Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Regalo per gli utenti del sito

Da qui potete scaricare GRATIS

I VANGELI GNOSTICI

Un file eseguibile ( VIRUS FREE)

che vi consente, in tutta autonomia e sicurezza, di leggere i Vangeli Apocrifi. E’ un REGALO del sito.

Vangelignostici.exe Download Vangelignostici.exe

Oscillazioni nell’Atlantico e nel Pacifico perse nel rumore

 

L’oscillazione multidecadica atlantica (AMO) e l’oscillazione decadale del Pacifico (DOP) non sembrano esistere, secondo un team di meteorologi che ritengono che ciò abbia implicazioni sia per la validità degli studi precedenti che attribuiscono le tendenze passate a queste ipotetiche oscillazioni naturali sia per prospettive di prevedibilità climatica su scala decennale.

Utilizzando sia dati osservativi che simulazioni di modelli climatici , i ricercatori hanno mostrato che non vi erano prove coerenti di segnali oscillatori interni decadali o a più lungo termine che potessero essere differenziati dal rumore climatico, variazioni casuali da un anno all’altro. L’unica oscillazione verificabile è il noto El Niño / Southern Oscillation (ENSO).

“Un picco spettrale distinto – da 40 a 50 anni – che appare nelle osservazioni della temperatura superficiale globale sembra riflettere la risposta del sistema climatico a una combinazione di forzatura antropogenica e naturale piuttosto che a qualsiasi oscillazione interna intrinseca”, riportano i ricercatori oggi (Jan 3) in Nature Communications .

Secondo i ricercatori, se esistessero le oscillazioni atlantiche multidecadali o del Pacifico decadale, ci sarebbero prove della loro esistenza nella suite delle attuali simulazioni di modelli climatici all’avanguardia.

“Data l’attuale raffinatezza dei modelli climatici vista nella loro capacità di catturare El Niño / Oscillazione meridionale, ci aspetteremmo di vedere prove coerenti delle oscillazioni attraverso una serie di modelli climatici”, ha affermato Michael E. Mann, illustre professore di scienze atmosferiche a Penn State. “Non abbiamo trovato prove del genere.”

Utilizzando il metodo MTM-SVD, uno strumento sviluppato congiuntamente da Mann a metà degli anni ’90 e utilizzato finora in oltre 50 articoli sottoposti a revisione paritaria in diversi settori, i ricercatori hanno esaminato la simulazione osservativa e di “controllo” a lungo termine che ha generato la temperatura globale della superficie dati. La documentazione osservativa risale a più di 150 anni fa. Le simulazioni di controllo, che non hanno driver esterni applicati ai modelli, provengono dai più recenti progetti intercomparison di modello climatico globale (CMIPS).

“Abbiamo trovato una tendenza nei modelli di controllo delle oscillazioni nella banda ENSO da tre a sette anni”, ha detto Mann. “Tuttavia, non abbiamo trovato altri segnali, nessuna variabilità climatica del Pacifico o dell’Atlantico su scale temporali decadali o più lunghe che potrebbero essere caratterizzate come una vera oscillazione. Tale variabilità era essenzialmente indistinguibile dal rumore casuale.”

Utilizzando la suite “forzata” di simulazioni CMIPS in cui i modelli climatici sono guidati da fattori esterni come vulcani e aumento umano dell’inquinamento, i ricercatori hanno dimostrato che l’apparente picco spettrale da 40 a 50 anni a volte associato all’AMO è in realtà un artefatto del rallentamento del riscaldamento dagli anni ’50 agli anni ’70. Questo riscaldamento era dovuto all’accumulo di inquinanti “aerosol” di zolfo che raffreddano la superficie terrestre. Il passaggio degli Clean Air Acts negli anni ’70 ha rimosso l’effetto di raffreddamento e il riscaldamento dei gas serra è stato sempre più dominato. Il rallentamento e la successiva accelerazione del riscaldamento si mascherano come un’apparente “oscillazione”.

“Il nostro studio fornisce un’altra linea di prova secondo cui le presunte oscillazioni interne decadali e temporali più lunghe nel clima che sono state identificate attraverso l’analisi dei dati osservativi sono in realtà principalmente il risultato di influenze esterne come le emissioni di gas serra e di aerosol da parte degli esseri umani”, ha detto il co- autore dello studio  Byron A. Steinman, professore associato di scienze della terra e dell’ambiente presso l’Università del Minnesota Duluth.


 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter
Gennaio: 2020
L M M G V S D
« Dic    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031