Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Nuovo farmaco antivirale significativamente più potente contro SARS-CoV-2

Nuovo Coronavirus SARS-CoV-2: Micrografia elettronica a trasmissione di particelle di virus SARS-CoV-2, isolate da un paziente. Credito: NIH Galleria di immagini su Flickr . CC BY 2.0

Il farmaco antivirale plitidepsina è tra 10 e 100 volte più efficace contro SARS-CoV-2, inclusa la nuova variante britannica, rispetto al farmaco approvato dall’NHS remdesivir, trova nuove ricerche precliniche che coinvolgono scienziati dell’UCL.

Nell’ambito di una collaborazione sul coronavirus con ricercatori statunitensi, a un team dell’UCL è stato chiesto di testare l’efficacia del farmaco plitidepsina sul ceppo mutante variante britannico B.1.1.7 appena identificato.

Il braccio britannico dello studio, pubblicato sul server di pre-stampa bioRxiv, ha rilevato che la plitidepsina era circa 10 volte più potente del remdesivir in vitro (nelle cellule epiteliali umane) – nel ridurre l’infettività B.1.1.7.

Questa ricerca dell’UCL rispecchia i risultati del braccio più ampio dello studio con sede negli Stati Uniti, che è stato sottoposto a revisione tra pari ed è stato condotto da collaboratori presso il Quantitative Biosciences Institute (QBI), parte dell’Università della California a San Francisco, e il Icahn School of Medicine del Mount Sinai, New York (ISMMS).

Per il documento condotto dagli Stati Uniti, pubblicato su Science , i ricercatori hanno esaminato numerosi farmaci clinicamente approvati, al fine di identificare quelli con attività inibitoria contro SARS-CoV-2. In particolare, stavano cercando “terapie dirette dall’ospite”, quelle che prendono di mira le proteine ​​dell’ospite (umane), piuttosto che le proteine ​​del virus, che di solito sono mirate a inibire l’infezione.

La plitidepsina, nota anche come Aplidin, è un nuovo farmaco approvato dall’Australian Regulatory Agency per il trattamento del mieloma multiplo e fa parte di numerosi altri studi clinici sul cancro di fase II / III in tutto il mondo.

Il braccio statunitense dello studio ha scoperto che la plitidepsina era 27,5 volte più potente del remdesivir in vitro, nell’inibire (prevenire ulteriori infezioni) SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19. Questa ricerca è stata condotta anche in vitro: nelle cellule del laboratorio, non nei pazienti.

Inoltre, lo studio ha scoperto che la plitidepsina era 100 volte più efficace del remdesivir nel ridurre la replicazione virale nei polmoni e ha dimostrato la capacità di ridurre l’infiammazione polmonare, uno degli effetti collaterali più gravi di COVID-19. Questo elemento è stato condotto in vitro in un modello murino consolidato di cellule polmonari umane.

Il braccio UCL dello studio ha studiato solo la variante britannica e ha trovato un’attività antivirale comparabile in vitro contro B.1.1.7, ma non ha misurato l’infiammazione polmonare.

L’autore senior, il professor Greg Towers (UCL Infection & Immunity) ha dichiarato: “Questi studi dimostrano che la plitidpesina è un inibitore molto potente della SARS-CoV-2 ed è significativamente più efficace del remdesivir ampiamente approvato contro i lignaggi sia precoci che più recenti del virus.

“Ma il punto di forza più importante è che prende di mira una proteina ospite piuttosto che una proteina virale. Questo è davvero eccitante; prendendo di mira una proteina ospite (umana), l’efficacia della plitidpesina non sarà alterata dalle varianti mutanti in SARS-CoV-2 .

“Ora disponiamo di un’ampia gamma di farmaci approvati con attività contro il virus e possiamo considerare di utilizzarli direttamente e migliorarli. È anche realistico aspettarsi che alcuni di questi farmaci siano efficaci contro una serie di coronavirus zoonotici”.

I ricercatori dicono che la plitidpesina dovrebbe ora essere ulteriormente valutata come terapia COVID-19.

Il braccio statunitense dello studio ha anche valutato la dinamica tra gli effetti antivirali di plitidepsina e remdesivir quando usati insieme in vitro. Questa analisi ha suggerito che la plitidepsina ha un effetto additivo con remdesivir e sarebbe un potenziale candidato da considerare in una terapia combinata.

L’autrice corrispondente, la professoressa associata Clare Jolly (UCL Infection & Immunity), ha aggiunto: “Questi risultati evidenziano l’importanza di un continuo sviluppo di terapie dirette dall’ospite per combattere le epidemie di varianti di coronavirus attuali e future “.

Nello studio UCL, le cellule epiteliali umane, infettate con la variante britannica B.1.1.7, sono state trattate con plitidepsina. In termini di base, i ricercatori hanno scoperto che ci voleva 10 volte meno plitidepsina, rispetto a remdesivir, per ridurre della metà l’infezione. Significa che la plitidepsina è 10 volte più potente. Lo stesso esperimento è stato condotto dal braccio statunitense e ha scoperto che la plitidepsina era 27,5 volte potente. I ricercatori negli Stati Uniti hanno anche effettuato test simili su un modello murino di polmoni, che hanno scoperto che la plitidepsina era 100 volte più efficace. I ricercatori affermano che questi risultati indicano la stessa conclusione che la plitidepsina è significativamente più potente.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email a info@thesolver.it e saranno immediatamente rimossi.