Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

DOLCI DI MIRANDOLA


Ingredienti:
Per la pasta: 500 g farina – 100 g zucchero – 100 g burro –
2 uova – la scorza di mezzo limone – un bicchierino di
Sassolino – mezza bustina di lievito chimico – sale
Per il ripieno: 1,5 kg mosto d’uva – 50 g gherigli di noce –
200 g mele renette – 200 g pere – 200 g zucca gialla – una
scorza d’arancia o di limone


Disporre la farina a fontana, ponendo al centro il
burro già morbido e gli altri ingredienti.
Impastare bene e far riposare un paio d’ore al
fresco, ma non in frigorifero. Successivamente, stendere
la pasta in una sfoglia di circa mezzo centimetro
di spessore, con la quale verranno ricavati i tortelli con
il seguente ripieno (savor).:

Far cuocere il mosto a
fuoco lento per ottenere g 500 di mosto cotto, ossia il
mosto ridotto a un terzo circa del volume iniziale.
Sbucciare le mele renette e le pere.

Aggiungere la zucca gialla e una scorza d’arancia o limone.

Fare cuocere molto lentamente tutti gli ingredienti fino a ottenere
una marmellata densa, tale che, strisciando un
cucchiaio sulla superficie, si formi un lieve solco (sulcadèin).
Lasciare raffreddare.

A questo punto è possibile
utilizzare il savor tale quale oppure impiegarlo
come base per una delle infinite varianti. La più classica
è quella che prevede l’aggiunta delle castagne secche
bollite e passate con il passaverdure oppure dei
gherigli di noci. Altre prevedono l’impiego di ingredienti
aromatici quali chicchi di caffè, o piccanti, come
la mostarda di Cremona o di Mantova. Anche per la
pasta le ricette sono infinite, comprendendo grassi
diversi quali strutto o addirittura lardo e proporzioni
variabili fra gli altri ingredienti. Molte massaie (o rezdore
che dir si voglia) variano la ricetta a seconda degli
ingredienti a disposizione al momento. Confezionati i
tortelli, due sono le scelte per la cottura: friggerli in
abbondante strutto (olio, se si preferisce, ma la tradizione
emiliana comanda lo strutto) e spolverizzarli di
zucchero. Oppure, pennellarli con rosso d’uovo e cuocerli,
quindi, al forno. Sono un dolce del territorio, tipico
del periodo natalizio.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email a info@thesolver.it e saranno immediatamente rimossi.