Archivi
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Una ricerca rileva che centinaia di milioni di africani non dispongono dei mezzi di base per prevenire la trasmissione di SARS-CoV-2

Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico

Milioni di persone in tutto il continente africano sono a rischio di contrarre il COVID-19 a causa della mancanza degli strumenti di salute pubblica più basilari per proteggersi, compresi gli elementi essenziali come acqua e sapone.

Queste misure, note come interventi di salute pubblica non farmacologici (NPI) e tra cui il distanziamento fisico o l’isolamento a casa per prevenire la trasmissione, sono tra i metodi più semplici e meno costosi per rallentare la diffusione di SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19. Eppure un numero enorme di circa 1,4 miliardi di persone in Africa non ha accesso a questi strumenti, hanno detto i ricercatori.

“Centinaia di milioni di persone in tutta l’Africa semplicemente non hanno i mezzi per implementare gli NPI per prevenire la trasmissione di SARS-CoV-2”, ha affermato il dott. Timothy Brewer, professore di epidemiologia e professore di medicina della UCLA Fielding School of Public Health e membro della Divisione. di Malattie Infettive, presso la David Geffen School of Medicine dell’UCLA. “A queste popolazioni è urgentemente assegnata la priorità per la vaccinazione per prevenire le malattie e contenere la pandemia globale”.

I risultati—pubblicati questo mese sulla rivista peer-reviewed Epidemiology & Infection , come “Abitazioni, servizi igienico-sanitari e condizioni di vita che influenzano gli interventi di prevenzione della SARS-CoV-2 in 54 paesi africani”—sono di un team internazionale, guidato da Brewer e colleghi di l’Università di Bristol, e tra cui ricercatori in Cina, Etiopia, Messico, Sud Africa, Spagna, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti

A partire da ora, il COVID-19, causato dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), ha provocato circa 7,3 milioni di casi e 185.505 decessi in tutto il continente. A livello globale, sono stati segnalati quasi 210 milioni di casi e 4,4 milioni di decessi in oltre 200 paesi, sebbene la mortalità totale dovuta a COVID-19 possa raggiungere i 7 milioni di decessi. Il rapporto globale di mortalità per COVID-19 si avvicina a quello della pandemia di influenza H1N1 del 1918.

“Il SARS-CoV-2 si diffonde principalmente da goccioline respiratorie generate da colpi di tosse, starnuti o parole”, ha detto Brewer. “Fino a quando i vaccini efficaci non saranno universalmente disponibili, gli NPI sono il mezzo principale con cui i governi prevengono la trasmissione di SARS-CoV-2 nelle loro popolazioni”.

Oltre all’isolamento delle persone infette e al tracciamento dei contatti e alla quarantena per le persone esposte, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda il distanziamento fisico, il mascheramento nei luoghi pubblici e il lavaggio delle mani come importanti NPI che i paesi dovrebbero impiegare per la prevenzione e il controllo di COVID-19. Studi di laboratorio e osservazionali suggeriscono che il distanziamento fisico e l’uso di maschere facciali possono ridurre la trasmissione di SARS-CoV-2 di almeno l’80%.

“Questi risultati illustrano le sostanziali barriere che molte famiglie africane affrontano nel tenersi al sicuro dall’infezione da SARS-CoV-2 a causa delle condizioni di vita che precludono la loro capacità di mettere in quarantena, isolare o mantenere le distanze fisiche e a causa di sostanziali ostacoli al lavaggio delle mani”, ha affermato il dott. Jody. Heymann, un illustre professore di sanità pubblica, politica pubblica e medicina dell’UCLA che ricopre il ruolo di direttore del WORLD Policy Analysis Center (WORLD) della Fielding School. “Fondamentalmente, i risultati aumentano l’urgenza di ottenere vaccini rapidamente in tutti i paesi dell’Africa, che sono molto indietro, e per affrontare le condizioni di povertà sottostanti che mettono le popolazioni a maggior rischio di epidemie di virus respiratori e pandemie”.

Nei 54 paesi, circa 718 milioni di persone vivono in famiglie con più di sei persone a casa. Circa 283 milioni di persone vivono in famiglie in cui più di tre persone hanno dormito in una stanza singola. Si stima che 890 milioni di africani non abbiano acqua in loco, mentre 700 milioni non dispongono di sapone/lavanderia in casa.

“La pandemia ha messo in luce le disuguaglianze strutturali in quasi tutte le sfere, dalla salute all’economia, dalla sicurezza alla protezione sociale”, ha affermato il coautore dello studio Yehualashet Mekonen, direttore dell’African Child Observatory Program presso l’African Child Policy Forum (ACPF). “Le ragazze del continente hanno particolarmente sentito il suo impatto con conseguenze di vasta portata sulle loro traiettorie di vita, inclusi maggiori rischi di matrimoni precoci, abbandono scolastico e accesso ridotto ai servizi di salute riproduttiva”.

I ricercatori hanno anche sottolineato che, nonostante i problemi strutturali e di risorse affrontati dai governi in Africa, le risposte di alcune nazioni al COVID sono state tra le migliori al mondo.

“Sfortunatamente, le condizioni di vita impoverite significano che è quasi impossibile per molte persone nei paesi africani seguire i consigli sulla salute pubblica e proteggersi dal virus”, ha affermato il co-autore Dr. David Gordon, dell’Università di Bristol nel Regno Unito. “I paesi europei e nordamericani devono smettere di accumulare milioni di dosi di vaccini che non potranno mai utilizzare e renderli disponibili alle persone in Africa”.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter