Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Vangeli Gnostici
Vangeli Gnostici

Gratis per i Lettori
i Vangeli Gnostici. Un file eseguibile, di facile consultazione.
Sicuro, virus free.

John O. Brennan, sicurezza globale.

globsecur

John O. Brennan, 24 Novembre 2009, ha riproposto un tema che, fin dall’inizio del secolo scorso, ha affascinato l’uomo: il controllo climatico, già introdotto dalle visioni di un pioniere della scienza come Nikola Tesla.

Ecco il video e sotto la trascrizione in lingua originale ed in italiano.

WOODRUFF: Hello, everybody, and welcome to the Council on Foreign Relations. I am Judy Woodruff of the PBS “NewsHour,” and I am delighted to introduce our speaker this afternoon. I don’t think there could be a better time or moment for us to hear from the director of the Central Intelligence Agency. Without further ado, please welcome Director John Brennan. (Applause.)

BRENNAN: Well, thank you very much, Judy. And good afternoon, everyone. It is indeed a pleasure to be back at the Council to compare notes on a remarkably complex and dynamic international scene. And I very much look forward to talking with Judy and Council membership on the many topics that are in the headlines. But I would first like to offer some brief opening remarks to kick off the conversation today.

Now, whenever I administer the oath of office to new officers at our headquarters in Langley, Virginia, I tell them that they are coming aboard at a critical moment in our agency’s history. In the 36 years since I first entered government, I have never been witnessing a time with such a daunting array of challenges to our nation’s security.

Notable among those challenges is that some of the institutions and relationships that have been pillars of the post-Cold War international system are under serious stress. As you well know, the United Kingdom voted last week to leave the European Union. Of all the crises the EU has faced in recent years, the U.K. vote to leave the EU may well be its greatest challenge.

Brexit is pushing the EU into a period of introspection that will pervade virtually everything the EU does in the coming weeks, months, and even years ahead. Euroskeptics around Europe, including in Denmark, France, Italy, and the Netherlands, are demanding their own referendums on multiple EU issues. This will surely make decision-making and forging consensus in the EU much harder.

No member state has ever left the Union, so Europe is entering a period of uncertainty as the U.K. and the EU take stock of the situation and begin staking out their negotiating positions. Discussions about how an exit will work will dominate the EU agenda in the months ahead. Negotiations for the exit agreement will not begin until the prime minister formally notifies the EU of the U.K.’s intention to leave, which Prime Minister David Cameron has said will occur under his successor. EU and member-state leaders, excluding the U.K., will be meeting in the coming days and weeks to begin laying the groundwork for those negotiations.

Now, regardless of what lies ahead, I would like to take this opportunity to say that the Brexit vote will not adversely affect the intelligence partnership between the United States and the United Kingdom in the months and years ahead. Indeed, I spoke to my counterpart in London early Monday morning, and we reaffirmed to one another that the bonds of friendship and cooperation between our services are only destined to grow stronger in the years ahead. These ties are and will always be essential to our collective security.

I presume a few of you have questions about terrorism and the so-called Islamic State of Iraq and Levant. I look forward to addressing them in the question-and-answer session. I know that our collective hearts, though, go out to the families of the latest victims of the horrific terrorist attacks perpetrated as well as incited by ISIL. The despicable attack at Istanbul’s international airport yesterday that killed dozens and injured many more certainly bears the hallmarks of ISIL’s depravity.

Let me take a few moments to say a few words about some less discussed but still some very important issues that we at CIA and our colleagues throughout the intelligence community are watching closely. I’ll start with the overarching challenge of instability which continues to grip large sections of the globe.

Global instability is one of the defining issues of our time, and its implications are hard to overstate. As instability spreads, extremists and terrorists are finding sanctuary in ungoverned spaces. Energy supplies are being disrupted. Political reform is suffering as too many governments opt for authoritarian measures at the expense of democratic principles and respect for human rights.

Most devastating of all, though, is the human toll attendant to instability. Last week the United Nations reported that the number of people displaced by global instability and conflict had reached 65 million, the highest figure ever recorded. In a host of countries, from East Asia to the Middle East to West Africa, governments are under stress, and civic institutions are struggling to provide basic services and to maintain law and order.

As governments in these regions recede from the center of national life, more people are shifting their allegiances away from the nation-state and toward sub-national groups and identities, leading societies that once embraced a national identity to fracture along ethnic and sectarian lines.

Nowhere is this trend more evident than in the Middle East, a region that I have studied closely for much of my professional life. When I lived there years ago, I liked to walk through neighborhoods and villages to observe the rhythms of daily life. I remember seeing people of different backgrounds and beliefs living side by side, secular and devout.

Today relations among these groups are too often marred by suspicion and distrust, and even outright hostility. Extremist groups have played a key role in fueling these tensions, luring impressionable young men and women to join their cause and spreading false narratives meant to divide and inflame. In some areas, a whole generation are growing up in an environment of militarism without a chance to develop the skills to contribute or even to engage in modern-day society.

The underlying causes of these trends are complex and difficult to address, and the long-term consequences of these developments are deeply troubling. Global instability is an issue that affects all countries, from Russia to China to the United States, and it must be met by (audio break) community. I am certain that this issue will loom large on the agenda of the next administration.

Another strategic challenge is dealing with the tremendous power, potential, opportunities, and risks resident in the digital domain. No matter how many geopolitical crises one sees in the headlines, the reliability, security, vulnerability, and the range of human activity taking place within cyberspace are constantly on my mind.

On the cybersecurity front, organizations of all kinds are under constant attack from a range of actors—foreign governments, criminal gangs, extremist groups, cyber-activists, and many others. In this new and relatively uncharted frontier, speed and agility are king. Malicious actors have shown that they can penetrate a network and withdraw in very short order, plundering systems without anyone knowing they were there until maybe after the damage is already done.

While I served at the White House, cyber was part of my portfolio, and it was always the subject that gave me the biggest headache. Cyber-attackers are determined and adaptive. They often collaborate and share expertise, and they come at you in so many different ways, with an ever-changing array of tools, tactics, and techniques.

Moreover, our laws have not yet adequately adapted to the emergence of this new digital frontier. Most worrisome from my perspective is that there is still no political or national consensus on the appropriate role of the government—law enforcement, homeland security, and intelligence agencies—in safeguarding the security, the reliability, the resiliency, and the prosperity of the digital domain.

The intelligence community is making great strides in countering cyber-threats, but much work needs to be done. As we move forward on this issue, one thing we know is that private industry will have a huge role to play as the vast majority of the Internet is in private hands. Protecting it is not something the government can do on its own.

Right up there with terrorism, global instability, and cybersecurity is nuclear proliferation and the accompanying development of delivery systems, both tactical and strategic, that make all too real the potential for a nuclear event.

Unsurprisingly, top of my list of countries of concern is North Korea, whose authoritarian and brutal leader has wantonly pursued a nuclear-weapons program to threaten regional states and the United States instead of taking care of the impoverished and politically repressed men, women, and children of North Korea.

So what else is there besides terrorism, global instability, cybersecurity, and nuclear proliferation that worries the CIA director and keeps CIA officers busy around the clock and around the globe? Well, as a liberal-arts guy from the baby-boomer generation, the rapid pace of technological change during my lifetime has been simply dizzying. Moreover, as we have seen with just about every scientific leap forward, new technologies often carry substantial risks, to the same degree that they hold tremendous promise.

Nowhere are the stakes higher for our national security than in the field of biotechnology. Recent advances in genome editing that offer great potential for breakthroughs in public health are also cause for concern, because the same methods could be used to create genetically engineered biological-warfare agents. And though the overwhelming majority of nation-states have tended to be rational enough to refrain from unleashing a menace with such unpredictable consequences, a subnational terrorist entity, such as ISIL, would have few compunctions in wielding such a weapon.

The scope of the bio-threat, as well as potential measures to mitigate it, were laid out very clearly last October in the bipartisan report of the Blue Ribbon Study Panel on Biodefense chaired by former Senator Joe Lieberman and former Homeland Security Secretary Tom Ridge. As with the cyber threat, the international community’s response to this issue lags behind the technology driving it. Effectively countering this danger requires the development of national and international strategies, along with a consensus of the laws, standards, and authorities that will be needed.

And as CIA officers and their intelligence community colleagues work hard to protect our country from the darker side of technological change, we are mindful of how even beneficial advances can have destabilizing effects in the long run. Agency all source analysts, drawing from academic studies and other elements of the ever-expanding pool of global open-source information, seek to offer our national leaders early warning of potential challenges that could arise from the advances we are seeing today across the spectrum of technological endeavors.

As former Defense Secretary and CIA Director Bob Gates is fond of saying, when intelligence officers smell flowers, they look around for a coffin. That remains a pretty good depiction of our intelligence mindset. (Laughter.)

One example, again, taking a page from the biotech and life sciences sectors, is how a wide range of breakthroughs that potentially could extend life expectancy, such as new methods of fighting cancer and a greater understanding of the aging process, could reinforce the trend toward older populations in advanced nations. Some of the world’s leading economies, and even the lesser economies, could face even stronger headwinds from having significantly larger proportions of retired people and older people relative to working-age citizens.

Another example is the array of technologies, often referred to collectively as geoengineering, that potentially could help reverse the warming effects of global climate change. One that has gained my personal attention is stratospheric aerosol injection, or SAI: a method of seeding the stratosphere with particles that can help reflect the sun’s heat in much the same way that volcanic eruptions do. An SAI program could limit global temperature increases, reducing some risks associated with higher temperatures, and providing the world economy additional time to transition from fossil fuels. This process is also relatively inexpensive. The National Research Council estimates that a fully deployed SAI program would cost about $10 billion yearly.

As promising as it may be, moving forward on SAI would also raise a number of challenges for our government and for the international community. On the technical side, greenhouse gas emission reductions would still have to accompany SAI to address other climate change effects, such as ocean acidification, because SAI alone would not remove greenhouse gases from the atmosphere. On the geopolitical side, the technology’s potential to alter weather patterns and benefit certain regions of the world at the expense of other regions could trigger sharp opposition by some nations. Others might seize on SAI’s benefits and back away from their commitment to carbon dioxide reductions. And as with other breakthrough technologies, global norms and standards are lacking to guide the deployment and implementation of SAI and other geoengineering initiatives.

Now, I could go on and on and on and on about the things that fascinate me. But rather than talk about them, I thought I’d stop here and start the conversation with Judy, and then I can take some of your questions. I very much appreciate the invitation to come back here in the Council on Foreign Relations. And as I say to all the groups I speak to, it is a tremendous honor and privilege every day to be referred to as the director of Central Intelligence Agency. I lead an organization full of patriotic men and women who take great risks and put themselves on the front lines in order to keep their fellow Americans safe and secure, and to do what they can to keep this country’s security secure. Thank you so much. (Applause.)

WOODRUFF: Thank you. Well, I think we’re all impressed with the array of challenges and issues that you deal with on a regular basis, Director Brennan. But I do want to come back to—and I do want to come back to what’s in the news right now, and that is this latest attack in Istanbul. The—what the administration has been saying—and I think you referenced it just now—is that it has the earmarks of ISIS. How much is known about who’s behind this, and why does it point in their direction?

BRENNAN: Well, to my knowledge, there is no credible claim of responsibility at this point, but that’s not very surprising because, at least in most instances, if not all, ISIS has not claimed credit or responsibility for attacks that are perpetrated inside of Turkey. I think what they do is, they carry out these attacks to gain the benefits from it, in terms of sending a signal to our Turkish partners, at the same time not wanting to potentially maybe alienating some of those individuals inside of Turkey that they may still be trying to gain the support of.

WOODRUFF: Why are they able to pull off these attacks with what seems to be great regularity without the ability to prevent them ahead of time?

BRENNAN: Well, I think there’s a variety of reasons. First, when individuals are committed to carry out these attacks, these so-called suicide attacks, that kill and maim so many people, they really don’t have to worry about an escape route. It makes carrying out that attack so much easier, because what they do is then just want to make sure they’re able to penetrate whatever sort of perimeter defense there might be. And in a lot of these civilian areas, there is no perimeter defense. That’s part of what an open society is.

And also, they’re able to get their hands on weapons, automatic weapons, whether it be illegally procured in some countries, or through the black market in others. And also, they’re able to take advantage of the technologies that allow them to communicate quite securely without having security and intelligence agencies able to understand what it is that they are plotting. So being able to fabricate a plot, carry it out among a small group of individuals—one, two, or more—it is unfortunately a feature of our times that ISIL in particular has been determined to carry out these attacks.

WOODRUFF: Is it something that the rest of the world just has to get used to?

BRENNAN: I don’t think we should ever get used to it. I think what we have to do is to redouble our efforts to try to uncover what they’re doing, stop them, in terms of carrying out these attacks, but also go to the source of it, which is those who are directing and orchestrating these attacks. And ISIL, most of the attacks are either directed or incited by their external operations group, which is resident in the Syria/Iraq theater.

WOODRUFF: I’m struck that in several news interviews you’ve done recently, Director Brennan, you’ve made a point of saying, or you have said, that our efforts have not reduced ISIS’ capability and global reach. There’s a frustration that seems to come through in your—you don’t—not that there’s an expression on your face, but what—how—what is it? I mean, what does this mean to you, as somebody who’s been working in this area for so long?

BRENNAN: Well, any intelligence or security or law enforcement professional who has the responsibility to try to prevent these attacks from occurring, and those who have been involved in counterterrorism for quite some time, are interested and determined to do whatever we can to destroy these organizations that give birth to these horrific attacks. And as I’ve said recently, we’ve made, I think, some significant progress, along with our coalition partners, in Syria and Iraq, where most of the ISIS members are resident right now. But the—ISIS’ ability to continue to propagate its narrative, as well as to incite and carry out these attacks, I think we still have a ways to go before we’re able to say that we have made some significant progress against them.

WOODRUFF: Is it—is it the need for better intelligence? Is it better—do we need more resources, more money poured into the effort? What is it?

BRENNAN: The challenge with ISIS, which is much different than al-Qaida—Al-Qaida at its height had maybe a couple thousand individuals with, you know, a core of several hundred—ISIS has tens of thousands of individuals that are scattered not just in the Middle East but also to West Africa, to Southeast Asia, and beyond. And so there’s the scope of the problem, number one.

Number two, they have made very sophisticated use of communications systems. And in order to protect and prevent—protect their communications as well as prevent the authorities from having insight into what they’re doing—and also, they’ve fed upon the instability that has wracked the Middle East. We see that in the aftermath of the Arab Spring, al-Qaida and ISIS had nothing to do with the initiation of the Arab Spring, but they have taken full advantage of the collapse of some governments, the ungoverned spaces. And the movement of people and goods in this 21st-century world, I think in many respects can facilitate what it is that ISIS is trying to do. And so we’ve seen that they don’t even have to reach out and touch somebody. The horrific attacks in Orlando, an individual was able to, you know, access the material. But also you have individuals that they’re able to guide and direct and to deploy. And so there’s a range of challenges that intelligence security agencies have.

But also, it’s sharing information among nations around the world. And we saw that in the aftermath of Brussels, the attack in Paris, we’re trying to work with our European partners. There are 28—I guess, soon to be 27—EU members. And they have different legal systems, different structures. How are they going to share information in a rapid and timely fashion in order to stop individuals who we may have a bit a data on?

WOODRUFF: Well, and speaking of that, with the Brexit vote you said that it’s not going to affect the U.S. partnership with Great Britain, with the U.K. But what about these other 27, 28 members, give or take? How can it not affect your ability, the ability of the CIA, and other intelligence—members of the intelligence community in the U.S. to deal with every one of these different entities in this other nations?

BRENNAN: Well, that’s what we do right now. Much of our interaction is with the intelligence security services in bilateral challenges. We’re trying to have multilateral sharing arrangements, whereby we can all collectively use the information that we individually collect and have access to. The EU has not been an operational element of the counterterrorism effort. It is more of a policy and a governance structure. So I really do not see it affecting our ability to work with the Brits, as well as with the remainder of the EU, on the counterterrorism front.

WOODRUFF: So you see seamless cooperation with the partners that the U.S. needs to have intel sharing?

BRENNAN: I don’t think I said seamless. (Laughter.) I just said I don’t think that the Brexit is going to adversely affect how we deal with the Brits. I think there’s still a lot of work that needs to be done to try to put together a mission architecture that will allow Europe as a whole to share information in a timely fashion. We’re working with the Brits, as well as with the rest of the Europeans. But it’s not just a European issue. It’s with the Middle Eastern countries and African countries. So this is going to be a journey that I think we’re going to be on for quite some time.

WOODRUFF: And here in the U.S., with the Orlando attack, which you just mentioned, with what happened in San Bernardino, do you feel you’ve learned something from those two incidents that puts you in a better position to understand what to do to prevent or to get into the minds of these young people—mainly young men—who are carrying out these ISIS-inspired—what appear to be ISIS-inspired—

BRENNAN: Well, I think there are a couple of takeaways. One is that this country has done a great job since 9/11 making the American homeland much more difficult for terrorist organizations abroad to penetrate physically and send people over, because of things like the watch lists and the very close cooperation between law enforcement and intelligence. We see the most recent examples of those who were here and who were incited to carry out these attacks.

I have tremendous respect for the FBI’s capabilities. I interact with Jim Comey on a regular basis. The FBI has a real challenge because here are individuals who could be in their home will have no interaction with other people, but will be on the Internet and will be shaped and influenced by what they’re seeing in terms of this narrative, and will decide on their own—maybe with a spouse or maybe with others or maybe alone—to carry out an attack. And if they get their hands on a weapon or, you know, explosive material, they can do great damage before the signatures that are traditionally associated with traditional terrorist groups are seen.

WOODRUFF: And what is the CIA’s role in working with the FBI on that? Because you’re right, it’s a domestic challenge. But the CIA, I mean—

BRENNAN: Well, the CIA, working with our other partners, NSA, Homeland Security, as well as the National Counterterrorism Center, I think we do a very good job of sharing as much data information as possible, all the puzzle pieces. And so any lead we may have from overseas collection or access, we make sure it’s shared with our partners. Any of the trends or developments that we see in terrorist organizations in terms of their modus operandi, we share that immediately. And so it’s a constant interaction between all the different elements of the U.S. counterterrorism community that I think has helped protect this country. So the vulnerabilities that existed in 9/11, that the 9/11 hijackers and killers took advantage of, they no longer exist. However, there are other ways that an ISIS can adapt to the reality now to be able to carry out these attacks.

WOODRUFF: Right. I want to come back to ISIS in Syria and in Iraq because, yes, there’s been some progress, as you say, but it’s frustratingly slow. And you’re dealing with—you have the Iranians playing a role in Iraq and, I guess to a lesser extent, in Syria. But certainly in Iraq. I mean, do you see the Iranians of being supportive—of being in a supportive role, because of the side they take in Iraq? Or do you see them as being in the opposite role?

BRENNAN: Yes. (Laughter.) There are things that they can do, and have done, in order to address some of the terrorist threats that they face, which are similar to ones that we face. One of the things about ISIS that really distinguishes it from al-Qaida is that it has a very strong anti-Shia dimension to it. That’s how it’s sort of rolled over many parts of Iraq because of the years when the Sunni community felt as though a Shia-dominated and Iranian-influenced government in Baghdad was not addressing the needs of the Sunni community. So I think they’re very concerned about that growth.

At the same time, Iran is still identified by the U.S. government as the leading state sponsor of terrorism because of what they have done. So they are both a part of the problem, but they also—and I’m hopeful that maybe with the growing influence and ascendance of some of the more moderate elements within the Iranian government and President Rouhani, that we may see Iran truly move toward rejoining the community of nations and fulfilling its role and responsibility. But while it continues to provide support to terrorist organizations like Hezbollah and others in Lebanon—because they have Hezbollah inside of Iraq and other groups—there’s a real problem with Tehran.

WOODRUFF: And what is your—what’s the level of communication between your agency and Iran?

BRENNAN: I don’t communicate with Iran.

WOODRUFF: There’s zero communication—indirect—

BRENNAN: I do not personally have any interaction—

WOODRUFF: Not personally. (Laughter.)

BRENNAN: I do not have any interaction, any formal liaison relationship or engagement with Iran.

WOODRUFF: Does the agency?

BRENNAN: The agency does not.

WOODRUFF: OK.

BRENNAN: No formal intelligence liaison relationship. (Laughter.)

WOODRUFF: No formal intelligence? Maybe somebody out here can phrase it better—phrase it—

BRENNAN: No. (Laughter.)

WOODRUFF: President Assad—

BRENNAN: But we know the Iranians very well. (Laughter.) Just saying. (Laughter.)

WOODRUFF: President Assad does not seem to be—certainly weakened to some extent, but hanging on in Syria. There doesn’t seem to be much evidence right now that he’s budging from his position. How do you weigh where the Syrian conflict stands right now?

BRENNAN: Last year at this time Assad was really on the ropes in terms of the Syrian military was taking it on the chin in a number of areas, particularly north of Damascus in the Latakia area. And that was what prompted Moscow to decide to send several thousand Russian military personnel—aircraft, weaponry, artillery, tanks, you name it—in order to prop up the regime that they have invested in over the last 50 years or so. And so the downward trajectory of the regime’s fortunes was reversed, as a result of that engagement on the part of Moscow.

We believe fervently that Assad is part of the problem, he’s not part of the solution. He is the reason—after the atrocities that he has perpetrated on his people, that he has lost all legitimacy in terms of ruling that country. And that’s also one of the reasons why we have so many of the Syrian people up in arms against Assad and the government in Damascus, as well as the foreign fighters. So we believe that although he’s maybe strengthened on the battlefield relative to where he was last year, we really are continuing to push the Russians, because the Russians play a critical role in this. There’s going to be, I think, no way forward on the political front without active Russian cooperation, as well as true and genuine Russian interest in trying to find a political path, because this is not going to be resolved on the battlefield.

WOODRUFF: And do you see any progress on that front?

BRENNAN: I have had numerous interactions with my Russian counterparts. I visited Moscow and talked with them. I feel as though they can do more. They probably feel that we can do more. But they, I don’t believe, have lived up to the commitments as far as honoring the cessation of hostilities and getting the trajectory of the Syrian conflict on a better course, particularly on the—on the political transition front.

WOODRUFF: So how do you—how do you turn that around? How do you change that?

BRENNAN: The dogged determination of our diplomats, led by, you know, the indefatigable John Kerry, who continues to work with Foreign Minister Lavrov and others. We have interaction with our counterparts on the Russian intelligence side to try to have a common appreciation of what the situation is inside of Syria. I have no doubt that the Russians are motivated in part in terms of their investment in Syria out of concern about the growth of ISIS and terrorist forces there. Whether it’d be ISIS or Jabhat al-Nusra, which is al-Qaida in Syria, they are determined to I think try to crush those forces. At the same time, though, I think that they recognize that these forces have grown because of the problems that have existed in Syria, in the Syrian government.

WOODRUFF: I have a last question, and then we’re going to open it up to the—to the audience. I was struck—I guess I shouldn’t have been—that you said the greatest nuclear proliferation threat still comes from North Korea. Is there any progress in terms of intelligence, information, communication with the North? Is it still chiefly through China? I mean, how—help us understand where that is.

BRENNAN: That is another one of the more frustrating aspects of our international agenda, that you have someone like Kim Jung Un who continues to pursue these nuclear and ballistic missile capabilities almost irrespective of what his people need. I do not believe that he yet has come to realize that the international community is going to remain united against the nuclearization of the Korean Peninsula and that we’re not going to accept North Korea as a nuclear state, which is what he is demanding.

And so therefore, I think the international community wants to be able to bring North Korea out of its international isolation and to help the North Korean people. But there needs to be a better appreciation on the part of Kim Jung Un that his continued pursuit of these military capabilities, nuclear capabilities, is only going to undermine his long-term prospects.

WOODRUFF: But you don’t sense that message is getting through in any way?

BRENNAN: He seems to be exceptionally stubborn and not a very good listener. (Laughter.)

WOODRUFF: With that, I now want to invite all of you to ask questions. I am told that this meeting is on the record. I think we already knew that. We are—we have microphones. We’re going to bring them to you. So raise your hand, then stand up. We’re asking you to tell us who you are, give us your affiliation. And we ask you to keep it to one question so we can get to as many of you as possible. So who has a first question? Why don’t we start right here on the third row. Yes. Gentleman in the middle.

Q: David Goldwyn, Atlantic Council.

I wonder if you’d comment on the Iranian-Saudi rivalry and particularly how Mohammed bin Salman’s plans might help or hurt that relationship.

BRENNAN: Well, as you know, it’s a longstanding rivalry that predates Mohammed Salman, the current leadership as well as the current governments in both countries, this rivalry, unfortunately, between Persian and Arab, Shia and Sunni. Unfortunately, it has undermined I think some of the efforts in the past to try to bridge that gap.

Unfortunately, the continued problems that exist inside of Iraq and Syria do not help to facilitate even a productive dialogue between Tehran and Riyadh. And there are sharply differences of view about what the future of Syria and Iraq should look like.

So I—it’s important for two very large, important, and influential countries in the Gulf region to be able to find some type of modus vivendi. And we are hoping that some of the more rational actors inside of Iran are going to recognize that there needs to be some type of accommodation with the Saudi leadership and the Saudi government. And in my engagements with the Saudis—and I do have a liaison engagement—relationship with Saudi Arabia—they are interested in pursuing that if they feel as though the Iranian leadership is genuinely interested in pursuing something that—other than antagonistic relationship.

WOODRUFF: Is that something the U.S. is trying to persuade them of?

BRENNAN: I think one of the real motivating factors behind the JCPOA was, in addition to stopping Iran’s pursuit of a nuclear weapons program, was to tamp down the tensions that were rising as a result of that program in the Gulf with the ultimate aim of having the Gulf states, the ones that are in that region, find a better way to communicate with one another, first of all, and then secondly, to see whether or not there can be some repairing of those relations.

And in the past, there have been times when Saudi Arabia and Iran, under different leaders, were able to work together. There are areas where I think there is quite a bit of interaction. The Iranians have decided not to send pilgrims to Mecca this year because of security concerns there and because of this antagonism that continues to exist. So we are—we are encouraging this type of tamping down of tensions and dialogue. You’re only going to improve relations if you have dialogue.

WOODRUFF: OK. Far against the wall over here. Yes.

Q: Hi. John Sullivan with George Mason University.

There have been a number of excellent articles recently in Council publications and others talking about the erosion of the democratic trend around the world and the revival of the authoritarian or autocratic tendencies. That wasn’t one of the factors that you listed, but I wonder, in your major overarching concerns, to what degree do you worry about this fracturing of democracy and increase in authoritarian—of authoritarian revival?

BRENNAN: Well, we will make my remarks available on the CIA website, which is www.cia.gov, later on today. And I do say in there that a lot of these governments and regimes have opted for authoritarian measures at the expense of democratic principles and human rights. And I do think that there—unfortunately, some of these governments feel as though they are being overwhelmed by the security challenge they face, and they will resort then back to some of the traditional measures of suppressing these challenges with authoritarian measures.

We also, though, I think have to recognize that Western-style democracy, which has taken, you know, several hundred years to really take root—and it’s continuing to be a journey for us—that it’s not a light switch that can be just flipped in these Middle Eastern countries and Arab states. Going from very traditional societies and—with having the trappings of modernization in some of these cities, they’re still socially, culturally, politically very unfamiliar with the practices and democratic principles that we hold so dear. So I think we have to be understanding that this is going to take some time.

At the same time, we, the U.S. government, and we, CIA, are very, very clear in terms of the types of behaviors and actions that we will not tolerate if—that type of suppression and abuse of human rights. We, CIA, have not only threatened to cut off relations with some of those liaison partners that we have information that they practice; we have cut off relations. So I think we need to keep the pressure on them. But also, we have to make sure that this—the navigation of the shoals that stand between these governments today and a thriving democracy are significant. And I think we have to help them navigate it.

One of the real concerns I have is that the economic challenges that these countries face are overwhelming. When I think about the suffering that’s taking place in Yemen—and it’s still in the midst of, you know, active fighting—the reconstruction that is going to be required to put that country back together, and Syria, and Iraq, and Libya, and the economic reform that has to take place in some of the countries of the region that are not wracked by this instability are also very significant. So how do you make these structural changes, both on the economic front and the political front, while you’re dealing with some of these insidious threats that some individuals who purport to want—who demonstrate or protest purportedly in the name democracy, are not really interested in a flourishing democracy, they’re interested in bringing down one authoritarian regime in order to maybe put up another one?

So I think the Middle East is wracked by a number of problems right now that I think it’s going to be front and center for this United States government and the next administration for many years to come.

WOODRUFF: Yes, in the back. This woman right here. Yeah. Hand up. Thank you.

Q: Kim Dozier with the Council.

Sir, you mentioned in recent testimony that ISIS/Daesh/ISIL, would have to lose a lot more money, materiel and manpower before we’d really see them, quote/unquote, “on the back foot.” Is it also possibly time to retire phrases like “on the back foot” or “in retreat,” because all of these different groups over the past 15 years have seemed to just changed names, but the ideology just switches to a new group?

BRENNAN: Terrorism has been with us for millennia. It has been used by groups over the years for all sorts of political and ideological purposes. The sad fact is that carrying out these acts of terrorism can be very—relatively inexpensive. They can be relatively easy to fabricate, put together, and then to carry out. And when you have, though, a motivational engine like ISIL/Daesh that is able to encourage as well as to participate in this, it makes the situation and the potential even that much greater and more serious.

So when I commented in recent testimony that we have made progress on the battlefield and we’re still, though, a ways from being able to say that we’re able to successfully thwart this ISIL growth, what I’m saying is that it really has been generated now by what has happened, the phenomenon within the Syria-Iraq theater. It has a trajectory and a momentum that is carrying it forward.

We need to have efforts that are designed to go upstream, where the external plotters are, inside of Syria and Iraq. We need to be attacking the networks in terms of the flows of individuals, as well as flows of the narrative and the poison that goes out, as well as working downstream to stop the attacks, whether it be in Istanbul, Paris, Belgium, Orlando, or whatever.

So it needs to be a collective effort and a combined effort to attack all these different areas. But right now I am still very concerned that the ISIL-generated engine of foreign terrorism outside of Syria and Iraq still has a lot of momentum that we cannot rest at all. We have to increase our efforts.

I was struck, after I gave that testimony, how a lot of members of the esteemed media were trying to highlight how I—my comments differed from the White House’s comments. I must tell you, I’m hard-pressed to think about where President Obama and I differ on this issue in terms of what we’ve been able to accomplish inside of Syria and Iraq, but at the same time our concern about the lethality that ISIL can bring to all of our communities, either because their hand can reach that far, they’ve taken advantage of the openness of our societies, or because they’re doing it via the internet. So I think we share a very similar view on the status of ISIL’s fortunes, both inside the theater as well as what they can do in terms of external operations.

WOODRUFF: OK, in the very back, the hand up. Thank you. Yes, you.

Q: Thank you. Ken Dilanian with NBC News.

Mr. Brennan, you said in an interview yesterday that you’d be very surprised if ISIS wasn’t plotting an Istanbul-style attack in the United States. Do you have credible evidence that such an attack is in the works? And has the chances of such an attack gone up in recent months or weeks?

BRENNAN: What I was saying was that we’ve seen ISIL carry out and incite an array of terrorist attacks in the region, beyond the region, directly, indirectly, and that I would be surprised that ISIL is not considering carrying out these attacks in the near abroad as well as the far abroad. And the United States, as we well know, is leading the coalition to try to destroy as much of this poison inside of Syria and Iraq as possible.

So it would be surprising to me that ISIL is not trying to hit us, both in the region as well as in our homeland. And I think what you see in the propagation of their material—they have a magazine, Dabiq, that goes out—that says exactly that. It exhorts individuals to do it.

So if anybody here believes that, you know, the U.S. homeland is hermetically sealed and that Daesh or ISIL would not consider that, I think—I would guard against that.

WOODRUFF: Do you think we are more hermetically sealed or more sealed than we were after 9/11 or less?

BRENNAN: Absolutely. As I said, I think we have gone to great lengths. And we have briefed our foreign partners about how we learned some painful lessons as a result of 9/11. And so the intelligence, law enforcement, homeland security, other communities, are working together today better than ever before.

There is a tremendous volume of information and data that is out there, some of it accurate, some of it bogus. And trying to make sense of it all and put the different puzzle pieces together is challenging. So we’re—I think we’re less vulnerable to the penetration, but—physical, because of the actions we’ve taken—but as we’ve seen with the, as you mentioned, the Internet, as well as ISIL’s taking advantage of technologies that allow them to communicate in a very secure fashion, is certainly worrisome.

WOODRUFF: OK, right here in the second row. Yes.

Q: Jim Mann, author. I’m at Johns Hopkins SAIS.

In your list of challenges, you didn’t mention China, although there are several areas, like cyber, for example, where it might seem to fit in one way or another. Where does it fit into your list of challenges?

BRENNAN: As I said, I could have gone on and on and on about all the challenges out there. I didn’t mention Ukraine; didn’t mention a lot of issues related to Russia.

China is a growing power of great economic, political, and increasingly military influence and presence. And clearly, as we look at what’s happening in the South China Sea, there is a reason for the United States to pay attention to what China is doing on a number of fronts, which we are. And that’s why there’s the pivot to Asia or making sure that our allies and partners in that region feel as though, with all the other things that are going on in the world, we have not neglected that area.

I was out in Singapore a couple of weeks ago, along with Ash Carter, at the Shangri-La conference. I met with the heads of the services, intelligence services, from the ASEAN countries, as well as with my Chinese counterpart, as a way to maintain the dialogue and to let them know that the United States treats this region of the world very seriously, and we have very important national-security interests that we’re not going step away from. And if anybody thinks we are, they are sadly mistaken.

So what we need to do is to be able to keep our eye on all these balls simultaneously. And this is not an effort to try to contain China. It is an effort to try to make sure that U.S. national-security interests are protected and advanced, as are the national security interests of our allies and partners in the region, and we fulfill our obligations, particularly in the area of freedom of navigation in those seas.

WOODRUFF: Yes, second row over here.

Q: Hello. Christine Vargas, Control Risks. Thank you for being here today.

Another one on Iran. Given the lessening of sanctions, we’re seeing a bit of a challenge getting investment into Iran, because European banks are taking a look and saying that financial system doesn’t look free of corruption yet; maybe I won’t touch it.

Given that dynamic, are you seeing the moderates in politics surviving until such time as those financial benefits come through? And what event could tip the scales in one way or another? Thank you.

BRENNAN: We are going through a transition period from the time when Iran was sanctioned across the board on so many fronts, and that financial institutions and companies adapted to the framework that they were prevented from engaging with Iran.

Now we’re transitioning to the new environment in terms of what is allowed under JPOA. And it is an adjustment that needs to be made. And I know that U.S. officials and others are working with the Iranians, as well as with third parties, to make sure that it’s understood what is permissible and how these things can be done. That takes some time any time you’re going to make a major adjustment like that.

Do I think that the moderates are going to survive during this period of time? Absolutely. I think that the expectations among some within Iran, once the agreement was signed, were quite high that there was going to be immediate relief, as well as immediate dividends, as a result of this.

There were some, but I think there was a lot that this Iranian central government had to do in terms of taking care of some of those structural, strategic, macroeconomic issues in supporting the currency and some other things that they needed to do. And so the effect and impact on individual Iranians is going to take place over time. And we’re very much hoping that that impact is going to be felt, certainly sooner rather than later, as a way to validate the course that President Rouhani and others are on.

And so, again, this is going to take a bit of time. I’m sure some people may be frustrated by it. But I know that our government is working to fulfill the obligations that are attendant to the agreement. But this is taking a bit of time.

WOODRUFF: The third row. Yes.

Q: If you’ll forgive me an administrative question. My name is—

WOODRUFF: You have to give us—

Q: —Edward Luttwak.

WOODRUFF: —your name and affiliation first.

Q: Edward Luttwak.

WOODRUFF: Yes.

Q: Administrative issue. Years ago I heard you say that there was a need for more language training in the agency. Have you advanced in that direction? Because as I go around the world I encounter your people, and they don’t seem to speak the local language. Have you—I mean, you did say you wanted to do it. I’m just curious to know what was done.

BRENNAN: We only let you encounter the people we want you to encounter. (Laughter.) As a way to continue to hide our presence overseas. (Laughter.)

Q: But nobody speaks the local language.

BRENNAN: Well, I go to many stations and to our folks overseas. And they are proficient in a variety of languages. We have a language strategic initiative at the agency where we continue to provide incentives, rewards, recognition for individuals who are able to not just enhance their language, but expand their repertoire of languages. It is something that’s critically important. I take your point, and I have made the point that we need to have greater language capability inside of the CIA. But I would say that, given that we are so—we have a global coverage that we need to fulfill. And the list of issues that we have to deal with continues to grow and grow and grow. And resources are finite. We need to be able to spread them around. But having a language capability is going to give us the opportunity that we need in order to fulfill our various missions. And particularly on the HUMINT front it is critically important, so that you’re able to have the ability to interact with individuals that you want to be able to work closely with.

WOODRUFF: Right here, this gentleman on the fourth row. Right here, on the aisle.

Q: Director Brennan, Scott Harold from the RAND Corporation. Thank you and the women and men of the CIA for all of your efforts.

I wonder if you could come back to China for a moment. And we’ve had a new election in Taiwan in January that brought to power the DPP in Taipei. There is signs that China is looking to make that relationship much more difficult, to impose costs. I wonder if you could describe your sense of the growing threat, if you perceive one, from China to Taiwan.

BRENNAN: Well, I think under President Xi Jinping, he has a strategic vision of what he wants to be able to accomplish in the region, whether it is in the seas—as we see with the reclamation that’s taking place and putting new effects on the ground or in the sea—as well as the relationship that he wants with the countries and others in the region. And I think the relationship with Taiwan is a very big one and an important one. And whether or not there is going to be an adjustment in that, I think it is going to be dependent on how Beijing views Taiwan and vice versa. And given that there is a new administration in Taiwan, given that there is a rather important dynamic that is going on in the region with how China is flexing some of its muscles, I think this also is in a period of transition. And I think there is this dynamism.

I think, and it’s not a secret to anybody, that mainland China views Taiwan in a very special way. And I think it has, you know, aspirations to further solidify the relationship between mainland China and Taiwan. But I think this is all part of that adjustment with new leadership. And I think there—sometimes campaign rhetoric that takes place not just here in the States but also overseas, that once the reality of governance comes in, sometimes those views are tempered, as far as the nature of interstate relations. So I’ll leave it there.

WOODRUFF: Let’s see. How about in the middle back there, in the blue shirt.

Q: George Salem with DLA Piper.

Director Brennan, my question concerns the 28 pages. You’ve been on record about your view of their relative lack of value. My question is timing of release and the level of declassification, and whether they will also be released with the investigative report which puts it all in context.

BRENNAN: Well, I am only the director of CIA, so I don’t make the decisions about the release of a congressional document, the joint inquiry that was produced in December of 2002, that subsequently was followed up with the 9/11 Commission that thoroughly investigated all the allegations and information that was in those 28 or 29 pages. And it all—so there’s an executive branch responsibility because that’s—the document cited executive branch information. So there is a—I think has been said publicly, there’s been a review that has been underway. And so there is going to be the appropriate discussions that need to take place between the executive and legislative branches to finalize that.

I believe it’s important that that document get out because there’s so much speculation and conjecture about it. I have said that there are a lot of things in there that unfortunately will be used by some to maybe misrepresent the facts or history. But that’s why the 9/11 Commission—a thorough, thorough research investigation—really should been seen by folks as the much more dispositive of it. And there are some other documents that may come out at the same time, as you point out. But again, I defer to others who have that decision making responsibility.

WOODRUFF: OK. Let’s see. I’m trying to get to somebody—next to the last, third in, from the end on the row—yeah, with your hand up. You’ve had your hand up a long time. Yes.

Q: Yeah, Simon Henderson, the Washington Institute for Near East Policy.

There’s a David Ignatius op-ed in today’s Washington Post in which you get a passing reference. It’s—

BRENNAN: By the way, I didn’t talk to David Ignatius prior to that article being published. I just want to go on the record, because it’s a reference to me.

Q: He didn’t imply you did. But the headline, based on the online version, is the 30-year old Saudi prince could jumpstart the kingdom or dive it off a cliff. What can the U.S. do? What should it do to get a good outcome in Saudi Arabia?

BRENNAN: Continue to work very closely with the Saudi leadership, the Saudi government. President Obama has been out there many times during his administration. We have constant interaction with the Saudi government and the political, economic, security, intelligence realms. We have very close alignment of objectives in some areas. We need to continue to work with them.

The Saudi 2030 vision and project that was spearheaded by the Deputy Crown Prince Mohammad Salman is an ambitious view of the future that I think the Saudi leadership as a whole deserves credit for thinking about how Saudi Arabia is going to prosper in the future, across a number of different areas, in terms of development, investment, employment, diversification of its economy. It is a very, very important country to the region’s stability, to U.S. national security interests. And so what we’re trying to do is to make sure that there is this very active dialogue, and a very open and candid discussion between ourselves and Saudi Arabia.

As I said, the president has engaged extensively and has been very open and honest and candid with the areas where we want to be able to work together with Saudi Arabia because we agree, and there are areas where there are disagreements. And I have been impressed that the dialogue has been so candid. And it’s particularly important now because you have a new leadership, King Salman, Crown Muhammad Nayef, and Deputy Crown Prince Mohammed Salman, who need to be working as a team. They have a number of challenges on the security front, given what’s going on inside of Yemen, what’s happening along their border inside of, you know, other countries. So it’s a critically important relationship that we’re going to continue to nurture and develop.

WOODRUFF: OK. This gentleman here, third in. This one right here.

Q: Mohamed Elmenshawy, Al Arabiya Television.

Would you please give us your assessment on the terrorism in Sinai, and whether your agency cooperates with the Egyptians on that front?

BRENNAN: We do cooperate with the Egyptians. I spoke to my Egyptian counterpart earlier this week. We want to make sure that we’re able to do what we can to help protect individuals inside of Egypt, Egyptians and others. The challenge inside of Sinai, there is an ISIL group there, but it used to be a local group, Ansar Beit al-Maqdis, that basically pledged allegiance to ISIL. And so it’s not as though it’s a start-up. This was a group that was very active in the Sinai for a number of years, that now is part of the ISIS global architecture. So their responsibility for carrying out attacks against the Egyptian security, military offices there. They’ve posed a threat to the multinational force observers inside of the Sinai.

So we work closely with the Egyptians. We try to give them the information that they need to prevent these, you know, outrageous terrorist attacks from taking place, whether it be in the Sinai or other areas. There have been attacks inside of Cairo. We also have a very close and open and candid conversations with the Egyptians. And there are areas where we believe the Egyptians need to step up their game in terms of their capabilities, but also in terms of how they deal with some of these very challenging issues that cross both the security and the political realms. But we do have a very—an active engagement with the—with the Egyptians.

WOODRUFF: All right. I think we’re out of time unless somebody has a very short question. Anybody volunteer? (Laughter.)

BRENNAN: You knew that was going to happen. (Laughter.)

Q: Sir, I’m David Ensor with the Atlantic Council.

An old journalist kind of question: When do you start briefing Donald Trump and Hillary Clinton? (Laughter.) And—

WOODRUFF: You took my question.

Q: And how do you expect that to go?

BRENNAN: I knew—on these things, we always go one question too long. We really do. (Laughter.)

It is up to the president and then the Director of National Intelligence to make that offer, as they’ve done in the past, to the candidates of the two principal political parties after the convention formally nominates them. And so the Director of National Intelligence takes the lead on that. And so the timing, as well as the willingness and interest of the candidates, is something that will be determined as a result of engagement with their respective staffs.

WOODRUFF: But you won’t do that briefing personally, will you?

BRENNAN: I fulfill my CIA responsibilities to the best of my ability. And if there is a need for me to be personally involved in this, I will—I will try to carry out my responsibilities. (Laughter.)

WOODRUFF: Please thank—

BRENNAN: And if there’s not a need, I will not. (Laughter.)

WOODRUFF: Please thank John Brennan, the director of the Central Intelligence Agency. (Applause.)

(END)

“In the 36 years since I first entered government, I have never been witnessing a time with such a daunting array of challenges to our nation’s security. Notable among those challenges is that some of the institutions and relationships that have been pillars of the post-Cold War international system are under serious stress. As you well know, the United Kingdom voted last week to leave the European Union. Of all the crises the EU has faced in recent years, the U.K. vote to leave the EU may well be its greatest challenge.”

– John O. Brennan

“Nowhere are the stakes higher for our national security than in the field of biotechnology. Recent advances in genome editing that offer great potential for breakthroughs in public health are also cause for concern, because the same methods could be used to create genetically engineered biological-warfare agents. And though the overwhelming majority of nation-states have tended to be rational enough to refrain from unleashing a menace with such unpredictable consequences, a subnational terrorist entity, such as ISIL, would have few compunctions in wielding such a weapon.”

– John O. Brennan

“We see that in the aftermath of the Arab Spring, al-Qaida and ISIS had nothing to do with the initiation of the Arab Spring, but they have taken full advantage of the collapse of some governments, the ungoverned spaces. And the movement of people and goods in this 21st-century world, I think in many respects can facilitate what it is that ISIS is trying to do.”

– John O. Brennan

WOODRUFF: Salve a tutti, e benvenuti al Council on Foreign Relations. Sono Judy Woodruff della PBS “NewsHour”, e sono lieto di presentare la nostra speaker questo pomeriggio. Non credo che ci potrebbe essere un momento migliore o un momento per noi di sentire dal direttore della Central Intelligence Agency. Senza ulteriori indugi, date il benvenuto Direttore John Brennan. (Applausi.)

Brennan: Beh, grazie mille, Judy. E Buon pomeriggio a tutti. E ‘davvero un piacere essere di nuovo al Consiglio di confrontarsi su una scena internazionale straordinariamente complesso e dinamico. E ho molto ansioso di parlare con l’adesione Judy e del Consiglio sui tanti argomenti che sono in prima pagina. Ma vorrei prima di tutto desidero offrire alcune osservazioni di apertura brevi per dare il via alla conversazione di oggi.

Ora, ogni volta che amministro il giuramento di nuovi agenti presso la nostra sede a Langley, in Virginia, dico loro che stanno venendo a bordo in un momento critico nella storia della nostra agenzia. Nei 36 anni da quando sono entrato governo, non sono mai stato testimone di un tempo con una gamma così scoraggiante di sfide alla sicurezza della nostra nazione.

Notevole tra queste sfide è che alcune delle istituzioni e dei rapporti che sono stati pilastri del sistema internazionale post Guerra Fredda sono sotto grave stress. Come ben sapete, il Regno Unito ha votato la scorsa settimana per lasciare l’Unione europea. Di tutte le crisi l’Unione europea ha dovuto affrontare negli ultimi anni, il Regno Unito voto di lasciare l’Unione europea potrebbe essere la sua più grande sfida.

Brexit sta spingendo l’Unione europea in un periodo di introspezione che pervade praticamente tutto ciò che fa l’UE nelle prossime settimane, mesi e persino anni a venire. Euroscettici in Europa, anche in Danimarca, Francia, Italia e Paesi Bassi, chiedono i loro referendum su più questioni europee. Questo sarà sicuramente il processo decisionale e il consenso forgiare nell’UE molto più difficile.

Nessuno Stato membro ha mai lasciato l’Unione, così l’Europa sta entrando in un periodo di incertezza come il Regno Unito e l’UE fare il punto della situazione e iniziare a picchettare le loro posizioni negoziali. Le discussioni su come un’uscita funzionerà dominerà l’agenda UE nei prossimi mesi. I negoziati per l’accordo di uscita non inizierà fino a quando il primo ministro notifica formalmente all’UE dell’intenzione del Regno Unito di lasciare che il primo ministro David Cameron ha detto avverrà sotto il suo successore. I capi di Stato membro, ad esclusione del Regno Unito, UE e si incontreranno nei prossimi giorni e settimane per iniziare a gettare le basi per tali negoziati.

Ora, indipendentemente da quello che ci aspetta, vorrei cogliere l’occasione per dire che il voto Brexit non pregiudicherà la collaborazione di intelligence tra gli Stati Uniti e nel Regno Unito nei mesi e anni a venire. Anzi, ho parlato con il mio omologo a Londra Lunedi mattina presto, e abbiamo ribadito l’un l’altro che i legami di amicizia e di cooperazione tra i nostri servizi sono destinati solo a crescere più forte negli anni a venire. Questi legami sono e saranno sempre essenziale per la nostra sicurezza collettiva.

Presumo un paio di domande sul terrorismo e il cosiddetto Stato Islamico dell’Iraq e Levante. Non vedo l’ora di affrontare la sessione di domande e risposte. So che il nostro cuore collettivo, però, vanno alle famiglie delle ultime vittime degli attacchi terroristici perpetrati terribili, così come incitato da ISIL. L’attacco spregevole presso l’aeroporto internazionale di Istanbul ieri che ha ucciso decine e ferito molti altri porta certamente i tratti distintivi di depravazione ISIL.

Permettetemi di dedicare qualche minuto per dire qualche parola su alcuni meno discusso ma ancora alcune questioni molto importanti che noi di CIA ei nostri colleghi in tutta la comunità di intelligence stanno guardando da vicino. Comincerò con la sfida globale di instabilità che continua a presa ampie sezioni del globo.

Instabilità globale è una delle questioni che definiscono del nostro tempo, e le sue implicazioni sono difficili da sopravvalutare. Come si diffonde instabilità, estremisti e terroristi stanno trovando rifugio in spazi non governate. Forniture di energia sono state interrotte. La riforma politica soffre come troppi governi optano per misure autoritarie a scapito dei principi democratici e il rispetto dei diritti umani.

Più devastante di tutti, però, è il tributo addetto umano all’instabilità. La scorsa settimana le Nazioni Unite ha riferito che il numero di persone sfollate a causa instabilità globale e conflitti aveva raggiunto 65 milioni, la cifra più alta mai registrata. In una serie di paesi, da Est asiatico al Medio Oriente a Africa occidentale, i governi sono sotto stress, e le istituzioni civiche stanno lottando per fornire servizi di base e di mantenere la legge e l’ordine.

Mentre i governi di queste regioni si allontanano dal centro della vita nazionale, sempre più persone si stanno spostando le loro alleanze di distanza dalla stato-nazione e nei confronti di gruppi sub-nazionali e identità, portando le società che, una volta abbracciato una identità nazionale alla frattura lungo linee etniche e settarie.

In nessun luogo questa tendenza è più evidente che in Medio Oriente, una regione che ho studiato da vicino per gran parte della mia vita professionale. Quando ho vissuto lì anni fa, mi piaceva camminare attraverso i quartieri e villaggi di osservare i ritmi della vita quotidiana. Ricordo di aver visto persone di diversa provenienza e credenze vivono fianco a fianco, laici e devoti.

Oggi le relazioni tra questi gruppi sono troppo spesso viziate da sospetto e diffidenza, e perfino ostilità. Gruppi estremisti hanno svolto un ruolo chiave nel alimentando queste tensioni, attirando impressionabili giovani uomini e donne a unirsi alla loro causa e diffondere falsi racconti destinati a dividere e infiammare. In alcune zone, un’intera generazione stanno crescendo in un ambiente del militarismo, senza la possibilità di sviluppare le competenze necessarie per contribuire o anche di impegnarsi nella società moderna.

Le cause alla base di queste tendenze sono complesse e difficili da indirizzo, e le conseguenze a lungo termine di questi sviluppi sono profondamente preoccupante. Instabilità globale è un problema che riguarda tutti i paesi, dalla Russia alla Cina agli Stati Uniti, e deve essere soddisfatta da comunità (interruzione audio). Sono certo che la questione sarà telaio grande all’ordine del giorno della prossima amministrazione.

Un’altra sfida strategica a che fare con l’enorme potere, potenziale, le opportunità, i rischi e residente nel dominio digitale. Non importa quante crisi geopolitiche si vede in prima pagina, l’affidabilità, la sicurezza, la vulnerabilità, e la gamma delle attività umane che si svolgono all’interno del cyberspazio sono sempre nella mia mente.

Sul fronte della sicurezza informatica, le organizzazioni di tutti i tipi sono sotto costante attacco da una serie di attori-stranieri governi, bande criminali, gruppi estremisti, cyber-attivisti, e molti altri. In questa nuova e relativamente inesplorato frontiera, velocità e agilità sono re. Attori maligni hanno dimostrato che possono penetrare una rete e prelevare in modo molto breve, i sistemi di saccheggio senza che nessuno sappia che erano lì fino a quando forse dopo che il danno è già fatto.

Mentre ho servito alla Casa Bianca, cyber faceva parte del mio portafoglio, ed è stato sempre il soggetto che mi ha dato la più grande mal di testa. Cyber-attaccanti sono determinati e adattiva. Spesso collaborare e condividere le competenze, e vengono a voi in tanti modi diversi, con una serie in continua evoluzione degli strumenti, tattiche e tecniche.

Inoltre, le nostre leggi non hanno ancora adeguatamente adattato alla nascita di questa nuova frontiera digitale. Più preoccupante dal mio punto di vista è che non c’è ancora consenso politico o nazionale sul ruolo appropriato di governo-forze dell’ordine, sicurezza nazionale, e le agenzie di intelligenza salvaguardare la sicurezza, l’affidabilità, la resilienza e la prosperità del digitale dominio.

La comunità di intelligence sta facendo passi da gigante nella lotta contro minacce informatiche, ma molto lavoro deve essere fatto. Come ci muoviamo in avanti su questo tema, una cosa che sappiamo è che l’industria privata avrà un grande ruolo da svolgere come la stragrande maggioranza di Internet è in mani private. La protezione non è qualcosa che il governo può fare da solo.

Proprio lì con il terrorismo, instabilità globale, e la sicurezza informatica è la proliferazione nucleare e lo sviluppo di sistemi di lancio di accompagnamento, sia tattiche e strategiche, che rendono tutto troppo reale il rischio di un evento nucleare.

Non sorprende, in cima alla lista dei paesi di preoccupazione è la Corea del Nord, la cui autoritaria e leader brutale ha arbitrariamente perseguito un programma di armi nucleari per minacciare gli stati regionali e gli Stati Uniti, invece di prendersi cura del povero e politicamente repressi uomini, donne, e i bambini della Corea del Nord.

Allora, cosa altro c’è oltre il terrorismo, instabilità globale, sicurezza informatica, e la proliferazione nucleare che preoccupa il direttore della CIA e mantiene gli ufficiali della CIA impegnato tutto il giorno e in tutto il mondo? Beh, come un ragazzo liberali arti dalla generazione del baby-boom, il rapido ritmo del cambiamento tecnologico nel corso della mia vita è stato semplicemente vertiginosa. Inoltre, come abbiamo visto con appena circa ogni balzo in avanti scientifica, le nuove tecnologie spesso comportano rischi notevoli, nella stessa misura che tengono la promessa tremenda.

Da nessuna parte sono la posta in gioco più alta per la nostra sicurezza nazionale che nel campo delle biotecnologie. I recenti progressi nella modifica del genoma che offrono grandi potenzialità di scoperte nella sanità pubblica sono anche motivo di preoccupazione, perché gli stessi metodi potrebbero essere utilizzati per creare geneticamente agenti biologici-guerra. E anche se la stragrande maggioranza degli stati-nazione hanno la tendenza ad essere abbastanza razionale di astenersi da scatenare una minaccia a tali conseguenze imprevedibili, una entità terrorista sub-nazionale, come ad esempio ISIL, avrebbe pochi scrupoli a brandire una tale arma.

Il campo di applicazione della bio-minaccia, così come i potenziali misure per mitigare esso, sono stati disposti in modo molto chiaro lo scorso ottobre nel rapporto bipartisan del pannello di Blue Ribbon studio Biodefense presieduta dall’ex senatore Joe Lieberman e l’ex Segretario alla Sicurezza Nazionale Tom Ridge. Come con la minaccia cibernetica, la risposta della comunità internazionale a questo problema è in ritardo rispetto alla tecnologia guida. Effettivamente contrastare questo pericolo richiede lo sviluppo di strategie nazionali e internazionali, insieme a un consenso delle leggi, standard e le autorità che saranno necessarie.

E come gli ufficiali della CIA ei loro colleghi della comunità di intelligence lavorano duramente per proteggere il nostro paese dal lato oscuro del cambiamento tecnologico, siamo consapevoli di come anche i progressi benefici possono avere effetti destabilizzanti nel lungo periodo. Agenzia tutti gli analisti di origine, attingendo da studi accademici e altri elementi della piscina in continua espansione di informazioni open-source globale, cercano di offrire ai nostri leader nazionali di allarme precoce di potenziali problemi che potrebbero derivare dai progressi che stiamo vedendo oggi tutta la gamma di sforzi tecnologici.

Come l’ex Segretario alla Difesa e il direttore della CIA Bob Gates ama dire, quando gli ufficiali di intelligence odore dei fiori, si guardano intorno per una bara. Questo rimane un buon rappresentazione della nostra mentalità intelligenza. (Risata.)

Un esempio, di nuovo, prendendo una pagina da settori biotech e scienze della vita, è come una vasta gamma di innovazioni che potenzialmente potrebbe estendere l’aspettativa di vita, come ad esempio i nuovi metodi di lotta contro il cancro e una maggiore comprensione del processo di invecchiamento, potrebbe rafforzare la tendenza verso le popolazioni più anziani nei paesi avanzati. Alcune delle principali economie del mondo, e anche le economie minori, potrebbe affrontare venti contrari ancora più forte da avere significativamente più grandi proporzioni dei pensionati e delle persone anziane relativi ai cittadini in età lavorativa.

Un altro esempio è la gamma di tecnologie, spesso indicati collettivamente come geoingegneria, che potenzialmente potrebbe contribuire a invertire gli effetti del riscaldamento del cambiamento climatico globale. Uno che ha guadagnato la mia attenzione personale è l’iniezione di aerosol nella stratosfera, o SAI: un metodo di semina stratosfera con particelle che possono aiutare a riflettere il calore del sole più o meno allo stesso modo in cui le eruzioni vulcaniche fanno. Un programma SAI potrebbe limitare l’aumento della temperatura globale, riducendo alcuni rischi connessi con temperature più elevate, e fornendo l’economia mondiale ulteriore tempo per la transizione dai combustibili fossili. Questo processo è anche relativamente poco costoso. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche stima che un programma SAI pienamente operativo avrebbe un costo di circa 10 miliardi di $ all’anno.

Per quanto promettente come può essere, ad andare avanti sulla SAI potrebbe anche sollevare una serie di sfide per il nostro governo e per la comunità internazionale. Dal punto di vista tecnico, la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra sarebbero ancora accompagnare SAI per affrontare altri effetti dei cambiamenti climatici, come l’acidificazione degli oceani, perché SAI da sola non sarebbe rimuovere i gas serra dall’atmosfera. Dal punto di vista geopolitico, il potenziale della tecnologia per alterare i modelli climatici e beneficiare alcune regioni del mondo a scapito di altre regioni potrebbe innescare netta opposizione da parte di alcuni paesi. Altri potrebbero cogliere i benefici di SAI e di nuovo lontano dal loro impegno per la riduzione di anidride carbonica. E come con altre tecnologie innovative, le norme e gli standard globali sono carenti per guidare l’implementazione e l’attuazione del SAI e di altre iniziative di geoingegneria.

Ora, potrei andare avanti e avanti e avanti e avanti circa le cose che mi affascinano. Ma piuttosto che parlare di loro, ho pensato di fermarmi qui e iniziare la conversazione con Judy, e poi posso prendere alcune delle vostre domande. Apprezzo molto l’invito a tornare qui nel Council on Foreign Relations. E come ho detto a tutti i gruppi parlo a, è un grande onore e un privilegio ogni giorno per essere indicati come il direttore della Central Intelligence Agency. Conduco una organizzazione piena di uomini e donne che prendono grandi rischi e si mettono in prima linea, al fine di mantenere i loro colleghi americani sicuro e protetto, e di fare quello che possono per mantenere la sicurezza di questo paese sicuro patriottici. Grazie mille. (Applausi.)

WOODRUFF: Grazie. Beh, penso che siamo tutti impressionati con la serie di sfide e problemi che avete a che fare con su base regolare, direttore Brennan. Ma io voglio tornare a, e io voglio tornare a ciò che è nelle notizie in questo momento, e che è questo ultimo attacco a Istanbul. Il-ciò che l’amministrazione è stato detto, e penso si fa riferimento solo ora, è che ha le caratteristiche di ISIS. Quanto si sa su chi c’è dietro questo, e perché è punto nella loro direzione?

Brennan: Beh, a mia conoscenza, non vi è alcuna pretesa credibile della responsabilità, a questo punto, ma non è molto sorprendente perché, almeno nella maggior parte dei casi, se non tutti, ISIS non ha rivendicato di credito o la responsabilità per gli attacchi che vengono perpetrati all’interno di Tacchino. Penso che quello che fanno è, essi svolgono questi attacchi per ottenere i benefici da esso, in termini di inviare un segnale ai nostri partner turchi, allo stesso tempo, non volendo potenzialmente forse alienare alcuni di quegli individui all’interno della Turchia che essi possono ancora cercando di ottenere il sostegno dei.

WOODRUFF: Perché sono in grado di tirare fuori questi attacchi con quello che sembra essere grande regolarità senza la capacità di impedire loro prima del tempo?

Brennan: Beh, penso che ci sia una serie di motivi. In primo luogo, quando gli individui si sono impegnati a effettuare questi attacchi, questi cosiddetti attacchi suicidi, che uccidono e mutilano così tante persone, in realtà non c’è bisogno di preoccuparsi di una via di fuga. Rende svolgimento di tale attacco molto più facile, perché quello che fanno è poi vuole solo fare in modo che siano in grado di penetrare qualsiasi sorta di difesa perimetrale ci potrebbe essere. E in molte di queste aree civili, non c’è difesa perimetrale. Questo è parte di ciò che una società aperta è.

E inoltre, sono in grado di mettere le mani su armi, armi automatiche, sia che si tratti illegalmente procurato in alcuni paesi, o attraverso il mercato nero in altri. E inoltre, sono in grado di sfruttare le tecnologie che consentono loro di comunicare abbastanza sicuro, senza dover agenzie di sicurezza e di intelligence in grado di capire che cosa è che stanno complottando. Quindi, essendo in grado di realizzare una trama, eseguirla tra un piccolo gruppo di individui-uno, due, o più, è purtroppo una caratteristica dei nostri tempi che ISIL, in particolare, è stato determinato a portare avanti questi attacchi.

WOODRUFF: E ‘qualcosa che il resto del mondo deve solo abituarsi a?

Brennan: Non credo che dovremmo mai si abitua ad esso. Penso che quello che dobbiamo fare è quello di raddoppiare i nostri sforzi per cercare di scoprire quello che stanno facendo, fermarli, in termini di realizzazione di questi attacchi, ma anche andare alla fonte di esso, che è chi è il regista e orchestrare questi attacchi. E ISIL, la maggior parte degli attacchi sono sia diretti o incitata dal loro gruppo operazioni esterne, che è residente nel teatro Siria / Iraq.

WOODRUFF: mi colpisce che in diverse interviste di notizie che hai fatto di recente, Direttore Brennan, hai fatto un punto di dire, o che hai detto, che i nostri sforzi non hanno ridotto la capacità di ISIS ‘e la portata globale. C’è una frustrazione che sembra venire attraverso nella vostra-voi-non-non che ci sia l’espressione sul viso, ma cosa-how-che cosa è? Voglio dire, cosa significa questo per te, come qualcuno che ha lavorato in questo settore per così tanto tempo?

Brennan: Bene, ogni intelligenza o la sicurezza o professionale delle forze dell’ordine che ha la responsabilità di cercare di prevenire questi attacchi si verifichi, e coloro che sono stati coinvolti nella lotta al terrorismo per un bel po ‘di tempo, sono interessati e determinati a fare tutto il possibile per distruggere questi organizzazioni che danno vita a questi attacchi orribili. E come ho detto di recente, abbiamo fatto, credo, alcuni progressi significativi, insieme ai nostri partner della coalizione, in Siria e in Iraq, dove la maggior parte dei membri ISIS sono residenti in questo momento. Ma la capacità-ISIS ‘di continuare a diffondere la sua narrazione, così come per incitare ed effettuare questi attacchi, penso che abbiamo ancora molta strada da fare prima che siamo in grado di dire che abbiamo fatto dei progressi significativi nei loro confronti.

WOODRUFF: E ‘-è la necessità di una migliore intelligenza? E ‘meglio, abbiamo bisogno di più risorse, più soldi versato nello sforzo? Che cos’è?

Brennan: La sfida con ISIS, che è molto diverso da quello di al-Qaeda-Al-Qaida al suo culmine aveva forse un paio di migliaia di individui con, sai, un nucleo di diverse centinaia-ISIS ha decine di migliaia di persone che non sono sparsi solo in Medio Oriente, ma anche in Africa occidentale, a sud-est asiatico, e non solo. E così non c’è la portata del problema, il numero uno.

Numero due, hanno fatto un uso molto sofisticato di sistemi di comunicazione. E al fine di proteggere e prevenire proteggere le loro comunicazioni, così come impedire alle autorità di avere indicazioni su ciò che stanno facendo, e anche, hanno alimentato sulla instabilità che ha devastato il Medio Oriente. Vediamo che a seguito della primavera araba, al-Qaeda e ISIS non avevano nulla a che fare con l’inizio della primavera araba, ma hanno preso pieno vantaggio del crollo di alcuni governi, gli spazi non governate. E il movimento di persone e merci in questo mondo quattrocentesca 21, penso che per molti aspetti può facilitare che cosa è che ISIS sta cercando di fare. E così abbiamo visto che non hanno nemmeno bisogno di raggiungere e toccare qualcuno. Gli attacchi orribili a Orlando, un individuo è stato in grado di, si sa, accedere al materiale. Ma anche ci fossero persone che sono in grado di guidare e diretto e per la distribuzione. E quindi c’è una serie di sfide che le agenzie di intelligence di sicurezza hanno.

Ma anche, è la condivisione delle informazioni tra le nazioni di tutto il mondo. E abbiamo visto che a seguito di Bruxelles, l’attacco a Parigi, stiamo cercando di lavorare con i nostri partner europei. Ci sono 28-immagino, presto di essere membri 27-UE. E hanno sistemi giuridici diversi, strutture diverse. Come stanno andando a condividere le informazioni in modo rapido e tempestivo al fine di fermare le persone che possiamo avere un po ‘di dati?

WOODRUFF: Bene, e parlando di che, con il voto Brexit lei ha detto che non sta andando a influenzare la collaborazione degli Stati Uniti con la Gran Bretagna, con il Regno Unito, ma che dire di questi altri 27, 28 membri, prendere o lasciare? Come può non influenzare la capacità, la capacità della CIA, e gli altri di intelligence-membri della comunità di intelligence negli Stati Uniti per affrontare ognuna di queste diverse entità in questo altre nazioni?

Brennan: Beh, questo è quello che facciamo adesso. Gran parte della nostra interazione è con i servizi di sicurezza di intelligence in sfide bilaterali. Stiamo cercando di avere accordi multilaterali di condivisione, per cui tutti noi possiamo usare collettivamente le informazioni che raccogliamo individualmente e avere accesso. L’UE non è stato un elemento operativo dello sforzo antiterrorismo. E ‘più di una politica e di una struttura di governance. Così ho davvero non lo vedo che interessano la nostra capacità di lavorare con gli inglesi, così come con il resto della UE, sul fronte antiterrorismo.

WOODRUFF: Così si vede una cooperazione senza soluzione di continuità con i partner che gli Stati Uniti ha bisogno di avere la condivisione di Intel?

Brennan: Non credo che ho detto senza soluzione di continuità. (Risate.) Ho appena detto non credo che la Brexit sta andando a influenzare negativamente il modo in cui trattiamo gli inglesi. Penso che ci sia ancora molto lavoro che deve essere fatto per cercare di mettere insieme un’architettura missione che permetterà l’Europa nel suo insieme per condividere le informazioni in modo tempestivo. Stiamo lavorando con gli inglesi, così come con il resto degli europei. Ma non è solo una questione europea. E ‘con i paesi del Medio Oriente e paesi africani. Quindi questo sarà un viaggio che credo che stiamo andando a essere su per un bel po ‘di tempo.

WOODRUFF: E qui negli Stati Uniti, con l’attacco di Orlando, che hai appena citato, con quello che è successo a San Bernardino, si sente che hai imparato qualcosa da questi due incidenti che si mette in una posizione migliore per capire cosa fare per prevenire o per entrare nelle menti di questi giovani-per lo più giovani uomini-che svolgono questi ISIS-ispirato-quelli che sembrano essere ISIS-inspired-

Brennan: Beh, penso che ci sono un paio di take-away. Uno è che questo paese ha fatto un ottimo lavoro dal 9/11 rendendo il territorio americano molto più difficile per le organizzazioni terroristiche all’estero per penetrare fisicamente e inviare persone con più, a causa di cose come le liste di controllo e la strettissima cooperazione tra forze di polizia e di intelligence . Vediamo i più recenti esempi di quelli che erano qui e che sono stati incitato per effettuare questi attacchi.

Ho un grandissimo rispetto per le capacità del FBI. Interagisco con Jim Comey su base regolare. L’FBI ha una vera e propria sfida, perché qui ci sono le persone che potrebbero essere nella loro casa avrà alcuna interazione con altre persone, ma sarà su Internet e saranno modellati e influenzati da quello che stanno vedendo in termini di questo racconto, e la volontà decidere da soli, magari con un coniuge o forse con gli altri o forse solo-per effettuare un attacco. E se ottengono le mani su un’arma o, sai, materiale esplosivo, che possono fare gravi danni prima che le firme che sono tradizionalmente associati con gruppi terroristici tradizionali sono visti.

WOODRUFF: E qual è il ruolo della CIA nel lavoro con l’FBI su questo? Perché hai ragione, è una sfida nazionale. Ma la CIA, ho significato

Brennan: Beh, la CIA, lavorando con i nostri altri partner, NSA, Homeland Security, così come il Centro Nazionale Contro, penso che facciamo un ottimo lavoro di condividere quante più informazioni di dati possibile, tutti i pezzi del puzzle. E così ogni vantaggio possiamo avere dalla raccolta all’estero o l’accesso, ci assicuriamo che è condivisa con i nostri partner. Qualsiasi delle tendenze o gli sviluppi che vediamo in organizzazioni terroristiche, in termini di loro modus operandi, condividiamo che subito. E quindi è una costante interazione tra tutti i diversi elementi della comunità antiterrorismo degli Stati Uniti che credo abbia contribuito a proteggere questo paese. Così le vulnerabilità che esistevano in 9/11, che i dirottatori del 9/11 e gli assassini hanno approfittato di, non esistono più. Tuttavia, ci sono altri modi che un ISIS in grado di adattarsi alla realtà ora per essere in grado di svolgere questi attacchi.

WOODRUFF: Giusto. Voglio tornare a ISIS in Siria e in Iraq perché, sì, ci sono stati alcuni progressi, come dici tu, ma è frustrante lentezza. E hai a che fare con-avete gli iraniani a giocare un ruolo in Iraq e, immagino, in misura minore, in Siria. Ma certamente in Iraq. Voglio dire, si vede che gli iraniani di essere di supporto-di essere in un ruolo di supporto, a causa del lato prendono in Iraq? O li si vede come nel ruolo di piu`?

BRENNAN: Sì. (Risate.) Ci sono cose che si possono fare, e lo hanno fatto, al fine di affrontare alcune delle minacce terroristiche che si trovano ad affrontare, che sono simili a quelli che abbiamo di fronte. Una delle cose su ISIS che realmente distingue da al-Qaeda è che ha una forte dimensione anti-sciiti ad esso. Ecco come è sorta di rotolò molte parti dell’Iraq a causa degli anni in cui la comunità sunnita sentiva come se un governo dominato dagli sciiti e iraniani di influenza a Baghdad non si rivolgeva alle esigenze della comunità sunnita. Quindi penso che siano molto preoccupati che la crescita.

Allo stesso tempo, l’Iran è ancora identificato dal governo degli Stati Uniti come sponsor stato leader del terrorismo a causa di quello che hanno fatto. Così entrambi sono una parte del problema, ma anche, e sono fiducioso che forse con la crescente influenza e ascesa di alcuni degli elementi più moderati all’interno del governo iraniano e presidente Rouhani, che noi possiamo vedere l’Iran si muove veramente verso ricongiungimento della comunità delle nazioni e svolgere il proprio ruolo e la responsabilità. Ma mentre si continua a fornire sostegno alle organizzazioni terroristiche come Hezbollah e altri in Libano, perché hanno Hezbollah all’interno dell’Iraq e di altri gruppi-c’è un problema reale con Teheran.

WOODRUFF: E qual è il tuo, qual è il livello di comunicazione tra la vostra agenzia e l’Iran?

Brennan: Io non comunicano con l’Iran.

WOODRUFF: Non c’è nulla di comunicazione-indiretta-

Brennan: Non ho personalmente qualsiasi interaction-

WOODRUFF: Non personalmente. (Risata.)

Brennan: Non ho alcuna interazione, qualsiasi rapporto di collegamento formale o impegno con l’Iran.

WOODRUFF: Fa l’agenzia?

Brennan: L’agenzia non lo fa.

WOODRUFF: OK.

Brennan: Nessun rapporto formale intelligenza di collegamento. (Risata.)

WOODRUFF: No intelligenza formale? Forse qualcuno qui può frase meglio Frasi IT-

BRENNAN: No. (Risate).

WOODRUFF: Presidente Assad-

Brennan: Ma noi sappiamo che gli iraniani molto bene. (Risate). Solo dicendo. (Risata.)

WOODRUFF: presidente Assad non sembra essere, certamente indebolito in una certa misura, ma appeso in Siria. Non sembra essere molte prove proprio ora che ha muovo dalla sua posizione. Come si pesano in cui il conflitto siriano si trova in questo momento?

Brennan: L’anno scorso in questo periodo Assad è stato davvero alle corde, in termini di l’esercito siriano stava prendendo sul mento in una serie di settori, in particolare a nord di Damasco nella zona di Latakia. E questo è stato ciò che ha spinto Mosca a decidere di inviare diverse migliaia di militari russi personale-aerei, armi, artiglieria, carri armati, è il nome-al fine di sostenere il regime che hanno investito nel corso degli ultimi 50 anni o giù di lì. E così la traiettoria discendente delle fortune del regime è stata invertita, a seguito di che l’impegno da parte di Mosca.

Noi crediamo con fervore che Assad è parte del problema, non è parte della soluzione. Lui è la ragione-dopo le atrocità che ha perpetrati sul suo popolo, che ha perso ogni legittimità in termini di governare questo paese. E questo è anche uno dei motivi per cui abbiamo tanti del popolo siriano in armi contro Assad e il governo di Damasco, così come i combattenti stranieri. Quindi noi crediamo che, anche se lui è forse rafforzato sul campo di battaglia rispetto a dove è stato l’anno scorso, abbiamo davvero continuando a spingere i russi, perché i russi giocano un ruolo fondamentale in questo. Ci sara ‘, credo, nessun senso in avanti sul fronte politico senza la cooperazione russa attiva, così come vero e genuino interesse russo nel tentativo di trovare un percorso politico, perché questo non sta per essere risolto sul campo di battaglia.

WOODRUFF: E cosa vedi alcun progresso su questo fronte?

Brennan: Ho avuto numerose interazioni con i miei omologhi russi. Ho visitato Mosca e parlato con loro. Mi sento come se si può fare di più. Probabilmente ritengono che possiamo fare di più. Ma, non credo, hanno vissuto fino a impegni per quanto riguarda onorare la cessazione delle ostilità e ottenere la traiettoria del conflitto siriano su un percorso migliore, in particolare sul-sul fronte transizione politica.

WOODRUFF: Così come si fa, come si fa a cambiare le cose? Come si fa a cambiare questo?

Brennan: L’ostinata determinazione dei nostri diplomatici, guidati da, si sa, l’infaticabile John Kerry, che continua a lavorare con il ministro degli Esteri Lavrov e altri. Noi abbiamo l’interazione con le nostre controparti sul lato segreti russi per cercare di avere una valutazione comune di ciò che la situazione è all’interno della Siria. Non ho alcun dubbio che i russi sono motivati in parte in termini di investimenti in Siria per la preoccupazione per la crescita di Iside e forze terroristiche lì. Che si sarebbe ISIS o Jabhat al-Nusra, che è al-Qaeda in Siria, sono determinati a Penso che cerco di schiacciare quelle forze. Allo stesso tempo, però, credo che essi riconoscono che queste forze sono cresciuti a causa dei problemi che sono esistite in Siria, nel governo siriano.

WOODRUFF: Ho un’ultima domanda, e quindi abbiamo intenzione di aprirlo al-al pubblico. Mi ha colpito, credo che non avrebbe dovuto essere, che hai detto la più grande minaccia della proliferazione nucleare proviene ancora dalla Corea del Nord. C’è qualche progresso in termini di intelligenza, informazione, comunicazione con il Nord? E ‘ancora principalmente attraverso la Cina? Voglio dire, come-ci aiutano a capire dove si trova.

Brennan: Questo è un altro uno degli aspetti più frustranti della nostra agenda internazionale, di avere qualcuno come Kim Jung Un che continua a perseguire queste capacità nucleare e balistico quasi indipendentemente da ciò che la sua gente ha bisogno. Non credo che lui ancora è venuto a rendersi conto che la comunità internazionale sta per rimanere uniti contro la nuclearizzazione della penisola coreana e che non stiamo andando ad accettare la Corea del Nord come uno stato nucleare, che è quello che è esigente.

E così dunque, penso che la comunità internazionale vuole essere in grado di portare la Corea del Nord dal suo isolamento internazionale e per aiutare la popolazione della Corea del Nord. Ma ci deve essere un migliore apprezzamento da parte di Kim Jung Un che la sua continua ricerca di queste capacità militari, capacità nucleari, è solo andare a minare le sue prospettive a lungo termine.

WOODRUFF: Ma tu non senso che il messaggio è sempre attraverso in qualche modo?

Brennan: Sembra essere estremamente testardo e non un buon ascoltatore. (Risata.)

WOODRUFF: Con questo, io ora voglio invitare tutti voi a fare domande. Mi è stato detto che questo incontro è il record. Credo che già sapevamo. Ci sono, abbiamo microfoni. Stiamo andando a portarli a voi. Quindi alzare la mano, poi alzarsi. Vi chiediamo di dirci chi sei, di darci la vostra affiliazione. E vi chiediamo di tenerlo a una domanda in modo che possiamo raggiungere il maggior numero possibile di voi. Allora, chi ha una prima domanda? Perché non iniziare proprio qui in terza fila. Sì. Gentleman nel mezzo.

D: David Goldwyn, Consiglio Atlantico.

Mi chiedo se si desidera commentare la rivalità iraniano-saudita e in particolare come i piani di Mohammed bin Salman potrebbe aiutare o danneggiare quel rapporto.

Brennan: Beh, come sapete, è una rivalità di vecchia data che precede Mohammed Salman, l’attuale leadership, così come i governi attuali in entrambi i paesi, questa rivalità, purtroppo, tra i persiani e arabi, sciiti e sunniti. Purtroppo, ha minato Credo che alcuni degli sforzi in passato per cercare di colmare questa lacuna.

Purtroppo, i continui problemi che esistono all’interno di Iraq e Siria non aiutano a facilitare anche un dialogo produttivo tra Teheran e Riyadh. E ci sono nettamente differenze di vista su ciò che il futuro della Siria e Iraq dovrebbe essere simile.

Così ho: è importante per i due paesi molto grandi, importanti e influenti nella regione del Golfo per essere in grado di trovare un qualche tipo di modus vivendi. E speriamo che alcuni degli attori più razionali all’interno dell’Iran stanno andando a riconoscere che ci deve essere un certo tipo di strutture ricettive con la leadership saudita e il governo saudita. E nei miei impegni con i sauditi, e io ho un collegamento impegno-relazione con l’Arabia Saudita, che sono interessati a perseguire che se si sentono come se la leadership iraniana è veramente interessata a perseguire qualcosa che-diverso rapporto antagonistico.

WOODRUFF: è che qualcosa gli Stati Uniti stanno cercando di persuaderli di?

Brennan: Penso che uno dei veri fattori motivanti alla base della JCPOA era, oltre a fermare perseguimento da parte dell’Iran di un programma di armi nucleari, è stato quello di compattare le tensioni che sono state in aumento a causa di quel programma nel Golfo, con il fine ultimo di avendo gli stati del Golfo, quelli che sono in quella regione, trovare un modo migliore per comunicare tra loro, prima di tutto, e poi dall’altro, per vedere se non ci può essere qualche riparazione di tali relazioni.

E in passato, ci sono stati momenti in cui l’Arabia Saudita e l’Iran, sotto diversi capi, sono stati in grado di lavorare insieme. Ci sono aree in cui penso che ci sia un po ‘di interazione. Gli iraniani hanno deciso di non inviare i pellegrini alla Mecca questo anno a causa di problemi di sicurezza là ed a causa di questo antagonismo che continua ad esistere. Quindi stiamo-stiamo incoraggiando questo tipo di rincalzatura giù di tensioni e di dialogo. Stai solo andando a migliorare le relazioni se si dispone di un dialogo.

WOODRUFF: OK. Far contro il muro qui. Sì.

D: Ciao. John Sullivan con George Mason University.

Ci sono stati una serie di articoli eccellenti recentemente in pubblicazioni del Consiglio e gli altri parlando l’erosione della tendenza democratica in tutto il mondo e la rinascita delle tendenze autoritarie o autocratico. Non era uno dei fattori che hai elencato, ma mi chiedo, nelle vostre maggiori preoccupazioni generali, fino a che punto ti preoccupare di questo fratturazione della democrazia e l’aumento della autoritaria-di rinascita autoritaria?

Brennan: Beh, faremo le mie osservazioni disponibili sul sito della CIA, che è www.cia.gov, più tardi oggi. E lo dico in là che molti di questi governi e regimi hanno optato per misure autoritarie a scapito dei principi democratici e dei diritti umani. E penso che ci-, purtroppo, alcuni di questi governi si sentono come se essi vengono sopraffatti dalla sfida per la sicurezza si trovano ad affrontare, ed essi ricorrere poi di nuovo alcune delle misure tradizionali di sopprimere queste sfide con misure autoritarie.

Abbiamo anche, però, credo che riconoscere che la democrazia di tipo occidentale, che ha preso, si sa, diverse centinaia di anni di prendere realmente radice e sta continuando ad essere un viaggio per noi, che non è un interruttore della luce che può essere appena capovolto in questi paesi del Medio Oriente e gli stati arabi. Andando da società molto tradizionale e-con avere i crismi di modernizzazione in alcune di queste città, sono ancora socialmente, culturalmente, politicamente molto familiarità con le pratiche e dei principi democratici che abbiamo così cara. Quindi penso che dobbiamo essere capire che questo sta andando a prendere un po ‘di tempo.

Allo stesso tempo, noi, il governo degli Stati Uniti, e noi, CIA, siamo molto, molto chiaro in termini di tipi di comportamenti e azioni che non tollereremo se-che tipo di soppressione e di abuso dei diritti umani. Noi, CIA, non solo hanno minacciato di tagliare i rapporti con alcuni di quei partner di collegamento che abbiamo le informazioni che essi praticano; abbiamo tagliato i rapporti. Quindi penso che abbiamo bisogno di mantenere la pressione su di loro. Ma anche, dobbiamo fare in modo che questo, la navigazione delle secche che si frappongono tra questi governi oggi e una democrazia fiorente sono significativi. E penso che dobbiamo aiutarli a navigare esso.

Una delle preoccupazioni reali che ho è che le sfide economiche che devono affrontare questi paesi sono schiaccianti. Quando penso alla sofferenza che sta avvenendo nello Yemen, ed è ancora in mezzo a, si sa, la lotta-the attiva di ricostruzione che sta per essere tenuti a mettere quel paese di nuovo insieme, e la Siria e l’Iraq, e la Libia, e la riforma economica che deve avvenire in alcuni dei paesi della regione che non sono devastata da questa instabilità sono anche molto significativo. Quindi, come si fa a fare questi cambiamenti strutturali, sia sul fronte economico e il fronte politico, mentre hai a che fare con alcune di queste minacce insidiose che alcuni individui che pretendono di voler-che dimostrano, o protesta presumibilmente in nome della democrazia, non sono veramente interessato a una democrazia fiorente, che sono interessati a portare giù un regime autoritario, al fine di mettere in su forse un altro?

Quindi penso che il Medio Oriente è devastata da una serie di problemi in questo momento che penso che sarà davanti e al centro di questo governo degli Stati Uniti e la prossima amministrazione per molti anni a venire.

WOODRUFF: Sì, nella parte posteriore. Questa donna proprio qui. Sì. Mano in alto. Grazie.

D: Kim Dozier con il Consiglio.

Signore, lei ha citato nella recente testimonianza che ISIS / Daesh / ISIL, avrebbe dovuto perdere molti più soldi, materiale e risorse umane prima che ci piacerebbe davvero li vediamo, preventivo / unquote, “sul piede posteriore.” E ‘anche, eventualmente, il tempo di andare in pensione frasi come “sul piede posteriore” o “in ritiro”, perché tutti questi diversi gruppi nel corso degli ultimi 15 anni hanno sembrato appena cambiato nome, ma l’ideologia solo passa a un nuovo gruppo?

Brennan: Il terrorismo è stato con noi da millenni. E ‘stato utilizzato da gruppi nel corso degli anni per tutti i tipi di scopi politici e ideologici. Il fatto triste è che la realizzazione di questi atti di terrorismo può essere molto-relativamente poco costoso. Possono essere relativamente facile da fabbricare, mettere insieme, e poi effettuare. E quando si ha, però, un motore motivazionale come ISIL / Daesh che è in grado di incoraggiare e di partecipare a questo, rende la situazione e il potenziale anche quello molto più grande e più grave.

Così, quando ho commentato in una recente testimonianza che abbiamo fatto progressi sul campo di battaglia e noi stiamo ancora, però, un modo di essere in grado di dire che siamo in grado di contrastare con successo questa crescita ISIL, quello che sto dicendo è che in realtà è stato generato ora da quanto è successo, il fenomeno all’interno del teatro Siria-Iraq. Ha una traiettoria e uno slancio che sta portando avanti.

Abbiamo bisogno di sforzi che sono progettati per andare a monte, dove i cospiratori esterni sono, all’interno della Siria e Iraq. Dobbiamo intende attaccare le reti in termini di flussi di individui, così come flussi di narrazione e il veleno che esce, così come lavorare valle per fermare gli attacchi, sia esso a Istanbul, Parigi, Belgio, Orlando , o qualsiasi altra cosa.

Quindi ha bisogno di essere uno sforzo collettivo e uno sforzo congiunto per attaccare tutti questi diversi settori. Ma in questo momento io sono ancora molto preoccupato del fatto che il motore ISIL-generated di terrorismo straniero al di fuori della Siria e l’Iraq ha ancora un sacco di slancio che non possiamo riposare a tutti. Dobbiamo aumentare i nostri sforzi.

Mi ha colpito, dopo che ho dato testimonianza, come un sacco di membri dei media stimati stavano cercando di evidenziare come I-miei commenti differivano da commenti della Casa Bianca. Devo dire, io sono in difficoltà a pensare a dove il presidente Obama e io differiscono su questo tema in termini di ciò che siamo stati in grado di realizzare all’interno della Siria e Iraq, ma allo stesso tempo la nostra preoccupazione per la letalità che ISIL può portare a tutte le nostre comunità, sia perché la loro mano può arrivare così lontano, hanno sfruttato l’apertura delle nostre società, o perché lo stanno facendo via internet. Quindi penso che condividiamo una visione molto simile sullo stato delle fortune di ISIL, sia all’interno del teatro così come quello che si può fare in termini di operazioni esterne.

WOODRUFF: OK, nel retro, la mano. Grazie. Si tu.

D: Grazie. Ken Dilanian con NBC News.

Mr. Brennan, lei ha detto in un’intervista ieri che si sarebbe molto sorpreso se ISIS non è stato tramando un attacco in stile Istanbul negli Stati Uniti. Avete prove credibili che un attacco del genere è in cantiere? E ha le probabilità di un attacco salito negli ultimi mesi o settimane?

Brennan: Quello che diceva era che abbiamo visto ISIL effettuare e incitare una serie di attacchi terroristici nella regione, al di là della regione, direttamente, indirettamente, e che sarei sorpreso che ISIL non sta prendendo in considerazione la realizzazione di questi attacchi in prossimo all’estero, nonché il lontano all’estero. E gli Stati Uniti, come ben sappiamo, sta portando la coalizione per cercare di distruggere il più di questo veleno all’interno della Siria e Iraq il più possibile.

Quindi sarebbe sorprendente per me che ISIL non sta cercando di colpire noi, sia nella regione, così come nella nostra patria. E penso che ciò che si vede nella propagazione del loro materiale, hanno una rivista, Dabiq, che va fuori che dice esattamente questo. Esso esorta le persone a farlo.

Quindi, se qualcuno qui ritiene che, si sa, la patria degli Stati Uniti è ermeticamente sigillato e che Daesh o ISIL non prenderebbe in considerazione che, penso, vorrei evitare questo.

WOODRUFF: Pensi che siamo più ermeticamente sigillati o più sigillato di quanto siamo stati dopo il 9/11 o meno?

BRENNAN: Assolutamente. Come ho detto, penso che abbiamo fatto di tutto. E abbiamo informato i nostri partner stranieri su come abbiamo imparato alcune lezioni dolorose come risultato di 9/11. E così l’intelligenza, le forze dell’ordine, la sicurezza del territorio, altre comunità, stanno lavorando insieme oggi meglio che mai.

C’è una enorme quantità di informazioni e dati che è là fuori, alcuni di essi precisa, alcuni di essi fasullo. E cercando di dare un senso a tutto e mettere insieme i vari pezzi del puzzle è impegnativo. Così siamo-Penso che siamo meno vulnerabili alla penetrazione, ma-fisico, a causa delle azioni che abbiamo preso, ma, come abbiamo visto con la, come lei ha ricordato, Internet, così come la presa di ISIL vantaggio di tecnologie che permettono loro di comunicare in modo molto sicuro, è certamente preoccupante.

WOODRUFF: OK, proprio qui in seconda fila. Sì.

D: Jim Mann, autore. Sono alla Johns Hopkins SAIS.

Nella tua lista di sfide, che non ha citato la Cina, anche se ci sono diverse aree, come informatica, per esempio, dove potrebbe sembrare per adattarsi in un modo o nell’altro. Dove si colloca nella vostra lista di sfide?

Brennan: Come ho detto, ho potuto andare avanti e avanti e avanti su tutte le sfide là fuori. Non ho menzionato l’Ucraina; non parlare di un sacco di questioni relative alla Russia.

La Cina è una potenza crescente di grande influenza economica, politica, e sempre più militare e presenza. E chiaramente, come noi guardiamo a quello che sta succedendo nel Mar Cinese del Sud, c’è una ragione per gli Stati membri a prestare attenzione a ciò che la Cina sta facendo su diversi fronti, che noi siamo. Ed è per questo che c’è il perno verso l’Asia o fare in modo che i nostri alleati e partner in quella regione si sentono come se, con tutte le altre cose che sono in corso in tutto il mondo, non abbiamo trascurato quella zona.

Ero fuori a Singapore un paio di settimane fa, insieme ad Ash Carter, in occasione della conferenza Shangri-La. Ho incontrato i capi dei servizi, servizi segreti, dai paesi ASEAN, così come con il mio omologo cinese, come un modo per mantenere il dialogo e per far loro sapere che gli Stati Uniti considera questa regione del mondo molto sul serio, e noi abbiamo molto importanti interessi della sicurezza nazionale che non stiamo andando passo. E se qualcuno pensa che noi siamo, sono tristemente sbagliando.

Quindi quello che dobbiamo fare è quello di essere in grado di mantenere contemporaneamente il nostro occhio su tutte queste palline. E questo non è uno sforzo per cercare di contenere la Cina. E ‘uno sforzo per cercare di fare in modo che ci interessa della sicurezza nazionale sono protetti e avanzati, come lo sono gli interessi di sicurezza nazionale dei nostri alleati e partner della regione, e noi adempiere ai nostri obblighi, in particolare nel settore della libertà di navigazione nel quei mari.

WOODRUFF: Sì, seconda fila qui.

D: Ciao. Christine Vargas, Controllo Rischi. Grazie per essere qui oggi.

Un altro sull’Iran. Data la diminuzione delle sanzioni, stiamo vedendo un po ‘una sfida ottenere investimenti in Iran, in quanto le banche europee stanno prendendo uno sguardo e dicendo che il sistema finanziario non sembra privo di ancora corruzione; Forse non toccarlo.

Dato che dinamica, stai vedendo i moderati in politica sopravvivere fino a quando i benefici finanziari vengono attraverso? E quale evento potrebbe far pendere la bilancia in un modo o nell’altro? Grazie.

Brennan: Stiamo attraversando un periodo di transizione dal momento in cui l’Iran è stato sanzionato su tutta la linea su tanti fronti, e che le istituzioni finanziarie e società adattato al quadro che è stato impedito di impegnarsi con l’Iran.

Ora stiamo transizione al nuovo ambiente in termini di ciò che è consentito in JPOA. Ed è una regolazione che deve essere fatta. E so che i funzionari degli Stati Uniti e gli altri stanno lavorando con gli iraniani, così come nei confronti di terzi, per assicurarsi che si capisce che cosa è lecito e come queste cose possono essere fatte. Questo richiede un po ‘di tempo ogni volta che si sta andando a fare un aggiustamento importante come quello.

Se penso che i moderati stanno andando a sopravvivere durante questo periodo di tempo? Assolutamente. Penso che le aspettative tra alcuni all’interno dell’Iran, una volta che è stato firmato l’accordo, erano piuttosto alto che non ci sarebbe stato un sollievo immediato, così come i dividendi immediati, come risultato di questo.

Ci sono stati alcuni, ma penso che c’era molto che questo governo centrale iraniano ha dovuto fare in termini di prendersi cura di alcuni di questi, questioni macroeconomiche, strutturali strategici nel sostenere la valuta e alcune altre cose che dovevano fare. E così l’effetto e l’impatto sui singoli iraniani sta per avere luogo nel corso del tempo. E stiamo molto sperando che tale impatto sta andando a farsi sentire, di certo il più presto possibile, come un modo per convalidare il corso che il presidente Rouhani e gli altri sono su.

E così, ancora una volta, si tratta di andare a prendere un po ‘di tempo. Sono sicuro che alcune persone possono essere frustrati da essa. Ma so che il nostro governo sta lavorando per rispettare gli obblighi che sono addetto al contratto. Ma questo sta prendendo un po ‘di tempo.

WOODRUFF: La terza fila. Sì.

D: Se mi perdonerai una questione amministrativa. Il mio nome è-

WOODRUFF: Devi dare noi-

D: -Edward Luttwak.

WOODRUFF: -il vostro nome e affiliazione prima.

D: Edward Luttwak.

WOODRUFF: Sì.

D: questione amministrativa. Anni fa ho sentito dire che c’era una necessità di una maggiore formazione linguistica in agenzia. Avete avanzato in quella direzione? Perché, come vado in giro il mondo ho incontrato la tua gente, e non sembrano parlare la lingua locale. Hai-voglio dire, hai detto che volevi farlo. Sono solo curioso di sapere cosa è stato fatto.

Brennan: Ci lascia solo si incontrano le persone che vogliamo voi da incontrare. (Risate.) Come un modo per continuare a nascondere la nostra presenza all’estero. (Risata.)

D: Ma nessuno parla la lingua locale.

Brennan: Beh, vado a molte stazioni e per la nostra gente all’estero. E sono esperti in una varietà di lingue. Abbiamo una iniziativa strategica di lingua presso l’agenzia dove continuiamo a fornire incentivi, premi, il riconoscimento per gli individui che sono in grado non solo di migliorare la loro lingua, ma ampliare il loro repertorio di lingue. E ‘qualcosa che è di fondamentale importanza. Prendo il tuo punto, e ho fatto il punto che abbiamo bisogno di avere una maggiore capacità di linguaggio all’interno della CIA. Ma vorrei dire che, dato che siamo così, abbiamo una copertura globale che dobbiamo svolgere. E l’elenco dei problemi che dobbiamo affrontare continua a crescere e svilupparsi e crescere. E le risorse sono finite. Dobbiamo essere in grado di diffondere in giro. Ma avere una capacità di linguaggio sta per darci la possibilità di cui abbiamo bisogno, al fine di soddisfare le nostre varie missioni. E in particolare sul fronte HUMINT è estremamente importante, in modo che siete in grado di avere la capacità di interagire con le persone che si desidera essere in grado di lavorare a stretto contatto con.

WOODRUFF: Proprio qui, questo signore in quarta fila. Proprio qui, sulla navata.

D: Direttore Brennan, Scott Harold dalla RAND Corporation. Grazie e le donne e gli uomini della CIA per tutti i vostri sforzi.

Mi chiedo se si potesse tornare in Cina per un momento. E abbiamo avuto una nuova elezione a Taiwan nel mese di gennaio che ha portato al potere il DPP a Taipei. C’è segni che la Cina sta cercando di fare quel rapporto molto più difficile, di imporre costi. Mi chiedo se si potrebbe descrivere il vostro senso di crescente minaccia, se si percepisce uno, dalla Cina a Taiwan.

Brennan: Beh, penso che sotto il presidente Xi Jinping, ha una visione strategica di ciò che vuole essere in grado di realizzare nella regione, sia che si tratti nei mari, come si vede con la bonifica che sta avvenendo e mettendo nuovi effetti su terra o in mare, così come il rapporto che vuole con i paesi e altri nella regione. E penso che il rapporto con Taiwan è molto grande e molto importante. E anche se non ci sta per essere una rettifica in quanto, penso che sarà dipende da come Pechino vede Taiwan e viceversa. E dato che c’è una nuova amministrazione a Taiwan, dato che c’è una dinamica piuttosto importante che sta succedendo nella regione con la Cina come sta flettendo alcuni dei suoi muscoli, credo che questo sia anche in un periodo di transizione. E penso che ci sia questo dinamismo.

Penso, e non è un segreto per nessuno, che la Cina continentale vede Taiwan in un modo molto speciale. E io penso che abbia, si sa, le aspirazioni per solidificare ulteriormente il rapporto tra la Cina continentale e Taiwan. Ma penso che questo è tutto parte di quella regolazione con una nuova leadership. E penso che ci-a volte una campagna retorica, che non avviene solo qui negli Stati Uniti, ma anche all’estero, che una volta che la realtà di governo entra, a volte quelle viste sono temperati, per quanto riguarda la natura delle relazioni interstatali. Quindi lascio lì.

WOODRUFF: Vediamo. Come circa a metà là dietro, con la maglia azzurra.

D: George Salem con DLA Piper.

Direttore Brennan, la mia domanda riguarda le pagine 28. Sei stato registrato sulla tua considerazione della loro relativa mancanza di valore. La mia domanda è il tempo del rilascio e il livello di declassamento, e se sarà anche pubblicato con il rapporto investigativo che mette tutto in un contesto.

Brennan: Beh, io sono solo il direttore della CIA, in modo da non prendere le decisioni circa il rilascio di un documento del Congresso, l’inchiesta congiunta che è stato prodotto nel dicembre del 2002, che in seguito è stato seguito con la Commissione 9/11 che oggetto di studi approfonditi tutte le accuse e le informazioni che sono state in quei 28 o 29 pagine. E tutto così c’è un ramo responsabilità esecutiva perché that’s-documento citato informazioni ramo esecutivo. Quindi c’è un-credo che è stato detto pubblicamente, c’è stato un commento che è stato in corso. E così ci sta per essere discussioni appropriate che devono avvenire tra il potere esecutivo e legislativo per finalizzare questo.

Credo che sia importante che tale documento uscire perché c’è così tanto speculazioni e congetture su di esso. Ho detto che ci sono un sacco di cose in là che purtroppo verrà utilizzato da alcuni per forse travisare i fatti o la storia. Ma è per questo che la Commissione 9/11-un approfondito, ricerca approfondita indagine-realtà dovrebbe stato visto dalla gente come il più dispositiva di esso. E ci sono alcuni altri documenti che possono venire fuori allo stesso tempo, come fai notare. Ma ancora una volta, mi rimetto ad altri che hanno la responsabilità che il processo decisionale.

WOODRUFF: OK. Vediamo. Sto cercando di arrivare a qualcuno, vicino all’ultima, terzo, a partire dalla fine sulla riga-sì, con la mano in su. Hai avuto la mano su un lungo periodo di tempo. Sì.

D: Sì, Simon Henderson, l’Istituto di Washington per la Politica del Vicino Oriente.

C’è un David Ignatius editoriale in di oggi Washington Post in cui si ottiene un accenno. Suo-

Brennan: A proposito, non mi parlare con David Ignatius prima di essere pubblicato quell’articolo. Voglio solo andare sul disco, perché è un punto di riferimento per me.

D: Non ha implica che hai fatto. Ma il titolo, basato sulla versione on-line, è il 30-year vecchio principe saudita potrebbe jumpstart il regno o tuffarsi fuori una scogliera. Cosa possiamo fare gli Stati Uniti? Che cosa si dovrebbe fare per ottenere un buon risultato in Arabia Saudita?

Brennan: Continuare a lavorare a stretto contatto con la leadership saudita, il governo saudita. Il presidente Obama è stato fuori molte volte durante la sua amministrazione. Abbiamo l’interazione costante con il governo saudita e le politiche, ambiti economico, di sicurezza, di intelligence. Abbiamo molto stretto allineamento degli obiettivi in alcune aree. Dobbiamo continuare a lavorare con loro.

Il saudita 2030 idea e progetto che è stato guidato dal vice principe ereditario Mohammad Salman è una vista ambiziosa del futuro che penso che la leadership saudita nel suo complesso merita credito per pensare a come l’Arabia Saudita sta andando a prosperare in futuro, attraverso una numero di aree diverse, in termini di sviluppo, gli investimenti, l’occupazione, la diversificazione della sua economia. Si tratta di una, molto importante paese molto per la stabilità della regione, per gli interessi di sicurezza nazionale. E così quello che stiamo cercando di fare è fare in modo che ci sia questo dialogo molto attivo, ed una discussione molto aperta e franca tra noi e l’Arabia Saudita.

Come ho detto, il presidente si è impegnata a lungo ed è stato molto aperto e onesto e sincero con le aree in cui vogliamo essere in grado di lavorare insieme con l’Arabia Saudita, perché siamo d’accordo, e ci sono zone dove ci sono disaccordi. E sono stato colpito dal fatto che il dialogo è stato così candida. Ed è particolarmente importante ora, perché si dispone di una nuova leadership, re Salman, Corona Muhammad Nayef, e il vice principe ereditario Mohammed Salman, che hanno bisogno di lavorare come una squadra. Hanno un certo numero di sfide sul fronte della sicurezza, dato che cosa sta succedendo all’interno dello Yemen, ciò che sta accadendo lungo il loro bordo interno, si sa, in altri paesi. Quindi è un rapporto estremamente importante che abbiamo intenzione di continuare a coltivare e sviluppare.

WOODRUFF: OK. Questo signore qui, terzo. Questo qui.

D: Mohamed Elmenshawy, Al Arabiya TV.

La prego di darci la sua valutazione sul terrorismo in Sinai, e se la vostra agenzia coopera con gli egiziani su questo fronte?

Brennan: Noi cooperare con gli egiziani. Ho parlato con il mio omologo egiziano all’inizio di questa settimana. Vogliamo fare in modo che siamo in grado di fare ciò che possiamo per aiutare a proteggere gli individui all’interno di Egitto, gli egiziani e altri. La sfida interna del Sinai, vi è un gruppo ISIL lì, ma è usato per essere un gruppo locale, Ansar al-Beit Maqdis, che in fondo è impegnato fedeltà alla ISIL. E quindi non è come se fosse una start-up. Si trattava di un gruppo che è stato molto attivo nel Sinai per un certo numero di anni, che ora è parte dell’architettura globale ISIS. Quindi la loro responsabilità per lo svolgimento di attacchi contro la sicurezza egiziana, uffici militari lì. Hanno posato una minaccia per gli osservatori di forze multinazionali all’interno del Sinai.

Quindi lavoriamo a stretto contatto con gli egiziani. Cerchiamo di dare loro le informazioni di cui hanno bisogno per evitare che questi, si sa, oltraggiosi attacchi terroristici di prendere posto, sia che si tratti nel Sinai o di altri settori. Ci sono stati attacchi all’interno del Cairo. Abbiamo anche un conversazioni molto vicino e aperto e sincero con gli egiziani. E ci sono aree in cui noi crediamo gli egiziani hanno bisogno di intensificare il loro gioco in termini di capacità, ma anche in termini di come si occupano di alcuni di questi problemi molto difficili che attraversano sia la sicurezza e regni politici. Ma noi abbiamo un-una molto impegno attivo con il-con gli egiziani.

WOODRUFF: Va bene. Credo che siamo fuori tempo massimo, a meno che qualcuno ha una breve domanda. Chiunque volontario? (Risata.)

Brennan: si sapeva che sarebbe accaduto. (Risata.)

Q: Signore, io sono David Ensor con il Consiglio Atlantico.

Un vecchio tipo di giornalista domanda: Quando si avvia il briefing Donald Trump e Hillary Clinton? (Risate.) E-

WOODRUFF: Hai preso la mia domanda.

D: E come si aspetta che per andare?

Brennan: Sapevo-su queste cose, andiamo sempre una questione troppo a lungo. Abbiamo davvero facciamo. (Risata.)

Spetta al presidente e poi il direttore della National Intelligence per fare tale offerta, come hanno fatto in passato, ai candidati dei due principali partiti politici dopo la convention di loro nomina formalmente. E così il direttore della National Intelligence prende il comando su questo. E così i tempi, nonché la disponibilità e l’interesse dei candidati, è qualcosa che sarà determinata come risultato di impegno con le rispettive aste.

WOODRUFF: Ma non lo farà conferenza personalmente, vero?

Brennan: Ho adempiere le mie responsabilità della CIA al meglio delle mie capacità. E se vi è la necessità per me essere personalmente coinvolto in questo, io-io cercherò di svolgere le mie responsabilità. (Risata.)

WOODRUFF: Si prega di thank-

Brennan: E se non c’è un bisogno, non lo farò. (Risata.)

WOODRUFF: Si prega di ringraziare John Brennan, il direttore della Central Intelligence Agency. (Applausi.)

(FINE)

“Nei 36 anni da quando sono entrato governo, non sono mai stato testimone di un tempo con una gamma così scoraggiante di sfide alla sicurezza della nostra nazione. Notevole tra queste sfide è che alcune delle istituzioni e dei rapporti che sono stati pilastri della post- sistema internazionale della guerra fredda sono sotto grave stress. Come ben sapete, il Regno Unito ha votato la scorsa settimana per lasciare l’Unione europea. di tutte le crisi l’Unione europea ha dovuto affrontare negli ultimi anni, il voto del Regno Unito lasciare l’UE potrebbe essere il suo più grande sfida.”

– John O. Brennan

“Da nessuna parte sono la posta in gioco più alta per la nostra sicurezza nazionale che nel campo delle biotecnologie. I recenti progressi nella modifica del genoma che offrono grandi potenzialità di scoperte nel campo della salute pubblica sono anche motivo di preoccupazione, perché gli stessi metodi potrebbero essere utilizzati per creare biologico-geneticamente modificato agenti di guerra. E anche se la stragrande maggioranza degli stati-nazione hanno la tendenza ad essere abbastanza razionale di astenersi da scatenare una minaccia a tali conseguenze imprevedibili, una entità terrorista sub-nazionale, come ad esempio ISIL, avrebbe pochi scrupoli a brandire un’arma del genere. “

– John O. Brennan

“Vediamo che a seguito della primavera araba, al-Qaeda e ISIS non avevano nulla a che fare con l’inizio della primavera araba, ma hanno preso pieno vantaggio del crollo di alcuni governi, gli spazi non governate. E il movimento di persone e delle merci in questo mondo del 21 ° secolo, penso che per molti aspetti può facilitare che cosa è che ISIS sta cercando di fare “.

– John O. Brennan

 

7,948 Visite totali, 1 visite odierne

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Advertisement
Voci da Twitter
luglio: 2016
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031