Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Bambini intelligenti che vanno male a scuola

Credo che questa vignetta possa dare una prima risposta:

esamedelpesce

Ma ancora meglio guardate cosa dice Einstein ( che a scuola non era affatto un genio)

 

EinsteinFailSchool

Sì, secondo me la risposta sta nel nostro sistema di istruzione:
1. Troppa pressione: I genitori  fanno a gara per fare entrare i loro bambini nelle scuole migliori. Alcuni di loro li inviano in istituti di coaching in tenera età. E’ troppo. Specialmente per un dolce innocente di 3 anni.
adeguamento
2. Carico di lavoro non necessarie: le assegnazioni, i progetti, i compiti, insomma troppe cose che tutti i bambini non possono trovare interessanti allo stesso modo, ma sono costretti a fare! A nessuno piace fare le cose che non piacciono, e gradualmente il bambino comincia a perdere interesse in tutto.
3. La mentalità del gregge: Tutti vogliono la stessa scuola, lo stesso flusso, lo stesso collegio, lo stesso lavoro. In mezzo a tutto questo non riusciamo a riconoscere che alcuni bambini sono diversi, e vogliono cose diverse. Ma anche prima che siano abbastanza saggi da sapere ciò che vogliono, i loro genitori non li mandano in istituti di coaching, perchè li vogliono fare diventare medici e ingegneri.
4. Troppa concorrenza: Naturalmente la concorrenza è un bene, ma se è sana. Quando è troppa, non tutti sono in grado di tenerne il passo. Pertanto, alcuni ragazzi optano per la via più facile: uscire, barare negli esami, corruzione per cancellare un esame, o talvolta rinunciare e non studiare del tutto!
5. Nessun valore per la creatività: Il nostro sistema educativo si concentra tanto sulla conoscenza tramite “i libri di testo”, che totalmente ignoriamo i lati creativi dei bambini.
Ogni bambino è intelligente. Non si può giudicare la sua intelligenza per quanto bene faccia negli studi. Basta lasciare che il bambino sia quello che vuole. Dategli il tempo di fiorire. E lo vedrete fare miracoli. Se i genitori di Archimede avessero voluto che fosse un cantante, o quelli di Mina voluto che fosse un medico, il mondo sarebbe sicuramente un luogo diverso.
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email a info@thesolver.it e saranno immediatamente rimossi.