Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Nuovo farmaco antivirale significativamente più potente contro SARS-CoV-2

Nuovo Coronavirus SARS-CoV-2: Micrografia elettronica a trasmissione di particelle di virus SARS-CoV-2, isolate da un paziente. Credito: NIH Galleria di immagini su Flickr . CC BY 2.0

Il farmaco antivirale plitidepsina è tra 10 e 100 volte più efficace contro SARS-CoV-2, inclusa la nuova variante britannica, rispetto al farmaco approvato dall’NHS remdesivir, trova nuove ricerche precliniche che coinvolgono scienziati dell’UCL.

Nell’ambito di una collaborazione sul coronavirus con ricercatori statunitensi, a un team dell’UCL è stato chiesto di testare l’efficacia del farmaco plitidepsina sul ceppo mutante variante britannico B.1.1.7 appena identificato.

Il braccio britannico dello studio, pubblicato sul server di pre-stampa bioRxiv, ha rilevato che la plitidepsina era circa 10 volte più potente del remdesivir in vitro (nelle cellule epiteliali umane) – nel ridurre l’infettività B.1.1.7.

Questa ricerca dell’UCL rispecchia i risultati del braccio più ampio dello studio con sede negli Stati Uniti, che è stato sottoposto a revisione tra pari ed è stato condotto da collaboratori presso il Quantitative Biosciences Institute (QBI), parte dell’Università della California a San Francisco, e il Icahn School of Medicine del Mount Sinai, New York (ISMMS).

Per il documento condotto dagli Stati Uniti, pubblicato su Science , i ricercatori hanno esaminato numerosi farmaci clinicamente approvati, al fine di identificare quelli con attività inibitoria contro SARS-CoV-2. In particolare, stavano cercando “terapie dirette dall’ospite”, quelle che prendono di mira le proteine ​​dell’ospite (umane), piuttosto che le proteine ​​del virus, che di solito sono mirate a inibire l’infezione.

La plitidepsina, nota anche come Aplidin, è un nuovo farmaco approvato dall’Australian Regulatory Agency per il trattamento del mieloma multiplo e fa parte di numerosi altri studi clinici sul cancro di fase II / III in tutto il mondo.

Il braccio statunitense dello studio ha scoperto che la plitidepsina era 27,5 volte più potente del remdesivir in vitro, nell’inibire (prevenire ulteriori infezioni) SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19. Questa ricerca è stata condotta anche in vitro: nelle cellule del laboratorio, non nei pazienti.

Inoltre, lo studio ha scoperto che la plitidepsina era 100 volte più efficace del remdesivir nel ridurre la replicazione virale nei polmoni e ha dimostrato la capacità di ridurre l’infiammazione polmonare, uno degli effetti collaterali più gravi di COVID-19. Questo elemento è stato condotto in vitro in un modello murino consolidato di cellule polmonari umane.

Il braccio UCL dello studio ha studiato solo la variante britannica e ha trovato un’attività antivirale comparabile in vitro contro B.1.1.7, ma non ha misurato l’infiammazione polmonare.

L’autore senior, il professor Greg Towers (UCL Infection & Immunity) ha dichiarato: “Questi studi dimostrano che la plitidpesina è un inibitore molto potente della SARS-CoV-2 ed è significativamente più efficace del remdesivir ampiamente approvato contro i lignaggi sia precoci che più recenti del virus.

“Ma il punto di forza più importante è che prende di mira una proteina ospite piuttosto che una proteina virale. Questo è davvero eccitante; prendendo di mira una proteina ospite (umana), l’efficacia della plitidpesina non sarà alterata dalle varianti mutanti in SARS-CoV-2 .

“Ora disponiamo di un’ampia gamma di farmaci approvati con attività contro il virus e possiamo considerare di utilizzarli direttamente e migliorarli. È anche realistico aspettarsi che alcuni di questi farmaci siano efficaci contro una serie di coronavirus zoonotici”.

I ricercatori dicono che la plitidpesina dovrebbe ora essere ulteriormente valutata come terapia COVID-19.

Il braccio statunitense dello studio ha anche valutato la dinamica tra gli effetti antivirali di plitidepsina e remdesivir quando usati insieme in vitro. Questa analisi ha suggerito che la plitidepsina ha un effetto additivo con remdesivir e sarebbe un potenziale candidato da considerare in una terapia combinata.

L’autrice corrispondente, la professoressa associata Clare Jolly (UCL Infection & Immunity), ha aggiunto: “Questi risultati evidenziano l’importanza di un continuo sviluppo di terapie dirette dall’ospite per combattere le epidemie di varianti di coronavirus attuali e future “.

Nello studio UCL, le cellule epiteliali umane, infettate con la variante britannica B.1.1.7, sono state trattate con plitidepsina. In termini di base, i ricercatori hanno scoperto che ci voleva 10 volte meno plitidepsina, rispetto a remdesivir, per ridurre della metà l’infezione. Significa che la plitidepsina è 10 volte più potente. Lo stesso esperimento è stato condotto dal braccio statunitense e ha scoperto che la plitidepsina era 27,5 volte potente. I ricercatori negli Stati Uniti hanno anche effettuato test simili su un modello murino di polmoni, che hanno scoperto che la plitidepsina era 100 volte più efficace. I ricercatori affermano che questi risultati indicano la stessa conclusione che la plitidepsina è significativamente più potente.

(Visited 1 times, 1 visits today)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter
Top 10 Articoli
2.152