Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Vangeli Gnostici
Vangeli Gnostici

Gratis per i Lettori
i Vangeli Gnostici. Un file eseguibile, di facile consultazione.
Sicuro, virus free.

Liberatevi al più presto delle vostre costituzioni antifasciste.

documento jp morgan maggio 2013

jpm

I nemici della democrazia.

Eccovi in integrale il documento JP Morgan nel quale vengono indicate le linee guida che i governi, secondo loro, dovrebbero seguire. La ricchezza dà alla testa. E fa credere a costoro che il mondo sia ancora fermo a 3000 anni fa, quando i popoli non avevano informazione e credevano negli dei.

In questo documento di 16 pagine datato 28 maggio 2013, dopo che nell’introduzione si fa già riferimento alla necessità di intervenire politicamente a livello locale, a pagina 12 e 13 si arriva alle costituzioni dei paesi europei, con particolare riferimento alla loro origine e ai contenuti: “Quando la crisi è iniziata era diffusa l’idea che questi limiti intrinseci avessero natura prettamente economica (…) Ma col tempo è divenuto chiaro che esistono anche limiti di natura politica. I sistemi politici dei paesi del sud, e in particolare le loro costituzioni, adottate in seguito alla caduta del fascismo, presentano una serie di caratteristiche che appaiono inadatte a favorire la maggiore integrazione dell’area europea”

JPMorgan è stata tra le protagoniste dei progetti della finanza creativa e quindi della crisi dei subprime che dal 2008. Fino a essere stata formalmente denunciata nel 2012 dal governo federale americano come responsabile della crisi, in particolare per l’acquisto della banca d’investimento Bear Sterns. Ecco che invece dai grattacieli di Manhattan hanno pensato bene di scrivere che i problemi economici dell’Europa sono dovuti al fatto che “i sistemi politici della periferia meridionale sono stati instaurati in seguito alla caduta di dittature, e sono rimasti segnati da quell’esperienza. Le costituzioni mostrano una forte influenza delle idee socialiste, e in ciò riflettono la grande forza politica raggiunta dai partiti di sinistra dopo la sconfitta del fascismo”.

E per colpa delle idee socialiste insite nelle costituzioni, secondo Jp Morgan, non si riescono ad applicare le necessarie misure di austerity. “I sistemi politici e costituzionali del sud presentano le seguenti caratteristiche: esecutivi deboli nei confronti dei parlamenti; governi centrali deboli nei confronti delle regioni; tutele costituzionali dei diritti dei lavoratori; tecniche di costruzione del consenso fondate sul clientelismo; e la licenza di protestare se sono proposte modifiche sgradite dello status quo. La crisi ha illustrato a quali conseguenze portino queste caratteristiche. I paesi della periferia hanno ottenuto successi solo parziali nel seguire percorsi di riforme economiche e fiscali, e abbiamo visto esecutivi limitati nella loro azione dalle costituzioni (Portogallo), dalle autorità locali (Spagna), e dalla crescita di partiti populisti (Italia e Grecia)”.

Quindi Jp Morgan, dopo avere attribuito all’Europa l’incapacità di uscire dalla crisi per la colpa originaria della forza politica dei partiti di sinistra e delle costituzioni antifasciste nate dalle varie lotte di liberazione continentali, ammonisce che l’austerity si stenderà sul vecchio continente “per un periodo molto lungo”.

Tratto da Il Fatto Quotidiano del 19 giugno 2013

ECCO IL DOCUMENTO ORIGINALE:

 

Ecco la traduzione automatica di Google ( leggere attentamente le pagine 12 e 13):

 

Pagina 1
www.jpmorganmarkets.com
Economic Research Europe
28 maggio 2013
La rettifica di Euro zona: circa
a metà strada
Ricerca Economica e Politica
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
Marco Protopapa
(44-20) 7742 -7644
marco.protopapa@jpmorgan.com
Alex White
(44-20) 7134-5298
alexander.s.white@jpmorgan.com
Greg Fuzesi
(44-20) 7134-8310
greg.x.fuzesi@jpmorgan.com
Raphael Brun-Aguerre
(44-20) 7134-8308
raphael.x.brun-aguerre@jpmorgan.com
JPMorgan Chase Bank NA, filiale di Londra
Vedere pagina 9 per la certificazione degli analisti e rivelazioni importanti.
La narrazione della gestione delle crisi nella zona euro ha due dimensioni:
In primo luogo, la progettazione di nuove istituzioni per il prossimo stato stazionario (EMU-2); e
secondo, affrontare i problemi nazionali preesistenti, alcuni dei quali sono stati
lì al momento del lancio della UEM e alcuni dei quali nacque durante il primo decennio di
la vita della unione monetaria.
E ‘fondamentale capire che l’approccio e la Germania La Germania è
in gran parte determinare come la crisi viene gestito, è che nazionale
problemi esistenti devono essere risolto a livello nazionale prima di ulteriori
passi di integrazione-che coinvolgono quantità significative di rischio e l’onere
condividendo-può essere preso.
Questo crea l’immagine di una serie di spostamenti di regolazione livello nazionale.
Alcuni di questi viaggi sono squilibri semplicemente di svolgimento che costruito nel
primo decennio dell’UEM, mentre alcuni paesi prendere completamente nuovo
destinazioni. La domanda chiave è: dove siamo in questi viaggi di
regolazione. In questo rapporto, esaminiamo i viaggi in termini di sovranità
riduzione della leva finanziaria, le regolazioni di competitività, riduzione della leva finanziaria delle famiglie, banca
riduzione della leva finanziaria, riforma strutturale, e le riforme politiche a livello nazionale.
In alcune zone, è stato fatto un sacco di progressi. In altri settori, la
la regolazione è appena iniziata. Mettere tutto insieme, vorremmo sostenere che
queste regolazioni a livello nazionale sono circa a metà strada fatte in media.
Questo approccio alla gestione delle crisi ha avuto un impatto enorme sulla macro
economia, deprimente prestazioni complessive e ampliando il grado di
dispersione. A prima vista, per dire che siamo solo a metà strada lungo questi
viaggi sembra molto deprimente: la regione non poteva tollerare altri tre
anni come gli ultimi tre. Ma, la regolazione in corso non significa in corso
recessione. Ciò che conta è come i vari venti contrari buffeting il vero
cambiamento dell’economia. Il nostro giudizio è che i venti contrari svanirà anche se
aggiustamenti saranno in corso.
Prevediamo che la regione tornerà a crescere. Ma, senza molta
banca centrale più aggressiva, la crescita rimarrà poco brillante e la regione
rimarrà vulnerabile agli shock. Un 1% -1,5% di crescita traiettoria è probabilmente
il migliore della regione può sperare.
Ad un certo punto, la narrazione della gestione delle crisi cambierà, e il nuovo
istituti per il prossimo stato stazionario sarà implementato. Ci sono due modi
Questo potrebbe accadere: in primo luogo, se i viaggi di regolazione del livello nazionale sono ben
Avanzate; o la seconda, se la pressione politica e sociale irresistibile costruisce nel
periferia.
Entrambi questi sono piuttosto lontano. Così, la regione è destinato a proseguire con
l’attuale narrazione della gestione delle crisi per un tempo più lungo. A nostro avviso,
discussioni intorno alla creazione di istituzioni per il prossimo stato stazionario sarà
continuano in parallelo, ma un cambiamento significativo al rischio regionale e onere
la condivisione è improbabile che accada presto.

Pagina 2
2
Economic Research Europe
La rettifica di Euro zona: circa metà strada
28 maggio 2013
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
La narrazione della gestione delle crisi
Gestione delle crisi nella zona euro si è evoluta nel corso degli ultimi tre anni, come il
crisi si è evoluta. Ma, in tutto, un tema chiave di fondo è sempre stato
presentare: che i problemi preesistenti nazionali dovrebbero essere affrontati a livello nazionale
livello prima regione sarebbe intraprendere ulteriori passi di integrazione che avrebbe
coinvolgere significativo la condivisione dei rischi / oneri.
Molti pensavano che il piano di salvataggio di Cipro ha rappresentato un cambiamento epocale nel modo in cui la crisi
veniva gestito. Ma, questo non era vero, a nostro avviso. Prima di Cipro, area euro
sovrani entrano programmi UE / FMI hanno dovuto sopportare il peso del sovrano
deleveraging, ricapitalizzazione delle banche e la riforma strutturale, se stessi. Questo modello
proseguita con il salvataggio Cipro, ma con l’estensione che quando il rispettivo
spalle del sovrano non erano abbastanza ampio da sopportare il peso della ricapitalizzazione la sua
le banche, i creditori bancari sarebbero essere salvato. Il piano di salvataggio di Cipro semplicemente rafforzato la
messaggio che i problemi legacy nazionali sarebbero trattate a livello nazionale.
La Germania ha sempre avuto una prospettiva intertemporale per quanto riguarda la crisi
gestione. E ‘stato in questione che più che gli oneri sono condivise ex ante, la
meno probabile è che opportuni aggiustamenti saranno effettuati ex post. Tuttavia, al fine
per la Germania al fine di garantire che il suo approccio preferito per la gestione delle crisi è seguita,
sufficienti firewall di liquidità devono essere in atto per gestire lo stress dei mercati finanziari.
Inizialmente, questo stress è stata trattata con la costruzione di ospedali liquidità fiscalmente a base di
sovrani (EFSF / ESM), al fianco di supporto di liquidità della BCE per le banche. Questo approccio
è diventato problematico, in quanto lo stress dei mercati finanziari trasferisce in Spagna e in Italia nel 2011,
paesi che sono troppo grandi per essere ospitati nella tradizionale tipo di fiscalmente-based
ospedale di liquidità. L’OMT può essere visto come una soluzione a questo problema. Facendo un passo
nel ruolo di essere il prestatore di ultima istanza per i sovrani, la BCE ha rimosso il
vincolo di capacità per assicurare che i sovrani possono sempre essere finanziati. L’OMT ha
ha permesso la Germania di continuare con il suo approccio preferito alla gestione delle crisi.
Nei primi giorni della crisi, si è pensato che questi problemi legacy nazionali
erano in gran parte economica: un eccesso di levered sovrani, banche e famiglie, vero e proprio interno
disallineamenti dei tassi di cambio, e rigidità strutturali. Ma, nel tempo è diventato
chiaro che ci sono anche problemi legacy nazionali di natura politica. Il
costituzioni e soluzioni politiche nella periferia sud, messe in atto nel
All’indomani della caduta del fascismo, hanno una serie di caratteristiche che sembrano essere
inadatto a una maggiore integrazione nella regione. Quando i politici tedeschi e
i politici parlano di un processo decennale di regolazione, che probabilmente hanno in mente
la necessità sia per riforme economiche e politiche.
La natura della gestione delle crisi ha avuto un impatto enorme sul paesaggio macro. UN
maggiore portante del carico a livello nazionale ha pesato sulla crescita regionale
e ha generato un significativo grado di dispersione intra-regionale. Ha anche
aumento tensioni politiche nella regione. Una domanda cruciale è se la macro
economia può migliorare anche se la narrazione della gestione delle crisi rimane invariato.
Riteniamo che può, ma solo in misura limitata.
Molti sostengono che l’onere di affrontare i problemi esistenti non può essere pienamente
carico a livello nazionale, e che, ad un certo punto, la gestione delle crisi sarà necessario
Contenuto
La narrazione della gestione delle crisi
2
L’idea di un viaggio
3
Il viaggio di deleveraging sovrano
4
Il viaggio delle rettifiche di competitività
5
Il viaggio di riduzione della leva finanziaria delle famiglie
6
Il viaggio di deleveraging bancario
7
Il viaggio di riforma strutturale
9
Il viaggio di riforma politica nazionale
12
Le macro conseguenze della gestione delle crisi
13

page 3
3
Economic Research Europe
La rettifica di Euro zona: circa metà strada
28 maggio 2013
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
cambiamento. Questo può essere vero. Ma, vale la pena evidenziare che ci sono alcune zone d’ombra
che sono suscettibili di essere sfruttati sempre più nel tempo, che faciliterà il percorso di
Regolazione: viaggi fiscali allungati e la ristrutturazione dei debiti ufficiali. Come
la crisi ha spiegato, i politici sono sempre più concentrati sul bilancio strutturale
sviluppi e hanno permesso l’impatto degli stabilizzatori automatici per essere pienamente
rifletta nel bilancio titolo. Più lento progresso verso il massimo strutturale
obiettivi fiscali è anche probabile che col passare del tempo. Nel frattempo, una ristrutturazione del funzionario
passività consegnerà la riduzione del debito e sarà alleviare l’onere del servizio del debito. Questo ha
già avvenuto per la Grecia, l’Irlanda e il Portogallo. Più dovrebbe essere previsto per
questi paesi e anche per Spagna e Cipro.
Se questo si rivela sufficiente per le regolazioni dei livelli nazionali di continuare fino a quando
essi sono stati completati resta da vedere. Critical sarà il comportamento della BCE. In
ultimi mesi, la BCE è stato disposto a tollerare più debolezza economica e di un
inferiore prospettive di inflazione, ed i problemi più persistenti con la trasmissione
Meccanismo intorno alla periferia. Nella misura in cui la risposta della BCE è solo
limitate, i viaggi saranno corrispondentemente più difficile. Una risposta più drammatica da
la BCE renderebbe i viaggi di regolazione molto più facile.
L’idea di un viaggio
Il requisito che i problemi nazionali preesistenti vengono trattate a livello nazionale
crea l’immagine di un viaggio. Alcuni di questi viaggi sono circa lo svolgimento
problemi che ha costruito nel primo decennio dell’UEM, mentre altri sono sui paesi
raggiungendo completamente nuove destinazioni. Con questa immagine in mente, la domanda ovvia
è «Dove siamo in questi viaggi?” Nelle prossime sezioni che esaminiamo questo
domanda per sovrani, banche, famiglie, tassi di cambio reali, riforme strutturali,
e la riforma politica nazionale. Per ciascuno di questi abbiamo in mente l’idea di un viaggio
dal punto peggiore degli ultimi anni ad una certa destinazione finale. Abbiamo poi consideriamo come
gran parte del viaggio è stato completato. Il messaggio chiaro è che una notevole
sono stati compiuti progressi. Ma, è anche evidente che c’è ancora molto da fare.
• Sovereign deleveraging-circa a metà strada.
• tasso di cambio reale di regolazione, quasi lì per un certo numero di paesi.
• riduzione della leva finanziaria delle famiglie in Spagna, circa un quarto del modo in cui si in termini azionari,
ma quasi non in termini di flusso.
• Banca deleveraging-difficile da dire a causa della eterogeneità tra i paesi e le banche,
ma le grandi banche hanno fatto un sacco di progressi.
• la riforma-hard strutturale da dire, ma si stanno facendo progressi.
• Politiche riforma difficilmente ancora cominciato.
Prendendo tutto insieme, ci sosteniamo che, in media, la regione è di circa
a metà strada in termini di viaggi di regolazione del livello nazionale.

pagina 4
4
Economic Research Europe
La rettifica di Euro zona: circa metà strada
28 maggio 2013
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
Il viaggio di deleveraging sovrano
E ‘abbastanza facile per specificare il viaggio per sovrani perché il fiscal compact
delinea due obiettivi fiscali di medio termine. Per i paesi con un debito in rapporto al PIL di
più del 60%, il requisito è che stabiliscono un avanzo primario che si muove
il loro stock di debito fino al 60% del PIL più di venti anni. In caso contrario, fiscale
obiettivo è che la posizione strutturale non dovrebbe essere maggiore di un deficit di
0,5%.
La tabella a fianco calibri fino a che punto i paesi sono in questo cammino considerando il
progressi compiuti dopo l’letture deficit più estremi degli ultimi anni. Germania,
Lussemburgo e l’Estonia sono gli unici paesi della regione che soddisfano sia fiscale
obiettivi. Tra i paesi periferici, l’Italia è più lontana avanti nel cammino, con
75% completato. Altri paesi periferici, tra cui la Francia, hanno in genere
completato meno della metà del viaggio. Questi calcoli possono esagerare la
livello di avanzamento rispetto all’obiettivo debito, dovuto alla ipotesi semplificativa
che i costi medi di finanziamento sarà uguale a tassi di crescita nominali nel corso del tempo. Mentre questo è
una ipotesi ragionevole per i sovrani che emettono debito interno con la propria centrale
banca, non è chiaro se questo si applica alle economie periferiche della zona euro.
Nella misura in cui i costi medi di finanziamento superano crescita nominale, la richiesta
avanzi primari saranno più grandi. Ma, d’altra parte, questi calcoli non fanno
prendere in considerazione la probabilità di un’ulteriore ristrutturazione del debito ufficiale per il programma
paesi. Ufficiale ristrutturazione del debito rende, ovviamente, raggiungere l’obiettivo del debito
facile, almeno in un senso attuale valore netto, e rende anche soddisfare la strutturale
Obiettivo deficit più facile riducendo i pagamenti del servizio del debito.
Questa analisi suggerisce che, se si esclude la Germania, il Lussemburgo, l’Estonia, insieme
con l’Austria e la Finlandia, che hanno quasi soddisfatto le condizioni della fiscali
compatto, il resto della regione ha completato circa metà del percorso fiscale.
Tuttavia, questo non significa che la crescita nei prossimi anni sarà debole come
è stato in questi ultimi anni. A parte il ruolo di stress finanziario nella creazione
Viaggi di bilancio a medio termine
% Del PIL
2012
Distanza ancora da
viaggio
% Di viaggio
completato
2012
Distanza ancora da
viaggio
% Di viaggio
completato
Germania
0.3
0.0
100
2.6
0.0
100
Francia
-3.6
3.1
45
-2.3
4.1
41
Italia
-1.4
0.9
76
2.5
1.1
75
Spagna
-5.5
5.0
38
-4.5
6.3
44
Olanda
-2.6
2.1
42
-2.2
3.0
29
Belgio
-3.0
2.5
26
-0.5
2.6
35
Austria
-1.5
1.0
64
0.1
0.6
76
Grecia
-1.0
0.5
97
-1.0
6.8
58
Finlandia
-0.7
0.2
0
-0.8
0.7
47
Irlanda
-7.4
6.9
26
-3.9
7.1
44
Portogallo
-4.2
3.7
55
-1.4
4.6
56
Saldi strutturali per il 2012 sono dalla primavera del 2013 previsioni della Commissione europea. L’obiettivo è che la posizione strutturale dovrebbe essere superiore a –
0,5% del PIL. L’obiettivo per il saldo primario si basa sul raggiungimento di un debito in rapporto al PIL del 60% su un periodo di 20 anni, ipotizzando che gli oneri finanziari
sono pari a crescita nominale. Questi calcoli utilizzano i livelli di debito di picco della primavera del 2013 previsioni della Commissione europea. Posizioni primarie per il 2012 escludono
una tantum del valore di 4% del PIL in Grecia, 3,2% del PIL in Spagna e 0,6% del PIL in Portogallo. Fonte: Commissione europea e JP Morgan
Saldo strutturale per arrivare al -0,5% del PIL
Saldo primario per ottenere il debito al 60% del PIL

pagina 5
5
Economic Research Europe
La rettifica di Euro zona: circa metà strada
28 maggio 2013
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
macro debolezza, il ritmo di risanamento dei conti pubblici rischia di rallentare come la regione sposta la sua
attenzione a generare la crescita e ridurre la disoccupazione. Ma, vuol dire che
austerità fiscale è probabile che sia una caratteristica del paesaggio macro nell’area Euro per un
periodo molto esteso.
Il viaggio delle rettifiche di competitività
Abbiamo specificato il viaggio per le regolazioni di competitività partendo dal presupposto che
tassi di cambio reali interne della regione hanno bisogno di tornare ai livelli che
prevalso al momento del lancio di EMU. In sostanza, questo significa che i riconoscimenti visti nel
primo decennio della sua esistenza dell’UEM ha bisogno di essere completamente svolto. E ‘possibile che questo
obiettivo non è sufficientemente ambiziosa; vale a dire, che i tassi di cambio reali sono state allineate a
l’inizio dell’UEM. Ma, fornisce una metrica ragionevole come punto di partenza.
La tabella seguente calibri fino a che punto i paesi sono in questo cammino considerando il
progressi compiuti dopo l’disallineamenti più estremi degli ultimi anni. Con il
eccezione l’Italia, dove alcun progresso sembra essere stato fatto, ci sono stati
significative svalutazioni del tasso di cambio reale in tutto il resto della periferia, con
paesi che hanno completato il 70% -100% del viaggio necessario.
La debolezza della domanda che ha contribuito a deprimere i tassi di cambio reali ha anche aiutato
di ridurre gli squilibri delle partite correnti. Qui specifichiamo il viaggio in termini di
il raggiungimento di un saldo del conto corrente. Su questa base, il progresso significativo è stato
fatta attraverso la periferia. Tuttavia, è possibile che questo obiettivo non è ambizioso
basta: che alcuni di questi paesi hanno bisogno di generare surplus delle partite correnti in
Per svolgere il notevole accumulo di passività esterne che si sono verificati durante
il periodo di grandi disavanzi delle partite correnti.
Un avvertimento a questa analisi è che questi riallineamenti dei tassi di cambio reale e corrente
miglioramenti conto hanno successo solo a causa della domanda estrema debolezza, e
è necessario che un ulteriore aggiustamento per garantire che questi miglioramenti sono mantenuti
in caso di recupero.
Un altro punto di vista sulla regolazione della competitività può essere acquisita, cercando in
le esportazioni. Guardando a come le esportazioni si sono evoluti da prima della crisi, la Spagna davvero
spicca. L’imponente prestazioni delle esportazioni spagnole non riflette semplicemente la
Progressi compiuti con aggiustamenti competitivi
RUWC Mfg 4q12
% Di viaggio
completato
intero Rulc
economia 4q12
% Di viaggio
completato
Profilo corrente
2012
% Di viaggio
completato
Le esportazioni Variazione%
dal 1Q07
2005 = 100
2005 = 100
% Del PIL
Francia
102.3
100
103.4
0
-1.8
0
4.7
Italia
109.2
4
103.8
0
-0.5
86
-1.6
Spagna
92.4
74
95,0
86
-0.9
91
13.1
Portogallo
90,4
100
91,4
99
-1.9
85
8.5
Irlanda
81,3
100
87,1
100
5.0
100
10.0
Grecia
94,8
92
87,1
100
-5.3
65
n / a
Per il conto corrente, la percentuale di tragitto compiuto riferisce a equilibrare il conti correnti. Per competitività, la percentuale di tragitto compiuto è ristabilire
la competitività di nuovo in linea con cui è stato all’inizio della UEM. La competitività si riferisce ai relativi costi unitari dei salari nel settore manifatturiero e relativi costi unitari del lavoro in tutta l’economia, sia
rispetto al resto della zona euro. Per avere un riferimento, le esportazioni tedesche sono aumentate del 16,9% da inizio 2007. Fonte: JP Morgan, gli uffici statistici nazionali e Commissione europea

pagina 6
6
Economic Research Europe
La rettifica di Euro zona: circa metà strada
28 maggio 2013
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
miglioramento tasso di cambio reale. Inoltre, riflette l’adattabilità dello spagnolo
le imprese che hanno risposto al crollo della domanda interna spostando la loro
uscita verso i mercati esteri. Che la Spagna è stata in grado di fare questo per una maggiore
misura di altri paesi suggerisce un maggior grado di flessibilità sottostante.
Il viaggio di riduzione della leva finanziaria delle famiglie
La pressione sulle famiglie a delever non è uniforme in tutta l’area euro. È
concentrati in specifici paesi come la Spagna e l’Irlanda. In Spagna, ad esempio, in
2002 il debito delle famiglie in rapporto al reddito disponibile delle famiglie è stato lo stesso del
Zona euro nel suo complesso, a circa 77%. Al picco nel 2007, il debito delle famiglie in Spagna
era salito al 131% del reddito, mentre nella zona euro nel suo complesso è salito a solo
95%. Da allora, il debito delle famiglie spagnolo è diminuito a 124% del reddito, mentre la
vasta area media si è spostato fino al 100%.
Specifica di un viaggio per la riduzione della leva finanziaria delle famiglie è difficile perché non vi è alcuna chiara
modo per definire il livello di equilibrio di leva. Dato che l’area euro nel suo complesso
ha vissuto né un boom immobiliare né una massiccia espansione del debito delle famiglie,
sembra ragionevole per specificare il viaggio in termini di famiglie spagnole in movimento
il loro debito a income ratio di nuovo in linea con la media regionale. Questo sarebbe
comportare un ulteriore calo a circa il 100%. Se specifichiamo l’obiettivo in questo modo,
Famiglie spagnole hanno completato soltanto circa il 25% del viaggio in termini di
aggiustamento stock.
Ma, in termini di impatto della riduzione della leva finanziaria delle famiglie per la crescita economica, è
più opportuno considerare il livello di avanzo finanziario del settore delle famiglie. Se
consideriamo il viaggio per le famiglie spagnoli nello stesso modo che facciamo per
sovrani, che è, ciò che avanzo finanziario è necessario per mettere il debito su un ribasso
traiettoria, poi le famiglie hanno fatto molti più progressi. L’anno scorso, gli spagnoli
avanzo finanziario del settore delle famiglie è stata 1,3% del reddito disponibile lordo. Alcuni
semplici simulazioni mostrano che un avanzo finanziario di circa l’1,5% ridurrebbe il debito
al 100% del reddito dopo un decennio. Questo suggerisce che, mentre la riduzione della leva finanziaria delle famiglie
60
80
100
120
140
99
01
03
05
07
09
11
13
% Della famiglia disposableincome lordo
Il debito delle famiglie in Spagna e nella zona euro
Fonte: INE, BCE e JP Morgan
Spagna
zona euro

pagina 7
7
Economic Research Europe
La rettifica di Euro zona: circa metà strada
28 maggio 2013
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
è probabile che rimanga una caratteristica del paesaggio macro spagnola per il prossimo futuro,
la regolazione della portata richiesta dalle famiglie spagnole da qui è abbastanza modesto.
Inoltre, è probabile che sia più facile nei prossimi anni per le famiglie di mantenere un
surplus finanziario. Dal 2009, le famiglie, imprese non finanziarie, le banche, e la
governo hanno tutti cercato di delever insieme. L’azione di non finanziarie
imprese è stata particolarmente suggestiva; un cambiamento nella posizione finanziaria del settore
da un deficit del 10,9% del PIL nel 2008 ad un avanzo di 3,5% del PIL attualmente. Questo
tentativo simultaneo di delever redditi depressi, che è stato aggravato da
ulteriore stress dei mercati finanziari. L’ambiente macro è improbabile che sia come
difficile come questo nei prossimi anni, in modo da famiglie dovrebbe risultare leggermente più facile per
continuare a fare progressi con la riduzione della leva finanziaria.
Il viaggio di deleveraging bancario
Specifica di un viaggio per le banche e misurare dove siamo in quel viaggio è molto
stimolante. Possiamo usare obiettivi normativi per coefficienti patrimoniali, rapporti di leva, e
prestito ai rapporti di deposito. Per quanto riguarda la capitale è interessato, le grandi banche sono tenute a
ottenere un rapporto di core tier 1 capitale per attività di rischio ponderate pari al 9% (un nucleo minimo di
livello 1 del 4,5%, un buffer di conservazione del capitale del 2,5%, e un buffer SIFI del 2%). Nel nostro
calcoli che assumono un obiettivo del 10% perché le banche vogliono superare il minimo
richiesto. Regolatori globali tendono a stabilirsi su rapporti massimi leva
(definito come patrimonio complessivo diviso per capitale e riserve) di 25-33. CRD IV, che
definisce il quadro per l’UE, si sporge verso un limite alla estremità superiore di quella
gamma ma senza imporre un requisito essenziale. Nella nostra analisi, assumiamo un desiderato
leverage ratio di 33. Non ci sono requisiti aziendali per il prestito per depositare i rapporti, ma
regolatori sembrano incoraggiare le banche a muoversi verso un livello di 100% -120%.
Dati aggregati della BCE forniscono una prospettiva sulla regolazione finora. È
non è possibile utilizzare questi dati per creare un rapporto capitale, perché la BCE non fa
fornire una misura delle attività di rischio ponderate. Ma, questi dati possono essere utilizzati per esaminare
leva e prestito ai rapporti di deposito. A livello della regione nel suo complesso, la leva ha
caduto notevolmente negli ultimi anni, da un picco di 18,6 nel 2008 al 14 attualmente.
Attraverso una media dei paesi dell’area euro del nord, il leverage ratio si è ridotto di
Totale attività divise da capitale e riserve
Pre-crisi max
Più recente
Cambiamento
Austria
14.6
9.9
-4.8
Belgio
29.4
18.5
-10.9
Francia
19.1
16,7
-2.4
Finlandia
17,3
22.3
5.0
Germania
21.9
19.3
-2.6
Olanda
24.9
21,0
-3.9
Media
21.2
18,0
-3.3
Italia
14,7
11.0
-3.7
Spagna
16,0
8.8
-7.1
Media
15.3
9.9
-5.4
Portogallo
13.2
10.9
-2.4
Grecia
16,4
8.8
-7.6
Irlanda
24.3
8.5
-15,9
Media
18,0
9.4
-8.6
Fonte: BCE
Rapporto di prestiti alle famiglie e aziendali ai depositi (%)
Pre-crisi max
Più recente
Cambiamento
Austria
108.0
99,9
-8.1
Belgio
87,9
58,7
-29,3
Francia
143,7
125.0
-18,7
Finlandia
165,6
166.1
0.5
Germania
135,8
105.1
-30,7
Olanda
155.1
135,8
-19,4
Media
132.7
115.1
-17,6
Italia
170,3
134.9
-35,4
Spagna
215.7
160.0
-55,8
Media
193,0
147.4
-45,6
Portogallo
171.9
151.8
-20,1
Grecia
95,9
138,7
42.8
Irlanda
255.2
163,2
-91,9
Media
174,3
151.2
-23,1
Fonte: BCE

pagina 8
8
Economic Research Europe
La rettifica di Euro zona: circa metà strada
28 maggio 2013
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
poco più di 3 punti rispetto al picco pre-crisi. In Italia e in Spagna, la regolazione in
leva finanziaria complessiva è stata più grande, mentre in Irlanda e in Grecia è stato ancora maggiore.
In generale, i dati aggregati segnalati dalla BCE indicano che le banche in modo confortevole
soddisfare i rapporti di leva richiesti.
Nel frattempo, i dati aggregati BCE indicano anche che il progresso significativo è stato
realizzato in rotazione verso le fonti più stabili di finanziamento, ma il quadro è più
mescolato che per fare leva. Tra i paesi del nord dell’area euro, esclusi Finlandia,
rapporti di prestiti a depositi sono diminuiti notevolmente. Ma, i dati aggregati per la Francia
e Paesi Bassi rimangono al di sopra della gamma 100% -120% che i regolatori hanno
gravitato verso come la norma. Riduzioni di rapporti di prestiti a depositi in altre parti
la regione potuto essere più drammatico, con l’eccezione della Grecia che ha subito
volo di deposito sostanziale. Ma, anche dopo cali marcati dai loro picchi post-crisi,
rapporti di prestiti a depositi rimangono ben al di sopra del 120% in Italia, Spagna, Portogallo, e
Irlanda. Per alcuni di questi paesi, l’immagine è un po ‘fuorviante a causa della
popolarità di obbligazioni vendute ai clienti al dettaglio. Questi non sono inclusi nel prestito
rapporto di deposito, ma pensiamo che dovrebbero essere.
Un’altra finestra sulla regolazione è fornita da guardando un campione della più ampia
Le banche dell’area euro. Qui consideriamo i dati riportati da 36 dei più grandi gruppi bancari
nella regione. Insieme, i loro beni sono quasi il 60% degli attivi bancari totali nel
Area euro. I messaggi sulla leva finanziaria banca globale e cambiamenti nel mix di finanziamento
sono simili a quelle che emergono dai dati aggregati della BCE. Il calo della leva finanziaria
nel campione ha preso la banca mediana verso il basso per un rapporto di leva di 18 volte il capitale,
al di sotto delle soglie regolamentari. Leverage è sceso più rapidamente tra i
banche con maggiore leva generale, portando il terzo quartile della distribuzione
Variazione di bilancio tra i 36 più grandi banche dell’area Euro
Pre-crisi
Più recente
Cambiamento
% Journey
Leverage (Totale attivo / Patrimonio netto)
Mediano
23.1
18,0
-5.1
100
terzo quartile
35.2
24.7
-10.5
100
Prestiti a rapporto di deposito
Mediano
157.0
126,7
-30,3
82
terzo quartile
172.9
145,7
-27,2
51
Core Tier 1 capital ratio
Mediano
5.9
11.2
5.3
100
terzo quartile
5.3
10.4
5.1
100
Solo le banche italiane e spagnole (11 banche)
Leverage (Totale attivo / Patrimonio netto)
Mediano
18.1
14.6
-3.5
100
terzo quartile
21.1
17,4
-3.7
100
Prestiti a rapporto di deposito
Mediano
168,5
132.4
-36,1
74
terzo quartile
180.8
172.8
-8.0
13
Core Tier 1 capital ratio
Mediano
5.5
10.4
4.9
100
terzo quartile
5.2
10.1
4.9
100
Fonte: elaborazioni SNL finanziari e JP Morgan. Viaggio% si riferisce alla regolazione di estrema pre-crisi
rapporto di leva di 33, prestito al rapporto di deposito del 120%, e la quota di capitale del 10%.

pagina 9
9
Economic Research Europe
La rettifica di Euro zona: circa metà strada
28 maggio 2013
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
verso livelli regolatori saranno a proprio agio. Ma, i progressi nella riduzione prestito
rapporti di deposito è meno avanzata, con il terzo quartile della distribuzione
che mostra un rapporto ben al di sopra orientamenti normativi. I progressi sul rapporto tra il patrimonio di
attività di rischio ponderate, tuttavia, è più positivo, sia con la banca mediana nel
campione e il terzo quartile ora soprattutto il rapporto 10%.
Nonostante una opinione diffusa che la riduzione della leva finanziaria banca ha ancora una lunga strada da percorrere, il nostro
analisi suggerisce una notevole quantità di progressi sono stati fatti. Infatti, nel nostro
analisi bottom-up, la grande banca mediana nella regione ha completato il viaggio di
leva finanziaria accettabile e capitali rapporti, e ha quasi completato il viaggio per la
prestito al rapporto di deposito. Ci sono due sfide chiave per questa visione piuttosto ottimistica. Uno
sfida viene dalla valutazione delle attività. Nella misura in cui le attività non sono stati
valutato in modo appropriato, questi parametri saranno esagerare la misura in cui il progresso ha
stato fatto. La seconda sfida viene dai diversi modi in cui la zona euro
sistema bancario è segmentato, tra grandi e piccole banche e tra i core e
banche periferici. Ciò rende molto difficile dipingere una singola immagine per il viaggio
di Euro deleveraging zona banca.
Il viaggio di riforma strutturale
Specifica di un viaggio per la riforma strutturale è molto difficile. Lo stato strutturale
economia deve essere misurato; ciò che ha bisogno di cambiare deve essere identificato; l’entità
la modifica necessaria deve essere calibrato; e dobbiamo essere in grado di valutare dove
siamo in tempo reale.
In generale, ci sono tre modi per valutare direttamente la salute di una economia
dal punto di vista strutturale. Il primo è quello di esaminare gli indicatori basati sui risultati, come
i tassi di partecipazione e di disoccupazione di lunga durata per misurare quanto le rigidità possono essere
impedendo il funzionamento dell’economia. Il secondo è quello di guardare quantitativa
indicatori della struttura legale di un’economia, come quelli prodotti dalla Fraser
Institute, la Banca Mondiale, e l’OCSE. E il terzo è quello di guardare al sondaggio basati su
0
50
100
150
200
250
300
0
20
40
60
80
100
Indice di leva finanziaria (totale attivo / patrimonio netto)
Prestito al rapporto di deposito (%)
Regolazione postcritica dalle grandi banche dell’area dell’euro
Puntini solidi sono la fine del 2012
Puntini Hollow sono
pre-crisi
Le linee tratteggiate mostrano maxima
byregulators suggerite
Fonte: SNL Financial e JPMorgan

pagina 10
10
Economic Research Europe
La rettifica di Euro zona: circa metà strada
28 maggio 2013
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
misure di percezione di come sia facile lavorare in un’economia delle persone d’affari,
come quello prodotto dal World Economic Forum.
Una difficoltà immediata è che questi diversi indicatori non necessariamente dipingere la
stessa immagine. Forse questo non è sorprendente dal momento che le economie sono molto complicati
sistemi. C’è anche il problema di quello che dicono gli statuti legali (come descritto dal
Fraser Institute, la Banca Mondiale, e l’OCSE) e come questi statuti sono
interpretato dalla burocrazia e magistratura (come suggerito dal World Economic
Forum). Un modo per cercare di sintetizzare tutte queste informazioni è quello di creare una media di
la classifica in tutti gli indicatori. Questo è ciò che viene fatto nella tabella precedente.
Guardando attraverso una vasta gamma di indicatori, Paesi Bassi esce come l’Euro
economia dell’area nella migliore forma strutturale, seguito da vicino da Irlanda e Finlandia.
Nella parte inferiore della gamma giacere Portogallo, Italia e Grecia. La Germania è nella metà superiore
mentre la Francia è nella metà inferiore. Questo confronto non specifica esattamente cosa
deve essere fatto. Invece si mostra semplicemente che i paesi devono fare di più. Dato
la complessità delle istituzioni del lavoro e del mercato dei prodotti, riforma strutturale deve essere
misura per situazioni particolari.
Né questo confronto ci dice dove siamo in tempo reale. Un certo numero di questi
Gli indicatori sono in ritardo la realtà, a volte da un paio di anni. Ad esempio, 2012
Rapporto Fraser Institute analizza i dati per il 2010. dati dell’OCSE sono ancora più fuori
Questa tabella mostra la media classifica in tutta
Paesi dell’area dell’euro attraverso il seguente
indicatori: tasso di partecipazione femminile (età 15-
64); tasso di partecipazione maschile (età 55-64 anni);
Fraser Institute regolamentazione del mercato del lavoro;
Fraser Institute regolamento aziendale; Mondo
Bank facilità complessiva di fare business; OCSE
Tutela del lavoro legislazione; OCSE
Regolamento Mercati del prodotto; World Economic
Forum efficienza del mercato del lavoro; Mondo
Economic Forum efficienza del mercato merci.
Classifiche media di vari indicatori
Posto
Olanda
2.8
Irlanda
3.1
Finlandia
3.2
Germania
4.5
Austria
4.9
Belgio
6.4
Spagna
7.4
Francia
7.7
Portogallo
7.9
Italia
8.0
Grecia
10.1
Fonte: Eurostat, OCSE, Fraser Institute, la Banca Mondiale, e WEF
JP Morgan
Effetto previsto di italiani 2012 riforme strutturali
Indicatore
2.008 attuale
Più recente
2013
previsto
R² di
regressione
Media
1.90
1.65
EPL
2.38
2.08
PMR
1.32
1.22
Complessivamente
6.87
6.73
6.83
0.66
Lavoro
6.34
6.48
7.08
0.74
Attività commerciale
5.39
5.59
5.66
0.15
OCSE
Fraser Institute
Per i dati Ocse, una lettura più elevato indica una minore flessibilità. Per il Fraser Institute, un
indicatori di lettura più elevate maggiore flessibilità. Fonte: OECD, Fraser Institute e JP Morgan
Impatto del 2012 riforme italiane classifiche
Rango
Ultime reale
Prevista per il 2013
Legislazione a tutela dell’occupazione
14
11
Regolamentazione del mercato del prodotto
15
11
La libertà economica complessiva
83
79
Regolamentazione del mercato del lavoro
72
56
regolamento Affari
100
95
Questa tabella utilizza l’impatto stimato delle riforme del prodotto e del mercato del lavoro sulla classifica
L’Italia in questi vari sondaggi, assumendo che non cambiamenti in tutti gli altri paesi.
Fonte: OECD, Fraser Institute e JP Morgan
Fraser Institute (144 paesi)
OCSE (20 paesi)

pagina 11
11
Economic Research Europe
La rettifica di Euro zona: circa metà strada
28 maggio 2013
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
Data: essi coprono 2008. Gauging dove siamo in tempo reale è una sfida enorme a causa di
la complessità di molte riforme. Abbiamo condotto un esercizio cercando di rispondere
questa domanda appositamente per l’Italia.
Nel corso del 2012, il governo Monti ha introdotto riforme del mercato dei prodotti ad ampio raggio
che copre l’energia, i trasporti e servizi professionali. L’obiettivo delle riforme è stato quello di
ridurre le tariffe e aumentare la flessibilità. Ha inoltre introdotto riforme del mercato del lavoro per
ridurre i costi di licenziamento, di promuovere l’apprendistato, decentrare accordi salariali, e
liberalizzazione dei servizi di collocamento.
La stima come queste riforme avranno un impatto le varie misure di struttura
accennato in precedenza non è facile. Un modo per farlo è quello di utilizzare il Tesoro italiano del
stime di quanto le riforme hanno avuto un impatto le misure OCSE del lavoro e
struttura del mercato del prodotto. Secondo il Tesoro italiano, mercato del lavoro 2012
riforme hanno ridotto l’OCSE Employment Index legislazione sulla protezione da 0.3pt,
mentre le riforme del mercato del prodotto 2012 hanno ridotto il mercato del prodotto OCSE
Indice regolamentazione da 0.1pt (letture inferiori a questi indicatori indicano meno restrittivo
del lavoro e mercati dei prodotti).
Possiamo usare queste stime, insieme ad alcune regressioni bivariate, per stimare come il
2012 riforme hanno avuto un impatto gli indici Fraser Institute, che sono anche le misure
di struttura giuridica. Non siamo in grado di fare questo per la Banca Mondiale Doing Business
indagine a causa della mancanza di dati sufficienti. La tabella della pagina precedente fornisce
previsioni per il modo in cui questi indicatori si muoveranno dalle ultime letture (prima della
riforme) a 2013 letture (dopo le riforme). Non sorprendentemente, tutti questi indicatori
dimostrano che le riforme 2012 hanno migliorato la struttura dell’economia italiana.
In termini di misurare l’entità del miglioramento, possiamo calcolare dove Italia
sarebbe rango in queste indagini dopo le riforme del 2012, partendo dal presupposto che nulla ha
cambiato in qualsiasi altro paese. Ciò è dimostrato anche nella pagina precedente. Così, per
esempio, classifica l’Italia nell’indicatore Fraser Institute della regolamentazione del mercato del lavoro
migliorerebbe da 72 a 56. Se si confronta il valore di indice stimato per il 2013 con
3.5
4.0
4.5
5.0
1.0
1.5
2.0
2.5
3.0
3.5
OECD Employment Protection Index 2008
WEF l’efficienza del mercato del lavoro 2008
Gli indicatori del mercato del lavoro
Fonte: WEF e l’OCSE
Irlanda
Italia
linea di tendenza
Portogallo

pagina 12
12
Economic Research Europe
La rettifica di Euro zona: circa metà strada
28 maggio 2013
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
il migliore della regione (che è l’Irlanda), allora sarebbe pensare che l’Italia ha fatto un
ragionevole passo verso le migliori pratiche nella regione.
Questa analisi suggerisce che le riforme 2012 rappresentano un progresso, ma c’è di più per
fare. Tuttavia, soprattutto per l’Italia, migliorando le prestazioni strutturali del
economia non si tratta solo di riformare le leggi. Si tratta anche di cambiare la burocrazia
e il sistema giudiziario. Questo è evidente guardando il rapporto tra
misure quantitative di struttura, come ad esempio le misure OCSE di occupazione
legislazione di protezione e di mercato del prodotto regolamenti e le percezioni delle imprese
persone. Secondo l’OCSE, l’Italia non è troppo lontano dalla media area euro. Ma,
gli indici WEF mostrano che la percezione di business di lavorare in merci italiane e
i mercati del lavoro sono molto più poveri. Ciò suggerisce che il problema è tanto su come
le leggi vengono interpretate dalla burocrazia e la magistratura, in quanto si tratta di leggi
loro stessi.
Il viaggio di riforma politica nazionale
All’inizio della crisi, si è generalmente che i problemi nazionali preesistenti
erano di natura economica. Ma, come la crisi si è evoluto, è diventato evidente che
ci sono profonde seduti problemi politici della periferia, che, a nostro avviso, devono
cambiare se EMU sta per funzionare correttamente nel lungo periodo.
I sistemi politici in periferia sono stati stabiliti in seguito
la dittatura, e sono state definite da questa esperienza. Costituzioni tendono a mostrare una
forte influenza socialista, che riflette la forza politica che ha lasciato partiti di guadagnato
dopo la sconfitta del fascismo. I sistemi politici intorno alla periferia genere visualizzano
più delle seguenti caratteristiche: i dirigenti deboli; stati centrali deboli relativi a
regioni; tutela costituzionale dei diritti dei lavoratori; sistemi di costruzione del consenso che
favorire clientelismo politico; e il diritto di protestare se vengono apportate modifiche indesiderate al
lo status quo politico. Le carenze di questa eredità politica sono stati rivelati
dalla crisi. Paesi in tutto il perimetro sono state parzialmente successo solo in
la produzione di programmi di riforma fiscali ed economiche, con i governi vincolati da
4.0
4.3
4.6
4.9
5.2
5.5
0.5
1.0
1.5
2.0
2.5
Regolamento OCSE del mercato dei prodotti Index 2008
WEF l’efficienza del mercato merci 2008
indicatori di beni di mercato
Fonte: WEF e l’OCSE
Irlanda
Italia
linea di tendenza
Portogallo
Spagna
Belgio
Austria

pagina 13
13
Economic Research Europe
La rettifica di Euro zona: circa metà strada
28 maggio 2013
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
Costituzioni (Portogallo), regioni potenti (Spagna), e l’ascesa di partiti populisti
(Italia e Grecia).
Vi è un crescente riconoscimento della portata di questo problema, sia nel core e nello
la periferia. Change sta cominciando a prendere posto. La Spagna ha adottato misure per affrontare alcune delle
le contraddizioni del insediamento post-Franco con la legislazione dello scorso anno che consente
più da vicino la sorveglianza fiscale delle regioni. Ma, fuori dalla Spagna poco è accaduto finora.
Il test chiave per il prossimo anno sarà in Italia, dove il nuovo governo in modo chiaro
ha l’opportunità di impegnarsi in riforme politiche significative. Ma, in termini di idea
di un viaggio, il processo di riforma politica è appena iniziata.
Le macro conseguenze della gestione delle crisi
Non è possibile sviluppare una storia macro per la zona Euro senza avere un
narrazione della gestione delle crisi. La narrazione che abbiamo gettato eredità out-nazionale
problemi devono essere affrontati a livello nazionale prima di ulteriori passi di integrazione
che coinvolge la condivisione dei rischi / oneri vengono presi-ha avuto un enorme impatto sulla macro
economia, creando debolezza generale e divergenza significativa.
Una valutazione ottimistica direbbe che la regione è solo a metà strada lungo il cammino della
affrontare questi problemi legacy. A prima vista, questo sembra essere molto deprimente.
In termini macro, la regione non sarebbe in grado di far fronte con altri tre anni come la
ultimi tre. Ma, la regolazione in corso non significa recessione in corso. La questione chiave per
la crescita è come i venti contrari provenienti dalla regolazione si sta affievolendo.
Al fine di prevedere la crescita economica della regione, usiamo un quadro semplice che
parte dal potenziale di crescita della regione e quindi calibri l’impatto delle varie forze
che può essere ragionevolmente ben identificato (l’orientamento della politica monetaria, la politica fiscale, la
tasso di cambio, la crescita globale, e le ragioni di scambio). Questo lascia un inspiegabile
residuo per l’intero esercizio a sommare. Questo residuo riflette l’impatto combinato
delle condizioni finanziarie, riduzione della leva finanziaria, e il sentimento.
Questo quadro aiuta a spiegare il passaggio in recessione alla fine del 2011.
Anche se la politica fiscale è diventato un peso più grande, l’ulteriore effetto non era così grande.
Nessuno degli altri motori di crescita insufficienti per spiegare il grande negativo
deterioramento della dinamica di crescita, quindi non ci resta che concludere che la causa primaria
del ritorno alla recessione è stata l’inasprimento delle condizioni finanziarie che ha avuto inizio nel
metà del 2011. Presumibilmente, il declino delle famiglie e delle imprese sentimento era
guidato anche dal drammatico aumento di stress finanziario.
Per quanto riguarda quest’anno, una serie di venti contrari stanno scomparendo: austerità fiscale, i termini di
commercio, e il contesto globale. Un giudizio chiave che deve essere fatto è la dimensione della
vento contrario residua. Le nostre previsioni anticipa alcun cambiamento rispetto allo scorso anno. Questo sembra un
ipotesi molto conservativa. oneri finanziari all’ingrosso sono diminuiti drasticamente
dall’anno scorso. Anche a livello di vendita al dettaglio, gli oneri finanziari sono più bassi. Le banche sono ancora
stringere gli standard di prestito, ma non così severamente come all’inizio dello scorso anno. La nostra vista qui
è che una ripresa ciclica dell’attività attiverà un miglioramento dei flussi di credito, piuttosto
rispetto al contrario.

pagina 14
14
Economic Research Europe
La rettifica di Euro zona: circa metà strada
28 maggio 2013
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
Anche se ci aspettiamo un’uscita dalla recessione, l’ancora sostanziale viaggio di
Regolazione suggerisce che la crescita è probabile che rimanga poco brillante per un periodo prolungato.
Questo è improbabile che cambi a meno che la regione si muove più rapidamente di area vasta
condivisione degli oneri (con un’unione bancaria il più avanzato in termini di trattative) o
la BCE diventa molto più aggressivo.
Il percorso di una unione bancaria è molto chiaro al momento. Molti stanno spingendo per
accordi rapidi di risoluzione, ricapitalizzazione e garanzie dei depositi a rapidamente
seguire l’accordo sul meccanismo di controllo singola. Ma, in linea con la sua
approccio alla gestione delle crisi, la Germania sta cercando di rallentare il processo, utilizzando
la tesi secondo cui è necessaria modifica del trattato per mettere condivisione del rischio di bilancio e onere
condivisione su una solida base giuridica. Più chiarezza arriverà a giugno, dopo l’Eurogruppo
incontro che saranno d’accordo sullo strumento ricapitalizzazione delle banche ESM e l’UE
vertice leader ‘che discuterà il viaggio più ampio per una maggiore integrazione.
Per il momento, la BCE è incline a muoversi con molta cautela, riflettendo una visione pessimistica
del lato dell’offerta dell’economia e la preoccupazione per il rischio morale. Un senso di ciò che
potrebbe essere raggiunto dalla banca centrale, se si dovesse ritenere di essere più aggressivo è
illustrato nel grafico nella pagina seguente, che mostra la relazione tra
crescita della domanda interna negli ultimi tre anni e austerità fiscale. area centrale di euro
i paesi sono abbastanza vicino alla linea che rappresenta un moltiplicatore fiscale di 1,0. quelli
paesi che hanno sperimentato una maggiore stress finanziario / bancario, Italia, Spagna,
Portogallo e Paesi Bassi, hanno visto la domanda di eseguire più male di quanto sarebbe
sono stati attesi sulla base della politica di bilancio da soli. Questo dimostra sia la diretta
effetti dello stress finanziario per le banche e gli effetti indiretti di stress finanziario come si solleva
la dimensione del moltiplicatore fiscale. Al contrario, sia negli Stati Uniti e Regno Unito hanno visto più
la crescita della domanda di quanto ci si sarebbe aspettato sulla base della politica di bilancio da soli.
Non tutti che possono essere messi giù a differenze di politica monetaria; ci sono anche
differenze stato in ricapitalizzazione delle banche e dei movimenti valutari. Ma, questo semplice
analisi suggerisce che la BCE potrebbe avere un effetto significativo sulla crescita della domanda
anche in un ambiente deleveraging, se fosse disposto ad essere aggressivo.
Euro ripartizione crescita dell’area
% Q / q, Saar
2011
2012
2013E
Cambiamento
2012/2011
Cambiamento
2013E / 2012
Crescita potenziale
1.3
1.3
1.3
0.0
0.0
la politica monetaria convenzionale
1.2
1.6
1.6
0.4
0.0
Politica fiscale
-1.0
-1.7
-0.9
-0.7
0.8
Tasso di cambio
0.0
0.4
-0.4
0.4
-0.8
la crescita globale
-0.1
-0.2
0.0
-0.1
0.2
Ragioni di scambio
-0.3
-0.2
0.2
0.1
0.4
Inventario
-0.2
-0.4
0.0
-0.2
0.4
Residua – Condizioni finanziarie /
sentimento / riduzione della leva finanziaria / NPL
-0.3
-1.7
-1.7
-1.4
0.0
PIL reale
0.6
-0.9
0.1
-1.5
1.0
PIL è q / q Saar. La politica monetaria è il divario tra un normale tasso di interesse nominale del 3,25% e il tasso di interesse overnight effettivo moltiplicato per
0.5. La politica fiscale è la valutazione della Commissione europea del cambiamento nella posizione corretta per il ciclo primario corretto per una tantum. Il
moltiplicatore fiscale si presume essere 1.0.The effetto cambio è il quarto media sul cambiamento quarto nel commercio nominale ampia ponderata
tasso di cambio moltiplicato per 4 e poi moltiplicato per meno 0,10. Un piccolo trascinamento aggiuntivo è stato aggiunto l’effetto di valuta di quest’anno per prendere
conto della debolezza dello yen. effetto della crescita globale è del PIL potenziale globale trimestrale annualizzato meno (3.1) moltiplicata per 0,2. Le ragioni di scambio
effetto è headline CPI (ex tasse)% oya meno 2%, moltiplicato per 0,6. Le tasse sono escluse dalla inflazione per evitare il doppio conteggio con il bilancio
impatto politico. Il componente condizioni finanziarie / sentimento è il residuo in passato. Fonte: CE, gli uffici statistici nazionali e JP Morgan

pagina 15
15
Economic Research Europe
La rettifica di Euro zona: circa metà strada
28 maggio 2013
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
Attualmente, la nostra previsione non si assume eventuali misure supplementari dalla BCE.
Tuttavia, la crescita dovrebbe salire gradualmente a circa l’1% su base annua -1,5%
e rimanere vicino a quel ritmo per il prossimo futuro. Questo sarebbe sufficiente a
stabilizzare la disoccupazione dell’area dell’euro, ma non abbastanza per riportarlo verso il basso. Inoltre,
anche la ripresa della crescita, la regione è destinato a rimanere sensibili agli urti.
Un’ultima domanda cruciale è quello che chiederà la Germania ad accettare una nuova narrative-
la condivisione a livello regionale essenzialmente maggiore rischio / onere. A nostro avviso, ci sono due
modi in cui questo potrebbe accadere: in primo luogo, quando sono stati compiuti progressi significativi nel
regolazioni nazionali; o seconda, se vi è un irresistibile accumulo di politica e
pressione sociale intorno alla periferia.
Molto probabilmente, questi viaggi a livello nazionale non hanno bisogno di essere completato per intero in
Per conseguire ulteriori passi verso l’integrazione, in particolare la creazione di un bancaria
unione. Questo è probabilità di sviluppare nei prossimi anni, anche se il livello nazionale,
viaggi sono ancora in corso. Ma, per la Germania per essere confortevole, più progressi esigenze
da effettuare quello che abbiamo visto finora, a nostro avviso. Ma, alcuni ulteriori passi di
l’integrazione, ad esempio una unione fiscale che potrebbero sostenere Eurobond-sarebbe probabilmente
richiedono ancora ulteriori progressi, soprattutto in termini di riforme politiche a livello nazionale. In
nostro punto di vista, è improbabile che la Germania avrebbe accettato di eurobond, senza una significativa
cambiare in costituzioni politiche intorno alla periferia.
L’altro innesco di uno spostamento verso una nuova narrazione sarebbe se dislocazione sociale nel
zona euro sono stati giudicati per aver superato una qualche forma di punto di non ritorno. Allo stato attuale questo
sembra improbabile, ma è possibile che la riforma stanchezza potrebbe portare i) il crollo del
diversi riforma mentalità governi nel sud europea, ii) un crollo a sostegno
per l’Euro o l’UE, iii) la vittoria assoluta elettorale radicale anti-europea
partiti da qualche parte nella regione, o iv) l’effettiva ingovernabilità di alcuni
Gli Stati membri una volta i costi sociali (in particolare la disoccupazione) passare un particolare livello.
Nessuno di questi sviluppi guardare probabile al momento attuale. Ma, a più lungo termine
immagine (oltre i prossimi 18 mesi) è difficile da prevedere, e una più pronunciata
contraccolpo per l’attuale approccio alla gestione delle crisi non può essere esclusa.
-5.0
-4.0
-3.0
-2.0
-1.0
0.0
1.0
2.0
3.0
0.0
1.0
2.0
3.0
4.0
5.0
6.0
7.0
8.0
Ch. in CYC. agg. saldo primario,% del PIL, 2009-2012
La crescita media della domanda interna,% Oya, 2010-2012
Variazione cyclicallyadjusted balanceand primaria domanda media di crescita 2009-2012
Fonte: CE, OBR e gli uffici statistici nazionali
Austria
Italia
Impatto della politica fiscale assumendo
fiscale 1.0and multiplierof
potenziale di crescita di 1.3
Portogallo
Spagna
Belgio
NOI
UK
Regno Unito più nowcast
Francia
Germania
Olanda

pagina 16
16
Economic Research Europe
La rettifica di Euro zona: circa metà strada
28 maggio 2013
Malcolm Barr
(44-20) 7134-8326
malcolm.barr@jpmorgan.com
David Mackie
(44-20) 7134-8325
david.mackie@jpmorgan.com
Recenti JP Morgan Problematiche
Al di là di “tutto il possibile”: sfide di politica della BCE nel prossimo anno, Mackie, Barr, Fuzesi, Feb 2013
Più crescita, meno paura: 2013 prospettive economiche globali, Kasman, Hensley, Lupton, gennaio 2013
Il tempo è sempre ora: l’introduzione di nowcaster globale di JP Morgan, Lupton, Hensley, Kasman, Brun-
Aguerre, settembre 2012
Verso una molto più grande di bilancio della BCE , Mackie, Wadhwa, Normand, luglio 2012
L’impatto globale della crisi dell’area euro , Kasman, Hensley, Lupton, Giugno 2012
Produzione globale pone nello straordinario come altri settori dawdle , Kasman, Hensley, Lupton, maggio 2012
Percorso doloroso della zona euro a Eurobond, David Mackie, Malcolm Barr, Nicola Mai, febbraio 2012
Prospettive economiche globali 2012: veniamo ciclico, Bruce Kasman, Joseph Lupton, David Hensley, gennaio 2012
Giappone sulla buona strada per diventare un importatore di capitale, Masaaki Kanno, gennaio 2012
Nulla da nascondere: EM decelerazione al fianco degli Stati Uniti e la zona euro , Joseph Lupton, David Hensley, Luis
Oganes ottobre 2011
Scodinzolante il cane: potenti oscillazioni EM fuoriuscita di inflazione a DM , J. Lupton, D. Hensley, luglio 2011
Ripercussioni globali del terremoto giapponese , Joseph Lupton, David Hensley, Marzo 2011
Un modo per uscire dalla crisi UEM fiscale, Joseph Lupton, David Mackie, dicembre 2010
Bloccato in un solco bassa inflazione, Joseph Lupton, David Hensley, ottobre 2010
La sostenibilità del debito del governo in età di attivismo fiscale, Joseph Lupton, David Hensley, giugno 2010
Uscite delle banche centrali e le prestazioni FX , Joseph Lupton, Gabriel de Kock, dicembre 2009
Sfida JGB: esplosione del debito pubblico in mezzo a cadere risparmio interno , Masaaki Kanno, Masamichi Adachi,
Reiko Tokukatsu, Hitomi Kimura, ottobre 2009
Produzione di rimbalzo per lanciare la ripresa globale , David Hensley, Joseph Lupton, luglio 2009
Attacco Slack: bassi indici di utilizzazione, disinflazione, la risposta politica globale , Joseph Lupton, David Hensley,
maggio 2009
Bouncing verso malessere: una tabella di marcia per il prossimo espansione degli Stati Uniti, Bruce Kasman, Michael Feroli,
Robert Mellman, Nikolaos Panigirtzoglou, Maggio 2009
Compensazione degli analisti: gli analisti La ricerca responsabile per la preparazione di questo rapporto ricevono una compensazione basata su diversi fattori, tra cui la qualità e la precisione della ricerca, feedback dei clienti,
fattori competitivi, e ricavi complessivi dell’impresa. Trading principale: JPMorgan e / o delle sue affiliate normalmente fanno un mercato e il commercio come principale in titoli a reddito fisso discussi in questo rapporto. legale
Entità: JP Morgan è il marchio globale per JP Morgan Securities LLC (JPMS) ed i suoi affiliati non statunitensi in tutto il mondo. JP Morgan Cazenove è un marchio di ricerca azionaria prodotto da JP
Morgan Securities plc; JP Morgan Equities Sud Africa Proprietary Limited; JPMorgan Chase Bank, NA, Dubai Branch; e JP Morgan Bank International LLC. JPMorgan Securities Inc. è un membro
di NYSE e SIPC. JPMorgan Chase Bank, NA è membro della FDIC ed è autorizzata e regolamentata nel Regno Unito dalla Financial Services Authority. JP Morgan Futures Inc., è un membro della NFA. JP
Morgan Securities plc (JPMS plc) è un membro del London Stock Exchange ed è autorizzata e regolamentata dalla Financial Services Authority. JP Morgan Equities Sud Africa Proprietary Limited è una
membro del Johannesburg Securities Exchange ed è regolata dalla Financial Services Board. JP Morgan Securities (Asia Pacific) Limited (CE numero AAJ321) è regolato dalla Hong Kong
Monetary Authority. JPMorgan Chase Bank, NA, filiale di Singapore e JP Morgan Securities Singapore Private Limited sono regolati dalla Monetary Authority of Singapore. JPMorgan Securities Japan
Co., Ltd. è regolamentata dalla Financial Services Agency in Giappone. JP Morgan Australia Limited (JPMAL) (ABN 52 002 888 011 / AFS della licenza: 238188) è regolata da ASIC e JP Morgan Securities
Australia Limited (JPMSAL) (ABN 61 003 245 234 / AFS della licenza: 238066) è regolata da ASIC ed è un mercato, compensazione e regolamento partecipante di ASX Limited e CHI-XJPMorgan Arabia
Arabia Ltd. è autorizzata dall’Autorità Capital Market del Regno dell’Arabia Saudita (CMA), numero di licenza 35-07.079. Generali: Le informazioni sono state ottenute da fonti ritenute attendibili, ma
JPMorgan non garantisce circa la loro completezza o accuratezza, tranne per quanto riguarda l’informativa relativa a JPMS e / o delle sue affiliate e il coinvolgimento dell’analista con l’emittente. Opinioni e le stime
costituire il nostro giudizio alla data di questo materiale e sono soggette a modifiche senza preavviso. I rendimenti passati non sono indicativi di risultati futuri. Gli investimenti e le strategie discusse possono non essere adatti
a tutti gli investitori; se avete dei dubbi si deve consultare il consulente d’investimento. Gli investimenti discussi possono fluttuare nel prezzo o del valore. Le variazioni dei tassi di cambio possono avere un effetto negativo sulla
il valore degli investimenti. Questo materiale non è inteso come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. JPMorgan e / o delle sue affiliate e dipendenti possono agire come agente di collocamento,
consulente o mutuante rispetto ai titoli o emittenti cui si fa riferimento in questa relazione .. I clienti devono contattare gli analisti di ed eseguire transazioni attraverso una entità JPMorgan nel proprio paese, a meno che
legge applicabile consenta un trattamento diverso. Questa relazione non dovrebbe essere distribuito ad altri o replicato in qualsiasi forma senza il previo consenso di JPMorgan. Area Regno Unito e economico europeo (SEE): la ricerca di investimento
rilasciato da JPMS controllore è stato redatto in conformità con le politiche di JPMS PLC per la gestione dei conflitti di interesse in relazione a Investment Research. Questo rapporto è stato rilasciato nel Regno Unito solo per
persone di una specie di cui all’articolo 19 (5), 38, 47 e 49 del 2000 (Financial Promotion) Order 2001 Servizi e dei mercati finanziari Act (tutti questi soggetti sono definiti come “soggetti rilevanti”). Questo
documento non deve essere agito o invocato da persone che non sono rilevanti. Qualsiasi attività di investimento o di investimento a cui questo documento si riferisce è disponibile solo alle persone rilevanti e sarà impegnata in
solo con queste persone. In altri paesi del SEE, la relazione è stata rilasciata a persone considerate come investitori professionali (o equivalenti) nella loro giurisdizione. Giappone: C’è il rischio che si verifichi una perdita
a causa di una variazione del prezzo delle azioni nel caso di compravendita di azioni, e che una perdita può verificarsi a causa del tasso di cambio nel caso di compravendita di azioni estere. Nel caso di compravendita di azioni, JPMorgan Securities
Japan Co., Ltd., riceverà una commissione di brokeraggio e imposta di consumo (shouhizei) calcolato moltiplicando il prezzo eseguito dal tasso di commissione che è stato concordato individualmente tra JPMorgan
Securities Japan Co., Ltd., e il cliente in anticipo. Aziende Strumenti finanziari: JPMorgan Securities Japan Co., Ltd., Bureau Kanto finanza locale (Kinsho) n 82 partecipanti Association / Giappone
Securities Dealers Association, The Financial Futures Association of Japan, tipo II Strumenti finanziari Aziende associazione e Giappone Consulenti per gli Investimenti Association. In Australia: Questo materiale viene rilasciato e
distribuito da JPMSAL in Australia per “clienti grossisti” solo. Questo materiale non prende in considerazione gli obiettivi di investimento specifici, la situazione finanziaria o particolari esigenze del destinatario. Il
destinatario di questo materiale non deve distribuirlo a terzi o al di fuori dell’Australia, senza il preventivo consenso scritto di JPMSAL. Ai fini del presente paragrafo il termine “client all’ingrosso” ha la
significato di cui al punto 761G del Corporations Act 2001. Nuova Zelanda: Questo materiale è emesso e distribuito da JPMSAL in Nuova Zelanda solo alle persone la cui attività principale è l’investimento di
denaro o che, nel corso delle e ai fini della loro attività, abitualmente investire denaro. JPMSAL non rilascia o distribuire questo materiale ai membri del “pubblico”, come determinato a norma
sezione 3 del Securities Act 1978. Il destinatario di questo materiale non deve distribuirlo a terzi o al di fuori della Nuova Zelanda, senza il preventivo consenso scritto di JPMSAL. Canada: le informazioni
contenute nel presente documento non è, e in nessun caso deve essere interpretato come, un prospetto, un annuncio, una offerta pubblica, un’offerta di vendita di titoli qui descritti, o una sollecitazione di un’offerta di acquisto
Titoli qui descritti, in Canada o in qualsiasi provincia o territorio. Qualsiasi offerta o vendita dei titoli qui descritti in Canada saranno effettuati solo sotto l’esenzione dai requisiti di presentare una
prospetto con le pertinenti autorità di regolamentazione dei valori mobiliari canadesi e solo da un rivenditore adeguatamente registrata ai sensi applicabili leggi in materia o, in alternativa, ai sensi di un’esenzione dalla registrazione rivenditore
requisito in provincia rilevante o territorio del Canada in cui si fa tale offerta o vendita. Le informazioni qui contenute sono in nessun caso ad essere interpretati come un consiglio di investimento in qualsiasi
provincia o territorio del Canada e non è su misura per le esigenze del destinatario. Nella misura in cui le informazioni contenute nel presente documento fa riferimento a titoli di un emittente incorporate, costituite o creati sotto la
leggi del Canada o di una provincia o territorio del Canada, ogni attività in tali titoli devono essere condotte attraverso un commerciante registrato in Canada. Non commissione di vigilanza o autorità di regolamentazione simile in Canada
ha esaminato o in alcun modo superato il giudizio su questi materiali, le informazioni contenute nel presente documento oppure i meriti dei titoli qui descritti, e qualsiasi affermazione contraria è un reato. Corea:
Questa relazione potrebbe essere stato modificato o contribuito a di volta in volta da parte di affiliati di JP Morgan Securities (Far East) Ltd, filiale di Seul. Brasile : Ombudsman JP Morgan: 0800-7700847 /
ouvidoria.jp.morgan@jpmorgan.com. Rivisto il 4 maggio 2013. Copyright 2013 JPMorgan Chase Co. Tutti i diritti riservati. Ulteriori informazioni disponibili su richiesta.

 

 

8,756 Visite totali, 1 visite odierne

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Advertisement
Voci da Twitter
novembre: 2016
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930