Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

È ora di indossare mascherine migliori. Lo dicono gli esperti.

Con la diffusione di nuove varianti più trasmissibili del coronavirus, gli esperti dicono che è tempo di considerare l’utilizzo di un respiratore di grado medico o di indossare insieme una maschera chirurgica e un panno.

Gli scienziati hanno concordato da tempo che il modo principale in cui il virus si diffonde è attraverso l’aria, piuttosto che le superfici, e ci sono prove crescenti che piccole goccioline dalla respirazione ordinaria e dal linguaggio che possono viaggiare per molti metri sono una modalità comune di trasmissione.

A ciò si aggiunge la maggiore contagiosità delle varianti emergenti, come B.1.1.7, che richiede una minore carica virale per causare COVID-19 sintomatico rispetto al ceppo più comune.

Ai tempi in cui le autorità raccomandavano per la prima volta alle persone di indossare coperture per il viso, le maschere adeguate scarseggiavano e il pubblico era incoraggiato a creare soluzioni improvvisate con magliette o bandane. Ma questi sono tutt’altro che ideali.

Linsey Marr, professore di ingegneria civile e ambientale alla Virginia Tech, che studia la trasmissione delle malattie per via aerea, ha detto all’AFP: “Il funzionamento di una maschera dipende da due cose: filtrazione e vestibilità.

“Una buona filtrazione rimuove il maggior numero di particelle possibile e un buon adattamento significa che non ci sono perdite intorno ai lati della maschera, dove l’aria e i virus possono fuoriuscire”, ha detto, aggiungendo che anche un piccolo spazio potrebbe portare a un Riduzione del 50% delle prestazioni.

I migliori materiali per bloccare le piccole particelle includono il polipropilene non tessuto, che viene utilizzato per realizzare gli N95 e molte maschere di tipo chirurgico, e i filtri HEPA negli aerei. Tra i tessuti, il cotone a trama fitta funziona meglio, ha aggiunto.

“Se indossi una maschera di stoffa, scegline una che abbia più strati, idealmente una con una tasca in cui puoi infilare un buon materiale filtrante”, ha detto Marr. “Oppure puoi fare una doppia maschera indossando una maschera di tipo chirurgico con sopra una maschera di stoffa aderente.”

Le maschere chirurgiche sono fatte di materiale che filtra bene, ma tendono ad allentarsi, quindi l’aggiunta di una maschera di stoffa sopra tiene i bordi e riduce le perdite.

L’aggiunta di un ulteriore strato migliora la filtrazione: se uno strato intrappola il 50 percento di tutte le particelle, combinandone due si arriva al 75 percento.

Ma, ha aggiunto: “Si sconsiglia di indossare più di due maschere. L’aggiunta di più strati dimostra rendimenti decrescenti e può compromettere la traspirabilità. Deve rimanere facile respirare attraverso gli strati; altrimenti, è più probabile che l’aria fuoriesca dai lati la maschera.”

Le maschere che hanno un ponte nasale in metallo aiutano a garantire una perfetta aderenza, così come le cinghie che si stringono intorno alla testa, non solo alle orecchie. I tutori che migliorano la vestibilità delle mascherine chirurgiche sono abbastanza disponibili sul mercato.

“Dovresti sentire la maschera risucchiare verso l’interno quando inspiri e se tieni le mani attorno ai lati della maschera, non dovresti sentire alcuna fuoriuscita d’aria quando espiri”, ha detto Marr.

Un’altra opzione è procurarsi gli N95 o i loro equivalenti internazionali come KN95, FFP2 ecc.

“Forniscono tutti un livello simile di filtrazione, ovvero la protezione delle particelle che entrano ed escono”, Ranu Dhillon, medico sanitario globale presso il Brigham and Women’s Hospital e la Harvard Medical School.

Dhillon, che ha sostenuto l’uso di maschere migliori dalla scorsa primavera è frustrato dalla mancanza di messaggi chiari al pubblico sul valore di maschere migliori.

Inoltre, “non c’è stata una spinta concertata per produrre e distribuire in massa queste maschere di calibro superiore”.

Gli operatori sanitari fanno testare professionalmente le loro maschere ogni anno per assicurarsi che stiano usando il giusto sistema di protezione, ma Dhillon non lo vede come un grosso ostacolo.

“Insegnare alle persone a indossare una maschera, anche se non perfettamente al 100%, ma in modo più efficace, è qualcosa di molto fattibile”.

Maschere nel nostro futuro?

La ventilazione aiuta sicuramente, ma se sei tra una persona che respira e uno sfiato di scarico, il virus ti raggiungerà comunque, il che rende le buone maschere così cruciali, ha detto.

Milton e Dhillon sono cautamente ottimisti sul fatto che le loro suppliche potrebbero presto diventare una politica sotto l’amministrazione del presidente Joe Biden, e la CNN ha riferito la scorsa settimana che il governo degli Stati Uniti stava lavorando ai primi standard di maschere ufficiali.

Prima della pandemia, Milton e altri scienziati dell’aerosol che studiavano l’influenza conclusero che anch’essa viene trasmessa da minuscole goccioline dal normale parlare e dalla respirazione, e che il ruolo di starnuti, tosse e trasmissione dalle superfici era minore di quanto si pensasse.

Le loro scoperte hanno suscitato polemiche all’epoca, ma COVID-19 ha rinnovato l’interesse per la ricerca, il che significa che le maschere potrebbero essere un capo di vestiario comune durante le stagioni influenzali difficili. Anche molto tempo dopo che la pandemia si sarà ritirata.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter