Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Un nuovo studio fornisce approfondimenti sulle proprietà di trasmissione e mutazione di SARS-CoV-2

dall’Accademia austriaca delle scienze

Uno studio austriaco rivela importanti caratteristiche del virus: l’analisi dei cluster di infezione e degli eventi di super diffusione in Austria ha gettato le basi per ottenere informazioni generali sulle proprietà di trasmissione tra le persone e la mutazione del virus nei pazienti.

Nella pandemia COVID-19, 57 milioni di persone sono già state infettate in tutto il mondo. Nella ricerca di vaccini e terapie è fondamentale una precisa comprensione del virus, delle sue mutazioni e dei meccanismi di trasmissione. Un recente studio del gruppo di ricerca del Principal Investigator Andreas Bergthaler presso il CeMM Research Center for Molecular Medicine dell’Accademia austriaca delle scienze, sulla rinomata rivista Science Translational Medicine , fornisce un importante contributo a questo. L’elevata qualità dei dati epidemiologici in Austria, insieme al sequenziamento del genoma del virus all’avanguardia, ha supportato intuizioni senza precedenti sul comportamento della mutazione e sulla trasmissione del virus SARS-CoV-2.

Il progetto “Mutational dynamics of SARS-CoV-2 in Austria” è stato lanciato dal CeMM in stretta collaborazione con l’Università di Medicina di Vienna alla fine di marzo. Insieme all’Agenzia austriaca per la salute e la sicurezza alimentare (AGES) e in collaborazione con numerose università e ospedali in tutta l’Austria, gli scienziati stanno lavorando per tracciare un quadro più preciso delle mutazioni del virus e trasmissioni che avvengono mediante sequenziamento del genoma dei virus SARS-CoV-2. Sotto la guida dei Principal Investigators del CeMM Andreas Bergthaler e Christoph Bock, 750 campioni provenienti da importanti cluster di infezione SARS-CoV-2 in Austria come le città turistiche di Ischgl e Vienna sono stati ricostruiti filogeneticamente ed epidemiologicamente ed è stato analizzato il loro ruolo nella diffusione transcontinentale del virus. I risultati forniscono anche importanti informazioni sulla trasmissione e lo sviluppo di mutazioni nel virus SARS-CoV-2.

Le analisi di mutazione hanno rivelato correlazioni tra i cluster

Sulla base di dati epidemiologici, gli scienziati hanno utilizzato analisi di mutazione per ricostruire un cluster SARS-CoV-2 composto da 76 casi e per scoprire un legame criptico tra due cluster epidemiologici. “Questo esempio illustra come il tracciamento dei contatti e l’analisi della mutazione del virus insieme forniscano un forte pilastro del moderno controllo delle pandemie”, afferma il capo del progetto Andreas Bergthaler. Franz Allerberger, capo della divisione di sanità pubblica di AGES e coautore dello studio, concorda: “Le moderne tecniche di sequenziamento del genoma del virus supportano il tracciamento del contatto epidemiologico e offrono informazioni ad alta risoluzione sulla pandemia in corso”.

I ricercatori osservano lo sviluppo di nuove mutazioni

Una caratteristica speciale dello studio è che è stata analizzata una catena di otto trasmissioni consecutive. “La catena di trasmissione è iniziata con un rimpatriato dall’Italia. Entro 24 giorni, il virus SARS-CoV-2 si è diffuso nella grande regione di Vienna attraverso eventi pubblici e sociali in stanze chiuse “, affermano gli autori dello studio del CeMM Alexandra Popa e Jakob-Wendelin Genger. La rottura precisa della catena di trasmissione ha permesso agli scienziati di osservare da vicino lo sviluppo di una nuova mutazione di SARS-CoV-2.” Grazie a eccellenti risultati epidemiologici e i nostri dati di sequenziamento del virus profondo, abbiamo potuto seguire come il virus SARS-CoV-2 è mutato in un individuo ed è stato poi trasmesso ad altri “, spiega Andreas Bergthaler. Inoltre, gli scienziati hanno osservato il comportamento di mutazione del virus nel corso del malattia in 31 pazienti Questo può aiutare in futuro a valutare se i trattamenti influenzano le caratteristiche di mutazione del virus.

Durante un’infezione vengono trasmesse in media 1.000 particelle di virus

I risultati delle attuali analisi mostrano anche che in media 1000 particelle di virus infettive vengono trasmesse da una persona infetta all’altra. Questi valori sono complessivamente notevolmente superiori a quelli di altri virus come l’HIV o i norovirus. Andreas Bergthaler aggiunge: “Tuttavia, occasionalmente abbiamo anche trovato persone infette che apparentemente sono entrate in contatto con un minor numero di particelle di virus e sono state comunque infettate. Sospettiamo che parametri come l’applicazione di misure protettive, la via di trasmissione o il sistema immunitario possano giocare un ruolo decisivo. ruolo qui. ” Questi risultati sollevano nuove importanti domande e ipotesi. Ridurre la carica virale degli individui infetti mediante una combinazione di misure come la protezione bocca-naso, distanza fisica e un adeguato ricambio d’aria interna potrebbe svolgere un ruolo chiave sia nella prevenzione della diffusione del virus e forse anche influenzare il decorso della malattia.

L’attuale studio, basato sui dati raccolti durante la fase iniziale della pandemia SARS-CoV-2 nella primavera del 2020, fornisce importanti spunti sulle dinamiche fondamentali delle mutazioni SARS-CoV-2 all’interno dei pazienti e durante gli eventi di trasmissione . Questi risultati supportano altri progetti di ricerca in corso volti a una migliore comprensione e controllo della pandemia.

 

 

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter