Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Cambiamenti climatici e ambientali nel Mediterraneo – fatti principali

mediterraneo dal satellite

mediterraneo dal satellite

CAMBIAMENTI CLIMATICI E AMBIENTALI NEL MEDITERRANEO – FATTI PRINCIPALI 

Il bacino del Mediterraneo è una regione di ricchezza culturale e paesaggistica, nonché di eccezionale diversità. I cambiamenti climatici e ambientali derivanti dall’attività umana in questa regione hanno subito un’accelerazione negli ultimi decenni. Durante questo periodo le temperature medie annue dell’aria e del mare sono aumentate, il livello del mare si è innalzato ed è in corso l’acidificazione delle acque . Le condizioni tendono ad essere più calde e secche. Questi cambiamenti comportano numerosi rischi per gli ecosistemi e per il benessere umano. Pertanto, è fondamentaleaggiornare e consolidare le migliori conoscenze scientifiche sui cambiamenti climatici e ambientali nel bacino del Mediterraneo e renderle accessibili ai decisori politici, alle principali parti interessate e ai cittadini. Questo l’obiettivo del primo rapporto MedECC.

Il Mar Mediterraneo è circondato da tre continenti: Africa, Asia ed Europa. La ricchezza culturale intorno al Mediterraneo è eccezionale. Questa è anche una regione in costante cambiamento. È modellato dalle attività umane, compresi i cambiamenti nell’uso del suolo, l’industria e la crescita della popolazione, combinati con la crescita delle regioni urbane costiere (UNEP/MAP 2012). Questa pressione è ulteriormente amplificata dallo sviluppo del turismo nelle aree costiere mediterranee altamente attraenti e dai cambiamenti in rapida evoluzione dei modelli di consumo, come risultato del crescente sviluppo (Plan Bleu 2012). Il Mar Mediterraneo è anche una delle rotte marittime più trafficate del mondo (UNEP/MAP-Plan Bleu 2009). Inoltre, è una regione di contrasti, in quanto comprende paesi con livelli di reddito e sviluppo sociale molto diversi. Nonostante i significativi progressi compiuti nei Paesi in via di sviluppo della sponda Sud del Mediterraneo, permane la frattura Nord-Sud. La regione affronta una distribuzione ineguale delle risorse, conflitti e migrazioni su larga scala (AllEnvi 2016).

La regione mediterranea si caratterizza anche per la ricchezza e la diversità dei suoi paesaggi, che vanno dai deserti subtropicali alle regioni temperate di media latitudine. È un hotspot di biodiversità. Il Mar Mediterraneo ospita dal 4% al 18% di tutte le specie marine identificate, il che è considerevole dato che rappresenta solo lo 0,82% della superficie oceanica globale (Coll et al. 2010). Questo hotspot di biodiversità è minacciato da diversi e spesso sinergici fattori di stress antropici (Boero 2015).

Inoltre, la regione mediterranea è esposta a diversi rischi naturali, come terremoti, eruzioni vulcaniche, inondazioni, incendi o siccità. In questa complessa situazione, il Mediterraneo deve affrontare nuove sfide, dovute al cambiamento climatico globale. Sulla base degli scenari climatici globali, il Mar Mediterraneo è stato classificato come una delle regioni più reattive ai cambiamenti climatici (Giorgi 2006). Nella regione mediterranea, le temperature medie annuali sono ora di 1,4 °C più alte rispetto al periodo 1880-1899, ben al di sopra delle attuali tendenze di riscaldamento globale, soprattutto durante l’estate (Fig. 1). Per quanto riguarda le proiezioni future, l’obiettivo di temperatura media globale di 2 °C implica un riscaldamento di 3 °C nelle temperature estreme calde nella regione mediterranea (Seneviratne et al.2016). A seconda dello scenario climatico (RCP: Representative Concentration Pathway) e della stagione, nel Mediterraneo è previsto un aumento della temperatura da 2 a 6 °C entro il 2100 (per le temperature estive: Fig. 2; IPCC 2013). È probabile che gli eventi ad alta temperatura e le ondate di calore diventino più frequenti e/o più estremi (Jacob et al. 2014).

Fig. 1. Riscaldamento dell’atmosfera (anomalie della temperatura media annuale rispetto al periodo 1880-1899), nel bacino del Mediterraneo (linee blu, con e senza smoothing) e per il globo (linea verde). Nella regione mediterranea, le temperature medie annuali sono ora di 1,4 °C più alte rispetto al periodo 1880-1899, ben al di sopra delle attuali tendenze del riscaldamento globale. Dati da Berkeley Earth disponibili su http://berkeleyearth.org/

cambiamenti della temperatura

Fig. 2. Serie temporali delle variazioni di temperatura relative al periodo 1986-2005 calcolate in media sui punti della griglia terrestre nella regione Europa meridionale/Mediterraneo (da 30°N a 45°N, da 10°W a 40°E) da giugno ad agosto. Sul lato destro sono indicati il ​​5°, 25°, 50° (mediana), 75° e 95° percentile della distribuzione delle variazioni medie su 20 anni per il periodo 2081-2100 nei quattro scenari RCP. Nel Mediterraneo è previsto un aumento della temperatura da 2 a 6 °C entro il 2100.

Il livello del mare nel Mediterraneo è aumentato tra il 1945 e il 2000 a un tasso di 0,7 ± 0,2 mm/anno (Calafat e Gomis 2009). L’aumento stimato negli ultimi due decenni è stato di circa 3 cm/decennio (Tsimplis et al. 2013). Il futuro innalzamento medio del livello del mare nel bacino del Mediterraneo totale è stato stimato tra 9,8 e 25,6 cm entro il 2040-2050 a seconda dello scenario (Galassi e Spada 2014). Il riscaldamento della superficie del Mar Mediterraneo è attualmente stimato a 0,4 °C/decennio per il periodo 1985-2006 (Nykjaer 2009). Per quanto riguarda i cambiamenti futuri, le Isole Baleari, lo Ionio nord-occidentale, il Mar Egeo e il Levantino sono state identificate come le regioni con il massimo aumento della temperatura superficiale del mare (Fig. 3; Adloff et al. 2015). L’acidificazione del Mar Mediterraneo è già rilevabile (Howeset al. 2015).

Le analisi delle tendenze a lungo termine nella regione mediterranea mostrano che le condizioni medie annuali tendono ad essere più calde e più secche (UNEP/MAP-Plan Bleu 2009). La frequenza e l’intensità delle siccità sono aumentate significativamente nel Mediterraneo dal 1950 (Vicente-Serrano et al. 2014). Si prevede l’aumento della durata del periodo secco (giorni) (Schleussner et al. 2016) e la diminuzione delle precipitazioni, soprattutto in estate e con importanti differenze regionali (per l’estate, Fig. 4; IPCC 2013)

Temperatura superfice del mare

Fig. 3. Variazioni minime e massime attese della temperatura superficiale del mare per il periodo 2070–2099 (vs. 1961–1990) basate su un insieme di 6 membri che copre varie fonti di incertezza (°C). Le Isole Baleari, lo Ionio nord-occidentale, il Mar Egeo e il Levantino sono state identificate come le regioni con il massimo aumento della temperatura superficiale del mare (fare riferimento a: Adloff et al. 2015, per i dettagli dell’analisi)

Variazioni delle Precipitazioni

Fig. 4. Serie temporali della variazione relativa relativa al periodo 1986–2005 delle precipitazioni mediate sui punti della griglia terrestre nella regione Europa meridionale/Mediterraneo (da 30°N a 45°N, da 10°O a 40°E) da ottobre a marzo . Sul lato destro sono indicati il ​​5°, 25°, 50° (mediana), 75° e 95° percentile della distribuzione delle variazioni medie su 20 anni per il periodo 2081-2100 nei quattro scenari RCP. Previsto il calo delle precipitazioni, soprattutto in estate.

Le conseguenze del cambiamento climatico sopra descritte implicano numerosi rischi per gli ecosistemi e per il benessere umano. Oltre alle conseguenze dirette del cambiamento climatico, ci sono numerose conseguenze combinate di diversi cambiamenti ambientali derivanti dalle pressioni umane, come il degrado del paesaggio e dell’ecosistema dovuto all’industrializzazione, all’urbanizzazione e ai trasporti (inquinamento dell’aria, dell’acqua, del suolo e delle risorse viventi) e insostenibile delle utilizzare le risorse minerali e viventi della terra e del mare. Le sfide derivanti da questi cambiamenti riguardano vari settori, come l’industria della pesca, l’agricoltura, la gestione delle foreste e le attività commerciali e del tempo libero.

In questo contesto, tenere conto dell’ambiente nelle decisioni economiche e politiche deve essere una priorità per il futuro del Mediterraneo. Le risposte politiche al cambiamento climatico dovrebbero basarsi su prove scientifiche. La considerazione delle prove scientifiche include una chiara comunicazione delle incertezze come parte della normale pratica. Mentre le indicazioni di incertezza potrebbero rendere più difficile l’inclusione della valutazione scientifica nel processo decisionale, le incertezze non dovrebbero essere usate come scusa per l’inazione. Al contrario, la valutazione dovrebbe aiutare le persone a comprendere meglio la complessità dei legami tra parametri climatici, ambientali e sociali. Vi è un urgente bisogno di aggiornare e consolidare le migliori conoscenze scientifiche sui cambiamenti climatici e ambientali nel bacino del Mediterraneo e di renderle accessibili ai decisori politici, alle principali parti interessate e ai cittadini. In tutto il Mediterraneo esiste una notevole quantità di osservazioni e capacità scientifiche per la valutazione del rischio, ma le risorse sono distribuite in modo non uniforme e alcune delle regioni e dei settori economici più vulnerabili non sono sufficientemente studiati. C’è anche una preoccupazione ampiamente condivisa che, nella regione del Mediterraneo, le attività di ricerca, il monitoraggio dei dati e la generazione di altre conoscenze sui cambiamenti climatici e altri cambiamenti ambientali sono fortemente sbilanciati verso il Nord e non sufficientemente coordinati. I decisori pubblici e privati ​​hanno quindi un accesso insufficiente alle conoscenze esistenti. Per tutti questi motivi, MedECC sta preparando il suo primo rapporto MedECC sullo stato attuale e sui rischi del cambiamento climatico e ambientale nel Mediterraneo.