Archivi
RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

‘Ringiovanire’ il cervello dell’Alzheimer

Credito: Pixabay / CC0 Public Domain

Il morbo di Alzheimer è la principale causa di demenza e le attuali strategie terapeutiche non possono prevenire, rallentare o curare la patologia.

La malattia è caratterizzata dalla perdita di memoria, causata dalla degenerazione e dalla morte delle cellule neuronali in diverse regioni del cervello, compreso l’ippocampo, che è il luogo in cui si formano inizialmente i ricordi.

I ricercatori dell’Istituto olandese di neuroscienze (NIN) hanno identificato una piccola molecola che può essere utilizzata per ringiovanire il cervello e contrastare la perdita di memoria.

Nuove cellule in vecchi cervelli

La presenza di cellule nate in età adulta nell’ippocampo degli anziani è stata recentemente dimostrata in studi scientifici. Suggerisce che, in generale, il cosiddetto processo di neurogenesi adulta è sostenuto per tutta l’età adulta. La neurogenesi dell’adulto è collegata a diversi aspetti della cognizione e della memoria sia nei modelli animali che nell’uomo ed è stato segnalato che diminuisce drasticamente nel cervello dei pazienti con malattia di Alzheimer. I ricercatori hanno anche scoperto che livelli più elevati di neurogenesi nell’adulto in questi pazienti sembrano essere correlati a migliori prestazioni cognitive prima della morte. “Questo potrebbe suggerire che i neuroni nati in età adulta nel nostro cervello possono contribuire a una sorta di riserva cognitiva che potrebbe in seguito fornire una maggiore resilienza alla perdita di memoria”, afferma Evgenia Salta, capogruppo del NIN. Pertanto, i ricercatori del NIN hanno studiato se dare una spinta alla neurogenesi degli adulti potesse aiutare a prevenire o migliorare la demenza nel morbo di Alzheimer.

Una piccola molecola con un grande potenziale

Salta afferma: “Sette anni fa, mentre studiavamo una piccola molecola di RNA espressa nel nostro cervello, chiamata microRNA-132, ci siamo imbattuti in un’osservazione piuttosto inaspettata. Questa molecola, che avevamo precedentemente scoperto essere diminuita nel cervello dell’Alzheimer pazienti, sembrava regolare l’omeostasi delle cellule staminali neurali nel sistema nervoso centrale “.

All’epoca, si pensava che l’Alzheimer fosse una malattia che colpisse solo le cellule neuronali mature, quindi a prima vista questa scoperta non sembrava spiegare un possibile ruolo del microRNA-132 nella progressione dell’Alzheimer.

In questo studio, i ricercatori si sono proposti di valutare se il microRNA-132 potesse regolare la neurogenesi dell’ippocampo adulto nei cervelli sani e di Alzheimer. Utilizzando modelli murini di Alzheimer distinti, cellule staminali neurali umane coltivate e tessuto cerebrale umano post mortem, hanno scoperto che questa molecola di RNA è necessaria per il processo neurogenico nell’ippocampo adulto.

“La diminuzione dei livelli di microRNA-132 nel cervello di topo adulto o nelle cellule staminali neurali umane in vitro altera la generazione di nuovi neuroni. Tuttavia, il ripristino dei livelli di microRNA-132 nei topi di Alzheimer salva i deficit neurogenici e contrasta la compromissione della memoria correlata a neurogenesi dell’adulto “, spiega Sarah Snoeck, tecnico del gruppo di Salta.

Questi risultati forniscono una prova di concetto riguardo al potenziale terapeutico putativo di determinare la neurogenesi dell’adulto nell’Alzheimer.

Salta conclude: “Il nostro prossimo obiettivo è quello di valutare sistematicamente l’efficacia e la sicurezza nel concentrarcisu microRNA-132 come strategia terapeutica nel morbo di Alzheimer.”

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter