Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Alcune cellule del sangue hanno una origine sorprendente:  l’intestino

L’intestino umano può fornire fino al 10% delle cellule del sangue in circolazione dal suo stesso serbatoio di cellule staminali ematopoietiche, un nuovo sorprendente studio condotto da ricercatori della Columbia University del Vagelos College of Physicians and Surgeons.

Gli scienziati avevano precedentemente pensato che le cellule del sangue venissero create esclusivamente nel midollo osseo da una speciale popolazione di cellule staminali ematopoietiche.

Perchè è importante

Il trapianto intestinale è l’unica opzione a lungo termine per i pazienti con il morbo di Crohn e altre malattie se il loro intestino collassa. Ma alti tassi di rigetto e complicanze potenzialmente fatali derivanti dall’immunosoppressione hanno limitato il successo del trapianto intestinale umano.

Quando una persona riceve un organo trapiantato, il sistema immunitario spesso riconosce il nuovo organo come estraneo e lo distrugge. Potenti farmaci immunosoppressivi riducono queste risposte, ma questo rende il paziente molto più suscettibile alle infezioni e ad altre complicazioni.

In che modo le cellule del sangue del donatore aiutano il trapianto?

L’analisi dei globuli bianchi circolanti in pazienti dopo un trapianto intestinale suggerisce che le cellule derivate dall’intestino donato siano maturate e istruite nel ricevente per essere tolleranti ai propri tessuti del ricevente. Allo stesso modo, i globuli bianchi prodotti dal ricevente dopo il trapianto possono essere educati a tollerare il tessuto donato.

“Stiamo dimostrando chiaramente che c’è un cross-talk immunologico tra i due gruppi di cellule del sangue che protegge il trapianto dal sistema immunitario del paziente e protegge il paziente dal trapianto”, afferma Sykes.

Le cellule staminali ematopoietiche nell’intestino sono infine sostituite da un flusso proveniente dal ricevente, che è quello che i ricercatori hanno trovato.

Come l’individuazione potrebbe migliorare il trapianto

Poiché i pazienti con più cellule del sangue del donatore avevano tassi di rigetto di organo più bassi, i risultati indicano nuove strategie per la gestione del trapianto di organi.

Il serbatoio intestinale di cellule staminali emopoietiche è stato scoperto quando i ricercatori, guidati da Megan Sykes, MD, direttore del Columbia Center for Translational Immunology, hanno notato che il sangue dei pazienti che avevano ricevuto trapianti intestinali conteneva cellule del donatore. I ricercatori hanno rintracciato le cellule del sangue del donatore alla loro fonte: le cellule staminali ematopoietiche nell’intestino donato.

Anche le cellule del sangue create dalle cellule nell’intestino del donatore possono essere benefiche per il ricevente del trapianto . Più cellule del sangue dei donatori erano in circolazione, meno era probabile che rifiutassero i loro trapianti.

“È possibile che i pazienti con un alto livello di cellule donatrici non possano richiedere la stessa immunosoppressione che stanno ricevendo”, afferma Sykes, “e ridurre l’immunosoppressione potrebbe migliorare i risultati”.

L’impianto di organi trapiantati con cellule staminali ematopoietiche aggiuntive dal donatore può anche aumentare il cross-talk tra donatore e ricevente e aumentare la tolleranza del trapianto.

“Ciò potrebbe migliorare notevolmente la vita dei pazienti sottoposti a trapianto “, afferma Sykes. “Il nostro obiettivo finale è quello di ottenere la tolleranza immunitaria, che ci permetterebbe di eliminare completamente l’immunosoppressione e di sottoporre l’innesto a essere trattato dal paziente.” Questo è davvero il Santo Graal. ”

Qual’è la prossima tappa

I ricercatori stanno pianificando uno studio che cercherà di aumentare il numero di cellule staminali ematopoietiche erogate durante il trapianto intestinale, portando eventualmente a livelli più alti di cellule del sangue del donatore in circolazione, tolleranza immunitaria e una ridotta necessità di farmaci immunosoppressivi.

Altri tipi di trapianti possono beneficiare di interventi simili, anche per organi che non sembrano trasportare i propri serbatoi di cellule staminali ematopoietiche.

Avvertenze

Questo studio ha analizzato 21 pazienti che avevano ricevuto trapianti intestinali.

Sebbene il ritrovamento di una nuova popolazione di cellule staminali ematopoietiche sia eccitante, non giustifica ancora cambiamenti nell’attuale standard di cura.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email a info@thesolver.it e saranno immediatamente rimossi.