Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura




 

La “bolla di lava” più grande del mondo sotto la Nuova Zelanda

Credito: Victoria University di Wellington

Le velocità dell’onda sismica hanno rivelato parte di un antico “superpiumone” vulcanico sotto la Nuova Zelanda, evidenziando le connessioni tra l’interno profondo della Terra e la superficie su cui viviamo.

Una ricerca del geofisico Te Herenga Waka – Victoria University di Wellington, il professor Tim Stern e il professore associato Simon Lamb, insieme ai colleghi, indicano che l’Isola del Nord si trova su una parte del “più grande deflusso vulcanico” sulla Terra, creato da una rivolta nelle profondità della Terra interno.

Quell’evento accadde circa 120 milioni di anni fa quando un pennacchio gigante di roccia calda si staccò dal confine tra il nucleo e il mantello , a circa 3000 km sotto la superficie terrestre, e salì rapidamente in superficie come un superpiuma.

Un articolo sui risultati del professor Stern e del professore associato Lamb, entrambi della School of Geography, Environment and Earth Sciences, è stato pubblicato oggi sulla rivista scientifica statunitense Advances .

Il professor Stern afferma che l’antico superpiuma collegava il profondo interno della Terra con la superficie del pianeta.

“Negli anni ’70, i geofisici proposero che il mantello terrestre stava subendo un movimento agitato, un po ‘come una lampada di lava, e chiazze calde di roccia galleggiante si sollevarono come pennacchi fino al nucleo della Terra.

“Lo scioglimento di questa roccia vicino alla superficie potrebbe quindi essere la causa del prolifico vulcanismo, come quello osservato in Islanda o nelle Hawaii.

“Nel passato geologico si sono verificati ancora più grandi scarichi vulcanici, di cui il più grande noto si è verificato nel Pacifico sudoccidentale nel periodo Cretaceo durante il periodo dei dinosauri, formando un altopiano vulcanico sottomarino di dimensioni continentali.

“Successivamente, il movimento delle placche tettoniche ha rotto questo altopiano , e un frammento – oggi che forma l’altopiano di Hikurangi – si è spostato a sud, e ora è alla base dell’Isola del Nord e anche dell’oceano poco profondo al largo.”

Il professor Stern e i suoi colleghi hanno studiato la velocità delle onde sismiche (vibrazioni) attraverso questi strati di roccia per determinarne l’origine e le caratteristiche.

“L’osservazione chiave nel nuovo studio è che le onde” P “della pressione sismica – efficacemente onde sonore – innescate da terremoti o esplosioni provocate dall’uomo viaggiano attraverso le rocce del mantello sotto l’altopiano di Hikurangi molto più velocemente di quanto si osservi sotto la maggior parte del fondo del mare, raggiungendo velocità di 9 chilometri al secondo “, afferma.

“Una caratteristica peculiare di queste alte velocità è che sono ugualmente elevate per le vibrazioni sismiche che viaggiano in tutte le direzioni orizzontali, ma molto più basse per quelle vibrazioni che viaggiano verticalmente verso l’alto.”

Questa differenza tra la velocità verticale e quella orizzontale ha permesso al professor Stern e al professore associato Lamb di abbinare le rocce dell’altopiano Hikurangi con quelle dell’altopiano Manihiki a nord di Samoa e dell’altopiano di Ontong-Java a nord delle Isole Salomone, che hanno le stesse caratteristiche di velocità.

Ciò ha dimostrato che facevano tutti parte dello stesso superplume.

“La cosa straordinaria è che tutti questi altipiani erano collegati una volta, costituendo il più grande deflusso vulcanico del pianeta in una regione di oltre 2000 km di diametro.”

Il professore associato Lamb afferma che è stata una sorpresa che “il flusso previsto per una gigantesca testa a forma di fungo a forma di fungo produrrebbe nelle rocce del mantello esattamente queste altissime velocità e questa peculiare distribuzione di velocità”.

“L’attività vulcanica associata potrebbe aver giocato un ruolo importante nella storia della Terra, influenzando il clima del pianeta e anche l’evoluzione della vita innescando estinzioni di massa.

“È un pensiero intrigante che la Nuova Zelanda si trovi ora in cima a quella che una volta era una forza così potente sulla Terra.”

Il professor Stern afferma che la comunità geologica era stata vicina a respingere del tutto l’idea dei pennacchi.

“L’evidenza diretta della loro esistenza è stata inafferrabile. Ma, con questo studio, ora abbiamo sia prove concrete che si sia effettivamente verificata tale attività pennacchio sia anche un metodo di impronte digitali per rilevare frammenti dei più grandi pennacchi di tutti i superplume che si alzano da vicino il nucleo della Terra “.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter
Giugno: 2020
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930