Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

“Prossima grande ondata”: i farmaci per le radiazioni tracciano e uccidono le cellule tumorali

Questa immagine al microscopio del 1974 resa disponibile dai Centers for Disease Control and Prevention mostra cambiamenti nelle cellule indicativi di adenocarcinoma della prostata. Nei risultati pubblicati giovedì 3 giugno 2021 dall’American Society of Clinical Oncology, i medici segnalano un miglioramento della sopravvivenza negli uomini con carcinoma prostatico avanzato da un farmaco sperimentale che fornisce radiazioni direttamente alle cellule tumorali. Credito: Dr. Edwin P. Ewing, Jr./CDC tramite AP

I medici stanno segnalando un miglioramento della sopravvivenza negli uomini con carcinoma prostatico avanzato da un farmaco sperimentale che fornisce radiazioni direttamente alle cellule tumorali.

Pochi farmaci di questo tipo sono attualmente approvati, ma l’approccio potrebbe diventare un nuovo modo di trattare i pazienti con altri tumori difficili da raggiungere o inoperabili.

Lo studio ha testato una classe emergente di farmaci chiamati radiofarmaci , farmaci che forniscono radiazioni direttamente alle cellule tumorali. Il farmaco in questo caso è una molecola che contiene due parti: un tracker e un carico utile per uccidere il cancro.

Trilioni di queste molecole danno la caccia alle cellule cancerose, attaccandosi ai recettori proteici sulla membrana cellulare. Il carico emette radiazioni, che colpiscono le cellule tumorali nel suo raggio d’azione.

“Puoi trattare tumori che non puoi vedere. Ovunque il farmaco possa andare, il farmaco può raggiungere le cellule tumorali “, ha detto il dottor Frank Lin, che non ha avuto alcun ruolo nello studio ma dirige una divisione presso il National Cancer Institute che aiuta a sviluppare tale medicinale.

I risultati sono stati pubblicati giovedì dall’American Society of Clinical Oncology prima del suo incontro annuale questo fine settimana. Lo studio è stato finanziato da Novartis, il produttore del farmaco, che prevede di cercare approvazioni negli Stati Uniti e in Europa entro la fine dell’anno.

Quando il cancro è confinato alla prostata, le radiazioni possono essere irradiate sul corpo o impiantate in pellet.

Ma questi metodi non funzionano bene nel cancro alla prostata più avanzato . A circa 43.000 uomini negli Stati Uniti ogni anno viene diagnosticato un cancro alla prostata che si è diffuso e non risponde più al trattamento ormonale.

Lo studio ha testato un nuovo modo per ottenere il trattamento con radiazioni a tali pazienti.

Ha coinvolto 831 uomini con cancro alla prostata avanzato . A due terzi è stato somministrato il farmaco contro le radiazioni e il resto è servito come gruppo di confronto. I pazienti hanno ottenuto il farmaco attraverso una flebo ogni sei settimane, fino a sei volte.

Dopo circa due anni, coloro che hanno ricevuto il farmaco hanno ottenuto risultati migliori, in media. Il cancro è stato tenuto a bada per quasi nove mesi rispetto ai circa tre mesi degli altri. Anche la sopravvivenza è stata migliore: circa 15 mesi contro 11 mesi.

Il guadagno potrebbe non sembrare molto, ma “questi pazienti non hanno molte opzioni”, ha affermato il presidente dell’ASCO Dr. Lori Pierce, specialista in radiazioni oncologiche presso l’Università del Michigan.

La radioattività può ridurre la produzione di cellule del sangue, che può portare ad anemia e problemi di coagulazione per i pazienti. Nello studio, il 53% dei pazienti ha avuto effetti collaterali gravi rispetto al 38% dei pazienti nel gruppo di confronto. Entrambi i gruppi sono stati autorizzati a ricevere altri trattamenti.

I risultati aprono la strada all’approvazione del governo e stimoleranno l’interesse per i farmaci antiradiazioni , ha affermato Lin.

Altri già in uso includono Lutathera di Novartis per un raro tipo di cancro dello stomaco e dell’intestino.

E Xofigo di Bayer è approvato per gli uomini il cui cancro alla prostata si è diffuso alle ossa ma non altrove. Xofigo si rivolge alle aree in cui il corpo sta cercando di riparare la perdita ossea dal danno del tumore, ma non è direttamente mirato alle cellule del cancro alla prostata ovunque si trovino nel corpo.

Dal momento che il farmaco sperimentale prende di mira le cellule tumorali , “sarebbe la prima volta per il cancro alla prostata”, ha detto Lin.

Nel prossimo decennio, tali farmaci “saranno una spinta importante nella ricerca sul cancro”, ha affermato il dottor Charles Kunos, che ha lavorato sugli standard per la ricerca radiofarmaceutica presso il National Cancer Institute prima di partire per unirsi al Markey Cancer Center dell’Università del Kentucky. “Sarà la prossima grande ondata di sviluppo terapeutico”.

“C’è un grande potenziale” con i farmaci testati per il melanoma e il cancro al seno, al pancreas e di altro tipo, ha affermato la dott.ssa Mary-Ellen Taplin del Dana-Farber Cancer Institute di Boston, che non ha avuto alcun ruolo nello studio ma ha rivisto i dati.

Per quanto riguarda il cancro alla prostata , “apre una serie di strategie future”, comprese le fasi iniziali della malattia e insieme ad altri trattamenti, ha affermato il leader dello studio, il dott. Michael Morris del Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter