodotti di soia, oggi è molto utile scoprire di più circa l’esposizione a tali composti nei primati viventi e, per analogia, antenati umani,” ha detto il  coautore Katharine Milton, professore nell’Università di Berkeley dipartimento di scienze ambientali, politica e Management e un esperto di ecologia alimentare dei primati. “Questo è particolarmente vero quando si determina l’influenza dei fitoestrogeni sul comportamento riproduttivo, che è l’intera chiave di volta della selezione naturale.”

Gli autori dello studio, temendo di sopravvalutare il potere dei fitoestrogeni nell’alterare il comportamento, hanno sottolineato che il consumo di vegetali estrogenici è solo uno dei molteplici fattori che influenzano i livelli di ormone e comportamento nei primati. In particolare, Proprio i livelli di ormone endogeno nei primati sono stati il più forte indicatore di determinati comportamenti, mentre i fitoestrogeni hanno svolto un ruolo secondario.

I ricercatori hanno notato che la tprobabilità che certi comportamenti si verifichino, può essere influenzata da complesse interazioni tra gli ormoni endogeni e fitoestrogeni, oltre a fattori quali la qualità e la quantità di cibo, competizione per le risorse e gli accoppiamenti e la aggressività.

Tuttavia, precedenti ricerche in laboratorio e impostazioni agricole hanno dimostrato che mangiare piante estrogene potrebbe compromettere la fertilità e influiscono sul comportamento in animali come roditori, scimmie e pecore. Gli effetti del consumo di fitoestrogeni in altri studi,  hanno incluso più aggressività, meno contatto del corpo, più isolamento, maggiore ansia e riproduzione alterata.

Berkeley è il primo ad osservare la connessione tra il consumo di vegetali estrogenici e comportamento in un primate selvaggio.

Per approfondire su questo studio, Wasserman e i suoi colleghi stanno ora esaminando il rapporto tra fitoestrogeni e altre specie di primati, tra cui il nostro parente vivente più vicino, lo scimpanzé, per determinare come comuni piante estrogeniche entrino nelle diete dei primati selvatici.

“Gli antenati dell’uomo hanno derivato la maggior parte della loro dieta da piante selvatiche tropicali, e la nostra biologia è cambiata poco nel tempo, così simili relazioni come quelle che si trovano in questo studio, si sono verificati sulla nostra storia evolutiva, ha detto Wasserman, ora borsista post-dottorato presso il dipartimento di antropologia della McGill University a Montreal, in Canada.

 

Tuttavia, i ricercatori hanno notato che la dieta del colobo rosso contiene un’alta percentuale di foglie, mentre la dieta degli scimpanzé, altre scimmie e antenati umani consisteva principalmente di frutti. Così, uno degli attuali obiettivi di Wasserman è quello di confrontare la presenza di fitoestrogeni nelle foglie e frutti selvaggi.

“Sei fitoestrogeni costituiscono una parte significativa della dieta dei primati, e che il consumo di frutta ha simili effetti fisiologici e comportamentali, come quelle osservate nel colobo rosso, il consumo di piante estrogene, ha probabilmente giocato un ruolo importante nell’evoluzione umana, ha detto Wasserman. “DoStudiaregli effetti dei fitoestrogeni in scimmie e primati che mangiano frutta, ci può fornire unamigliore comprensione di come questi composti estrogenici possono influenzare il comportamento e la salute umana.”

Altri co-autori dello studio sono Colin Chapman e Jan Gogarten presso la McGill University e Daniel Wittwer e Toni Ziegler dal Wisconsin National Primate Research Center presso l’Università di Wisconsin-Madison.

La National Science Foundation e l’International Primatological Society ha contribuito a sostenere questa ricerca.

1,256 Visite totali, 1 visite odierne

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Advertisement
Voci da Twitter
aprile: 2013
L M M G V S D
« Mar   Mag »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930