Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Regalo per gli utenti del sito

Da qui potete scaricare GRATIS

I VANGELI GNOSTICI

Un file eseguibile ( VIRUS FREE)

che vi consente, in tutta autonomia e sicurezza, di leggere i Vangeli Apocrifi. E’ un REGALO del sito.

Vangelignostici.exe Download Vangelignostici.exe

Il ridicolo universo di Einstein

Nel 1915, Einstein ricavò matematicamente che la gravità è il risultato della geometria spazio-temporale. Ha proposto un
equazione che predice in modo abbastanza preciso il grado di spostamento dell’orbita di Mercurio, risolvendo così un problema
affrontato da LeVerrier quasi 100 anni prima. I relativisti continuano a considerare questa equazione come una prova evidente che la relatività generale è essenzialmente corretta.

È possibile visualizzare il meccanismo dello spazio deformato di Einstein come il gorgo generato quando l’acqua precipita giù per uno scarico. Il Sole appesantisce la trama dello spazio-tempo nelle sue vicinanze costringendo Mercurio a tracciare uno schema simile a una rosetta con i suoi mutevoli itinerari ellittici.

“La relatività generale dà un significato diverso alla gravitazione rispetto alla teoria di Newton. Un semplice modello ci darà un assaggio di ciò che diremo dopo. Immaginiamo, ancora una volta, di essere in uno spazio bidimensionale rappresentato da un foglio di gomma teso su un telaio orizzontale. Questo è uno spazio euclideo non curvo. Nel mezzo, posizioniamo una palla pesante a rappresentare il Sole; la gomma si allunga, ovviamente, e la palla poi si posizione in una vasta depressione. Questo incavo rappresenta la curvatura dello spazio che la massa del Sole causa. Ora immaginiamo una piccola palla che rappresenti un pianeta che gira intorno al sole Può essere proiettato tangenzialmente attorno all’incavo, con una velocità adeguata, e quindi viaggerà in cerchio attorno all’incavo. Questo modello ci mostra come funziona la gravitazione secondo la relatività generale: il Sole curva lo spazio nelle sue vicinanze, e un pianeta deve seguire i contorni di quella curvatura.
I relativisti spiegano la ragione dell’orbita della Terra e degli altri pianeti attraverso un’analogia simile.

A prima vista, c’è qualcosa di terribilmente inquietante in questa teoria. Perché il sole ha la propensione a pesare la tela spazio-temporale “verso il basso”, intendendo nella direzione in cui il Sole deve spingere lo spazio attorno a Mercurio per indurre il pianeta ad orbitare attorno al piano dell’eclittica ( il suo’equatore’)? Per quanto ne sappiamo, nello spazio non esiste alto, in basso, a sinistra o a destra. Il Sole potrebbe altrettanto spingere la tela invisibile verso l’esterno o di lato.

Ma concediamo la direzione per il gusto di argomentare e assumiamo che il Sole pieghi la tela ‘Verso il basso’. Ora il problema è che la teoria di Einstein è limitata a un sistema a due oggetti in cui il primario è statico. Piegando la tela “verso il basso” si spiega, ad esempio, perché la Terra, Urano e Plutone orbitino attorno alla nostra stella in senso antiorario (CCW) visto da “sopra”. (Lo definisco come arbitrario standard ai fini della discussione).

Se ipotizziamo ulteriormente che anche il “pozzo gravitazionale” solare induca
La Terra a piegare la tela ‘verso il basso’, questo spiegherebbe anche perché la Luna orbita intorno alla Terra più o meno intorno all’equatore del pianeta e provoca di tanto in tanto eclissi.
Ora diamo un’occhiata a Urano e al suo sistema di satelliti e anelli. Le lune di Urano per strana coincidenza viaggiano anche intorno all’equatore del pianeta gigante. Il problema è che Urano è sdraiato sul ventre e ha il suo Polo sud che punta verso il sole! A differenza degli anelli di Saturno, che sono quasi paralleli all’equatore del Sole, gli anelli di Urano guardano il Sole frontalmente (cioè, perpendicolarmente all’eclittica!). Urano non gira Est-Ovest come la Terra, ma più come Nord-Sud se usiamo la Terra come riferimento. Immagina che sia la Terra a girare da un polo all’altro, non sull’equatore e la Luna orbita il nostro pianeta in modo tale da generare un bell’occhio se visto dal Sole. Per essere coerente con la Relatività Generale, Urano dovrebbe spingere la tela “verso l’esterno” dalla nostra stella per generare la gravità necessaria ad indurre i suoi satelliti ad orbitare di fronte al Sole. Che matematica astratta possono i relativisti inventare per spiegare perché la Terra spinge la tela “verso il basso” mentre Urano spinge la tela ‘Verso l’esterno’?

L’onere passa ai relativisti per dimostrare perché il “pozzo di gravità” del Sole colpisce i pianeti in modo iniquo poiché questo vìola la loro stessa logica. Appare di gran lunga più naturale assumere che l’orbita di un satellite sia correlata alla rotazione dello spazio primario piuttosto che dello spaziodeformato.

Questo argomento diventa ancora più convincente quando consideriamo il sistema Plutone-Charon. Charon non orbita attorno a Plutone come la Luna orbita attorno alla Terra o come Oberon orbita attorno a Urano. Charon orbita attorno a Plutone con i poli che puntano “verso” il Sole! Come Urano, Plutone ruota attorno ai suoi poli, ma a differenza di Urano, Plutone lo fa in direzione del Sole. Per strana coincidenza anche Caronte orbita attorno a Plutone in questa direzione e ancora più casuale, alla stessa velocità con cui Plutone ruota sul suo asse!
Charon ha un’orbita sincrona attorno al suo pianeta primario, che indica chiaramente che la sua orbita dipende dalla rotazione di Plutone piuttosto che sul meccanismo spaziale deformato statico proposto da Einstein.
Anzi, con poche eccezioni che riguardano gli asteroidi catturati, tutti i satelliti del sistema solare orbitano attorno alle loro primarie lungo il loro equatore. (tutti inclinati rispetto all’eclittica) e nella direzione in cui ruotano gli spin dei primari.
Questi fatti confutano la teoria della relatività secondo cui la geometria è responsabile del moto dei pianeti attorno al Sole. L’analogia della tela spazio-temporale usata da Einstein per spiegare l’orbita di Mercurio è semplicemente sbagliata!
I creduloni di Fisica Matematica stanno fissando una veste inesistente.
Abbiamo eliminato così l’ultima interpretazione fisica disponibile per i relativisti. La Relatività generale al momento non ha alcuna interpretazione fisica per la gravità, che è stata la ragione principale per cui abbiamo abbandonato la classica Meccanica per la relatività in primo luogo. Cosa importa se i relativisti possono descrivere l’orbita di Mercurio con qualche equazione precisa se non possono dirci perché il pianeta orbita come fa? Quale entità fisica lega Mercurio al sole? Questo è ciò di cui parla la fisica. Questo è ciò che la gente vuole sapere. Certamente non può essere dovuto al meccanismo del pozzo gravitazionale di Einstein, e certamente non scopriremo il meccanismo fisico attraverso equazioni e numeri. La matematica non è la lingua della fisica!

Il pozzo gravitazionale o la tela non è un’analogia astratta che i matematici possono casualmente spazzare via quando si adatta al relativismo. Il meccanismo del pozzo gravitazionale descritto dai relativisti non è diverso da una pallina che gira nella roulette. In termini relativistici, l’itinerario della palla è 2-dimensionale e la roulette è strutturalmente tridimensionale. Niente nelle vicinanze del Sole, da Mercurio a Plutone, è strutturalmente 4-dimensionale, spazio incluso! Se il motivo dato da Einstein per spiegare perché Mercurio non vola via nello spazio esterno è che c’è una barriera fisica, un invisibile muro curvo dello spazio che impedisce il volo centripeto del pianeta.

 

6,428 Visite totali, 1 visite odierne

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter
novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930