Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura




 

Un quarto di tutti i maiali sono morti nel 2019 a causa della peste suina africana

Un quarto dei maiali domestici del mondo sono morti quest’anno a causa di un virus che si scatena nell’Eurasia e potrebbe essere solo l’inizio. Metà dei suini in Cina – che l’anno scorso erano 440 milioni, circa il 50% dei suini del mondo – sono morti di peste suina africana (ASF) o sono stati uccisi per eliminare il virus.

ASF viene dall’Africa orientale. Nel 2007, ha raggiunto la Georgia nel Caucaso con carne contaminata e cinghiale infetto. Ora, è in tutta la Russia e l’Europa orientale e il cinghiale infetto si è diffuso fino all’ovest come il Belgio. Si sta diffondendo anche nell’Asia orientale, uccidendo molti maiali in Vietnam e altrove.

ASF è stato avvistato in Cina nell’agosto 2018. Ora è presente in ogni provincia. Il virus infuria anche in Corea del Nord e suini selvatici infetti sono entrati in Corea del Sud.

Alla fine di settembre, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura a Roma, il Ministero cinese dell’Agricoltura e degli affari rurali ha stimato che il numero di suini vivi in ​​Cina è diminuito del 39% tra agosto 2018 e agosto 2019, dopo un anno intero di infezioni da ASF.

Alcune mandrie infette sono state abbattute nel tentativo di prevenire un’ulteriore diffusione. Ma con un tasso di mortalità nei suini di quasi il 100%, il virus potrebbe aver fatto la maggior parte dell’uccisione.

Le cifre ufficiali sono ritenute sottostimate, tuttavia. In ottobre Rabobank, una banca olandese specializzata in prodotti alimentari e agricoltura che lavora con fonti del settore, ha riferito che la mandria era diminuita della metà solo nei primi otto mesi del 2019 e che questo raggiungerà il 55% entro la fine dell’anno. Dicono che le perdite continueranno, anche se dovrebbero rallentare, mentre i controlli sanitari entrano in azione.

L’unico modo per sbarazzarsi di ASF è uccidere mandrie infette. Ma mentre i maiali nelle fattorie possono essere distrutti e sostituiti, la malattia persiste nel cinghiale e nei maiali selvatici , così come nella carne, che viene sempre più venduta all’estero. “Prevedo che il virus ASF rimarrà per qualche tempo endemico nell’Asia orientale e nell’Europa orientale, con continue introduzioni in tutto il mondo”, afferma Dirk Pfeiffer della City University di Hong Kong. “Attualmente nessuno su questo pianeta ha la soluzione al problema.”

Nonostante anni di avvertimenti da parte dei virologi, non esiste un vaccino. La maggior parte dei vaccini contro i virus stimola l’organismo a produrre anticorpi contro le proteine ​​strutturali virali, come quelli presenti nel rivestimento del virus. Questi impediscono quindi al virus di entrare nelle cellule, ad esempio. Ma ASF, afferma Linda Dixon del Pirbright Institute nel Surrey, nel Regno Unito, è un virus ampio e complesso, con due rivestimenti e diversi modi per entrare nelle cellule. Gli anticorpi contro vari frammenti di esso non sono mai stati abbastanza per fermarlo.

 

Ora saremo in grado di cercare target anticorpali migliori, afferma Dixon, mentre gli scienziati in Cina e Spagna hanno pubblicato le prime immagini dettagliate del virus il mese scorso ( Journal of Biological Chemistry ).

I vaccini sperimentali fatti di ASF vivo e indebolito hanno funzionato meglio, dice Dixon. Questi spingono le cellule del sangue specializzate a riconoscere una serie di proteine ​​virali, ma ci sono diversi ostacoli per sviluppare tali vaccini da usare. Nel frattempo, teme, ASF “potrebbe diventare globale”.

 

 
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter
Maggio: 2020
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031