Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Piccole capsule di cannabis potrebbero aiutare a curare le malattie neurologiche

Credito: Università di Curtin

Un team di ricercatori guidato dalla Curtin University ha scoperto un nuovo modo per migliorare il tasso di assorbimento della cannabis medicinale se assunta per via orale, che potrebbe essere potenzialmente utilizzato per trattare disturbi neurologici come il morbo di Alzheimer, la sclerosi multipla e le lesioni cerebrali traumatiche in futuro.

Pubblicato sulla rivista PLOS ONE e finanziato dal partner industriale Zelira Therapeutics, i ricercatori sono stati in grado di creare minuscole capsule contenenti cannabinoidi che, se assunte per via orale, sono state assorbite dall’organismo più velocemente e penetrano più rapidamente nel cervello nei modelli di topi con malattie neurologiche , rispetto a quando è stato consegnato in forma liquida.

Il ricercatore capo, il professore associato Ryu Takechi del Curtin Health Innovation Research Institute (CHIRI) e della School of Population Health della Curtin University, ha affermato che c’è stato un crescente interesse nell’uso del cannabidiolo per trattare varie malattie neurologiche, ma ci sono limitazioni dovute il suo scarso assorbimento e sensibilità alla luce e all’acido dello stomaco se consumato per via orale.

“Il cannabidiolo si trova nella cannabis medicinale ed è un rimedio naturale popolare per le persone che vivono con malattie neurologiche e metaboliche. A causa delle limitazioni nell’assorbimento, abbiamo mirato a progettare e testare un nuovo metodo di somministrazione di farmaci”, ha affermato il professore associato Takechi.

“Il nostro team è stato in grado di migliorare significativamente l’assorbimento e la somministrazione cerebrale del cannabidiolo somministrandolo in una nuova forma di micro capsule, in combinazione con un acido biliare naturale.

“Con questa nuova forma incapsulata, siamo stati in grado di migliorare notevolmente la consegna cerebrale del cannabidiolo di 40 volte in modelli animali e siamo stati anche in grado di proteggere il farmaco dall’ossidazione e dalla degradazione da parte della luce, il che aiuta a prolungare la durata di conservazione del prodotto”.

Il professore associato Takechi ha affermato che i risultati potrebbero essere utili per supportare l’uso clinico della cannabis medicinale nel trattamento dei disturbi neurologici.

“In questo studio, siamo stati in grado di dimostrare per la prima volta che un acido biliare ha effettivamente aumentato l’assorbimento e la ritenzione di cannabidiolo all’interno del cervello. Ciò dimostra che gli acidi biliari potrebbero essere utilizzati per migliorare la somministrazione di cannabidiolo se assunti per via orale, in particolare quando si trattano i disturbi neurologici”, ha detto il professore associato Takechi.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per verificare se questo tipo di metodo di somministrazione dei farmaci potrebbe avere successo negli studi sull’uomo, ma i nostri risultati sono molto promettenti”.

Il CEO di Zelira, il dott. Oludare Odumosu, si è detto molto soddisfatto dell’esito della collaborazione con il Professore Associato Takechi e il suo team.

“La nuova tecnologia di incapsulamento sembra migliorare significativamente l’efficienza con cui i farmaci a base di cannabinoidi possono essere somministrati nel cervello. Ciò potrebbe portare a miglioramenti nell’efficacia delle terapie con cannabinoidi per trattare i disturbi neurologici, riducendo i costi e migliorando la sicurezza”, ha affermato il dott. Oludare. disse Odumosu.

Questa ricerca è stata uno sforzo collaborativo che ha coinvolto ricercatori del CHIRI, della Curtin Medical School e della School of Population Health della Curtin University, dell’Università di Newcastle e dell’Università di Otago.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter