Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Nascita pretermine legata a sostanze chimiche presenti nella vagina

Attestazione: CC0 Pubblico dominio

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori del Vagelos College of Physicians and Surgeons della Columbia University, le sostanze chimiche che si accumulano nella vagina, potenzialmente provenienti da prodotti per la cura personale, possono contribuire alla nascita pretermine spontanea.

Lo studio su 232 donne incinte ha rilevato che una manciata di sostanze chimiche non biologiche precedentemente presenti nei cosmetici e nei prodotti per l’igiene sono fortemente associate alla nascita pretermine.

“I nostri risultati suggeriscono che dobbiamo esaminare più da vicino se le esposizioni ambientali comuni stiano effettivamente causando nascite pretermine e, in tal caso, da dove provengano queste esposizioni”, afferma il co-leader dello studio Tal Korem, Ph.D., assistente professore nel programma di genomica matematica e nei dipartimenti di biologia dei sistemi e ostetricia e ginecologia della Columbia. “La buona notizia è che se la colpa è di queste sostanze chimiche, potrebbe essere possibile limitare queste esposizioni potenzialmente dannose”.

Lo studio è stato pubblicato il 12 gennaio su Nature Microbiology .

La nascita pretermine, il parto prima delle 37 settimane di gravidanza, è la prima causa di morte neonatale e può portare a una varietà di problemi di salute per tutta la vita. Due terzi delle nascite pretermine avvengono spontaneamente, ma nonostante ricerche approfondite, non esistono metodi per prevedere o prevenire la nascita pretermine spontanea.

Diversi studi hanno suggerito che gli squilibri nel microbioma vaginale svolgono un ruolo nella nascita pretermine e in altri problemi durante la gravidanza. Tuttavia, i ricercatori non sono stati in grado di collegare in modo riproducibile popolazioni specifiche di microrganismi con esiti avversi della gravidanza.

Il gruppo di ricerca, co-guidato da Korem e Maayan Levy, Ph.D., dell’Università della Pennsylvania, ha deciso di avere una visione più ampia del microambiente vaginale osservando il suo metaboloma. Il metaboloma è l’insieme completo di piccole molecole che si trovano in una particolare nicchia biologica, compresi i metaboliti prodotti da cellule locali e microrganismi e molecole che provengono da fonti esterne. “Il metaboloma può essere visto come una lettura funzionale dell’ecosistema nel suo insieme”, afferma Korem. “La profilazione del microbioma può dirci chi sono i microbi; la metabolomica ci avvicina alla comprensione di cosa stanno facendo i microbi”.

Nello studio attuale, i ricercatori hanno misurato oltre 700 diversi metaboliti nel metaboloma del secondo trimestre di 232 donne incinte, comprese 80 gravidanze terminate prematuramente.

Lo studio ha rilevato più metaboliti che erano significativamente più alti nelle donne che avevano partorito in anticipo rispetto a quelle che avevano partorito a termine.

“Molti di questi metaboliti sono sostanze chimiche che non sono prodotte da esseri umani o microbi, ciò che chiamiamo xenobiotici”, afferma Korem. “Questi includono dietanolammina, etil-beta glucoside, tartrato e acido etilendiamminotetraacetico. Sebbene non abbiamo identificato la fonte di questi xenobiotici nei nostri partecipanti, tutti potrebbero essere trovati nei cosmetici e nei prodotti per l’igiene”.

L’algoritmo prevede la nascita pretermine

Utilizzando modelli di apprendimento automatico, il team ha anche sviluppato un algoritmo basato sui livelli di metaboliti in grado di prevedere la nascita pretermine con buona precisione, aprendo potenzialmente la strada alla diagnosi precoce.

Sebbene le previsioni fossero più accurate dei modelli basati sui dati del microbioma e sulle caratteristiche materne (come età, indice di massa corporea, razza, storia di parto pretermine e nascite precedenti), il nuovo modello necessita ancora di miglioramenti e ulteriore convalida prima di poter essere utilizzato in clinica .

Nonostante le attuali limitazioni, afferma Korem, “i nostri risultati dimostrano che i metaboliti vaginali hanno il potenziale per prevedere, con mesi di anticipo, quali donne probabilmente partoriranno presto”.

More information: William F. Kindschuh et al, Preterm birth is associated with xenobiotics and predicted by the vaginal metabolome, Nature Microbiology (2023). DOI: 10.1038/s41564-022-01293-8

Lascia un commento