Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Regalo per gli utenti del sito

Da qui potete scaricare GRATIS

I VANGELI GNOSTICI

Un file eseguibile ( VIRUS FREE)

che vi consente, in tutta autonomia e sicurezza, di leggere i Vangeli Apocrifi. E’ un REGALO del sito.

Vangelignostici.exe Download Vangelignostici.exe

Scopri il potere curativo del melograno per i pazienti con malattie neurodegenerative.

Il melograno è un frutto originario dell’Asia che contiene piccoli grani rossi che possiamo consumare naturalmente o sotto forma di succo. Questo frutto esercita un’azione neuroprotettiva contro il morbo di Alzheimer e sarebbe in grado di prevenire l’invecchiamento cerebrale. Il frutto è noto per le sue proprietà anti-infiammatorie, anti-invecchiamento e antiossidanti.

Tra le proprietà del melograno troviamo un polifenolo chiamato ellagitannino che utilizza la flora intestinale per produrre molecole chiamate urolitine. Sono queste urolitine che spiegano i benefici di questo frutto. Ma come funzionano questi polifenoli nel melograno?

L’urolite A è un composto prodotto naturalmente nell’intestino quando una molecola del melograno proveniente dalla famiglia delle ellagitannine viene digerita dai batteri della flora intestinale. Quando il precursore di urolithin A è presente nell’intestino, è diviso in acido ellagico e trasformato in batteri intestinali per diventare urolitina A.

Una squadra del Politecnico federale di Losanna, in Svizzera; Ha effettuato un test sull’uritrite A nei vermi nematodi Caenorhabditis elegans poiché questi sono molto utili quando si studia l’invecchiamento cellulare, poiché a 8 o 10 giorni di vita, sono già considerati vecchi. Di conseguenza, quando i vermi sono esposti all’uritrite A, vivono circa il 45% in più.

Il team ha anche osservato che l’urolithina A impedisce l’accumulo di mitocondri difettosi con l’invecchiamento del verme.

Al momento dell’invecchiamento, i mitocondri (fabbriche di energia delle cellule) diventano deboli. Questo è un processo chiamato mitofagia, cioè il riciclaggio dei mitocondri già usato e inutile. Se i mitocondri utilizzati non sono più riciclabili, possono causare problemi alle cellule, specialmente a livello dei muscoli, che possono essere indeboliti. Ci sono prove che i mitocondri consumati hanno un ruolo nelle malattie legate all’invecchiamento come il morbo di Parkinson.

I ricercatori svizzeri hanno poi ripetuto questi esperimenti nei topi e hanno scoperto che l’urolitina A porta a una riduzione significativa dei mitocondri difettosi. Inoltre, i topi più anziani (due anni) avevano il 42% di resistenza in più rispetto ai topi che non erano stati sottoposti a trattamento e si è riscontrato anche che miglioravano la capacità fisica.

L’urolitina A ripristina quindi la mitophagia. Per uno degli autori di questo studio, il professore di neuroscienze Patrick Aebischer, “l’urolithina A è l’unica molecola conosciuta in grado di riavviare il processo di purificazione mitocondriale, noto anche come mitofagia. È una sostanza completamente naturale e il suo effetto è potente e verificabile. ”
Secondo Chris Rinsch, un altro autore dello studio, i precursori della urolitina A si trovano non solo nei melograni ma anche in piccole quantità in molte noci e bacche.

E cosa succede se questa sostanza entra nel cervello?

In uno studio pubblicato su ACS Chemical Neuroscience nel 2015, gli scienziati della Road Island University hanno studiato quali molecole del melograno potevano attraversare la barriera emato-encefalica. Hanno studiato 21 composti derivati ​​da questo frutto e hanno scoperto che nessuno poteva superare questa barriera ma alcuni dei suoi metaboliti, le urolitine, limitavano la formazione di placche coinvolte nella malattia di Alzheimer. Le urolitine sarebbero quindi le molecole responsabili dell’effetto neuroprotettivo e antinfiammatorio del melograno. Trova incredibile!

A proposito di cancro alla prostata e melograno.

Alcuni cibi ricchi di polifenoli, antiossidanti naturalmente presenti nei cibi, hanno proprietà anti-cancerogene. Ad esempio, consumando molti frutti e verdure ricchi di antiossidanti e quindi in polifenoli, dopo la comparsa del cancro al seno si contribuisce a ridurre il rischio di contrarsi nuovamente.

In uno studio pubblicato su Prostate Cancer and Prostatic Disease, i ricercatori hanno studiato una miscela di cibi ricchi di polifenoli per ridurre la progressione del cancro alla prostata.

Uno degli indicatori per controllare l’evoluzione di questo tumore è il dosaggio dell’APE (antigene prostatico specifico). Il suo dosaggio nel sangue è un elemento per la diagnosi precoce del cancro alla prostata e il monitoraggio dell’evoluzione della malattia.

In questo test hanno partecipato 200 uomini affetti da cancro alla prostata. Alcuni hanno ricevuto un placebo e altri un integratore con una miscela di tè verde, melograno, curcuma e broccoli.

I tassi di PSA misurati tra i due gruppi all’inizio dello studio e poi a tre e sei mesi hanno mostrato che tra l’inizio e la fine dello studio, i tassi di PSA sono aumentati di circa il 14,7% nei partecipanti avevano ricevuto l’integratore alimentare ricco di polifenoli e il 78,5% tra i partecipanti che avevano ricevuto il placebo. Tra l’inizio e la fine dello studio, il 46% dei partecipanti che hanno ricevuto il supplemento aveva un indice di PSA inferiore o uguale al 14% del gruppo placebo.

Succo di melograno e meno stress ossidativo.

Secondo i ricercatori dell’Ospedale della Galilea occidentale in Israele, il consumo di succo di melograno ridurrebbe le complicanze dei pazienti sottoposti a dialisi.

Gli autori hanno seguito su 100 pazienti che erano in dialisi e si sono divisi tra un gruppo che ha ricevuto succo di melograno e un gruppo placebo prima di ogni sessione di dialisi per un anno.

Di conseguenza, l’infiammazione e lo stress ossidativo sono stati ridotti nei pazienti che hanno consumato succo di melograno e il rischio di infezioni e malattie cardiovascolari.

Altri benefici del melograno.

Gli sforzi della scienza e degli uomini della scienza non smettono di scoprire trattamenti e medicine per affrontare malattie pericolose. Che bella notizia sapere che da un frutto completamente naturale possiamo ottenere tanti benefici.

Ma in aggiunta, il melograno era già noto per avere proprietà di ogni tipo oltre a quelle che abbiamo scoperto oggi in termini di malattie neurodegenerative. Ricorda quello che sono.

– Riduce lo sviluppo della cataratta.

– Migliora il diabete.

– Ha proprietà anti-infiammatorie.

– Rafforza i muscoli e le ossa.

– Allevia lo stress.

– Aiuta a ridurre il colesterolo LDL (colesterolo cattivo).

– Ridurre leggermente la pressione sanguigna.

– Aiuta a prevenire diversi tipi di cancro, in particolare il cancro alla prostata.

– Previene l’accumulo di grasso nell’addome.

– Aiuta a prevenire il deterioramento della cartilagine.

– Le sue proprietà astringenti, permettono di evitare la diarrea, soprattutto se usiamo l’infuso a base di buccia di melograno e corteccia del tuo albero. Tuttavia, le persone che soffrono di stitichezza non dovrebbero abusare del succo di melograno.

– Elimina i parassiti intestinali.

– Riduce la placca dentale e ha effetti antibatterici. In India, le parti bianche e amare del melograno sono utilizzate come ingredienti nei dentifrici naturali. – Protegge la pelle dai raggi ultravioletti (applicazione topica).

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter
maggio: 2018
L M M G V S D
« Apr    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031