Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Decollo! La NASA lancia un mega razzo lunare, inaugurando una nuova era di esplorazione

Il razzo lunare senza equipaggio Artemis 1 della NASA decolla dal Kennedy Space Center all’inizio della sua missione lunare di 25 giorni.

La NASA ha lanciato mercoledì il razzo più potente mai costruito in un viaggio verso la Luna, in uno spettacolare tripudio di luci e suoni che ha segnato l’inizio del nuovo programma di punta dell’agenzia spaziale, Artemis.

 

Lo Space Launch System (SLS) alto 32 piani è decollato dal leggendario Kennedy Space Center in Florida alle 01:47 (0647 GMT), producendo un record di 8,8 milioni di libbre (39 meganewton) di spinta.

“Quello che hai fatto oggi ispirerà le generazioni a venire, grazie!” Charlie Blackwell-Thompson, la prima direttrice di lancio donna della NASA, ha detto ai compagni di squadra esultanti.

Fissata alla sommità del razzo c’era l’astronave Orion senza equipaggio che orbiterà attorno al vicino più prossimo della Terra, in una corsa di prova per voli successivi che dovrebbero vedere la prima donna e la prima persona di colore atterrare sul suolo lunare entro la metà degli anni ’20.

L’America ha inviato gli ultimi astronauti sulla Luna durante l’era Apollo, dal 1969 al 1972.

Questa volta spera di costruire una presenza sostenuta, inclusa una stazione spaziale lunare, per aiutare a prepararsi per un’eventuale missione su Marte negli anni ’30.

Ci sono stati momenti di nervosismo mentre i team lavoravano per superare i problemi tecnici che hanno divorato la finestra di lancio di due ore, che si è aperta all’1:04.

In primo luogo, martedì notte gli ingegneri sono stati costretti a sospendere il flusso di idrogeno liquido nel core stage a causa di una perdita della valvola, ma una squadra inviata sulla piattaforma di lancio ha risolto il problema dopo circa un’ora, serrando i bulloni allentati.

Schema schematico del viaggio Artemis I della NASA, riprogrammato per il 16 novembre.

Successivamente, l’agenzia spaziale ha riferito che un sito radar che monitorava la traiettoria di volo del razzo stava riscontrando problemi a causa di un interruttore Ethernet difettoso, che doveva essere sostituito.

È stata la terza volta fortunata per la NASA dopo che due precedenti tentativi di lancio sono stati annullati per motivi tecnici. Anche il lancio è stato ritardato a causa di battute d’arresto meteorologiche, tra cui l’uragano Ian che ha colpito la Florida a fine settembre.

“Estremamente eccitato”

Si prevedeva che circa 100.000 persone si sarebbero radunate lungo la costa per assistere allo storico evento.

Todd Garland, 55 anni, ha guidato da Francoforte, Kentucky per guardare da Cocoa Beach.

Indossando una maglietta Artemis, ha detto ad AFP in lacrime: “Questa è stata un’esperienza che ho atteso per tutta la vita.

“Il mio primo ricordo è di mia madre che mi svegliava a due anni per vedere lo sbarco sulla Luna e da allora ho sempre desiderato vedere un lancio, e ora l’ho fatto.”

Kerry Warner, 59 anni, nonna ed educatrice semi-pensionata che vive in Florida, ha aggiunto che il lancio era “parte dell’America e di ciò che è l’America”.

La scia di fumo dell’Artemis I è visibile dopo il decollo dal Kennedy Space Center della NASA, a Titusville, in Florida.

La capsula dell’equipaggio di Orion è stata sollevata da due booster e quattro potenti motori sotto il palco centrale, che si sono staccati dopo pochi minuti.

Un’ultima spinta dallo stadio superiore metterà la capsula in viaggio verso la Luna, anche se ci vorranno diversi giorni per raggiungere la sua destinazione.

Lo stadio superiore rilascerà nel frattempo 10 cubesat per condurre esperimenti scientifici, incluso uno che spiegherà una vela alimentata dalla luce solare ed eseguirà lavori di ricognizione di asteroidi.

Invece di atterrare sulla Luna, Orion assumerà un’orbita distante, avventurandosi per 40.000 miglia (64.000 chilometri) oltre il lato più lontano, più lontano di qualsiasi altro veicolo spaziale abitabile finora.

Infine, l’astronave intraprenderà la tratta di ritorno del suo viaggio. Quando attraverserà l’atmosfera, lo scudo termico della capsula dovrà sopportare una temperatura pari alla metà di quella della superficie del Sole.

Sebbene questa volta Orion non trasporti umani, ha a bordo tre manichini dotati di sensori per aiutare a raccogliere dati sulla sicurezza per i futuri membri dell’equipaggio.

La missione durerà 25 giorni e mezzo, con un ammaraggio nell’Oceano Pacifico l’11 dicembre.

La NASA punta su una missione di successo dopo aver sviluppato il razzo SLS per più di un decennio.

Avrà investito più di 90 miliardi di dollari nel suo nuovo programma lunare entro la fine del 2025, secondo un audit pubblico.

Artemis 2 comporterà un sorvolo della Luna con gli astronauti nel 2024, mentre Artemis 3 vedrà gli stivali sul suolo lunare, non prima del 2025. La NASA spera di stabilirsi in un programma di lancio annuale e includerà partner internazionali da Giappone, Canada ed Europa .

 

Lascia un commento