Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

La rimozione di CO2 è essenziale, insieme alla riduzione delle emissioni, per limitare il riscaldamento globale

Molti nuovi metodi stanno emergendo con potenzialità. Piuttosto che concentrarci su una o due opzioni, dovremmo incoraggiare un portafoglio, in modo da arrivare rapidamente allo zero netto senza affidarci eccessivamente a nessun metodo.

Molti nuovi metodi stanno emergendo con potenzialità. Piuttosto che concentrarci su una o due opzioni, dovremmo incoraggiare un portafoglio, in modo da arrivare rapidamente allo zero netto senza affidarci eccessivamente a nessun metodo. Credito: Shutterstock

La rimozione dell’anidride carbonica (CDR) dall’atmosfera è fondamentale per limitare il riscaldamento globale, oltre ai rapidi tagli alle emissioni: questa è la dura conclusione del primo rapporto “State of Carbon Dioxide Removal” condotto oggi da Oxford .

Più di 20 esperti CDR globali, guidati dal Dr. Steve Smith, della Smith School of Enterprise and the Environment di Oxford, si sono riuniti per fornire i risultati schietti. Nel rapporto completo di 120 pagine, avvertono che esiste un ampio divario tra la quantità di CDR necessaria per raggiungere gli obiettivi internazionali di temperatura e quanto i governi mirano a fornire. Ma, mentre gli autori hanno riscontrato una carenza nelle politiche per sostenere la diffusione del CDR, riferiscono che la ricerca, l’innovazione e la consapevolezza pubblica intorno al CDR stanno crescendo rapidamente

Il dottor Smith, direttore esecutivo di Oxford Net Zero e CO2RE, l’hub nazionale per la rimozione dei gas serra, e autore principale del rapporto, sostiene: “Per limitare il riscaldamento a 2°C o meno, dobbiamo accelerare la riduzione delle emissioni… il i risultati di questo rapporto sono chiari: dobbiamo anche aumentare la rimozione del carbonio, ripristinando e migliorando gli ecosistemi e aumentando rapidamente i nuovi metodi CDR”.

Aggiunge: “Molti nuovi metodi stanno emergendo con un potenziale. Invece di concentrarci su una o due opzioni, dovremmo incoraggiare un portafoglio, in modo da arrivare rapidamente allo zero netto senza affidarci eccessivamente a nessun metodo”.

Nel frattempo, il dott. Oliver Geden dell’Istituto tedesco per gli affari internazionali e di sicurezza, spiega: “Il CDR non è qualcosa che potremmo fare, ma qualcosa che dobbiamo assolutamente fare per raggiungere l’obiettivo di temperatura dell’accordo di Parigi”.

Al momento, la maggior parte del CDR attuale proviene da metodi di rimozione convenzionali sulla terra, principalmente attraverso la piantagione di alberi e la gestione del suolo. Il rapporto afferma che i paesi dovranno mantenere ed espandere questo in futuro. Ma questo non è neanche lontanamente sufficiente, secondo gli esperti.

Secondo il dottor Geden, “Più di 120 governi nazionali hanno un obiettivo di zero emissioni nette, il che implica l’utilizzo del CDR, ma pochi governi hanno piani attuabili per svilupparlo. Ciò rappresenta un grave deficit”.

Praticamente tutti i percorsi per limitare l’aumento della temperatura richiedono nuove tecnologie CDR, come la bioenergia con cattura e stoccaggio del carbonio (BECCS), il biochar, l’invecchiamento delle rocce potenziato e la cattura diretta dell’aria con cattura e stoccaggio del carbonio (DACCS). Attualmente, questi costituiscono solo una piccola frazione dell’attuale CDR, circa lo 0,1%. Ma, se si vuole colmare il divario CDR, è necessaria una rapida crescita di queste nuove tecnologie CDR, di un fattore medio di 1.300 entro il 2050, secondo il rapporto.

Tuttavia, insiste il rapporto, il CDR non è una pallottola d’argento e non diminuisce la necessità di tagli profondi alle emissioni. La nostra dipendenza dal CDR può essere limitata riducendo rapidamente le emissioni e utilizzando l’energia in modo più efficiente, affermano gli autori del rapporto.

Ma, afferma il coautore professor Gregory Nemet, della La Follette School of Public Affairs dell’Università del Wisconsin-Madison, “L’innovazione nel CDR è cresciuta notevolmente negli ultimi due anni… dati gli ordini di grandezza di cui l’industria del CDR ha bisogno per crescere entro la metà secolo per limitare il riscaldamento, c’è un urgente bisogno di un sostegno politico globale per stimolare la crescita”.

In conclusione, il dott. Jan Minx, del Mercator Research Institute on Global Commons and Climate Change (MCC) di Berlino, sostiene: “Lo stato della ricerca, dello sviluppo e della politica del CDR è in ritardo, simile alle energie rinnovabili 25 anni fa. Buone decisioni e progressi accelerati nel campo del CDR richiedono dati adeguati. Questo rapporto contribuirà a migliorare questa situazione passo dopo passo con la più ampia comunità CDR.”

La rimozione dell’anidride carbonica (CDR) non sostituisce le riduzioni delle emissioni, sebbene debba essere aumentata per raggiungere lo zero netto. Secondo una ricerca di Oxford pubblicata ieri sulla rivista Frontiers in Climate , sono necessari maggiori finanziamenti e supporto se si vuole che il CDR raggiunga il suo potenziale.

Il documento, di un team di esperti climatici di Oxford, esamina i meccanismi delle politiche CDR a livello globale e si concentra sui loro prezzi e dimensioni. Secondo il documento, molte tecniche sono nelle prime fasi di sviluppo e “potrebbero richiedere tipi di supporto più immediati”. Ad esempio, sostengono i ricercatori, potrebbe esserci una progressione dai sussidi ai meccanismi basati sui risultati.

Ma, avverte, “la maggior parte dei meccanismi attualmente in funzione ha risorse insufficienti e paga troppo poco per consentire un portafoglio di [metodi di rimozione] che potrebbero supportare il raggiungimento dello zero netto”.

Il documento di ricerca , del Dr. Conor Hickey di Oxford Net Zero, del Professor Sam Fankhauser, del Dr. Steve Smith e del Professor Myles Allen, sostiene che sarà fondamentale concentrarsi sull’azione per il clima a breve termine con piani chiari. “Il piano dovrebbe dare la priorità alla riduzione delle emissioni e definire un ruolo chiaro per il CDR in un obiettivo zero netto”.

Lascia un commento