Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Chernobyl è diventata un rifugio per la fauna selvatica 33 anni dopo l’incidente nucleare

Centrale nucleare di Chernobyl (Ucraina) con il nuovo edificio di confinamento sicuro sopra l’unità reattore numero 4. Maggio 2017. Germán Orizaola

Il reattore numero quattro della centrale nucleare di Chernobyl subì un’esplosione durante un test tecnico il 26 aprile 1986. A seguito dell’incidente, nell’allora Unione Sovietica, furono emesse più di 400 volte più radiazioni di quelle rilasciate dalla bomba atomica caduto su Hiroshima (Giappone) nel 1945. Rimane il più grande incidente nucleare della storia.

I lavori di bonifica sono iniziati subito dopo l’incidente. Attorno allo stabilimento è stata creata una zona di esclusione e più di 350.000 persone sono state evacuate dall’area. Non sono mai tornati. E ancora oggi sono in vigore severe restrizioni sugli insediamenti umani permanenti.

L’incidente ha avuto un forte impatto sulla popolazione umana. Sebbene non ci siano cifre chiare, la perdita fisica di vite umane e le conseguenze fisiologiche sono state enormi. Le stime del numero di vittime umane variano enormemente .

Anche l’impatto iniziale sull’ambiente è stato importante. Una delle zone più colpite dalle radiazioni è stata la pineta nei pressi dello stabilimento, nota da allora come “Foresta Rossa”. Questa zona ha ricevuto le più alte dosi di radiazioni, i pini sono morti all’istante e tutte le foglie sono diventate rosse. Pochi animali sono sopravvissuti ai più alti livelli di radiazioni.

Pertanto, dopo l’incidente si è ipotizzato che l’area sarebbe diventata un deserto per tutta la vita. Considerando il lungo tempo che alcuni composti radioattivi impiegano per decomporsi e scomparire dall’ambiente, la previsione era che l’area sarebbe rimasta priva di fauna selvatica per secoli.

La fauna selvatica di Chernobyl oggi

Ma oggi, 33 anni dopo l’incidente, la zona di esclusione di Chernobyl, che ora copre un’area in Ucraina e Bielorussia, è abitata da orsi bruni, bisonti, lupi, linci, cavalli di Przewalski e più di 200 specie di uccelli, tra gli altri animali.

Nel marzo 2019, la maggior parte dei principali gruppi di ricerca che lavorano con la fauna selvatica di Chernobyl si sono incontrati a Portsmouth, in Inghilterra. Circa 30 ricercatori provenienti da Regno Unito, Irlanda, Francia, Belgio, Norvegia, Spagna e Ucraina hanno presentato gli ultimi risultati del nostro lavoro. Questi studi includevano lavori su grandi mammiferi, uccelli nidificanti, anfibi, pesci, bombi, lombrichi, batteri e decomposizione della lettiera.

Questi studi hanno dimostrato che attualmente l’area ospita una grande biodiversità. Inoltre, hanno confermato la generale assenza di grandi effetti negativi degli attuali livelli di radiazione sulle popolazioni animali e vegetali che vivono a Chernobyl. Tutti i gruppi studiati mantengono popolazioni stabili e vitali all’interno della zona di esclusione.

Un chiaro esempio della diversità della fauna selvatica nell’area è fornito dal progetto TREE (TRansfer-Exposure-Effects, guidato da Nick Beresford del Centre for Ecology and Hydrology del Regno Unito). Nell’ambito di questo progetto, per diversi anni sono state installate telecamere di rilevamento del movimento in diverse aree della zona di esclusione. Le foto registrate da queste telecamere rivelano la presenza di una fauna abbondante a tutti i livelli di radiazione. Queste telecamere hanno registrato la prima osservazione di orsi bruni e bisonti europei all’interno della parte ucraina della zona, nonché l’aumento del numero di lupi e cavalli di Przewalski.

Bisonte europeo (Bison bonasus), lince boreale (Lynx lynx), alce (Alces alces) e orso bruno (Ursus arctos) fotografati all’interno della zona di esclusione di Chernobyl (Ucraina). Progetto ALBERO/Sergey Gaschack

Anche il nostro lavoro con gli anfibi di Chernobyl ha rilevato popolazioni abbondanti in tutta la zona di esclusione, anche nelle aree più contaminate. Inoltre, abbiamo anche trovato segni che potrebbero rappresentare risposte adattative alla vita con le radiazioni. Ad esempio, le rane all’interno della zona di esclusione sono più scure delle rane che vivono al di fuori di essa, il che rappresenta una possibile difesa contro le radiazioni.

Una raganella orientale (Hyla orientalis), Chernobyl (Ucraina). Maggio 2018. German Orizaola

Gli studi hanno anche rilevato alcuni effetti negativi delle radiazioni a livello individuale. Ad esempio, alcuni insetti sembrano avere una vita più breve e sono più colpiti dai parassiti nelle aree ad alta radiazione. Alcuni uccelli hanno anche livelli più elevati di albinismo, così come alterazioni fisiologiche e genetiche quando vivono in località altamente contaminate. Ma questi effetti non sembrano influenzare il mantenimento della popolazione faunistica nell’area.

La generale assenza di effetti negativi delle radiazioni sulla fauna selvatica di Chernobyl può essere una conseguenza di diversi fattori:

In primo luogo, la fauna selvatica potrebbe essere molto più resistente alle radiazioni di quanto si pensasse. Un’altra possibilità alternativa è che alcuni organismi potrebbero iniziare a mostrare risposte adattative che consentirebbero loro di far fronte alle radiazioni e vivere all’interno della zona di esclusione senza danni. Inoltre, l’assenza di esseri umani all’interno della zona di esclusione potrebbe favorire molte specie, in particolare i grandi mammiferi.

Quest’ultima opzione suggerirebbe che le pressioni generate dalle attività umane sarebbero più negative per la fauna selvatica nel medio termine rispetto a un incidente nucleare: una visione abbastanza rivelatrice dell’impatto umano sull’ambiente naturale.

Il futuro di Chernobyl

Nel 2016 la parte ucraina della zona di esclusione è stata dichiarata riserva della biosfera radiologica e ambientale dal governo nazionale.

Foreste e prati a Chernobyl

Foresta e prati all’interno della zona di esclusione di Chernobyl (Ucraina). Maggio 2016. Germán Orizaola

Chernobyl è diventata negli anni anche un ottimo laboratorio naturale per lo studio dei processi evolutivi in ​​ambienti estremi, cosa che potrebbe rivelarsi preziosa visti i rapidi cambiamenti ambientali che si verificano in tutto il mondo.

Al momento, diversi progetti stanno cercando di riprendere le attività umane nell’area. Il turismo è fiorito a Chernobyl, con oltre 70.000 visitatori nel 2018. Sono previsti anche piani per lo sviluppo di centrali solari nell’area e per l’espansione del lavoro forestale. L’anno scorso c’è stata persino un’installazione artistica e una festa techno all’interno della città abbandonata di Prypiat.

Negli ultimi 33 anni, Chernobyl è passata dall’essere considerato un potenziale deserto per la vita ad essere un’area di grande interesse per la conservazione della biodiversità.

Può sembrare strano, ma ora dobbiamo lavorare per mantenere l’integrità della zona di esclusione come riserva naturale se vogliamo garantire che in futuro Chernobyl rimanga un rifugio per la fauna selvatica.

 

Lascia un commento