Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura




 

Perché il governo sta trasformando 11 basi militari negli Stati Uniti

in campi di quarantena?

Se questo focolaio di coronavirus non è una grave minaccia, allora perché il governo degli Stati Uniti si sta preparando a mettere in quarantena le vittime in tutta l’America? Come vedrai di seguito, 11 basi militari statunitensi situate vicino ai principali aeroporti vengono convertite in “centri di quarantena” per potenziali pazienti. Quando ho saputo per la prima volta di questo, ero molto allarmato, perché abbiamo visto tutti cosa sta succedendo in Cina in questo momento. Le persone vengono letteralmente trascinate fisicamente fuori dalle loro case e vengono forzatamente trasferite in “campi di quarantena di massa” con orde di altre persone molto malate. Purtroppo, molti di loro non usciranno mai vivi da quei campi. Se questo virus inizia a diffondersi come un incendio qui negli Stati Uniti, è possibile che qualcosa di simile possa iniziare ad accadere qui?

La stragrande maggioranza dei casi confermati è ancora in Cina, ma nel corso delle ultime due settimane il numero di casi nel resto del mondo è aumentato vertiginosamente.

Il 20 gennaio c’erano solo 4 casi confermati al di fuori della Cina e ora ci sono 464. A questo punto ci sono vittime in almeno 28 paesi diversi , e quel numero è quasi certo che continuerà a crescere.

Il motivo per cui il virus si è già diffuso in così tante nazioni è perché è altamente contagioso. Gli scienziati hanno scoperto che può essere trasmesso da persona a persona molto facilmente, ha un periodo di incubazione fino a 24 giorni e può sopravvivere su superfici lisce per un massimo di 9 giorni .

Se questo coronavirus inizia a diffondersi molto rapidamente nel mondo occidentale, creerà un’enorme quantità di panico. Molti stanno ancora cercando di confrontare questo virus con l’influenza comune, ma questo è un errore enorme. La Cina non bloccherebbe mai le principali città per settimane a causa dell’influenza.

Ovviamente sta accadendo qualcosa di veramente grande e il governo degli Stati Uniti si sta preparando per uno scenario peggiore. Secondo il Miami Herald , 11 basi militari all’interno degli Stati Uniti sono attualmente in fase di trasformazione in “centri di quarantena” …

Undici basi militari vicino ai principali aeroporti degli Stati Uniti stanno allestendo centri di quarantena per possibili pazienti affetti da coronavirus, ha affermato il Dipartimento della Difesa.

Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani ha chiesto al Pentagono lo spazio di quarantena nel caso in cui i letti fossero riempiti in altri centri di coronavirus in tutto il paese, secondo una dichiarazione del DOD.

È un’indicazione che la minaccia che questo virus rappresenta per il nostro paese è molto maggiore di quanto ci viene detto?

Il Dipartimento della Difesa ha rilasciato una dichiarazione su questo nuovo programma e in quella dichiarazione le 11 basi militari sono state specificamente identificate …

JB Pearl Harbor-Hickam, HI (HNL)
Great Lakes Training Center Navy Base, IL (ORD)
Base di riserva congiunta della stazione aerea navale, TX (DFW)
Marzo ARB, CA (LAX)
Travis AFB, CA (SFO)
Dobbins ARB, GA (ATL)
Fort Hamilton, NY (JFK)
Kit base navale, WA (SEA)
Joint Base Anacostia, DC (IAD)
Joint Base McGuire-Dix-Lakehurst, NJ (EWR)
Centro di addestramento di Fort Custer (DTW)

Spero che non tutte queste strutture saranno necessarie, ma le cose sembrano certamente più cupe ogni giorno che passa.

Ad esempio, il numero di casi confermati su una nave da crociera ancorata al largo delle coste del Giappone è quasi raddoppiato lunedì. Del numero totale di persone che sono state infettate, almeno 24 di loro sono americani …

Ci sono almeno 24 americani tra le 135 persone infettate dal coronavirus di Wuhan a bordo della nave da crociera Diamond Princess, secondo le informazioni di Princess Cruises e un conteggio della CNN.

Le autorità giapponesi stanno ancora testando centinaia di passeggeri a bordo della nave, che è rimasta bloccata in un porto a sud della capitale giapponese Tokyo per quasi una settimana.

Una volta terminata la quarantena di quella nave da crociera, quegli americani vorranno sicuramente tornare a casa.

Gli sarà permesso di farlo, o dovranno prima recarsi in uno di questi centri di quarantena?

In altre parti del paese, le persone vengono messe in “auto-quarantena” fino a quando i funzionari ritengono che sia sicuro per loro riprendere la loro vita normale. Secondo i funzionari locali, questo è stato fatto per “un numero non specificato di persone nella Contea di Bexar” proprio ora …

Numerosi texani sono stati messi in “auto quarantena” nelle loro case nel caso in cui abbiano il coronavirus dopo il loro recente ritorno dalla Cina.

I funzionari della città di San Antonio hanno confermato che un numero imprecisato di persone nella contea di Bexar è stato confinato nelle loro case per 14 giorni.

Il loro periodo di quarantena è iniziato alle 10 di domenica, secondo quanto riportato da News 4 San Antonio.

Speriamo che sappiano cosa stanno facendo, perché se questo virus sfugge al controllo potrebbe potenzialmente spazzare l’America come un incendio.

Abbiamo già visto cosa è successo in Cina e sicuramente non vogliamo che ciò accada qui.

I cinesi hanno implementato misure estreme nel disperato tentativo di rallentare la diffusione del virus, ma finora la cosa più efficace che hanno fatto per ridurre i numeri è cambiare letteralmente la definizione di “caso confermato”. Quanto segue proviene da Zero Hedge …

Come riportato dai media locali questa mattina, la National Health Commission cinese ha tranquillamente cambiato la sua definizione di “caso confermato” di Coronavirus nell’ultima linea guida datata 7/2. Di conseguenza, i pazienti che si sono dimostrati positivi per il virus ma che non presentano sintomi non saranno più considerati confermati. Come osserva Alex Lam, ” questo inevitabilmente abbasserà i numeri “.

Naturalmente c’è stata un’enorme quantità di scetticismo sui numeri che la Cina ci ha dato fin dall’inizio, e quindi quest’ultima mossa non è così sorprendente.

Ma non importa quanto la Cina cerchi di far girare le cose, non si nasconde il fatto che si tratta di un focolaio molto grave e che quasi sicuramente continuerà ad intensificarsi nelle prossime settimane.

A questo punto, anche il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità ammette che “potremmo vedere solo la punta dell’iceberg” …

Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha avvertito che i numeri potrebbero non raccontare l’intera storia .

“Ci sono stati alcuni casi riguardanti … diffusi da persone senza storia di viaggio in Cina”, ha detto Tedros. “L’individuazione di un numero limitato di casi può indicare una trasmissione più diffusa in altri paesi. In breve, potremmo vedere solo la punta dell’iceberg. “

Come ho discusso ieri, l’umanità sta affrontando una “tempesta perfetta” , e ciò a cui abbiamo assistito finora è solo l’inizio .

Personalmente, spero ancora che questo scoppio svanisca. Non so se questo è il tipo di pandemia globale estremamente mortale che un giorno avrebbero potuto accadere così tanti esperti, ma senza dubbio è chiaro che molte persone stanno morendo in Cina.

Il bilancio delle vittime finale di questo focolaio alla fine sarà pari a migliaia o milioni?

Non lo so, ma tutti noi dovremmo sicuramente continuare a monitorare gli ultimi sviluppi su base giornaliera.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter
Febbraio: 2020
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829