Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Remdesivir distrugge il virus COVID-19 meglio di altri farmaci simili: studio

SARS-CoV-2 (mostrato qui in un’immagine al microscopio elettronico). Credito: Istituto nazionale di allergia e malattie infettive, NIH

Nel trattamento della SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, il farmaco antivirale Remdesivir è emerso come un candidato promettente.

Remdesivir agisce interrompendo la capacità del virus di replicarsi, ma il suo meccanismo esatto è rimasto un mistero. Utilizzando simulazioni computazionali avanzate, i ricercatori della Pritzker School of Molecular Engineering (PME) dell’Università di Chicago hanno rivelato come funziona il farmaco a livello molecolare. Hanno anche scoperto che due farmaci che agiscono in modo simile, ribavirina e favilavir, non si legano in modo altrettanto efficace al virus.

“È importante capire come funziona remdesivir a livello molecolare”, ha detto il Prof. Juan de Pablo, che ha guidato la ricerca. “Ora che vediamo che è efficace e altri farmaci non sono altrettanto efficaci, può guidare gli sforzi futuri per il trattamento del COVID-19”.

I risultati sono stati pubblicati il ​​6 gennaio sulla rivista ACS Central Science.

Capire come le droghe distruggono il virus

Remdesivir agisce interrompendo l’RNA polimerasi di SARS-CoV-2, un enzima chiave di cui il virus ha bisogno per replicarsi. Quando questo enzima viene interrotto, il virus non può moltiplicarsi e diffondersi all’interno del corpo.

Ma nei pazienti, il farmaco ha prodotto risultati diversi. Alcuni studi clinici hanno dimostrato che i pazienti che l’hanno ricevuto si sono ripresi più velocemente e hanno migliorato i tassi di mortalità , mentre altri studi hanno dimostrato che il farmaco non ha ridotto la mortalità o la durata del ricovero.

Dall’inizio della pandemia, de Pablo e il suo gruppo hanno utilizzato simulazioni computazionali avanzate per esaminare sistematicamente le diverse proteine ​​che consentono al virus di replicarsi o infettare le cellule. Hanno anche esaminato i farmaci candidati chiave che sono già usati per trattare altre malattie e potrebbero essere riproposti per inibire quei processi nella SARS-CoV-2. Le simulazioni, che richiedono mesi di calcoli estremamente potenti, alla fine rivelano cosa accade a livello molecolare.

Per capire meglio come i trattamenti interrompono la RNA polimerasi, de Pablo e il suo gruppo hanno simulato l’interazione tra l’enzima e tre farmaci che sono già disponibili e che hanno lo scopo di inibirlo: remdesivir, ribavirina e favilavir. Hanno scoperto che remdesivir si lega fortemente al virus, ma ribavirina e favilavir non si legano in modo altrettanto efficace. Hanno anche scoperto che remdesivir destabilizza il complesso proteico del virus, riducendo anche la sua capacità di replicarsi.

Ora che le simulazioni mostrano che il farmaco dovrebbe funzionare a livello molecolare , gli scienziati potrebbero concentrarsi, ad esempio, sulla ricerca di strategie migliori per somministrare il farmaco in modo più efficace, ha detto De Pablo.

Un panorama completo di bersagli molecolari

In precedenza, il gruppo ha utilizzato l’analisi computazionale per rivelare come il farmaco Ebselen si lega alla proteasi principale del virus, o MPro. Ora, il gruppo sta anche esaminando i meccanismi di un diverso insieme di farmaci su diverse proteine, con l’obiettivo di creare un panorama completo di bersagli molecolari.

“Abbiamo visto che il virus non sta andando via e in effetti sta iniziando a mutare”, ha detto de Pablo. “Gli sforzi per trovare le migliori terapie e i modi migliori per somministrarle devono continuare”.

Ecco il file PDF dello studio:

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento