Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Le autopsie mostrano il virus COVID-19 nel cervello e in altre parti del corpo

autopsie e covid

1/1 _ _
Rilevamento dell’RNA in situ (RNAscope) di SARS-CoV-2 nei tessuti extrapolmonari. a–h, il virus SARS-CoV-2 è localizzato nel Golgi e nel reticolo endoplasmatico, di aspetto perinucleare, nei seguenti organi e tipi di cellule (ingrandimenti ×500, barre della scala, 2 μm, tutti i pannelli): tiroide di P19, che mostra la presenza di virus nelle cellule follicolari (a), esofago di P18, a dimostrazione della presenza di virus nell’epitelio squamoso stratificato (asterisco), nonché segnale nei capillari all’interno dello stroma (hash) (b), milza di P19, a dimostrazione la presenza di virus nei leucociti mononucleati nella polpa bianca (c), appendice di P19, che dimostra la presenza del virus sia nell’epitelio del colon (asterisco) che nei leucociti mononucleati nello stroma (hash) (d), ghiandola surrenale di P19, che dimostra la presenza di virus nelle cellule secretorie endocrine (e), ovaio di P18, che dimostra la presenza del virus nelle cellule stromali dell’ovaio in post-menopausa (f), testicolo di P20, che dimostra la presenza del virus sia nelle cellule del Sertoli (asterisco) che nelle cellule germinali in maturazione nei tubuli seminiferi di il testicolo (hash) (g), endometrio di P35, che dimostra la presenza del virus nell’epitelio della ghiandola endometriale (asterisco) e nelle cellule stromali (hash), in un campione endometriale pre-menopausale (h). Le immagini sono esemplari di tessuti extrapolmonari positivi per SARS-CoV-2 N RNA durante 20 lotti di colorazione ISH. Credito: dimostrando la presenza del virus nell’epitelio della ghiandola endometriale (asterisco) e nelle cellule stromali (hash), in un campione endometriale pre-menopausale (h). Le immagini sono esemplari di tessuti extrapolmonari positivi per SARS-CoV-2 N RNA durante 20 lotti di colorazione ISH. Credito: dimostrando la presenza del virus nell’epitelio della ghiandola endometriale (asterisco) e nelle cellule stromali (hash), in un campione endometriale pre-menopausale (h). Le immagini sono esemplari di tessuti extrapolmonari positivi per SARS-CoV-2 N RNA durante 20 lotti di colorazione ISH. Credito:Natura (2022). DOI: 10.1038/s41586-022-05542-e

Un’analisi dei campioni di tessuto delle autopsie di 44 persone morte con COVID-19 mostra che il virus SAR-CoV-2 si è diffuso in tutto il corpo, compreso il cervello, e che è rimasto per quasi otto mesi. Lo studio è stato pubblicato su Nature .

Scienziati del National Institutes of Health (NIH) hanno testato campioni di autopsie eseguite da aprile 2020 a marzo 2021. Hanno condotto un ampio campionamento del sistema nervoso, compreso il cervello, in 11 dei pazienti.

RNA e virus vitali in vari organi

Tutti i pazienti sono morti con COVID-19 e nessuno è stato vaccinato. Il plasma sanguigno di 38 pazienti è risultato positivo per SARS-CoV-2, tre sono risultati negativi e il plasma non era disponibile per gli altri 3.

Il 30% dei pazienti era di sesso femminile e l’età media era di 62,5 anni. Ventisette pazienti (61,4%) presentavano tre o più comorbilità. L’intervallo mediano dall’insorgenza dei sintomi alla morte è stato di 18,5 giorni.

L’analisi ha mostrato che SARS-CoV-2, come previsto, principalmente ha infettato e danneggiato le vie aeree e il tessuto polmonare . Ma i ricercatori hanno anche trovato l’RNA virale in 84 sedi corporee distinte e fluidi corporei, e in un caso hanno isolato l’RNA virale 230 giorni dopo l’inizio dei sintomi di un paziente.

I ricercatori hanno rilevato l’RNA e la proteina SARS-CoV-2 nell’ipotalamo e nel cervelletto di un paziente e nel midollo spinale e nei gangli della base di altri due pazienti. Ma hanno trovato pochi danni al tessuto cerebrale, “nonostante il sostanziale carico virale”.

I ricercatori hanno anche isolato il virus SARS-CoV-2 vitale da diversi tessuti all’interno e all’esterno del tratto respiratorio , inclusi cervello, cuore, linfonodi , tratto gastrointestinale, ghiandola surrenale e occhio. Hanno isolato il virus da 25 dei 55 campioni testati (45%).

Gli autori hanno scritto: “Abbiamo dimostrato la replicazione del virus in più siti non respiratori durante le prime due settimane dopo l’insorgenza dei sintomi”.

Aggiungono: “La nostra attenzione su brevi intervalli post mortem, un approccio standardizzato completo alla raccolta dei tessuti, la dissezione del cervello prima della fissazione, la conservazione del tessuto nell’RNA in seguito e il congelamento rapido del tessuto fresco ci hanno permesso di rilevare e quantificare i livelli di RNA SARS-CoV-2 con elevata sensibilità mediante [ reazione a catena della polimerasi ] e [ibridazione in situ], nonché isolare il virus nella coltura cellulare da più tessuti non respiratori compreso il cervello, che sono differenze notevoli rispetto ad altri studi.

Possibili ramificazioni per COVID lungo

L’autore senior dello studio Daniel Chertow, MD, MPH, ha affermato in un comunicato stampa del NIH che, prima del lavoro, “il pensiero sul campo era che SARS-CoV-2 fosse prevalentemente un virus respiratorio”.

Trovare la presenza virale in tutto il corpo e condividere queste scoperte con i colleghi un anno fa ha aiutato gli scienziati a esplorare una relazione tra tessuti corporei ampiamente infetti e “COVID lungo”, o sintomi che persistono per settimane e mesi dopo l’infezione.

Parte di uno studio Paxlovid RECOVER che dovrebbe iniziare nel 2023 include un’estensione del lavoro di autopsia evidenziato nello studio Nature , secondo il coautore Stephen Hewitt, MD, Ph.D., che fa parte di un comitato direttivo per il progetto RECOVER. Le autopsie nello studio RECOVER includono persone che sono state sia vaccinate che infettate con varianti preoccupanti, dati che non erano disponibili nello studio di ieri.

“Speriamo di replicare i dati sulla persistenza virale e studiare la relazione con il COVID lungo”, ha affermato Hewitt. “In meno di un anno, abbiamo circa 85 casi e stiamo lavorando per espandere questi sforzi”.

More information: Sydney R. Stein et al, SARS-CoV-2 infection and persistence in the human body and brain at autopsy, Nature (2022). DOI: 10.1038/s41586-022-05542-y

Journal information: Nature

Lascia un commento