Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

I vecchi farmaci antipsicotici possono offrire una nuova opzione per il trattamento del diabete di tipo 2

Attestazione: CC0 Pubblico dominio

I ricercatori hanno scoperto che una classe di vecchi farmaci antipsicotici potrebbe essere una nuova promettente opzione terapeutica per le persone con diabete di tipo 2, contribuendo a soddisfare un bisogno tra i pazienti che non sono in grado di assumere altri trattamenti attualmente disponibili.

“C’è una crescente necessità di trovare nuove terapie per il diabete di tipo 2”, afferma John Ussher, professore presso la Faculty of Pharmacy & Pharmaceutical Sciences e autore principale del recente studio pubblicato sulla rivista Diabetes .

Come spiega Ussher, il farmaco metformina è una delle terapie più comuni per il diabete di tipo 2, ma circa il 15% dei pazienti non è in grado di assumerlo. Un altro tipo di classe di farmaci comunemente usati (secretagoghi dell’insulina) per trattare il diabete non è altrettanto efficace per i pazienti in fase avanzata, che necessitano anche di un’opzione diversa.

“Per i pazienti che non possono assumere metformina, i pazienti con diabete in fase avanzata in cui anche le loro cellule beta non funzionano, quando cerchi di trovare nuove terapie o nuove terapie combinate man mano che la malattia progredisce, diventa più importante per trovare nuove classi di farmaci che mirano a nuovi meccanismi in modo da avere più opzioni per provare ad abbassare la glicemia in quegli individui”, spiega Ussher.

Il meccanismo su cui Ussher e il suo team hanno rivolto la loro attenzione è la succinil CoA:3-chetoacido CoA transferasi (SCOT), un enzima coinvolto nel processo del corpo di produrre energia dai chetoni. Hanno usato la modellazione al computer per trovare farmaci che potrebbero potenzialmente interagire con SCOT e sono approdati a una vecchia generazione di farmaci antipsicotici, una classe di farmaci chiamata difenilbutilpiperidine, o DPBP in breve.

Ussher e il suo team avevano precedentemente scoperto che un farmaco specifico all’interno di questa classe chiamato pimozide poteva essere riproposto per aiutare a curare il diabete, ma da allora hanno ampliato la loro attenzione per vedere se più della classe DPBP potesse essere utile anche per il trattamento della malattia.

“Adesso abbiamo testato tre farmaci e interagiscono tutti con questo enzima”, afferma Ussher. “Tutti migliorano il controllo della glicemia impedendo al muscolo di bruciare chetoni come fonte di carburante”.

“Riteniamo che questa inibizione SCOT sia la ragione per cui questi antipsicotici potrebbero effettivamente avere una seconda vita per essere riutilizzati come agenti antidiabetici”, aggiunge.

Sviluppo di farmaci in rapida evoluzione

Lo sviluppo di un farmaco è un processo complicato, lungo e costoso. Implica studi clinici per testare la sicurezza e l’efficacia del farmaco e può facilmente costare centinaia di milioni di dollari. Per non parlare del fatto che possono essere necessari anni per passare dallo sviluppo in laboratorio all’utilizzo in clinica o in ospedale. Il riutilizzo di un farmaco esistente può aiutare a velocizzare il processo, osserva Ussher.

“Con qualcosa che è un vecchio farmaco che abbiamo usato storicamente negli esseri umani che non usiamo più, sappiamo quali sono gli effetti avversi, sappiamo in generale che è sicuro”, dice.

Sebbene siano ancora necessari studi clinici , il riutilizzo di un farmaco consente ai ricercatori di concentrarsi specificamente sull’efficacia e sulla sicurezza del nuovo uso previsto, offrendo il potenziale per fornire una nuova terapia in modo più rapido ed economico.

“Poiché disponi già di dati sulla sicurezza, questo accelera in qualche modo il processo”, afferma Ussher. “E da un punto di vista economico, spesso perché molti di questi farmaci perseguiti per il riutilizzo sono più vecchi, sono privi di brevetto e più economici”.

Trovare un nuovo obiettivo

Il riutilizzo è efficace perché sfrutta una caratteristica principale della maggior parte dei farmaci: non sono limitati a un solo bersaglio nel corpo. Come spiega Ussher, la maggior parte dei farmaci ha in realtà numerosi bersagli che possono influenzare.

“È qui che entra in gioco il riproporsi”, dice. “Possiamo identificare gli altri bersagli con cui un farmaco può interagire e, identificando quegli altri bersagli, questo farmaco può servire a uno scopo per una malattia diversa?”

Questo è ciò che ha fatto il laboratorio di Ussher riconoscendo che la classe di farmaci DPBP potrebbe colpire l’attività SCOT così come i recettori della dopamina che prende di mira nel suo uso originale previsto per il trattamento della psicosi.

La conoscenza di questi bersagli originali può anche fornire un contesto prezioso per perfezionare e migliorare il farmaco riproposto. Poiché i farmaci DPBP erano originariamente antipsicotici, molti dei loro potenziali effetti collaterali come sonnolenza, vertigini o affaticamento derivano dai loro effetti sul loro bersaglio originale: i recettori della dopamina nel cervello. Il laboratorio di Ussher sta progettando di provare a creare una versione modificata della classe di farmaci che non raggiunga il cervello e abbia meno potenziali effetti avversi.

“Per noi, l’eccitazione è che sembra che l’intera famiglia di questi composti interagisca con questa proteina [SCOT] e possa migliorare il controllo della glicemia nel diabete di tipo 2 “.

Maggiori informazioni: Seyed Amirhossein Tabatabaei Dakhili et al, The Antipsychotic Dopamine 2 Receptor Antagonist Diphenylbutylpiperidines Improve Glycemia in Experimental Obesity by Inhibiting Succinyl-CoA:3-Ketoacid CoA Transferase, Diabetes (2022)

Lascia un commento