Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Una nuova scoperta consente alla pelle di un adulto di rigenerarsi

come quella di un neonato

L’immagine di una ferita rigenerante della pelle con follicoli piliferi che possono provocare la pelle d’oca. Le linee verdi sono i muscoli attaccati ai singoli capelli rigeneranti in modo che possano stare in piedi. Credito: Washington State University

Un fattore genetico appena identificato consente alla pelle adulta di ripararsi come la pelle di un neonato. La scoperta dei ricercatori della Washington State University ha implicazioni per un migliore trattamento delle ferite della pelle e per prevenire alcuni dei processi di invecchiamento della pelle.

In uno studio, pubblicato sulla rivista eLife il 29 settembre, i ricercatori hanno identificato un fattore che agisce come un interruttore molecolare nella pelle dei topi che controlla la formazione dei follicoli piliferi mentre si sviluppano durante la prima settimana di vita. L’interruttore è per lo più spento dopo che la pelle si è formata e rimane spento nel tessuto adulto. Quando è stato attivato in cellule specializzate nei topi adulti, la loro pelle era in grado di guarire le ferite senza lasciare cicatrici. La pelle riformata includeva persino la pelliccia e poteva causare la pelle d’oca, un’abilità che si perde nelle cicatrici umane adulte.

“Siamo stati in grado di sfruttare la capacità innata della pelle giovane e neonatale di rigenerare e trasferire quella capacità alla vecchia pelle”, ha detto Driskell, un assistente professore alla School of Molecular Biosciences della WSU. “In linea di principio abbiamo dimostrato che questo tipo di rigenerazione è possibile”.

I mammiferi non sono noti per le loro capacità rigenerative rispetto ad altri organismi, come le salamandre che possono far ricrescere interi arti e rigenerare la loro pelle. Lo studio WSU suggerisce che il segreto della rigenerazione umana potrebbe essere scoperto studiando il nostro sviluppo iniziale.

“Possiamo ancora cercare l’ispirazione in altri organismi, ma possiamo anche conoscere la rigenerazione guardando noi stessi”, ha detto Driskell. “Generiamo nuovo tessuto, una volta nella vita, mentre stiamo crescendo”.

Il team di Driskell ha utilizzato una nuova tecnica chiamata sequenziamento dell’RNA a cellula singola per confrontare geni e cellule nella pelle in via di sviluppo e in quella adulta. Nello sviluppo della pelle, hanno trovato un fattore di trascrizione: proteine ​​che si legano al DNA e possono influenzare l’attivazione o la disattivazione dei geni. Il fattore identificato dai ricercatori, chiamato Lef1, era associato ai fibroblasti papillari che stanno sviluppando cellule nel derma papillare, uno strato di pelle appena sotto la superficie che conferisce alla pelle la sua tensione e l’aspetto giovanile.

Quando i ricercatori della WSU hanno attivato il fattore Lef1 in compartimenti specializzati della pelle di topo adulto, ha migliorato la capacità delle pelli di rigenerare le ferite con cicatrici ridotte, anche crescendo nuovi follicoli piliferi che potrebbero causare la pelle d’oca.

Driskell ha avuto l’idea per la prima volta di esaminare le prime fasi della vita dei mammiferi per la capacità di riparare la pelle dopo aver appreso del lavoro del Dr. Michael Longaker della Stanford University. Durante l’esecuzione di un intervento chirurgico salvavita di emergenza in utero, Longaker ei suoi colleghi hanno osservato che quando quei bambini sono nati non avevano cicatrici dall’intervento.

C’è ancora molto lavoro da fare prima che questa ultima scoperta nei topi possa essere applicata alla pelle umana, ha detto Driskell, ma questo è un progresso fondamentale. Con il supporto di una nuova sovvenzione del National Institutes of Health, il team di ricerca della WSU continuerà a lavorare per capire come il Lef1 e altri fattori agiscono per riparare la pelle. Inoltre, per aiutare ulteriormente questa ricerca, il laboratorio Driskell ha creato una risorsa web aperta e ricercabile per i dati della sequenza di RNA che altri scienziati possono accedere a skinregeneration.org.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter