Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura




 

Come il cambiamento climatico potrebbe esporci a nuove epidemie

Business woman drawing global structure networking and data exchanges customer connection on dark background

Virus a lungo inattivi riportati in vita; la recrudescenza del vaiolo mortale e sfigurante; una “stagione” di dengue o zika in Europa.

Queste potrebbero essere le trame dei film catastrofici, ma sono anche scenari seri e sempre più plausibili di epidemie scatenate dal riscaldamento globale , dicono gli scienziati.

La pandemia COVID-19 che ha investito il mondo e ha causato oltre 760.000 vittime finora quasi certamente proveniva da un pipistrello selvatico, evidenziando il pericolo di invasione costante dell’umanità negli spazi selvaggi in diminuzione del pianeta.

Ma l’espansione dell’impronta ecologica della nostra specie potrebbe innescare epidemie anche in altri modi.

Anche il cambiamento climatico, che sta già scatenando il caos con un grado Celsius di riscaldamento, sta emergendo come un fattore di malattie infettive, espandendo l’impronta delle zanzare portatrici di malaria e dengue o scongelando i patogeni preistorici dal permafrost siberiano.

‘L’ignoranza è il nostro nemico’

“Nei miei momenti più bui, vedo un futuro davvero orribile per l’Homo sapiens perché siamo un animale, e quando estenderemo i nostri confini le cose ci succederanno”, ha detto Birgitta Evengard, ricercatrice in microbiologia clinica presso l’Università Umea in Svezia.

“Il nostro più grande nemico è la nostra ignoranza”, ha aggiunto. “La natura è piena di microrganismi”.

Pensa al permafrost, una bomba a orologeria sul cambiamento climatico diffusa in Russia, Canada e Alaska che contiene tre volte il carbonio emesso dall’inizio dell’industrializzazione.

Anche se l’umanità riuscisse a limitare il riscaldamento globale a meno di due gradi Celsius, obiettivo fondamentale dell’accordo di Parigi del 2015, l’area del permafrost diminuirà di un quarto entro il 2100, secondo il panel di scienze climatiche delle Nazioni Unite, l’IPCC.

E poi ci sono i tesori nascosti del permafrost.

“I microrganismi possono sopravvivere nello spazio congelato per molto, molto tempo”, ha detto Vladimir Romanovsky, professore di geofisica presso l’Università dell’Alaska a Fairbanks.

Un ritorno di Anthrax?

Quando il terreno si scioglie, le particelle di terreno una volta congelate , il materiale organico ei microrganismi che erano stati rinchiusi per millenni vengono trasportati verso la superficie dai flussi d’acqua, ha spiegato.

“È così che lo scongelamento può diffondere questi microrganismi negli ambienti odierni”.

Ci sono già esempi di antichi insetti congelati che prendono vita.

“Quando metti un seme nel terreno che viene poi congelato per migliaia di anni, non succede nulla”, ha detto Jean-Michel Claverie, professore emerito di genomica presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Aix-Marseille in Francia.

“Ma quando riscaldi la terra, il seme potrà germogliare”, ha aggiunto. “Questo è simile a quello che succede con un virus.”

Il laboratorio di Claverie ha rianimato con successo virus siberiani che hanno almeno 30.000 anni.

Questi insetti rianimati attaccano solo le amebe, ma decine di migliaia di anni fa ce n’erano sicuramente altri che miravano più in alto nella catena alimentare.

“Neanderthal, mammut, rinoceronti lanosi si sono tutti ammalati e molti sono morti”, ha detto Claverie. “Alcuni dei virus che hanno causato le loro malattie sono probabilmente ancora nel suolo”.

Il numero di batteri e virus in agguato nel permafrost è incalcolabile, ma la domanda più importante è quanto siano pericolosi.

E qui, gli scienziati non sono d’accordo.

“L’antrace mostra che i batteri possono riposare nel permafrost per centinaia di anni ed essere rianimati”, ha detto Evengard.

Nel 2016 un bambino in Siberia è morto a causa della malattia, scomparsa dalla regione almeno 75 anni prima.

Agenti patogeni di due milioni di anni

Questo caso è stato attribuito allo scongelamento di una carcassa sepolta da tempo, ma alcuni esperti ribattono che l’animale rimane in questione potrebbe essere stato in terra poco profonda e quindi soggetto a scongelamento periodico.

Altri patogeni, come il vaiolo o il ceppo influenzale che uccise decine di milioni nel 1917 e nel 1918, potrebbero essere presenti anche nella regione sub-artica.

Ma “probabilmente sono stati inattivati”, ha concluso Romanovsky in uno studio pubblicato all’inizio di quest’anno.

Per Claverie, invece, il ritorno del vaiolo – dichiarato ufficialmente estirpato 50 anni fa – non può essere escluso. Le vittime della malattia del XVIII e XIX secolo “sepolte nei cimiteri in Siberia sono totalmente preservate dal freddo”, ha osservato.

Nell’improbabile caso di un’epidemia locale, è disponibile un vaccino.

Il vero pericolo, ha aggiunto, si trova negli strati più profondi dove agenti patogeni sconosciuti che non hanno visto la luce del giorno per due milioni di anni o più possono essere esposti dal riscaldamento globale.

Se non ci fossero host da infettare gli insetti non ci sarebbe alcun problema, ma il cambiamento climatico, indirettamente, è intervenuto anche qui.

“Con lo sfruttamento industriale dell’Artico, tutti i fattori di rischio sono presenti: gli agenti patogeni e le persone che li trasportano”, ha detto Claverie.

La rinascita di antichi batteri o virus rimane speculativa, ma il cambiamento climatico ha già accelerato la diffusione di malattie che uccidono circa mezzo milione di persone ogni anno: malaria, dengue, chikungunya, zika.

“Le zanzare che si spostano verso nord sono ora in grado di svernare in alcune regioni temperate”, ha detto Jeanne Fair, vice capogruppo per la biosicurezza e la salute pubblica presso il Los Alamos National Laboratory nel New Mexico.

“Hanno anche periodi di riproduzione più lunghi”.

‘Aperitivo sul cambiamento climatico’

Originaria del sud-est asiatico, la zanzara tigre (Aedes albopictus) – che trasporta dengue e chikungunya – è arrivata nell’Europa meridionale nel primo decennio di questo secolo e da allora si è spostata rapidamente verso nord, a Parigi e oltre.

Nel frattempo, un’altra zanzara portatrice di dengue, Aedes aegypti, è apparsa anche in Europa. Qualunque sia la specie colpevole, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha registrato 40 casi di trasmissione locale di dengue tra il 2010 e il 2019.

“Un aumento della temperatura media potrebbe provocare la trasmissione stagionale della dengue nell’Europa meridionale se si stabilisse A. aegypti infettato da virus”, secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.

Per quanto riguarda la malaria – una malattia che un tempo colpiva l’Europa meridionale e gli Stati Uniti meridionali e per la quale esiste un trattamento efficace – il rischio di esposizione dipende in gran parte dalle condizioni socio-economiche.

Secondo uno studio citato dall’IPCC, più di cinque miliardi di persone potrebbero vivere nelle regioni colpite dalla malaria entro il 2050 se il cambiamento climatico continuerà senza sosta, ma una forte crescita economica e uno sviluppo sociale potrebbero ridurre tale numero a meno di due miliardi.

“La recente esperienza nell’Europa meridionale dimostra quanto rapidamente la malattia potrebbe riapparire se i servizi sanitari vacillano”, ha detto l’IPCC nel 2013, alludendo a una recrudescenza di casi in Grecia nel 2008.

In Africa, che ha registrato 228 milioni di casi di malaria nel 2018, il 94% del totale mondiale, il vettore della malattia si sta spostando in nuove regioni, in particolare nelle pianure d’alta quota dell’Etiopia e del Kenya.

Per il momento, i segnali per le malattie tropicali trasmissibili “sono preoccupanti in termini di espansione dei vettori, non necessariamente di trasmissione”, ha detto Cyril Caminade, un epidemiologo che lavora sui cambiamenti climatici presso l’Institute of Infection and Global Health dell’Università di Liverpool.

“Detto questo, finora stiamo solo assaggiando l’aperitivo del cambiamento climatico”.

Gran parte dell’Europa può soffrire della temuta febbre dengue a meno che il cambiamento climatico non venga attenuato. Questo è ciò che mostra Jing Helmersson in una nuova dissertazione all’Università di Umeå in Svezia. Le zanzare trasmettono la malattia, che ha bisogno di una certa temperatura e umidità per diffondersi.

“Poiché non possiamo fermare i viaggi tra i continenti, l’unico modo sicuro per prevenire la diffusione della febbre dengue è prevenire l’insediamento di zanzare che possono trasportare il virus. Per questo, il clima è un fattore chiave”, afferma Jing Helmersson, dottorando presso il Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina Clinica dell’Università di Umeå.

Nel corso della sua tesi di dottorato, Helmersson ha sviluppato due modelli matematici per calcolare il potenziale dell’epidemia di dengue e della proliferazione della zanzara dengue a livello globale, con focus in Europa. Riguarda in parte la capacità della zanzara di trasmettere il virus della dengue in base alla temperatura, e in parte la densità o l’insediamento delle zanzare in relazione al clima.

Il più potente vettore di dengue delle zanzare è chiamato Aedes aegypti. Tuttavia, affinché una popolazione di zanzare in un’area diventi portatrice, il virus deve prima arrivare lì. Il rischio che le persone portino inconsapevolmente l’infezione è in parte dovuto al fatto che la dengue presenta sintomi in molti casi. Tuttavia, per diffondere l’infezione, sono necessarie una combinazione di virus, il giusto tipo di zanzare , la stagione adatta e l’ambiente giusto per lo sviluppo delle zanzare, temperatura, pioggia e siti di riproduzione adeguati. Questa combinazione di condizioni è favorita dal cambiamento climatico .

La zanzara dengue secondaria, Aedes albopictus, è stabilita nella regione mediterranea. La zanzara dengue primaria, Aedes aegypti, è sul punto di invadere le parti più meridionali dell’Europa. Helmersson mostra nella sua tesi di dottorato che se il cambiamento climatico si terrà nell’ambito dell’accordo di Parigi a un massimo di due gradi di riscaldamento, la zanzara Aedes aegypti avrà il potenziale di diffondersi solo nelle regioni meridionali di Spagna, Portogallo, Italia e Grecia . Tuttavia, se il riscaldamento globale continua oltre i due gradi, si prevede che si verificherà una drammatica espansione in parti dell’Europa meridionale e centrale e, di conseguenza, epidemie di dengue. Ciò riguarderebbe gran parte della Francia, della Spagna, dell’Italia, del Portogallo, della Grecia e dei Balcani.

“Le mie conclusioni sottolineano l’importanza di mantenere il riscaldamento globale entro l’obiettivo dei due gradi. Ridurre l’area potenziale e la finestra temporale per la diffusione della dengue, quindi, va di pari passo con la riduzione delle emissioni di anidride carbonica”, afferma Jing Helmersson.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità OMS, la febbre dengue è la più grave malattia virale trasmessa dalle zanzare al mondo. La malattia è stata finora limitata ad alcune aree tropicali e subtropicali in Africa, Asia e America Latina. Ad oggi in Europa sono noti solo due focolai locali, ad Atene nel 1927 e a Madeira 2012. Tuttavia, non esiste un vaccino efficace contro la dengue che possa essere utilizzato in aree non infette.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter
Agosto: 2020
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31