Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Un obiettivo terapeutico per il controllo della pressione alta

Astratto grafico. Credito: Journal of Clinical Investigation (2023). DOI: 10.1172/JCI160036

Astratto grafico. Credito: Journal of Clinical Investigation (2023). DOI: 10.1172/JCI160036

I ricercatori di Yale hanno identificato un potenziale bersaglio per lo sviluppo di farmaci antipertensivi.

Arya Mani, MD, Robert W. Berliner Professore di Medicina Interna (Cardiologia), professore di Genetica e direttore del Programma di Genetica Cardiovascolare di Yale, e autore senior dello studio, hanno identificato un difetto genetico che può causare ipertensione o ipertensione in vivo.

I risultati sono stati pubblicati il ​​5 gennaio su The Journal of Clinical Investigation .

L’ipertensione è un fattore di rischio modificabile per le malattie cardiache e contribuisce per circa 131 miliardi di dollari all’anno al costo dei servizi sanitari secondo i Centers for Disease Control and Prevention. Quasi la metà degli individui con ipertensione o condizioni legate alla pressione arteriosa non è in grado di raggiungere un target pressorio inferiore a 120/80 mmHg. Una più ampia comprensione dei percorsi delle malattie guidata dalla ricerca genetica può portare a trattamenti migliori.

Usando i dati degli studi di associazione sull’intero genoma per l’ipertensione ei test ad alto rendimento, hanno stabilito il ruolo del PRDM6 nella regolazione della pressione sanguigna. Generando diversi modelli murini transgenici, gli scienziati di Yale sono stati in grado di dimostrare che il gene PRDM6 svolge un ruolo essenziale nel limitare il numero di cellule produttrici di renina durante lo sviluppo embrionale. La renina è un enzima prodotto nel rene e se elevata può causare ipertensione. Aliskiren, un inibitore della renina, è stato in grado di normalizzare la pressione sanguigna.

Lo studio di associazione su tutto il genoma (GWAS) ha già suscitato interesse nella comunità scientifica. All’inizio di quest’anno, Trojan Rugira, Ph.D., associato postdottorato presso il Centro di ricerca cardiovascolare di Yale, ha presentato un abstract orale di ultima generazione su questo argomento alle sessioni scientifiche dell’American Heart Association.

“Per questo studio, abbiamo identificato PRDM6 come gene causale per un locus di associazione genome-wide e stabilito un collegamento tra la mutazione PRDM6 e lo sviluppo dell’ipertensione in vivo”, ha affermato Mani.

Il gruppo di ricerca continuerà a studiare il ruolo evolutivo di PRDM6 nella regolazione della pressione sanguigna.

“Poiché PRDM6 è un regolatore epigenetico, capire come provoca la malattia può fornire informazioni su come i fattori ambientali possono influenzare la pressione sanguigna”, ha commentato Mani.

 

More information: Kushan L. Gunawardhana et al, A systems biology approach identifies the role of dysregulated PRDM6 in the development of hypertension, Journal of Clinical Investigation (2023). DOI: 10.1172/JCI160036

Lascia un commento