Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


 

Dai voce alla tua attività ! Contattaci

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Se i paesi ricchi non condividono i loro vaccini, la pandemia potrebbe protrarsi per anni

Credito: dominio pubblico Unsplash / CC0

Solo 10 paesi rappresentano tre quarti dei 191 milioni di vaccinazioni COVID-19 che sono state somministrate fino a metà febbraio, un segno che la corsa per vaccinare il mondo non è quasi alla pari. E se le nazioni ricche non agiscono rapidamente per garantire un’allocazione più equa dei vaccini, è una gara che tutti potrebbero perdere, afferma un esperto di salute globale .

“Se il mondo ricco continua ad accumulare vaccini, la pandemia si trascinerà forse per altri sette anni”, scrive il dottor Gavin Yamey, professore della pratica della salute globale e direttore del Center for Policy Impact in Global Health a Duke.

Yamey ha offerto l’avvertimento in un commento pubblicato sulla rivista Nature . in cui esorta le nazioni ricche a donare porzioni dei vaccini che hanno acquistato a paesi a basso e medio reddito che sono stati scontati per l’acquisizione di dosi. In circa 130 paesi con una popolazione totale di 2,5 miliardi, non una sola persona è stata vaccinata contro il  COVID-19.

“C’è un mantra nella salute globale secondo cui un’epidemia ovunque potrebbe portare a un’epidemia ovunque, ed è per questo che è nel nostro interesse collettivamente come comunità internazionale iniziare a condividere le dosi (e) per assicurarci di espandere la fornitura globale di vaccini”, ha detto Yamey durante un briefing con i media.

Le organizzazioni sanitarie globali speravano di evitare l’accumulo di vaccini incoraggiando i paesi ad acquistare vaccini attraverso COVAX, un’alleanza globale stabilita per condividere le dosi di vaccino con i paesi più poveri . Ma mentre quasi 190 paesi si sono uniti a COVAX, circa tre dozzine di paesi ad alto reddito hanno anche negoziato accordi diretti con i produttori di vaccini per garantire le dosi ai propri cittadini.

Grazie a questi contratti, una manciata di paesi che rappresentano solo il 16% della popolazione mondiale ha acquisito più della metà dei vaccini COVID-19 disponibili. Mentre COVAX prevede di acquistare circa 2 miliardi di dosi entro la fine del 2021, è sufficiente solo per vaccinare circa il 20% delle persone nei paesi a basso e medio reddito.

“Quello che trovo inquietante è che è probabile che mi venga offerta la vaccinazione prima di un operatore sanitario o di una persona ad alto rischio in un paese a basso reddito o in un paese a reddito medio. E non è giusto, non è giusto”.

Ma oltre all’equità, ci sono rischi per la salute pubblica ed economici per le nazioni ricche che eliminano gli scaffali dei vaccini. Yamey afferma che forzare COVAX fino alla fine della linea lascerà miliardi di persone nei paesi più poveri non protetti per un anno o più, consentendo al virus di continuare a diffondersi e aumentare il rischio di nuove varianti che potrebbero essere più trasmissibili o mortali.

Una situazione del genere potrebbe avere effetti economici devastanti per i paesi ad alto e basso reddito, afferma Yamey. Cita uno studio che stima che lasciare le nazioni più povere non protette potrebbe costare all’economia globale circa 9 trilioni di dollari, con metà delle perdite nei paesi ad alto reddito.

Alcuni paesi che hanno deciso di acquistare grandi quantità di vaccini, come il Regno Unito, si sono impegnati a donare dosi extra a COVAX una volta completata la vaccinazione dei loro cittadini. Ma Yamey sostiene che devono muoversi più velocemente. Chiede un sistema di decima, in cui i paesi donino fino al 10 per cento delle loro dosi anche se continuano a vaccinare la propria popolazione.

“Dobbiamo smettere di pensare solo alla nostra nazione. Dobbiamo iniziare a pensare a noi stessi come una comunità globale interconnessa”, ha detto Yamey. “Come nazioni, siamo come navi su un oceano, e saliremo e cadremo insieme”.

Yamey e il collega di Duke David McAdams hanno utilizzato la teoria dei giochi per dimostrare come i paesi potrebbero evitare di trasformare l’acquisizione di vaccini in un gioco a somma zero. I ricercatori suggeriscono che i paesi ricchi potrebbero usare il loro potere d’acquisto per strutturare accordi con i produttori di vaccini che aumentano la produzione complessiva. Quando si acquistano dosi per i propri cittadini, ad esempio, i paesi potrebbero richiedere ai produttori di vaccini di condividere la tecnologia con i produttori in altre parti del mondo.

Yamey dice di essere incoraggiato da recenti azioni come l’impegno da parte degli Stati Uniti di 4 miliardi di dollari per aiutare COVAX ad acquistare più dosi per i paesi a basso e medio reddito. Nota inoltre che la Norvegia ha annunciato che donerà dosi a COVAX parallelamente alla propria campagna di vaccinazione.

“Soprattutto quando si guardano le pandemie passate, non abbiamo mai avuto nulla di simile a un COVAX”, ha detto. “Continuo a sostenere che COVAX è sulla buona strada per fare cose davvero spettacolari entro la fine dell’anno. Le cose stanno cambiando in modi molto positivi, ma non abbastanza velocemente”.

 

 

(Visited 5 times, 1 visits today)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter
Top 10 Articoli
1.346