Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Regalo per gli utenti del sito

Da qui potete scaricare GRATIS

I VANGELI GNOSTICI

Un file eseguibile ( VIRUS FREE)

che vi consente, in tutta autonomia e sicurezza, di leggere i Vangeli Apocrifi. E’ un REGALO del sito.

Vangelignostici.exe Download Vangelignostici.exe

L’antenato più antico dei primati moderni potrebbe provenire dal Nord America, non dall’Asia

Circa 56 milioni di anni fa, su una Terra così calda che le palme adornavano il Circolo Polare Artico, un primate dalle dimensioni di un topo, noto come Teilhardina, ha per primo arricciato le dita attorno a un ramo.

Il primo antenato dei primati moderni, i parenti stretti del Teilhardina , alla fine avrebbe dato origine alle scimmie, alle scimmie e agli esseri umani di oggi. Ma uno dei misteri persistenti di questo lontano cugino è dove è nato.

Le specie di Teilhardina si sono rapidamente diffuse tra le foreste dell’Asia, dell’Europa e del Nord America, una gamma che non ha eguali a tutti gli altri primati tranne gli umani. Ma da dove è iniziato il suo viaggio?

Una nuova ricerca mostra che il Teilhardina brandti , una specie trovata nel Wyoming, è vecchia o più vecchia dei suoi parenti asiatici ed europei, ribaltando l’ipotesi prevalente che il Teilhardina sia apparsa per la prima volta in Cina.

Le origini di Teilhardina , tuttavia, rimangono un enigma.

“La conclusione scientifica è ‘Semplicemente non lo sappiamo’”, ha detto Paul Morse, autore principale dello studio e un dottorando dell’università della Florida. “Mentre i fossili che abbiamo trovato potenzialmente capovolgono le ipotesi passate su dove è nata Teilhardina e dove è migrata, sicuramente non offrono uno scenario più chiaro.”

Ciò che è chiaro, ha detto Morse, è che T. brandti aveva una grande varietà di caratteristiche, alcune delle quali sono primitive come quelle che si trovano in Teilhardina asiatica, il suo cugino asiatico, precedentemente ritenuto la più antica specie del genere.
L’antenato più antico dei primati moderni potrebbe provenire dal Nord America. Teilhardina brandti probabilmente somigliava a un tarsio moderno, un piccolo primate originario del Sud-Est asiatico.

Per arrivare a queste affermazioni, Morse ha studiato 163 denti e mascelle nella più completa analisi di T. brandti fatta fino ad oggi.

I denti contengono un tesoro di informazioni e spesso le conservano meglio delle ossa, grazie al loro smalto resistente. Possono rivelare indizi sul passato evolutivo di un animale, le sue dimensioni, la dieta e l’età come individuo e in tempo geologico.

I denti primitivi hanno strutture particolarmente distinte che sono immediatamente riconoscibili all’occhio allenato, ha dichiarato Jonathan Bloch, coautore dello studio e curatore di paleontologia dei vertebrati presso il Museo di Storia Naturale della Florida.

“Identificare le differenze tra i denti dei primati non è così diverso da un motociclista che riconosce che una Harley è diversa da uno scooter o un critico d’arte che valuta se un’immagine è stata creata da Picasso o Banksy”, ha detto. “In dettaglio, sono molto diversi gli uni dagli altri in modi specifici e prevedibili.”

Mentre le ossa di Teilhardina sono molto rare nella documentazione sui fossili, i suoi denti sono più abbondanti, se sai come trovarli. La squadra di paleontologi di Bloch, inclusa Morse, ha passato anni a pettinare la superficie del Bacino del Bighorn del Wyoming su mani e ginocchia e poi a riempire sacchi di terra da 50 libbre di terra fino a un fiume per lavarsi il vaglio. I pezzi rimanenti di ossa e denti – che possono essere più piccoli di una pulce – vengono esaminati al microscopio al museo.

Questa scrupolosa ricerca ha costruito la cartella dentale di T. brandti da un singolo molare – usato per descrivere la specie nel 1993 – a centinaia di denti, fornendo un ampio sguardo sulla variazione a livello di popolazione del primate.

Eppure, Morse e Bloch erano impreparati alla particolare variazione esibita dal campione UF 333700, un pezzo di mascella frastagliato con denti di T. brandti .

“Jon ed io abbiamo iniziato a litigare sulle prese dei denti vuote agli alveoli – e su come non sembravano affatto giuste”, ha detto Morse, ora ricercatore post-dottorato presso la Duke University. “Alla fine della giornata, ci siamo resi conto che l’esemplare ha completamente ribaltato la definizione della specie di T. asiatica e parte del motivo per cui è la più antica specie di Teilhardina .”

Gli studi basati su un numero limitato di denti hanno semplicemente mancato la diversità delle caratteristiche fisiche di Teilhardina , ha detto Morse.

“È probabile che ci sia un’enorme quantità di variazioni nella documentazione fossile , ma è estremamente difficile catturare e misurare quando si dispone di una piccola dimensione del campione”, ha detto. “Questo è uno dei motivi per cui raccogliere altri fossili è così importante.”

L’analisi ha anche rimescolato l’albero genealogico di Teilhardina , riducendo il numero di specie descritte da nove a sei e riclassificando due specie come membri di un nuovo genere, Bownomomys, chiamato per il prominente paleontologo vertebrato Thomas Bown.

Ma le età precise delle specie di Teilhardina sono ancora impossibili da individuare e possono rimanere tali.

Teilhardina è apparso durante l’equivalente geologico di un lampo, un breve periodo di 200.000 anni noto come il massimo termico del Paleocene-Eocene, o PETM. Questa era è stata caratterizzata da una massiccia iniezione di carbonio nell’atmosfera terrestre, che ha fatto impennare le temperature globali. I livelli del mare sono aumentati di 220 piedi, gli ecosistemi sono stati revisionati e le acque del Polo Nord si sono scaldate a 74 gradi.

Gli scienziati possono utilizzare la firma carbonio distinta del PETM per individuare questo periodo nel registro della roccia, e gli isotopi del carbonio nei denti possono anche essere utilizzati per identificare gli animali fossili dell’epoca.

Ma tra i siti di fossili di Teilhardina in tutto il mondo, solo il Wyoming ha strati di roccia ininterrotti e ben delimitati che consentono ai paleontologi di concentrarsi su date più precise.

“La dichiarazione più umile sarebbe quella di dire che queste specie sono essenzialmente equivalenti in età”, ha detto Bloch. “Determinare quale è venuto prima nel PETM probabilmente supera il livello di risoluzione che abbiamo nel disco rock, ma quello che possiamo dire è che l’unico posto in cui è possibile stabilire realmente dove Teilhardina appare in questo evento climatico con sicurezza è nel Bacino del Bighorn “.

Mentre la Terra si riscaldava, le piante e gli animali espandevano le loro gamme verso nord, tornando verso sud man mano che le temperature si raffreddavano alla fine del PETM.

“Questa danza di piante e animali con cambiamenti climatici è avvenuta su vasti paesaggi, con foreste che si spostano dalla Costa del Golfo alle Montagne Rocciose in poche migliaia di anni”, ha detto Bloch.

Teilhardina probabilmente ha monitorato i cambiamenti nei suoi habitat forestali attraverso i ponti di terra che hanno collegato Nord America, Groenlandia ed Eurasia, ha detto.

” Teilhardina non si butta la borsa sulle spalle e cammina”, ha detto. “La sua portata si sta spostando da una generazione all’altra. Più di 1.000 anni, si ottengono molti movimenti, e oltre 2.000-3.000 anni, si potrebbe facilmente coprire le distanze continentali.”

Mentre era ben adattato all’ambiente terrestre della serra, Teilhardina scomparve con il PETM, sostituito da nuovi primati fisicamente distinti. È un promemoria che ricorda cosa può accadere alle specie – inclusi gli umani – durante periodi di rapidi cambiamenti climatici, ha detto Bloch.

“Un pianeta che cambia ha effetti drammatici su biologia, ecosistemi ed evoluzione ed è parte del processo che ha prodotto la diversità della vita che vediamo oggi e le estinzioni di massa che sono successe periodicamente nella storia della Terra”, ha detto Bloch. “Uno degli imprevedibili risultati del riscaldamento globale, 56 milioni di anni fa, è che segna l’origine del gruppo che ci ha portati alla fine, e che il modo in cui faremo gli scenari di riscaldamento futuri è meno sicuro”.

I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Human Evolution

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31