Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Regalo per gli utenti del sito

Da qui potete scaricare GRATIS

I VANGELI GNOSTICI

Un file eseguibile ( VIRUS FREE)

che vi consente, in tutta autonomia e sicurezza, di leggere i Vangeli Apocrifi. E’ un REGALO del sito.

Vangelignostici.exe Download Vangelignostici.exe

I suoni dell’Universo

 

 

Lo spazio è in genere pensato come un posto molto tranquillo. Ma una squadra di astronomi ha trovato uno strano rumore cosmico che esplode sei volte più forte del previsto.

Il ruggito viene dal cosmo remoto. Nessuno sa cosa lo causa.

Naturalmente, le onde sonore non possono viaggiare nel vuoto (che è la maggior parte dello spazio), o almeno non possono farlo in modo molto efficiente. Ma le onde radio possono.

Le onde radio non sono onde sonore, ma sono comunque onde elettromagnetiche, situate all’estremità a bassa frequenza dello spettro luminoso.

Molti oggetti nell’universo, tra cui stelle e quasar, emettono onde radio. Anche la nostra galassia domestica, la Via Lattea, emette un sibilo statico (rilevato per la prima volta nel 1931 dal fisico Karl Jansky). Anche altre galassie emettono un sibilo radio di sottofondo.

Ma il segnale appena rilevato, descritto qui oggi alla 213a riunione dell’American Astronomical Society, è di gran lunga più rumoroso di quanto si aspettassero gli astronomi.

C’è “qualcosa di nuovo e interessante nell’universo”, ha detto Alan Kogut del Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, Md.

Un gruppo guidato da Kogut ha rilevato il segnale con uno strumento a palloncino denominato ARCADE (Radiometro assoluto per la cosmologia, l’astrofisica e l’emissione diffusa).

Nel luglio 2006, lo strumento è stato lanciato dalla Columbia Scientific Balloon Facility della NASA in Palestina, in Texas, e ha raggiunto un’altitudine di circa 120.000 piedi (36.500 metri), dove l’atmosfera si assottiglia nel vuoto dello spazio.

La missione di ARCADE era di cercare nel cielo i deboli segni di calore della prima generazione di stelle, ma invece udirono un ruggito proveniente dai lontani confini dell’universo.

“L’universo ci ha davvero gettato una curva”, ha detto Kogut. “Invece del debole segnale che speravamo di trovare, ecco questo rumore rimbombante sei volte più forte di quanto chiunque avesse previsto”.

L’analisi dettagliata del segnale escludeva le stelle primordiali o qualsiasi altra fonte radio nota, incluso il gas nell’alone più esterno della nostra galassia.

Anche altre radio galassie non sono in grado di spiegare il rumore: non ce ne sono abbastanza.

“Dovresti metterli nell’universo come le sardine”, ha detto il membro del team di studio Dale Fixsen dell’Università del Maryland. “Non ci sarebbe più spazio tra una galassia e l’altra.”

Il segnale è misurato sei volte più luminoso rispetto all’emissione combinata di tutte le sorgenti radio conosciute nell’universo.

Per ora, l’origine del segnale rimane un mistero.

“Non sappiamo davvero cosa sia”, ha detto il membro del team Michael Seiffert del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California.

E non solo ha presentato agli astronomi un nuovo puzzle, ma oscura il segnale ricercato dalle prime stelle. Ma la statica cosmica può fornire importanti indizi sullo sviluppo delle galassie quando l’universo era molto più giovane, meno della metà della sua età attuale. Poiché le onde radio arrivano da molto lontano, viaggiando alla velocità della luce, rappresentano quindi un tempo precedente nell’universo.

“Questo è ciò che rende la scienza così eccitante”, ha detto Seiffert. “Si inizia su un percorso per misurare qualcosa – in questo caso, il calore delle primissime stelle – ma imbattersi in qualcos’altro interamente, un po ‘inspiegabile.”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter
marzo: 2018
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031