Abbassare la pressione arteriosa
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Quasi tutti possono abbassare la pressione sanguigna riducendo il sale, anche quelli che assumono farmaci per la pressione arteriosa

Abbassare la pressione arteriosa

Quasi tutti possono abbassare la pressione sanguigna, anche le persone che attualmente assumono farmaci che riducono la pressione sanguigna, diminuendo l’assunzione di sodio, riferisce un nuovo studio del Vanderbilt University Medical Center (VUMC), della Northwestern Medicine e dell’Università dell’Alabama a Birmingham.

“Nello studio, i partecipanti di età compresa tra mezza età e anziani hanno ridotto l’assunzione di sale di circa un cucchiaino al giorno rispetto alla loro dieta abituale. Il risultato è stato un calo della pressione sanguigna sistolica di circa 6 millimetri di mercurio (mm Hg), che è paragonabile a l’effetto prodotto da un farmaco di prima linea comunemente utilizzato per l’ipertensione “, ha affermato Deepak Gupta, MD, MSCI, professore associato di medicina al VUMC e co-investigatore principale.

“Abbiamo scoperto che il 70-75% di tutte le persone, indipendentemente dal fatto che stiano già assumendo farmaci per la pressione sanguigna o meno, hanno maggiori probabilità di vedere una riduzione della pressione sanguigna se riducono il sodio nella dieta”, ha affermato il co-investigatore principale. Norrina Allen, Ph.D., MPH, professore di medicina preventiva presso la Feinberg School of Medicine della Northwestern University.

Questo è uno degli studi più ampi per indagare l’effetto della riduzione del sodio nella dieta sulla pressione sanguigna, includendo persone con ipertensione e già in terapia farmacologica.

“In precedenza non sapevamo se le persone già in terapia con farmaci per la pressione sanguigna potessero effettivamente abbassare maggiormente la pressione sanguigna riducendo il sodio”, ha affermato Allen, anche professore di politica sanitaria di Quentin D. Young e direttore del Centro per l’epidemiologia e la popolazione. Salute alla Northwestern.

Lo studio è stato pubblicato l’11 novembre sul Journal of the American Medical Association ed è stato presentato contemporaneamente alle Sessioni scientifiche 2023 dell’American Heart Association a Filadelfia.

L’ assunzione giornaliera totale di sodio raccomandata dall’AHA deve essere inferiore a 1.500 milligrammi e questo studio è stato progettato per ridurla ancora più in basso, ha affermato Allen. “Può essere impegnativo, ma ridurre il sodio in qualsiasi quantità sarà utile”, ha detto.

L’ipertensione arteriosa è la principale causa di morbilità e mortalità nel mondo. “La pressione alta può portare a insufficienza cardiaca , infarti e ictus perché esercita una pressione aggiuntiva sulle arterie”, ha detto Allen. “Influisce sulla capacità del cuore di lavorare in modo efficace e di pompare il sangue.”

Come ha funzionato lo studio

Soggetti di mezza età e anziani tra i 50 e i 70 anni provenienti da Birmingham, Alabama e Chicago sono stati randomizzati a una dieta ricca di sodio (2.200 mg al giorno in aggiunta alla loro dieta abituale) o a una dieta a basso contenuto di sodio (500 mg in totale al giorno ) per una settimana, dopodiché sono passati alla dieta opposta per una settimana.

Il giorno prima di ogni visita di studio, i partecipanti indossavano misuratori di pressione sanguigna e raccoglievano le urine per 24 ore. Tra i 213 partecipanti, la pressione sanguigna sistolica è stata significativamente abbassata di 7-8 mm Hg quando hanno seguito la dieta a basso contenuto di sodio rispetto alla dieta ad alto contenuto di sodio e di 6 mm Hg rispetto alla loro dieta abituale.

Nel complesso, il 72% dei partecipanti ha riscontrato un abbassamento della pressione arteriosa sistolica con la dieta a basso contenuto di sodio rispetto alla dieta abituale.

“L’effetto della riduzione del sodio nella dieta sull’abbassamento della pressione sanguigna è stato coerente in quasi tutti gli individui, compresi quelli con pressione sanguigna normale, pressione alta, pressione sanguigna trattata e pressione sanguigna non trattata”, ha detto Gupta.

“Proprio come qualsiasi attività fisica è meglio di niente per la maggior parte delle persone, qualsiasi riduzione di sodio dalla dieta abituale è probabilmente meglio di niente per la maggior parte delle persone per quanto riguarda la pressione sanguigna”, ha detto.

“Ciò rafforza l’importanza della riduzione dell’apporto di sodio nella dieta per aiutare a controllare la pressione sanguigna, anche tra gli individui che assumono farmaci per l’ipertensione”, ha aggiunto Allen.

L’effetto di riduzione della pressione arteriosa derivante dalla riduzione del sodio nella dieta è stato raggiunto in modo rapido e sicuro entro una settimana.

“Il fatto che la pressione sanguigna sia scesa in modo così significativo in una sola settimana e sia stata ben tollerata è importante e sottolinea il potenziale impatto sulla salute pubblica della riduzione del sodio nella dieta nella popolazione, dato che l’ipertensione è un problema sanitario enorme in tutto il mondo”, ha affermato Co. -la ricercatrice Cora Lewis, MD, MSPH, professoressa e presidente del Dipartimento di Epidemiologia e professoressa di Medicina presso l’Università dell’Alabama a Birmingham.

“È particolarmente entusiasmante che i prodotti che abbiamo utilizzato nella dieta a basso contenuto di sodio siano generalmente disponibili, quindi le persone hanno una reale possibilità di migliorare la propria salute migliorando la propria dieta in questo modo”, ha affermato Lewis.

Altri autori includono Krista Varady, Ph.D., Yan Ru Su, MD, Meena Madhur, MD, Ph.D., Daniel Lackland, Ph.D., Jared Reis, Ph.D., Thomas Wang, MD e Donald Lloyd-Jones, medico

More information: Deepak K. Gupta et al, Effect of Dietary Sodium on Blood Pressure, JAMA (2023). DOI: 10.1001/jama.2023.23651