Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

I ricercatori trovano il pezzo mancante del puzzle dell’asma

Terapia dell'asma

Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico

Una molecola infiammatoria chiamata LIGHT, sembra essere la causa di danni alle vie aeree potenzialmente letali nei pazienti con asma grave. Secondo la nuova ricerca degli scienziati del La Jolla Institute for Immunology (LJI), le terapie per fermare la LUCE (che è correlata al fattore di necrosi tumorale) potrebbero invertire i danni alle vie aeree e ai polmoni nei pazienti e potenzialmente offrire un trattamento a lungo termine per l’asma.

“Questa è una scoperta molto, molto significativa”, afferma il professor LJI Michael Croft, Ph.D., autore senior del nuovo studio e membro del Centro LJI per l’autoimmunità e l’infiammazione. “Questa ricerca ci dà una migliore comprensione del potenziale del targeting terapeutico di LIGHT e di cosa potremmo fare per alleviare alcuni dei sintomi e alcune delle caratteristiche infiammatorie osservate nei pazienti con asma grave .

Questa ricerca è stata pubblicata di recente sul Journal of Allergy and Clinical Immunology . Lo studio ha incluso esperimenti con topi e tessuti umani ed è stato guidato dall’istruttore LJI Haruka Miki, MD, Ph.D.

Il team di Croft ha studiato LIGHT per più di un decennio. La proteina LIGHT è un tipo di “citochina” infiammatoria prodotta dalle cellule T del sistema immunitario. Le cellule T normalmente combattono le malattie, ma nell’asma, le cellule T reagiscono in modo eccessivo ai fattori scatenanti ambientali e inondano le vie aeree di LUCE e altre citochine infiammatorie . I ricercatori hanno sviluppato terapie per bloccare l’attività di alcune delle altre citochine dannose prodotte dalle cellule T, ma queste terapie non sono efficaci per molti con asma grave.

La LUCE può essere trovata elevata nell’espettorato di pazienti asmatici con malattia grave, e il precedente lavoro di Croft ha mostrato che la LUCE è essenziale in un processo chiamato “rimodellamento” dei tessuti, in cui i polmoni e le vie aeree si ispessiscono dopo un attacco d’ asma . Queste vie aeree più spesse possono lasciare una persona con problemi respiratori a lungo termine.

“Gli attuali trattamenti per l’asma sono principalmente per sopprimere i sintomi e sottomettere l’infiammazione allergica. Nessun trattamento è stato sviluppato per curare fondamentalmente l’asma”, afferma Miki. “Anche quando l’infiammazione viene soppressa dai trattamenti attuali, l’iperreattività delle vie aeree sottostanti e i cambiamenti del tessuto delle vie aeree (rimodellamento delle vie aeree) spesso rimangono, specialmente nell’asma grave”.

Anche se sapevano che la LUCE era coinvolta in questo rimodellamento, i ricercatori non sapevano se la LUCE influisse direttamente sul tessuto muscolare liscio che riveste le principali vie aeree dei polmoni. Queste cellule aumentano di numero e dimensioni negli asmatici moderati e gravi, che si pensa siano una causa primaria di perdita della funzione polmonare.

La loro indagine ha mostrato che uno dei due recettori per la LUCE, denominato LTβR, era fortemente espresso sulle cellule muscolari lisce delle vie aeree . A quel punto “eliminando” i geni per un recettore o l’altro nei topi, Miki è stato in grado di dimostrare che il legame di LIGHT con LTβR è ciò che innesca il rimodellamento dei tessuti nei muscoli lisci delle vie aeree. I ricercatori hanno ulteriormente confermato questa scoperta utilizzando tessuto muscolare liscio bronchiale prelevato da campioni umani.

“Quando quelle cellule nei polmoni non possono esprimere LTβR, allora essenzialmente tutti i segni distintivi della risposta della muscolatura liscia associati all’asma grave sono scomparsi o sono molto limitati”, afferma Croft.

Naturalmente, la LUCE non è l’unica citochina nel mix durante un attacco d’asma, ma il nuovo studio suggerisce che la LUCE è la più potente. Agendo direttamente sulle cellule muscolari lisce delle vie aeree, LIGHT coordina il processo di rimodellamento. Senza l’attività LIGHT e LTβR, le altre citochine non possono riprendere il gioco. Infatti, il nuovo studio è il primo a dimostrare che la delezione di un singolo recettore o l’assenza di una singola citochina può limitare il rimodellamento del tessuto muscolare liscio delle vie aeree.

“A differenza di altre citochine infiammatorie, LIGHT induce un segnale ritardato e persistente attraverso il suo recettore, LTβR, che può essere responsabile dell’aumento sostenuto della contrattilità e della massa nella muscolatura liscia delle vie aeree”, afferma Miki.

“Questo è un risultato molto sorprendente e significativo che essenzialmente separa LIGHT da qualsiasi altra citochina infiammatoria che è stata implicata nel processo negli asmatici gravi”, aggiunge Croft.

In questo momento, l’azienda farmaceutica e partner di ricerca LJI Kiowa Kirin sta avanzando un potenziale terapeutico basato sulla scoperta di Croft. Per Croft, lo studio è la tanto attesa conclusione di anni di ricerca. “Penso che completi il ​​​​cerchio che abbiamo iniziato molti anni fa collegando la LUCE all’infiammazione polmonare”, afferma.

Ulteriori informazioni:
Haruka Miki et al, LTβR Signaling Directly Controls Airway Smooth Muscle Deregulation and Asthmatic Lung Dysfunction, Journal of Allergy and Clinical Immunology (2022). DOI: 10.1016/j.jaci.2022.11.016
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Forse ti sei perso questi
Dicembre 2023
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Archivio