Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Polarizzazione dopo COVID-19: uno studio globale rivela che i non vaccinati mostrano pregiudizi nella maggior parte dei paesi

pregiudizio contro i non vaccinati

pregiudizio contro i non vaccinati

In tutti i continenti abitati del mondo, le persone mostrano pregiudizi e atteggiamenti discriminatori nei confronti delle persone non vaccinate contro il COVID-19. Questo è il risultato di uno studio globale dell’Università di Aarhus, appena pubblicato sulla rivista Nature .

Molte persone vaccinate non vogliono che i parenti stretti sposino una persona non vaccinata. Sono anche inclini a pensare che i non vaccinati siano incompetenti oltre che inaffidabili, e generalmente provano antipatia nei loro confronti.

Lo studio mostra che il pregiudizio nei confronti dei non vaccinati è pari o superiore al pregiudizio diretto verso altri comuni e diversi obiettivi di pregiudizio, inclusi immigrati, tossicodipendenti ed ex detenuti.

Al contrario, i ricercatori scoprono che i non vaccinati non mostrano quasi atteggiamenti discriminatori nei confronti dei vaccinati.

“Il conflitto tra coloro che sono vaccinati contro il COVID-19 e coloro che non lo sono minaccia la coesione sociale come una nuova scissione socio-politica, e i vaccinati sembrano chiaramente essere quelli che approfondiscono questa frattura”, afferma il postdoc Alexander Bor, che è il autore principale dello studio “Atteggiamenti discriminatori contro i non vaccinati durante una pandemia globale”.

Spiegazione umana del pregiudizio

Secondo i ricercatori, il motivo di questi atteggiamenti discriminatori sembra essere che i vaccinati percepiscono i non vaccinati come free riders. Un’elevata diffusione della vaccinazione è fondamentale per combattere la pandemia e garantire il bene pubblico della normale vita quotidiana senza grandi perdite umane o finanziarie. E quando alcune persone aiutano ad aumentare l’assorbimento del vaccino mentre altre no, evoca sentimenti negativi.

“I vaccinati reagiscono in modo del tutto naturale contro ciò che percepiscono come una corsa libera su un bene pubblico. Questo è un meccanismo psicologico ben noto e quindi una reazione umana del tutto normale. Tuttavia, potrebbe avere gravi conseguenze per la società”, afferma il coautore Michael Bang Petersen, professore di scienze politiche all’Università di Aarhus e capo del progetto di ricerca di cui fa parte questo studio.

“Nel breve periodo, il pregiudizio nei confronti dei non vaccinati può complicare la gestione della pandemia perché porta alla sfiducia, e sappiamo che la sfiducia ostacola l’adozione della vaccinazione. A lungo termine, può significare che le società lasciano la pandemia più divise e polarizzate di quanto vi siano entrate ”, afferma Michael Bang Petersen.

I diritti fondamentali potrebbero essere in pericolo

Un sondaggio condotto esclusivamente negli Stati Uniti come parte dello studio complessivo mostra che non solo le persone vaccinate nutrono pregiudizi nei confronti dei non vaccinati, ma pensano anche che dovrebbero essere negati i diritti fondamentali . Ad esempio, ai non vaccinati non dovrebbe essere consentito di spostarsi nel quartiere o di esprimere liberamente le proprie opinioni politiche sui social media, senza timore di censura.

“È probabile che incontreremo un sostegno simile per la restrizione dei diritti in altri paesi, visto che il pregiudizio e l’antipatia possono essere trovati in tutti i continenti e le culture”, afferma Michael Bang Petersen.

I ricercatori mettono in guardia contro la retorica di condanna

In molti luoghi, la scarsa diffusione del vaccino rappresenta ancora una sfida per la gestione della pandemia, ma i ricercatori mettono in guardia le autorità dall’impiegare una retorica di condanna morale nel loro tentativo di far vaccinare più persone. Una strategia altrimenti implementata in un certo numero di paesi, tra cui la Francia, dove il presidente Emmanuel Macron ha dichiarato di voler “far incazzare” i non vaccinati a un livello tale da farli vaccinare.

“La condanna morale può rafforzare le divisioni e ulteriori sentimenti di esclusione che hanno portato molti non vaccinati a rifiutare il vaccino in primo luogo. La nostra ricerca precedente ha dimostrato che una comunicazione trasparente sulla sicurezza e l’efficacia dei vaccini è una strategia di salute pubblica più praticabile per aumentare l’assorbimento del vaccino a lungo termine”, afferma Michael Bang Petersen.

 

Lascia un commento