Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura




 

Dai voce alla tua attività ! Contattaci

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Gli scienziati rivelano il meccanismo che causa la sindrome dell’intestino irritabile

Circa il 20% delle persone soffre di IBS. Credito: Polina Zimmerman

Ricercatori di KU Leuven hanno identificato il meccanismo biologico che spiega perché alcune persone provano dolore addominale quando mangiano determinati cibi. La scoperta apre la strada a un trattamento più efficiente della sindrome dell’intestino irritabile e di altre intolleranze alimentari. Lo studio, condotto su topi e umani, è stato pubblicato su Nature .

Fino al 20% della popolazione mondiale soffre della sindrome dell’intestino irritabile (IBS), che causa dolore allo stomaco o grave disagio dopo aver mangiato. Ciò influisce sulla qualità della vita. Diete prive di glutine e di altro tipo possono fornire un certo sollievo, ma il motivo per cui funziona è un mistero, poiché i pazienti non sono allergici agli alimenti in questione, né hanno malattie note come la celiachia.

“Molto spesso, questi pazienti non vengono presi sul serio dai medici e la mancanza di una risposta allergica viene utilizzata come argomento che questo è tutto nella mente e che non hanno problemi con la loro fisiologia intestinale”, afferma il professor Guy Boeckxstaens, gastroenterologo presso KU Leuven e autore principale della nuova ricerca. “Con queste nuove informazioni, forniamo ulteriori prove che abbiamo a che fare con una vera malattia”.

Istamina

Il laboratorio del suo team e gli studi clinici rivelano un meccanismo che collega determinati alimenti con l’attivazione delle cellule che rilasciano istamina (chiamate mastociti ) e conseguente dolore e disagio. Un precedente lavoro del professor Boeckxstaens e dei suoi colleghi ha dimostrato che il blocco dell’istamina, una componente importante del sistema immunitario, migliora le condizioni delle persone con IBS.

In un intestino sano, il sistema immunitario non reagisce agli alimenti, quindi il primo passo è stato scoprire cosa potrebbe causare la rottura di questa tolleranza. Poiché le persone con IBS spesso riferiscono che i loro sintomi sono iniziati dopo un’infezione gastrointestinale , come un’intossicazione alimentare , i ricercatori hanno iniziato con l’idea che un’infezione mentre un particolare alimento è presente nell’intestino potrebbe sensibilizzare il sistema immunitario a quel cibo.

Hanno infettato i topi con un insetto gastrico e allo stesso tempo li hanno nutriti con ovoalbumina, una proteina presente nel bianco d’uovo che è comunemente usata negli esperimenti come antigene alimentare modello. Un antigene è una qualsiasi molecola che provoca una risposta immunitaria. Una volta che l’infezione si è risolta, ai topi è stata nuovamente somministrata ovoalbumina, per vedere se il loro sistema immunitario si era sensibilizzato ad essa. I risultati sono stati affermativi: l’ovoalbumina da sola ha provocato l’attivazione dei mastociti, il rilascio di istamina e l’intolleranza digestiva con aumento del dolore addominale. Questo non era il caso dei topi che non erano stati infettati dall’insetto e che avevano ricevuto ovoalbumina.

Uno spettro di malattie immunitarie legate al cibo

I ricercatori sono stati quindi in grado di annullare la serie di eventi nella risposta immunitaria che collegavano l’ingestione di ovoalbumina all’attivazione dei mastociti. È significativo che questa risposta immunitaria si sia verificata solo nella parte dell’intestino infetta dai batteri distruttivi. Non ha prodotto sintomi più generali di un’allergia alimentare.

Il professor Boeckxstaens ipotizza che questo punti a uno spettro di malattie immunitarie legate al cibo. “Ad un’estremità dello spettro, la risposta immunitaria a un antigene alimentare è molto locale, come nell’IBS. All’altra estremità dello spettro c’è l’allergia alimentare, che comprende una condizione generalizzata di grave attivazione dei mastociti, con un impatto sulla respirazione, pressione sanguigna e così via. “

I ricercatori hanno poi continuato a vedere se le persone con IBS hanno reagito allo stesso modo. Quando gli antigeni alimentari associati all’IBS (glutine, grano, soia e latte vaccino) sono stati iniettati nella parete intestinale di 12 pazienti con IBS, hanno prodotto reazioni immunitarie localizzate simili a quelle osservate nei topi. Nessuna reazione è stata osservata in volontari sani.

Il numero relativamente piccolo di persone coinvolte significa che questo risultato necessita di ulteriori conferme, ma appare significativo se considerato insieme al precedente studio clinico che mostra un miglioramento durante il trattamento di pazienti affetti da IBS con antistaminici. “Questa è un’ulteriore prova che il meccanismo che abbiamo svelato ha rilevanza clinica”, afferma il professor Boeckxstaens.

È attualmente in corso una sperimentazione clinica più ampia del trattamento antistaminico. “Ma conoscere il meccanismo che porta all’attivazione dei mastociti è fondamentale e porterà a nuove terapie per questi pazienti”, prosegue. “I mastociti rilasciano molti più composti e mediatori della semplice istamina, quindi se puoi bloccare l’attivazione di queste cellule , credo che avrai una terapia molto più efficiente”.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter