Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

I miti della scienza che non moriranno

Le false convinzioni e il pio desiderio sull’esperienza umana sono comuni. Stanno danneggiando le persone e frenando la scienza.

Nel 1997, i medici della Corea del sud hanno iniziato a offrire uno screening ecografico per la diagnosi precoce del cancro alla tiroide. La notizia del programma si diffuse e presto i medici della regione iniziarono a offrire il servizio. Alla fine è andato a livello nazionale, sulle spalle di un’iniziativa del governo per lo screening di altri tumori. Centinaia di migliaia di persone hanno sostenuto il test per soli $ 30-50.

James Harkin, un ricercatore per il trivia show televisivo britannico QI, parla con Adam Levy di come trova fatti e miti per lo spettacolo e poi fa un mini-quiz per vedere se il team di Podcast è in grado di distinguere i fatti scientifici dalla fantascienza

In tutto il paese, il rilevamento del cancro alla tiroide è aumentato vertiginosamente, da 5 casi su 100.000 persone nel 1999 a 70 su 100.000 nel 2011. A due terzi di quelli diagnosticati è stata rimossa la ghiandola tiroidea e sono stati sottoposti a regimi farmacologici per tutta la vita, entrambi rischi.

Ci si potrebbe aspettare che un programma di salute pubblica così costoso ed esteso salverà vite umane. Ma questo no. Il cancro della tiroide è ora il tipo più comune di cancro diagnosticato in Corea del Sud, ma il numero di persone che ne muoiono è rimasto esattamente lo stesso: circa 1 su 100.000. Anche quando alcuni medici in Corea se ne sono resi conto e hanno suggerito di interrompere lo screening della tiroide nel 2014, la Korean Thyroid Association, una società professionale di endocrinologi e chirurghi tiroidei, ha sostenuto che lo screening e il trattamento erano diritti umani fondamentali.

In Corea, come altrove, l’idea che la diagnosi precoce di qualsiasi cancro salva vite umane era diventata una convinzione incrollabile.

Questa fede cieca nello screening del cancro è un esempio di come le idee sulla biologia e sul comportamento umani possano persistere tra le persone, compresi gli scienziati, anche se le prove scientifiche mostrano che i concetti sono falsi. “Gli scienziati pensano di essere troppo obiettivi per credere in qualcosa di folcloristico come un mito”, afferma Nicholas Spitzer, direttore del Kavli Institute for Brain and Mind presso l’Università della California, San Diego. Eppure lo fanno.

Questi miti spesso sbocciano dal seme di un fatto – la diagnosi precoce salva vite per alcuni tipi di cancro – e prosperano sui desideri o le ansie umane, come la paura della morte. Ma possono fare del male, ad esempio, spingendo le persone a perseguire trattamenti non necessari o spendendo denaro per prodotti non provati. Possono anche far deragliare o prevenire ricerche promettenti distraendo gli scienziati o monopolizzando i finanziamenti. E disperderli è complicato.

Gli scienziati dovrebbero lavorare per screditare i miti, ma hanno anche la responsabilità di cercare di impedire che ne nascano di nuovi, afferma Paul Howard-Jones, che studia neuroscienze e istruzione all’Università di Bristol, nel Regno Unito. “Dobbiamo guardare più a fondo per capire come si verificano in primo luogo e perché sono così diffusi e persistenti”.

Alcuni miti pericolosi vanno in onda in abbondanza: i vaccini causano l’autismo, l’HIV non causa l’AIDS. Ma anche molti altri girano intorno, danneggiando le persone, succhiando denaro, confondendo l’impresa scientifica o semplicemente facendo innervosire gli scienziati. Qui la Natura guarda alle origini e alle ripercussioni di cinque miti che rifiutano di morire.

Mito 1: lo screening salva la vita a tutti i tipi di cancro

Lo screening regolare potrebbe essere utile per alcuni gruppi a rischio di alcuni tipi di cancro, come il polmone, il collo dell’utero e il colon, ma non è così per tutti i test. Tuttavia, alcuni pazienti e medici difendono ferocemente quelli inefficaci.

La convinzione che la diagnosi precoce salvi vite è nata all’inizio del XX secolo, quando i medici si sono resi conto di ottenere i migliori risultati quando i tumori venivano identificati e trattati subito dopo l’insorgenza dei sintomi. Il passo logico successivo è stato quello di presumere che prima fosse stato trovato un tumore, maggiori erano le possibilità di sopravvivenza. “Ci è stato insegnato a tutti, da quando eravamo alle ginocchia di nostra madre, il modo per affrontare il cancro è trovarlo presto e eliminarlo”, afferma Otis Brawley, direttore medico dell’American Cancer Society.

Ma le prove provenienti da ampi studi randomizzati per tumori come tiroide, prostata e seno hanno dimostrato che lo screening precoce non è il salvavita come viene spesso pubblicizzato. Ad esempio, una revisione Cochrane di cinque studi clinici randomizzati controllati per un totale di 341.342 partecipanti ha rilevato che lo screening non ha ridotto significativamente i decessi dovuti al cancro alla prostata 1 .

“La gente sembra immaginare che il semplice fatto di aver scoperto un cancro cosiddetto precoce debba essere un vantaggio. Ma non è affatto così”, afferma Anthony Miller dell’Università di Toronto in Canada. Miller ha diretto il Canadian National Breast Screening Study, uno studio di 25 anni su 89.835 donne di età compresa tra 40 e 59 anni 2che ha scoperto che le mammografie annuali non hanno ridotto la mortalità per cancro al seno. Questo perché alcuni tumori porteranno alla morte indipendentemente da quando vengono rilevati e trattati. Nel frattempo, uno screening precoce aggressivo ha una serie di effetti negativi sulla salute. Molti tumori crescono lentamente e non fanno male se lasciati soli, quindi le persone finiscono per avere tiroidectomie, mastectomie e prostatectomie non necessarie. Quindi, a livello di popolazione, i benefici (vite salvate) non superano i rischi (vite perse o interrotte da trattamenti non necessari).

Tuttavia, è probabile che le persone che hanno avuto un cancro individuato e poi rimosso sentano che la loro vita è stata salvata e queste esperienze personali aiutano a mantenere vivo l’idea sbagliata. E gli oncologi discutono regolarmente su quali età e altri fattori di rischio trarrebbero beneficio da uno screening regolare.

Concentrare così tanta attenzione sugli attuali test di screening ha un costo per la ricerca sul cancro, afferma Brawley. “Nel cancro al seno, abbiamo passato così tanto tempo a discutere sui 40 anni contro i 50 anni e non sul fatto che abbiamo bisogno di un test migliore”, come quello che potrebbe rilevare tumori a crescita rapida piuttosto che a crescita lenta . E la diagnostica esistente dovrebbe essere rigorosamente testata per dimostrare che effettivamente salvano vite umane, afferma l’epidemiologo John Ioannidis dello Stanford Prevention Research Center in California, che quest’anno ha riferito che pochissimi test di screening per 19 malattie principali hanno effettivamente ridotto la mortalità .

Sarà difficile cambiare i comportamenti. Gilbert Welch del Dartmouth Institute for Health Policy and Clinical Practice in Libano, New Hampshire, afferma che le persone preferirebbero che gli si dicesse di fare un rapido test ogni pochi anni piuttosto che di mangiare bene e di fare esercizio per prevenire il cancro. “Lo screening è diventato un modo semplice sia per il medico che per il paziente di pensare che stanno facendo qualcosa di buono per la loro salute, ma il loro rischio di cancro non è cambiato affatto”.

Mito 2: gli antiossidanti sono buoni e i radicali liberi sono cattivi

Nel dicembre 1945, la moglie del chimico Denham Harman gli suggerì di leggere un articolo sul Ladies’ Home Journal intitolato “Tomorrow You May Be Younger”. Ha acceso il suo interesse per l’invecchiamento e anni dopo, come ricercatore associato all’Università della California, a Berkeley, Harman ha avuto un pensiero “di punto in bianco”, come ha ricordato in seguito. L’invecchiamento, ha proposto, è causato dai radicali liberi, molecole reattive che si accumulano nel corpo come sottoprodotti del metabolismo e portano a danni cellulari.

Gli scienziati si sono mobilitati intorno alla teoria dell’invecchiamento dei radicali liberi, compreso il corollario che gli antiossidanti, le molecole che neutralizzano i radicali liberi, fanno bene alla salute umana. Negli anni ’90, molte persone assumevano integratori antiossidanti, come vitamina C e β-carotene. È “una delle poche teorie scientifiche ad aver raggiunto il pubblico: gravità, relatività e che i radicali liberi causano l’invecchiamento, quindi è necessario avere antiossidanti”, afferma Siegfried Hekimi, biologo della McGill University di Montreal, in Canada.

Eppure, all’inizio degli anni 2000, gli scienziati che cercavano di basarsi sulla teoria hanno riscontrato risultati sconcertanti: i topi geneticamente modificati per produrre un eccesso di radicali liberi vivevano tanto quanto i topi normali 4 e quelli progettati per produrre un eccesso di antiossidanti non vivevano più del normale . È stato il primo di un assalto di dati negativi, che inizialmente si è rivelato difficile da pubblicare. La teoria dei radicali liberi “era come una specie di creatura che stavamo cercando di uccidere. Abbiamo continuato a spararci proiettili e semplicemente non sarebbe morto”, afferma David Gems dell’University College di Londra, che ha iniziato a pubblicare i propri risultati negativi nel 2003 . Quindi, uno studio sugli esseri umani ha dimostrato che gli integratori antiossidanti prevengono gli effetti salutari dell’esercizio e un altro li associa a una mortalità più elevata .

Nessuno di questi risultati ha rallentato il mercato globale degli antiossidanti, che spazia da alimenti e bevande agli additivi per mangimi. Si prevede che aumenterà da 2,1 miliardi di dollari nel 2013 a 3,1 miliardi di dollari nel 2020. “È un racket enorme”, afferma Gems. “Il motivo per cui la nozione di ossidazione e invecchiamento è in giro è perché è perpetuata dalle persone che ne traggono profitto”.

Oggi, la maggior parte dei ricercatori che lavorano sull’invecchiamento concorda sul fatto che i radicali liberi possono causare danni cellulari, ma che questa sembra essere una parte normale della reazione del corpo allo stress. Tuttavia, il campo ha sprecato tempo e risorse come risultato. E l’idea frena ancora le pubblicazioni sui possibili benefici dei radicali liberi, afferma Michael Ristow, ricercatore sul metabolismo presso il Politecnico federale di Zurigo, in Svizzera. “C’è un corpo significativo di prove nei cassetti e nei dischi rigidi che supportano questo concetto, ma le persone non lo stanno pubblicando”, afferma. “E’ ancora un grosso problema”.

Alcuni ricercatori mettono in dubbio anche l’ipotesi più ampia che il danno molecolare di qualsiasi tipo causi l’invecchiamento. “C’è un punto interrogativo sul fatto che l’intera faccenda debba essere buttata via”, afferma Gems. Il guaio, dice, è che “la gente non sa dove andare adesso”.

Mito 3: Gli esseri umani hanno cervelli eccezionalmente grandi

Il cervello umano, con la sua straordinaria capacità cognitiva, è spesso considerato l’apice dell’evoluzione cerebrale. Tale predominio è spesso attribuito alle dimensioni eccezionalmente grandi del cervello rispetto al corpo, nonché alla sua densità di neuroni e cellule di supporto, chiamate glia.

Niente di tutto ciò, tuttavia, è vero. “Scegliamo i numeri che ci mettono in cima”, afferma Lori Marino, neuroscienziata presso la Emory University di Atlanta, in Georgia. I cervelli umani sono circa sette volte più grandi di quanto ci si potrebbe aspettare rispetto ad animali di dimensioni simili. Ma topi e delfini hanno all’incirca le stesse proporzioni e alcuni uccelli hanno un rapporto maggiore.

“I cervelli umani rispettano le regole del ridimensionamento. Abbiamo un cervello di primate su larga scala”, afferma Chet Sherwood, antropologo biologico alla George Washington University di Washington DC. Anche la conta cellulare è stata gonfiata: articoli, recensioni e libri di testo spesso affermano che il cervello umano ha 100 miliardi di neuroni. Misure più accurate suggeriscono che il numero è più vicino a 86 miliardi. Potrebbe sembrare un errore di arrotondamento, ma 14 miliardi di neuroni equivalgono all’incirca a due cervelli di macaco.

I cervelli umani sono diversi da quelli di altri primati in altri modi: l’ Homo sapiens ha evoluto una corteccia cerebrale espansa – la parte del cervello coinvolta in funzioni come il pensiero e il linguaggio – e cambiamenti unici nella struttura e nella funzione neurale in altre aree del cervello.

Il mito che i nostri cervelli siano unici a causa di un numero eccezionale di neuroni ha reso un disservizio alle neuroscienze perché altre possibili differenze sono raramente studiate, dice Sherwood, indicando gli esempi del metabolismo energetico, dei tassi di sviluppo delle cellule cerebrali e della connettività a lungo raggio di neuroni. “Questi sono tutti luoghi in cui puoi trovare differenze umane e sembrano essere relativamente estranei al numero totale di neuroni”, dice.

Il campo sta iniziando ad esplorare questi argomenti . Progetti come il progetto Human Connectome del National Institutes of Health degli Stati Uniti e il progetto Blue Brain dell’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia di Losanna stanno ora lavorando per comprendere la funzione cerebrale attraverso schemi di cablaggio piuttosto che dimensioni.

Mito 4: gli individui imparano meglio se insegnati nel loro stile di apprendimento preferito

Le persone attribuiscono altre qualità mitiche ai loro cervelli ineccezionalmente grandi. Uno di questi miti è che gli individui imparano meglio quando gli viene insegnato nel modo in cui preferiscono imparare. Uno studente verbale, ad esempio, presumibilmente apprende meglio attraverso le istruzioni orali, mentre uno studente visivo assorbe le informazioni in modo più efficace attraverso grafici e altri diagrammi.

Ci sono due verità alla base di questo mito: molte persone preferiscono il modo in cui ricevono le informazioni e le prove suggeriscono che gli insegnanti ottengono i migliori risultati educativi quando presentano le informazioni in più modalità sensoriali. Abbinalo al desiderio delle persone di imparare ed essere considerato unico, e le condizioni sono mature per creare miti.

“Gli stili di apprendimento hanno tutte le carte in regola: un seme di fatti, pregiudizi emotivi e pio desiderio”, afferma Howard-Jones. Eppure, proprio come lo zucchero, la pornografia e la televisione, “ciò che preferisci non è sempre buono per te o giusto per te”, afferma Paul Kirschner, psicologo dell’educazione presso la Open University dei Paesi Bassi.

Nel 2008, quattro neuroscienziati cognitivi hanno esaminato le prove scientifiche a favore e contro gli stili di apprendimento. Solo pochi studi avevano rigorosamente messo alla prova le idee e la maggior parte di quelli che l’hanno fatto hanno dimostrato che l’insegnamento nello stile preferito di una persona non ha avuto effetti benefici sul suo apprendimento. “Il contrasto tra l’enorme popolarità dell’approccio basato sugli stili di apprendimento all’interno dell’istruzione e la mancanza di prove credibili della sua utilità è, a nostro avviso, sorprendente e inquietante”, hanno scritto gli autori di uno studio 9 .

Ciò non ha impedito a un’industria redditizia di produrre libri e test per circa 71 stili di apprendimento proposti. Anche gli scienziati perpetuano il mito, citando gli stili di apprendimento in più di 360 articoli negli ultimi 5 anni. “Ci sono gruppi di ricercatori che aderiscono ancora all’idea, in particolare persone che hanno sviluppato questionari e sondaggi per classificare le persone. Hanno un forte interesse acquisito”, afferma Richard Mayer, psicologo dell’educazione presso l’Università della California, a Santa Barbara.

Negli ultimi decenni, la ricerca sulle tecniche educative ha iniziato a mostrare che esistono interventi che migliorano l’apprendimento , incluso convincere gli studenti a riassumere o spiegare concetti a se stessi. E sembra che quasi tutti gli individui, esclusi quelli con difficoltà di apprendimento, imparino meglio da una combinazione di parole e grafica, piuttosto che da soli.

Eppure il mito degli stili di apprendimento rende difficile portare questi concetti supportati da prove nelle classi. Quando Howard-Jones parla agli insegnanti per sfatare il mito degli stili di apprendimento, ad esempio, spesso non gli piace sentire quello che ha da dire. “Hanno facce disilluse. Gli insegnanti hanno investito speranza, tempo e fatica in queste idee”, afferma. “Dopodiché, perdono interesse per l’idea che la scienza possa supportare l’apprendimento e l’insegnamento”.

Mito 5: la popolazione umana sta crescendo esponenzialmente (e siamo condannati)

I timori per la sovrappopolazione iniziarono con il reverendo Thomas Malthus nel 1798, il quale predisse che la crescita esponenziale incontrollata della popolazione avrebbe portato a carestia e povertà.

Ma la popolazione umana non è cresciuta e non sta crescendo in modo esponenziale ed è improbabile che lo faccia, afferma Joel Cohen, ricercatore sulla popolazione alla Rockefeller University di New York City. La popolazione mondiale sta ora crescendo solo alla metà del tasso di prima del 1965. Oggi ci sono circa 7,3 miliardi di persone e si prevede che raggiungerà i 9,7 miliardi entro il 2050. Tuttavia, si ritiene che il tasso di crescita della popolazione porterà a uno scenario apocalittico sono state continuamente perpetuate. Il celebre fisico Albert Bartlett, ad esempio, ha tenuto più di 1.742 conferenze sulla crescita esponenziale della popolazione umana e sulle terribili conseguenze a partire dal 1969.

Anche la popolazione mondiale ha abbastanza da mangiare. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, il tasso di produzione alimentare globale supera la crescita della popolazione. Le persone coltivano abbastanza calorie nei soli cereali per sfamare tra 10 e 12 miliardi di persone. Eppure la fame e la malnutrizione persistono in tutto il mondo. Questo perché circa il 55% del cibo coltivato è diviso tra l’alimentazione del bestiame, la produzione di carburante e altri materiali o lo smaltimento dei rifiuti, afferma Cohen. E ciò che resta non è equamente distribuito: i ricchi hanno abbondanza, i poveri hanno poco. Allo stesso modo, l’acqua non è scarsa su scala globale , anche se 1,2 miliardi di persone vivono nelle aree in cui si trova.

La sovrappopolazione non è davvero sovrappopolazione. È una questione di povertà”, afferma Nicholas Eberstadt, demografo dell’American Enterprise Institute, un think tank conservatore con sede a Washington DC. Eppure, invece di esaminare perché esiste la povertà e come sostenere in modo sostenibile una popolazione in crescita, dice, scienziati sociali e biologi si parlano, discutendo definizioni e cause della sovrappopolazione.

Cohen aggiunge che “anche le persone che conoscono i fatti lo usano come scusa per non prestare attenzione ai problemi che abbiamo in questo momento”, indicando l’esempio dei sistemi economici che favoriscono i ricchi.

Come altri intervistati per questo articolo, Cohen è tutt’altro che ottimista sulle possibilità di sfatare l’idea di sovrappopolazione e altri miti onnipresenti (vedi “Miti che persistono”), ma concorda sul fatto che vale la pena cercare di prevenire futuri malintesi. Molti miti sono emersi dopo che un ricercatore ha estrapolato oltre le ristrette conclusioni del lavoro di un altro, come nel caso dei radicali liberi. Quel “strappo di interpretazione”, come lo chiama Spitzer, può portare a idee sbagliate difficili da eliminare. Per evitarlo, “possiamo assicurarci che un’estrapolazione sia giustificata, che non stiamo andando oltre i dati”, suggerisce Spitzer. Oltre a ciò, si tratta di comunicazione, afferma Howard-Jones. Gli scienziati devono essere efficaci nel comunicare idee e allontanarsi da messaggi semplici e ridotti.

 

Una volta che un mito è qui, spesso è qui per restare. Studi psicologici suggeriscono che l’atto stesso di tentare di sfatare un mito porta a un attaccamento più forte ad esso. In un esperimento, l’esposizione ai messaggi a favore della vaccinazione ha ridotto l’intenzione dei genitori di vaccinare i propri figli negli Stati Uniti. In un altro, la correzione delle affermazioni fuorvianti dei politici ha aumentato le false credenze tra coloro che già le detenevano. “I miti sono quasi impossibili da sradicare”, afferma Kirschner. “Più lo smentisci, spesso più duro diventa.”

Miti che persistono

I vaccini causano l’autismo Sebbene vi siano alcuni rischi associati ai vaccini, la connessione ai disturbi neurologici è stata smentita molte volte.

Il paracetamolo (paracetamolo) agisce attraverso meccanismi noti Sebbene sia ampiamente utilizzato, ci sono solo indizi su come funzionano effettivamente. E altri farmaci comuni.

Il cervello è isolato dal sistema immunitario Il cervello ha le sue cellule immunitarie e recentemente è stato scoperto un sistema linfatico che collega il cervello al sistema immunitario del corpo.

L’omeopatia funziona. Non è così.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email a info@thesolver.it e saranno immediatamente rimossi.