Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura




 

Coronavirus: Cuba afferma che 2 farmaci hanno ridotto il bilancio delle vittime

Cuba gestita dai comunisti ha affermato questa settimana che l’uso di due farmaci prodotti dalla sua industria biotecnologica che riducono l’ iperinfiammazione nei pazienti gravemente malati con COVID-19 ha ridotto drasticamente il bilancio delle vittime legate al coronavirus.

Le autorità sanitarie hanno segnalato solo due decessi correlati a virus negli ultimi nove giorni tra gli oltre 200 casi attivi sull’isola più grande dei Caraibi, segno che potrebbero avere sotto controllo il peggio dell’epidemia.

Il governo, che spera di aumentare le sue esportazioni biofarmaceutiche, ha pubblicizzato vari farmaci che produce per aiutare a prevenire l’infezione con il nuovo coronavirus e curare la malattia COVID-19 che provoca.

Attribuisce la recente riduzione delle morti di pazienti affetti da COVID-19 gravemente malati in gran parte all’uso a partire da aprile di due farmaci che sembrano aiutare a calmare la “tempesta di citochine”, una pericolosa risposta eccessiva da parte del sistema immunitario in cui attacca anche i tessuti sani come il virus invasore.

Uno è itolizumab, un anticorpo monoclonale prodotto a Cuba e altrove. L’altro è un peptide che Cuba afferma che la sua industria biotecnologica ha scoperto e che ha testato l’artrite reumatoide negli studi clinici di Fase II.

“Circa l’80% dei pazienti che finiscono in condizioni critiche sta morendo. A Cuba, con l’uso di queste droghe, l’80% di coloro che finiscono in condizioni critiche o gravi vengono salvati ”, ha detto giovedì il presidente Miguel Diaz-Canel in un incontro trasmesso dalla televisione di stato.

Gli scienziati avvertono che sono necessari ampi studi controllati con placebo per valutare la sicurezza e l’efficacia di questi farmaci per il trattamento del COVID-19.

Ma i trattamenti sperimentali di Cuba hanno aiutato a raggiungere un tasso di mortalità complessivo per COVID-19 del 4,2%, rispetto alle medie regionali e globali del 5,9% e del 6,6% rispettivamente, affermano le autorità sanitarie.

I tassi di mortalità dipendono da molte variabili, tra cui il tasso di test, la qualità dei sistemi sanitari, l’età e le condizioni di salute sottostanti della popolazione.

I dati ufficiali suggeriscono che Cuba, con un’assistenza sanitaria universale e un sistema di assistenza ben organizzato, ha fatto bene a contenere il suo focolaio. Ha registrato meno di 20 casi al giorno nell’ultima settimana, da un picco di 50 a 60 a metà aprile. In totale, Cuba ha segnalato 1.916 casi per una popolazione di 11 milioni e 81 morti.

Ciò si traduce in un tasso di infezione di 0,71 per 100.000 abitanti, rispetto a circa 29 per 100.000 negli Stati Uniti, secondo un conteggio della John’s Hopkins University.

Un’azione rapida ha aiutato Cuba a contenere il suo focolaio. Dopo la chiusura delle frontiere, delle scuole e dei trasporti pubblici a marzo, Cuba ha esortato i residenti a rimanere a casa, ha reso obbligatorio l’uso di maschere e ha impiegato un efficace tracciamento dei contatti per frenare la diffusione del virus.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter
Agosto: 2020
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31