Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Perché sono necessarie 2 dosi per fare in modo che i vaccini a mRNA producano al meglio gli anticorpi

Credito: Pixabay / CC0 Public Domain

Con gli Stati Uniti che devono affrontare ritardi nelle vaccinazioni a causa della carenza di lavoratori e dei problemi di distribuzione, i funzionari sanitari federali ora dicono che va bene prolungare la somministrazione della seconda dose del vaccino in due parti fino a sei settimane.

Il vaccino anti COVID-19 funzionerà ancora se le persone ricevono in ritardo la seconda dose.

Perché c’è bisogno di due dosi a 3-4 settimane di distanza

Due dosi, separate da tre a quattro settimane è l’approccio collaudato per generare una risposta immunitaria efficace attraverso la vaccinazione , non solo per COVID ma anche per l’epatite A e B e altre malattie.

La prima dose innesca il sistema immunitario e induce il corpo ad interessarsi del virus. Ciò consente al sistema immunitario di preparare le sue difese. La seconda dose, o richiamo, offre al sistema immunitario l’opportunità di aumentare la qualità e la quantità degli anticorpi utilizzati per combattere il virus.

Nel caso dei vaccini Pfizer e Moderna, la seconda dose aumenta la protezione offerta dal vaccino dal 60% a circa il 95% .

Perché il CDC ha deciso che ricevere la seconda dose entro 42 giorni è giusto.

Nella sperimentazione clinica, la seconda dose del vaccino Pfizer è stata somministrata già il giorno 19 e fino al giorno 42 al 93% dei soggetti . Poiché la protezione è stata di circa il 95% per tutti coloro che sono stati vaccinati entro questa “finestra” di tempo, non vi sono ragioni per non consentire una certa flessibilità nella tempistica della seconda dose 2 .

Man mano che diventa disponibile più vaccino, il momento della seconda dose dovrebbe essere vicino a quattro settimane per i vaccini Pfizer e Moderna. Ma la buona notizia è che, anche se le scorte rimangono limitate, la scienza suggerisce che non c’è niente di male nell’assumere una seconda dose fino a 42 giorni dopo la prima.

Cosa fa il sistema immunitario tra la prima e la seconda dose

La biologia attraverso la quale i vaccini mRNA inducono la loro protezione dal COVID-19 è fondamentalmente diversa da quella con altri vaccini.

I vaccini Pfizer e Moderna utilizzano l’RNA messaggero che codifica per la glicoproteina spike. Dopo l’iniezione del vaccino, l’ mRNA entra nelle cellule immunitarie chiamate cellule dendritiche . Le cellule dendritiche utilizzano le istruzioni scritte nell’mRNA per sintetizzare la tipica glicoproteina spike, che caratterizza il virus SARS-CoV-2 che causa COVID-19. Queste cellule immunitarie mostrano quindi la glicoproteina spike ai linfociti B, che quindi producono anticorpi anti-spike.

I vaccini a mRNA sono in grado di indurre un tipo speciale di cellula immunitaria , chiamata cellula T-follicolare helper, per aiutare le cellule B a produrre anticorpi. I linfociti T lo fanno attraverso il contatto diretto con i linfociti B e inviando segnali chimici che dicono ai linfociti B di produrre anticorpi. È questo aiuto nella produzione di anticorpi che rende questi vaccini così efficaci.

Ma non tutti i linfociti B sono uguali. Ce ne sono due tipi che producono anticorpi anti-spike: plasmacellule a lunga vita e cellule B della memoria . Le plasmacellule a lunga vita, come suggerisce il nome, vivono nel midollo osseo per anni dopo la vaccinazione, producendo continuamente anticorpi, in questo caso anticorpi anti-spike. Questi linfociti B a lunga vita non hanno bisogno di essere potenziati.

Le cellule B della memoria, d’altra parte, vivono in uno stato simile al letargo. Non producono anticorpi fino a quando non vengono stimolati da un richiamo del vaccino o sono esposti a infezione da coronavirus che causa COVID-19. Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di quella seconda dose. Insieme, questi due tipi di cellule B forniscono un livello di protezione costante.

Cosa succede se non prendi la seconda dose di Pfizer o Moderna in tempo?

Con l’attuale carenza di vaccini e problemi con la creazione di infrastrutture per vaccinare milioni di persone, molti medici temono che la seconda dose di vaccino non venga somministrata entro il periodo di tre-quattro settimane prescritto.

Il secondo richiamo è necessario affinché i linfociti T stimolino i linfociti B della memoria a produrre enormi quantità di anticorpi. Se il potenziatore non viene somministrato entro la finestra appropriata, verranno prodotte quantità inferiori di anticorpi che potrebbero non fornire una protezione altrettanto potente dal virus.

 

(Visited 2 times, 1 visits today)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter
Top 10 Articoli
2.153