Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura




 

‘Leggero miglioramento’ nello scioglimento dei ghiacciai che minacciano la località turistica italiana.

La minaccia che un massiccio pezzo di ghiacciaio allentato dall’aumento delle temperature possa collassare vicino a una località alpina sul lato italiano della catena montuosa del Monte Bianco è leggermente attenuata, ha detto un sindaco locale sabato.

Le misure di sicurezza intorno all’area di pericolo sono state “gradualmente allentate”, hanno detto i funzionari locali.

Il cambiamento climatico sta sciogliendo sempre più i ghiacciai del mondo , creando un nuovo pericolo per la città di Courmayeur, una località turistica in Valle d’Aosta, vicino al confine francese.

La città è stata messa in stato di massima allerta mercoledì perché un blocco di ghiaccio stimato in circa 500.000 metri cubi – le dimensioni del Duomo di Milano, ha detto un funzionario – dal ghiacciaio di Planpincieux ha rischiato di cadere e minacciare le case.

È stata evacuata anche una “zona rossa” alla base del pendio, con 20 residenti e circa 55 vacanzieri spostati dalla zona.

In precedenza il sindaco di Courmayeur Stefano Miserocchi ha detto sabato che le cose stanno migliorando.

“Siamo in una fase di lieve miglioramento, la situazione è un po ‘migliore”, ha detto all’Afp.

“Tuttavia non siamo ancora tornati alla situazione prima della chiusura” della strada per la Val Ferret, una piccola valle normalmente frequentata dai turisti in questo periodo dell’anno, ha aggiunto.

Dal sabato è stata resa percorribile una strada a senso unico alternativo per chi abita in Val Ferret e desidera scendere e uscire dal territorio e per chi ha prenotato altrove nella zona.

Alcuni locali sono stati sprezzanti della chiusura, lamentando che ha ulteriormente influenzato una stagione turistica già colpita dalle misure del coronavirus .

Tuttavia, il sindaco Miserocchi ha affermato che è “urgente e vitale” spostare le persone direttamente sul percorso di una potenziale caduta di ghiaccio, poiché nei prossimi giorni sono previste temperature più torride.

Ludovic Ravanel, ricercatore dell’Università della Savoia Mont Blanc che studia i ghiacciai e le frane nelle Alpi, ha difeso la decisione di evacuare l’area.

“Non possiamo lasciare le persone sotto la minaccia di una simile valanga di ghiaccio”, ha detto all’AFP.

Collegamento al riscaldamento globale ‘ovvio’

Valerio Segor, direttore della gestione del rischio naturale della Valle d’Aosta, ha detto che la situazione è “particolarmente delicata” perché il caldo “altera il livello dell’acqua tra il ghiaccio e la roccia, e di conseguenza la stabilità del ghiacciaio”.

Ha detto che il problema era “che non può fuoriuscire abbastanza acqua, rimane sotto il ghiacciaio come una bolla e rischia di sollevarlo”, il che potrebbe ribaltare la sua sezione più fragile per precipitare nella valle, ha detto Segor all’AFP all’inizio della settimana.

Ma Miserocchi ha detto sabato che “è ripresa la circolazione dell’acqua sotto il ghiacciaio … era questo punto che ci preoccupava molto”.

Durante un flypast in elicottero, un reporter dell’AFP ha visto una voragine spalancata nella parte inferiore del Planpincieux, da cui due cascate d’acqua scorrevano verso la valle, mentre pendeva dal fianco della montagna come un gigantesco blocco di polistirolo grigio.

Il ricercatore Ravanel ha affermato che “il legame di Planpincieux con il riscaldamento globale è ovvio”.

“Un ritiro glaciale particolarmente forte negli ultimi tre decenni, combinato con ondate di caldo sempre più frequenti, spiega la situazione attuale”, ha detto.

Ci sono più di 4.000 ghiacciai – vaste e antiche riserve di ghiaccio – disseminati in tutte le Alpi, che forniscono acqua stagionale a milioni e formano alcuni dei paesaggi più belli d’Europa. Ma sono gravemente minacciati dal cambiamento climatico.

A settembre e ottobre dello scorso anno, anche il ghiacciaio di Planpincieux ha minacciato un collasso parziale, dopo di che sono state messe in atto misure di sorveglianza aggiuntive.

Uno studio dello scorso anno condotto da scienziati svizzeri ha scoperto che i ghiacciai alpini potrebbero ridursi tra il 65 e il 90% in questo secolo, a seconda dell’efficacia con cui il mondo può frenare le emissioni di gas serra.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter
Agosto: 2020
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31