Archivi
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Curcumina: una rassegna dei suoi effetti sulla salute umana

Curcuma. Curcumina

La curcuma, spezia da tempo riconosciuta per le sue proprietà medicinali, ha suscitato interesse sia dal mondo medico/scientifico che dagli appassionati di cucina, in quanto fonte principale del polifenolo curcumina. Aiuta nella gestione di condizioni ossidative e infiammatorie, sindrome metabolica, artrite, ansia e iperlipidemia. Può anche aiutare nella gestione dell’infiammazione e dell’indolenzimento muscolare indotti dall’esercizio, migliorando così il recupero e le prestazioni nelle persone attive. Inoltre, una dose relativamente bassa del complesso può fornire benefici per la salute a persone a cui non sono state diagnosticate condizioni di salute. La maggior parte di questi benefici può essere attribuita ai suoi effetti antiossidanti e antinfiammatori. L’ingestione di curcumina di per sé non porta ai benefici per la salute associati a causa della sua scarsa biodisponibilità,che sembra essere dovuto principalmente allo scarso assorbimento, al rapido metabolismo e alla rapida eliminazione. Ci sono diversi componenti che possono aumentare la biodisponibilità. Ad esempio, la piperina è il principale componente attivo del pepe nero e, se combinata in un complesso con la curcumina, ha dimostrato di aumentare la biodisponibilità del 2000%. La curcumina combinata con agenti potenzianti fornisce molteplici benefici per la salute. Lo scopo di questa recensione è fornire una breve panoramica della pletora di ricerche riguardanti i benefici per la salute della curcumina.La curcumina combinata con agenti potenzianti fornisce molteplici benefici per la salute. Lo scopo di questa recensione è fornire una breve panoramica della pletora di ricerche riguardanti i benefici per la salute della curcumina.La curcumina combinata con agenti potenzianti fornisce molteplici benefici per la salute. Lo scopo di questa recensione è fornire una breve panoramica della pletora di ricerche riguardanti i benefici per la salute della curcumina.

La curcuma è una spezia che ha riscosso molto interesse sia dal mondo medico/scientifico che da quello culinario. La curcuma è una pianta erbacea perenne rizomatosa ( Curcuma longa ) della famiglia dello zenzero . Le proprietà medicinali della curcuma, fonte della curcumina, sono note da migliaia di anni; tuttavia, solo di recente è stata studiata la capacità di determinare l’esatto meccanismo d’azione e di determinare i componenti bioattivi . La curcumina (1,7-bis(4-idrossi-3-metossifenil)-1,6-eptadiene-3,5-dione), detta anche diferuloilmetano, è il principale polifenolo naturale presente nel rizoma di Curcuma longa (curcuma) e in altri Curcuma spp. .Curcuma longa è stato tradizionalmente usato nei paesi asiatici come erba medica a causa della sua antiossidante, antinfiammatoria, antimutagenic, antimicrobico, e antitumorali proprietà.

La curcumina, un polifenolo, ha dimostrato di colpire più molecole di segnalazione dimostrando anche attività a livello cellulare, il che ha contribuito a sostenere i suoi molteplici benefici per la salute. E ‘stato dimostrato di beneficiare condizioni infiammatorie , la sindrome metabolica, il dolore, e per aiutare nella gestione delle patologie oculari infiammatorie e degenerative. Inoltre, è stato dimostrato che apporta benefici ai reni . Mentre sembrano esserci innumerevoli benefici terapeutici per l’integrazione di curcumina, la maggior parte di questi benefici sono dovuti ai suoi effetti antiossidanti e antinfiammatori . Nonostante i suoi benefici segnalati tramite meccanismi infiammatori e antiossidanti, uno dei principali problemi con l’ingestione di curcumina da sola è la sua scarsa biodisponibilità, che sembra essere principalmente dovuta allo scarso assorbimento, al rapido metabolismo e alla rapida eliminazione. Diversi agenti sono stati testati per migliorare la biodisponibilità della curcumina affrontando questi vari meccanismi. La maggior parte di essi è stata sviluppata per bloccare la via metabolica della curcumina al fine di aumentarne la biodisponibilità. Ad esempio, la piperina, un noto potenziatore della biodisponibilità, è il principale componente attivo del pepe nero ed è associata ad un aumento del 2000% della biodisponibilità della curcumina  Pertanto, il problema della scarsa biodisponibilità sembra essere risolto aggiungendo agenti come la piperina che migliorano la biodisponibilità, creando così un complesso di curcumina.

La curcumina viene riconosciuta e utilizzata in tutto il mondo in molte forme diverse per molteplici potenziali benefici per la salute. Ad esempio, in India, la curcuma, contenente curcumina, è stata utilizzata nei curry; in Giappone viene servito nel tè; in Thailandia è usato nei cosmetici; in Cina è usato come colorante; in Corea, è servito nelle bevande; in Malesia è usato come antisettico; in Pakistan è usato come agente antinfiammatorio; e negli Stati Uniti, è usato in salsa di senape, formaggio, burro e patatine, come conservante e colorante, oltre a capsule e forme in polvere. La curcumina è disponibile in diverse forme tra cui capsule, compresse, unguenti, bevande energetiche, saponi e cosmetici . I curcuminoidi sono stati approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense come “Generally Recognized As Safe” (GRAS) e gli studi clinici hanno dimostrato una buona tollerabilità e profili di sicurezza, anche a dosi comprese tra 4000 e 8000 mg/ giorno e di dosi fino a 12.000 mg/giorno di concentrazione del 95% di tre curcuminoidi: curcumina, bisdemetossicurcumina e demetossicurcumina .

Lo scopo di questa recensione è fornire una breve panoramica della pletora di ricerche riguardanti i potenziali benefici per la salute della curcumina. A causa dell’ampiezza della letteratura, abbiamo scelto di concentrarci sui benefici associati ad alcune condizioni di salute comuni e sui benefici nelle persone sane piuttosto che rivedere l’ampia letteratura relativa al cancro e ad altri stati patologici. Per una revisione completa degli effetti della curcumina sul cancro, vedere l’articolo di Kunnumakkara et al. 2017 .

2.1. antiossidante

Le proprietà antiossidanti e antinfiammatorie sono i due meccanismi principali che spiegano la maggior parte degli effetti della curcumina sulle varie condizioni discusse in questa recensione . È stato dimostrato che la curcumina migliora i marcatori sistemici dello stress ossidativo .Ci sono prove che può aumentare le attività sieriche di antiossidanti come la superossido dismutasi (SOD) . Una recente revisione sistematica e una meta-analisi di dati di controllo randomizzati relativi all’efficacia dell’integrazione con curcuminoidi purificati sui parametri dello stress ossidativo, hanno indicato un effetto significativo dell’integrazione di curcuminoidi su tutti i parametri studiati dello stress ossidativo, comprese le attività plasmatiche di SOD e catalasi, nonché come concentrazioni sieriche di glutatione perossidasi (GSH) e perossidi lipidici . È degno di nota sottolineare che tutti gli studi inclusi nella meta-analisi hanno utilizzato una sorta di formulazione per superare le sfide di biodisponibilità e quattro dei sei utilizzati piperina. L’effetto della curcumina sui radicali liberi è svolto da diversi meccanismi. Può eliminare diverse forme di radicali liberi, come specie reattive dell’ossigeno e dell’azoto (ROS e RNS, rispettivamente) ; può modulare l’attività degli enzimi GSH, catalasi e SOD attivi nella neutralizzazione dei radicali liberi; inoltre, può inibire gli enzimi che generano ROS come lipossigenasi/cicloossigenasi e xantina idrogenasi/ossidasi . Inoltre, la curcumina è un composto lipofilo, che lo rende un efficiente spazzino dei radicali perossilici, quindi, come la vitamina E, anche la curcumina è considerata un antiossidante che spezza la catena .

2.2. Antinfiammatorio

Lo stress ossidativo è stato implicato in molte malattie croniche, ei suoi processi patologici sono strettamente correlati a quelli dell’infiammazione, in quanto uno può essere facilmente indotto da un altro. Infatti, è noto che le cellule infiammatorie liberano una serie di specie reattive nel sito dell’infiammazione che porta allo stress ossidativo, il che dimostra la relazione tra stress ossidativo e infiammazione. Inoltre, un certo numero di specie reattive ossigeno/azoto può avviare una cascata di segnali intracellulari che migliora l’espressione genica pro-infiammatoria. L’infiammazione è stata identificata nello sviluppo di molte malattie e condizioni croniche. Queste malattie includono il morbo di Alzheimer (AD), il morbo di Parkinson, la sclerosi multipla, l’epilessia, le lesioni cerebrali, le malattie cardiovascolari, la sindrome metabolica, il cancro, le allergie, l’asma, la bronchite, la colite, l’artrite, l’ischemia renale, la psoriasi, il diabete, l’obesità, la depressione, l’affaticamento. e sindrome da immunodeficienza acquisitaAIDS .

Il fattore di necrosi tumorale α (TNF-α) è un importante mediatore dell’infiammazione nella maggior parte delle malattie e questo effetto è regolato dall’attivazione di un fattore di trascrizione, il fattore nucleare (NF)-κB. Mentre si dice che il TNF-α sia il più potente attivatore di NF-κB, anche l’espressione di TNF-α è regolata da NF-κB. Oltre al TNF-α, anche l’NF-κB è attivato dalla maggior parte delle citochine infiammatorie; batteri gram-negativi; vari virus che causano malattie; inquinanti ambientali; stress chimico, fisico, meccanico e psicologico; glucosio alto; acidi grassi; radiazioni ultraviolette; fumo di sigaretta; e altri fattori che causano malattie. Pertanto, gli agenti che sottoregolano i prodotti genici regolati da NF-κB e NF-κB hanno una potenziale efficacia contro molte di queste malattie. È stato dimostrato che la curcumina blocca l’attivazione di NF-κB aumentata da diversi stimoli infiammatori [10 ]. È stato anche dimostrato che la curcumina sopprime l’infiammazione attraverso molti meccanismi diversi oltre lo scopo di questa recensione, supportando così il suo meccanismo d’azione come potenziale agente antinfiammatorio .

3. Artrite

Una di queste malattie associate all’infiammazione, sia cronica che acuta, è l’osteoartrite (OA), una condizione articolare cronica. Colpisce oltre 250 milioni di persone in tutto il mondo, causando un aumento dei costi sanitari, compromissione delle attività della vita quotidiana (ADL) e, in definitiva, una diminuzione della qualità della vita . Sebbene un tempo l’OA fosse considerata principalmente una condizione degenerativa e non infiammatoria, ora è riconosciuta come avere aspetti infiammatori, inclusi livelli elevati di citochine, oltre ad essere potenzialmente collegata all’infiammazione sistemica . Sebbene non esista una cura, esistono diverse opzioni farmaceutiche per il trattamento; tuttavia, molti sono costosi e hanno effetti collaterali indesiderati. Pertanto, c’è un crescente interesse per i trattamenti alternativi, inclusi integratori alimentari e rimedi erboristici . Diversi studi hanno dimostrato gli effetti anti-artritici della curcumina negli esseri umani con OA e artrite reumatoide (RA) . In uno studio randomizzato in doppio cieco controllato con placebo, 40 soggetti con OA del ginocchio di grado da lieve a moderato sono stati assegnati in modo casuale a ricevere curcuminoidi (500 mg/die in tre dosi divise; n = 19) con l’aggiunta di 5 mg di piperina a ciascuno Dose da 500 mg o un placebo abbinato ( n= 21) per sei settimane. Ci sono state riduzioni significativamente maggiori nella scala analogica visiva (VAS) ( p <0,001), nei punteggi dell’indice osteoartritico dell’Ontario occidentale e della McMaster University (WOMAC) ( p = 0,001) e dell’indice funzionale del dolore di Lequesne (LPFI) ( p = 0,013). nel gruppo di trattamento rispetto al gruppo placebo. Confrontando le sottoscale WOMAC, ci sono stati miglioramenti significativi nei punteggi del dolore e della funzione fisica ( p <0,001), ma non nel punteggio della rigidità. C’è stata anche una diminuzione dello stress ossidativo sistemico, misurato tramite attività sieriche di SOD e concentrazioni di GSH ridotto e malonedialdeide (MDA), nei soggetti che hanno ricevuto il trattamento rispetto al placebo. Questi miglioramenti non erano associati a cambiamenti nelle citochine circolanti. Gli autori suggeriscono che la mancanza di cambiamenti nelle citochine circolanti, nonostante i miglioramenti del dolore, potrebbe essere dovuta al fatto che nell’OA, i marcatori infiammatori nel liquido sinoviale possono essere più probabilmente elevati rispetto ai marcatori sistemici, mentre nell’AR, i marcatori sistemici possono essere più probabili è aumentato. Pertanto, suggeriscono che è più plausibile che gli effetti benefici dei curcuminoidi nell’OA siano dovuti agli effetti antinfiammatori locali piuttosto che agli effetti sistemici. Inoltre, il periodo di tempo per l’integrazione potrebbe non essere stato abbastanza lungo. In uno studio di controllo randomizzato più lungo (otto mesi),50 soggetti con diagnosi di OA sono stati assegnati a ricevere un trattamento standard come prescritto dal loro medico o un trattamento standard più due compresse da 500 mg al giorno costituite da una miscela naturale di curcuminoidi (20%), contenente fosfatidilcolina (40%) e cellulosa microcristallina ( 40%). I punteggi di WOMAC, funzione fisica e rigidità sono diminuiti significativamente (p <0,05) nel gruppo di trattamento rispetto al controllo. Inoltre, il gruppo di trattamento ha mostrato diminuzioni significative in tutti i marker di infiammazione (ligando CD40 solubile (sCD40L), interleuchina 1 beta (IL-1β), interleuchina 6 (IL-6), molecola di adesione cellulare solubile 1 (sVCAM-1) , e la velocità di eritrosedimentazione (VES) confrontando la linea di base con il follow-up, mentre il gruppo di controllo no .Questo studio ha fatto sì che entrambi i gruppi mantenessero la cura standard, che non affronta la questione se l’integrazione con curcumina possa o meno essere utilizzata invece della gestione standard come i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).Per rispondere a questa domanda, 367 pazienti con osteoartrite primaria del ginocchio con un punteggio del dolore di 5 o superiore sono stati randomizzati a ricevere ibuprofene 1200 mg/die oC. domestica estrae 1500 mg/die per quattro settimane. La media di tutti i punteggi WOMAC alle settimane 0, 2 e 4 ha mostrato un miglioramento significativo rispetto al basale in entrambi i gruppi. Dopo aver utilizzato il test di non inferiorità, la differenza media (intervallo di confidenza al 95%) dei punteggi WOMAC totale, dolore WOMAC e funzione WOMAC alla settimana 4 aggiustati dai valori alla settimana 0 degli estratti di C. domestica non era inferiore a quella del gruppo ibuprofene ( p = 0,010, p = 0,018 e p= 0,010, rispettivamente), indicando che coloro che assumevano la curcumina e quelli che assumevano l’ibuprofene avevano gli stessi benefici. Il gruppo che prendeva i FANS ha avuto più problemi gastrointestinali. Ciò suggerisce che la curcumina può offrire un’alternativa ai FANS per i pazienti con OA che cercano un trattamento ma manifestano effetti collaterali negativi . Ciò è stato supportato dai risultati di uno studio pilota che mostrava che una dose di 2 g di curcumina aveva un effetto analgesico in soggetti con dolore acuto ma senza diagnosi di OA. A questa dose, l’attività era superiore a quella associata a 500 mg di paracetamolo, mentre una dose inferiore (1,5 g, 300 mg di curcumina) dava solo un sollievo transitorio e spesso inadeguato del dolore, indicativo di concentrazioni plasmatiche terapeutiche subottimali. L’effetto analgesico della dose ha raggiunto un significato solo 2 ore dopo la somministrazione, simile a quello osservato per il paracetamolo. Al contrario, il FANS ha agito più rapidamente, con il più forte sollievo dal dolore riportato un’ora dopo la somministrazione ma con significativi sintomi gastrointestinali.Ciò supporta l’uso di 2 g (più del necessario per l’infiammazione) di curcumina per alleviare il dolore come potenziale alternativa ai FANS .

Indipendentemente dal meccanismo con cui la curcumina suscita i suoi effetti, sembra essere vantaggiosa per diversi aspetti dell’OA, come suggerito da una recente revisione sistematica e meta-analisi che ha concluso: “Questa revisione sistematica e meta-analisi hanno fornito prove scientifiche che 8 –12 settimane di trattamento con estratti di curcuma standardizzati (tipicamente 1000 mg/die di curcumina) possono ridurre i sintomi dell’artrite (principalmente dolore e sintomi correlati all’infiammazione) e portare a miglioramenti dei sintomi simili a quelli dell’ibuprofene e del diclofenac sodico. Pertanto, estratti di curcuma e curcumina possono essere raccomandati per alleviare i sintomi dell’artrite, in particolare l’osteoartrite” .

4. Sindrome metabolica

L’idea che la curcumina possa attenuare l’infiammazione sistemica ha implicazioni oltre l’artrite, poiché l’infiammazione sistemica è stata associata a molte condizioni che colpiscono molti sistemi. Una di queste condizioni è la sindrome metabolica (MetS), che include insulino-resistenza, iperglicemia, ipertensione, colesterolo lipoproteico a bassa densità (HDL-C), colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL-C), livelli elevati di trigliceridi e obesità, soprattutto obesità viscerale. È stato dimostrato che la curcumina attenua diversi aspetti della MetS migliorando la sensibilità all’insulina, sopprimendo l’adipogenesi e riducendo la pressione sanguigna elevata, l’infiammazione e lo stress ossidativo. Inoltre, ci sono prove che i curcuminoidi modulano l’espressione dei geni e l’attività degli enzimi coinvolti nel metabolismo delle lipoproteine ​​che portano a una riduzione dei trigliceridi e del colesterolo plasmatici e aumentano le concentrazioni di HDL-C . Sia il sovrappeso che l’obesità sono collegati all’infiammazione cronica di basso grado; sebbene i meccanismi esatti non siano chiari, è noto che vengono rilasciate citochine proinfiammatorie. Si pensa che queste citochine siano al centro delle complicanze associate al diabete e alle malattie cardiovascolari. Pertanto, affrontare l’infiammazione è importante. In uno studio randomizzato in doppio cieco controllato con placebo con un disegno a gruppi paralleli, 117 soggetti con MetS hanno ricevuto 1 g di curcumina più 10 mg di piperina per aumentare l’assorbimento o un placebo più 10 mg di piperina per otto settimane. L’analisi all’interno del gruppo ha rivelato riduzioni significative delle concentrazioni sieriche di TNF-α, IL-6, fattore di crescita trasformante beta (TGF-b) e proteina-1 chemiotattica dei monociti (MCP-1) in seguito all’integrazione di curcumina ( p<0,001). Nel gruppo placebo, i livelli sierici di TGF-b erano diminuiti ( p = 0,003) ma quelli di IL-6 ( p = 0,735), TNF-α ( p = 0,138) e MCP-1 ( p = 0,832) non erano . Il confronto tra i gruppi ha suggerito riduzioni significativamente maggiori delle concentrazioni sieriche di TNF-α, IL-6, TGF-b e MCP-1 nel gruppo curcumina rispetto al gruppo placebo ( p<0,001). Oltre a IL-6, i cambiamenti in altri parametri sono rimasti statisticamente significativi dopo aggiustamento per potenziali fattori confondenti, compresi i cambiamenti nei lipidi sierici e nei livelli di glucosio, nonché la concentrazione sierica basale delle citochine. I risultati di questo studio suggeriscono che l’integrazione di curcumina riduce significativamente le concentrazioni sieriche di citochine pro-infiammatorie in soggetti con MetS . Inoltre, lo studio ha esaminato le proprietà ipocolesterolemizzanti e ha scoperto che i curcuminoidi erano più efficaci del placebo nel ridurre il colesterolo LDL sierico, il colesterolo non HDL, il colesterolo totale, i trigliceridi e la lipoproteina a (Lp(a)), oltre ad aumentare le concentrazioni di HDL-C. Tuttavia, i cambiamenti nei livelli sierici di LDL-C sono risultati comparabili tra i gruppi di studio. Gli effetti dei curcuminoidi su trigliceridi, colesterolo non HDL, colesterolo totale e Lp(a) sono rimasti significativi dopo aggiustamento per i valori basali dei lipidi e dell’indice di massa corporea . Dallo stesso studio, gli autori hanno anche riportato marcatori di stress ossidativo. C’è stato un miglioramento significativo delle attività SOD sieriche ( p <0,001) e una riduzione dell’MDA ( p <0,001) e della proteina C-reattiva (CRP) (p <0,001) concentrazioni nel gruppo che ha ricevuto la curcumina con piperina rispetto al gruppo placebo. Il loro scopo secondario era eseguire una meta-analisi dei dati di tutti gli studi randomizzati controllati al fine di stimare l’entità dell’effetto dei curcuminoidi sulle concentrazioni plasmatiche di CRP. La sintesi dei dati quantitativi ha rivelato un effetto significativo dei curcuminoidi rispetto al placebo nel ridurre le concentrazioni circolanti di CRP. Gli autori hanno concluso che l’integrazione a breve termine con una combinazione di curcuminoidi e piperina migliora significativamente lo stato ossidativo e infiammatorio nei pazienti con MetS. I curcuminoidi potrebbero quindi essere considerati agenti per abbassare la CRP naturali, sicuri ed efficaci .

Nello studio di cui sopra sono state misurate anche le citochine infiammatorie. Il siero medio di IL-1β ( p = 0,042), IL-4 ( p = 0,008) e il fattore di crescita dell’endotelio vascolare (VEGF) ( p = 0,01) sono risultati significativamente ridotti dalla terapia con curcumina. Al contrario, non è stata osservata alcuna differenza significativa nelle concentrazioni di IL-2, IL-6, IL-8, IL-10, interferone gamma (IFNγ), fattore di crescita epidermico (EGF) e MCP-1. Gli autori suggeriscono che i risultati indicano che la curcumina può esercitare effetti immunomodulatori alterando le concentrazioni circolanti di IL-1β, IL-4 e VEGF .

In uno studio crossover randomizzato in doppio cieco controllato con placebo, 36 adulti obesi hanno ricevuto 1 g di curcumina e 10 mg di piperina o un placebo per 30 giorni seguiti da un periodo di washout di due settimane, dopo di che hanno ricevuto l’altro trattamento. È stata osservata una riduzione significativa delle concentrazioni sieriche di trigliceridi, ma il trattamento non ha avuto un’influenza significativa sulle concentrazioni sieriche di colesterolo totale, colesterolo LDL, colesterolo HDL e proteina C-reattiva ad alta sensibilità (hs-CRP), né sulle concentrazioni corporee indice di massa (BMI) e grasso corporeo. Gli autori suggeriscono che il breve periodo supplementare, la mancanza di controllo della dieta e la bassa dose supplementare possono spiegare perché questi risultati sono in conflitto con i rapporti precedenti .

5. Persone sane

Ad oggi, la maggior parte degli studi sulla curcumina nell’uomo sono stati condotti su popolazioni con problemi di salute esistenti. Forse questo è dovuto al fatto che gli studi su persone sane possono essere impegnativi in ​​quanto i benefici potrebbero non essere così immediati e misurabili se i biomarcatori sono normali al basale. Pertanto, seguire i soggetti nel tempo può fornire la migliore visione di eventuali benefici per la salute nelle persone sane, sebbene tali studi possano richiedere molto tempo e denaro. Fare confronti incrociati tra i pochi studi che sono stati fatti può essere difficile perché gli studi hanno utilizzato dosi variabili, spesso fino a 1 g. Va notato che questa sarebbe considerata una dose elevata solo perché è superiore a quella che la maggior parte delle persone potrebbe ottenere dal consumo della spezia stessa . Uno studio su adulti sani di età compresa tra 40 e 60 anni ha utilizzato una dose di 80 mg/die di una forma lipidata di curcumina. Ai soggetti è stata somministrata la curcumina ( N = 19) o un placebo ( N= 19) per quattro settimane. Il trattamento prevedeva 400 mg di polvere al giorno contenenti 80 mg di curcumina. Sangue e saliva sono stati prelevati prima e dopo le quattro settimane. La curcumina ha abbassato significativamente i livelli di trigliceridi ma non i livelli di colesterolo totale, LDL o HDL. C’è stato un aumento significativo del protossido di azoto (NO) e della molecola di adesione intercellulare solubile 1 (sICAM), una molecola legata all’aterosclerosi. La funzione dei neutrofili correlata all’infiammazione è aumentata, come misurato dalla concentrazione di mieloperossidasi, ma non la proteina c-reattiva e la ceruloplasmina. C’è stata una diminuzione dell’attività dell’amilasi salivare, che può essere un marker di stress, e un aumento delle capacità di scavenging dei radicali salivari e dell’enzima catalasi antiossidante plasmatico, ma non della superossido dismutasi o della glutatione perossidasi. Inoltre, vi è stata una diminuzione della placca amiloide-beta,un marker dell’invecchiamento cerebrale e, nell’attività plasmatica dell’alanina aminotransferasi, un marker di danno epatico. Ciò indica che una dose relativamente bassa di curcumina può fornire benefici per la salute a persone a cui non sono state diagnosticate condizioni di salute .

In uno studio randomizzato in doppio cieco controllato con placebo, gli effetti acuti (1 e 3 ore dopo una singola dose), cronici (quattro settimane) e acuti su cronici (1 e 3 ore dopo una singola dose dopo trattamento cronico) di sono state esaminate la formulazione di curcumina lipidica solida sulla funzione cognitiva, l’umore e i biomarcatori del sangue in 60 adulti sani di età compresa tra 60 e 85 anni. La formulazione di curcumina era di 400 mg, circa 80 mg di curcumina in una formulazione lipidica solida con il peso rimanente costituito da eccipienti farmaceutici comunemente usati e piccole quantità di altri curcuminoidi presenti nell’estratto di curcuma. Un’ora dopo la somministrazione, la curcumina ha migliorato significativamente le prestazioni in attività di attenzione prolungata e memoria di lavoro, rispetto al placebo. Memoria di lavoro e umore (stanchezza generale e cambiamento di stato di calma, contentezza,e l’affaticamento indotto dallo stress psicologico) erano significativamente migliori dopo il trattamento cronico. È stato inoltre osservato un significativo effetto del trattamento acuto su cronico sulla vigilanza e sulla contentezza. La curcumina è stata associata a una riduzione significativa del colesterolo totale e LDL.

Un altro studio ha esaminato se l’integrazione con curcumina e gomma di Boswellia serrata (BSE) per tre mesi potrebbe influenzare i livelli plasmatici di marcatori di stress ossidativo, infiammazione e glicazione in 47 ciclisti esperti maschi sani. Tutti i soggetti sono stati istruiti a seguire una dieta mediterranea con 22 soggetti che hanno ricevuto un placebo e 25 che hanno ricevuto 50 mg di curcuma, corrispondenti a 10 mg di curcumina, nonché 140 mg di estratto di Boswellia, corrispondenti a 105 mg di acido di Boswellia per 12 settimane. È stato osservato un effetto positivo sulla glicossidazione e sulla perossidazione lipidica in atleti esperti maschi sani . Questo studio indica il potenziale per combinare la curcumina con altri agenti per ottenere benefici per la salute.

Forse un’altra sfida nell’interpretare gli studi sulle persone sane è determinare la definizione di sano, soprattutto se si considera che le persone che non hanno una diagnosi ufficiale possono ancora partecipare ad attività o sperimentare situazioni in cui sfidano la loro omeostasi fisiologica quotidiana. Ad esempio, una routine di esercizi a cui non si è abituati può causare infiammazione, problemi ossidativi e conseguente dolore. In uno studio recente, 28 soggetti sani che non hanno partecipato all’allenamento di resistenza sono stati assegnati in modo casuale a ricevere curcumina (400 mg/die) per due giorni prima e quattro giorni dopo aver partecipato a un esercizio eccentrico progettato per indurre indolenzimento muscolare. L’integrazione di curcumina ha comportato aumenti significativamente più piccoli della creatina chinasi (CK) (-48%), TNF-α (-25%),e IL-8 (-21%) dopo l’esercizio rispetto al placebo. Non sono state osservate differenze significative nell’indolenzimento muscolare di IL-6, IL-10 o quadricipite tra le condizioni. I risultati hanno dimostrato che il consumo di curcumina riduce l’infiammazione biologica, ma non il dolore muscolare soggettivo del quadricipite durante il recupero dall’esercizio. Ciò può aiutare a ridurre i tempi di recupero, migliorando così le prestazioni durante le sessioni di allenamento successive .

In un simile studio pilota in singolo cieco randomizzato controllato con placebo, 20 volontari maschi sani e moderatamente attivi sono stati randomizzati a ricevere 1 g di curcumina due volte al giorno (200 mg di curcumina due volte al giorno) o un placebo 48 ore prima e 24 ore dopo un prova di corsa in discesa. I soggetti nel gruppo curcumina hanno riportato un dolore significativamente inferiore nella parte anteriore della coscia destra e sinistra. Un numero significativamente inferiore di soggetti nel gruppo della curcumina presentava prove RM di lesioni muscolari nel compartimento posteriore o mediale di entrambe le cosce. L’aumento dei marcatori di danno muscolare e infiammazione tendeva ad essere inferiore nel gruppo curcumina, ma differenze significative sono state osservate solo per l’interleuchina-8 a 2 ore dopo l’esercizio. Non sono state osservate differenze nei marcatori di stress ossidativo e istologia muscolare.Questi risultati supportano ulteriormente che la curcumina può essere utile per attenuare l’indolenzimento muscolare indotto dall’esercizio (DOMS) .

Uno studio di Delecroix et al. offre ulteriore supporto. Hanno riferito che 2 g di curcumina e 20 g di supplementazione di piperina possono aiutare a compensare alcuni dei marcatori fisiologici del dolore muscolare dopo un intenso allenamento nei giocatori di rugby d’élite .

Oltre a stress fisici acuti, gli esseri umani possono anche soffrire di periodi di ansia o depressione che sono subclinici, ma possono comunque beneficiare di trattamenti che possono ridurre i sintomi. In uno studio cross-over randomizzato in doppio cieco, 30 adulti obesi hanno ricevuto curcuminoidi (1 g/giorno) o un placebo per 30 giorni e poi, dopo un periodo di washout di due settimane, sono passati al regime alternativo. La curcumina era un complesso C3 ® da 500 mg (estratto standardizzato in polvere ottenuto dalla curcuma da dito di Alleppey contenente una concentrazione minima del 95% di tre curcuminoidi: curcumina, bisdemetossicurcumina e demetossicurcumina) più 5 mg di bioperina ®per porzione per migliorare l’assorbimento. Le scale Beck Anxiety Inventory (BAI) e Beck Depression Inventory (BDI) sono state compilate per ciascun partecipante al basale e dopo quattro, sei e 10 settimane di integrazione. Il punteggio medio BAI è risultato significativamente ridotto dopo la terapia con curcumina ( p = 0,03). Tuttavia, l’integrazione di curcumina non ha esercitato alcun impatto significativo sui punteggi BDI. Questo studio suggerisce che la curcumina ha un potenziale effetto anti-ansia in persone obese altrimenti sane .

6. Effetti collaterali

La curcumina ha una lunga tradizione di sicurezza. Ad esempio, secondo i rapporti JECFA (The Joint United Nations and World Health Organization Expert Committee on Food Additives) e EFSA (European Food Safety Authority), il valore della dose giornaliera consentita (DGA) di curcumina è 0-3 mg/kg di peso corporeo [. Diversi studi su soggetti sani hanno sostenuto la sicurezza e l’efficacia della curcumina. Nonostante questa sicurezza consolidata, sono stati segnalati alcuni effetti collaterali negativi. Sette soggetti che hanno ricevuto 500-12.000 mg in uno studio dose-risposta e seguiti per 72 ore hanno manifestato diarrea, cefalea, eruzioni cutanee e feci gialle . In un altro studio, alcuni soggetti che hanno ricevuto da 0,45 a 3,6 g/die di curcumina da uno a quattro mesi hanno riportato nausea e diarrea e un aumento del contenuto sierico di fosfatasi alcalina e lattato deidrogenasi .

7. Conclusioni

La curcumina ha ricevuto attenzione in tutto il mondo per i suoi molteplici benefici per la salute, che sembrano agire principalmente attraverso i suoi meccanismi antiossidanti e antinfiammatori. Questi benefici si ottengono meglio quando la curcumina è combinata con agenti come la piperina, che ne aumentano significativamente la biodisponibilità. La ricerca suggerisce che la curcumina può aiutare nella gestione di condizioni ossidative e infiammatorie, sindrome metabolica, artrite, ansia e iperlipidemia. Può anche aiutare nella gestione dell’infiammazione e dell’indolenzimento muscolare indotti dall’esercizio, migliorando così il recupero e le successive prestazioni nelle persone attive. Inoltre, una dose relativamente bassa può fornire benefici per la salute a persone a cui non sono state diagnosticate condizioni di salute.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter