Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Una terapia sperimentale contro il cancro mostra il successo in oltre il 70% dei pazienti negli studi clinici globali

Terapie sperimentali

Credito: Unsplash/CC0 Dominio pubblico

Una nuova terapia che fa sì che il sistema immunitario uccida le cellule tumorali del midollo osseo ha avuto successo nel 73% dei pazienti in due studi clinici, secondo i ricercatori del Tisch Cancer Institute presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai.

La terapia, nota come anticorpo bispecifico, si lega sia alle cellule T che alle cellule del mieloma multiplo e indirizza le cellule T – globuli bianchi che possono essere arruolati per combattere le malattie – a uccidere le cellule del mieloma multiplo . I ricercatori hanno descritto questa strategia come “portare il tuo esercito direttamente al nemico”.

Il successo dell’immunoterapia standard, chiamata talquetamab, è stato osservato anche in pazienti il ​​cui tumore era resistente a tutte le terapie approvate per il mieloma multiplo. Utilizza un bersaglio diverso rispetto ad altre terapie approvate: un recettore espresso sulla superficie delle cellule tumorali noto come GPRC5D.

Talquetamab è stato testato in studi di fase 1 e fase 2. Lo studio di fase 1, che è stato riportato nel New England Journal of Medicine , ha stabilito due dosi raccomandate che sono state testate nello studio di fase 2. I risultati dello studio di fase 2 sono stati riportati sabato 10 dicembre all’incontro annuale dell’American Society of Hematology. Tutti i partecipanti allo studio erano stati precedentemente trattati con almeno tre diverse terapie senza ottenere una remissione duratura, suggerendo che il talquetamab potrebbe offrire nuove speranze ai pazienti con mieloma multiplo difficile da trattare.

“Ciò significa che quasi tre quarti di questi pazienti stanno guardando a una nuova prospettiva di vita”, ha affermato Ajai Chari, MD, direttore della ricerca clinica nel programma sul mieloma multiplo presso il Tisch Cancer Institute e autore principale di entrambi gli studi. “Talquetamab ha indotto una risposta sostanziale tra i pazienti con mieloma multiplo fortemente pretrattato, recidivato o refrattario, il secondo tumore del sangue più comune. È il primo agente bispecifico che prende di mira la proteina GPRC5d nei pazienti con mieloma multiplo”.

Quasi tutti i pazienti affetti da mieloma che ricevono terapie standard ricadono continuamente. I pazienti che ricadono o diventano resistenti a tutte le terapie approvate per il mieloma multiplo hanno una prognosi sfavorevole, quindi sono urgentemente necessari ulteriori trattamenti. Questo studio, pur essendo uno studio in fase iniziale progettato per rilevare la tollerabilità e trovare una dose sicura, è un passo importante per soddisfare tale esigenza.

Questo studio clinico di fase 1 ha arruolato 232 pazienti in diversi centri oncologici in tutto il mondo tra gennaio 2018 e novembre 2021. I pazienti hanno ricevuto una varietà di dosi della terapia per via endovenosa o iniettata sotto la pelle; gli studi futuri si concentreranno solo sulle dosi somministrate sotto la pelle settimanalmente o ogni due settimane

I risultati di efficacia e sicurezza dello studio di fase 1 sono stati convalidati nello studio di fase 2 presentato all’ASH. Lo studio di fase 2 ha incluso 143 pazienti trattati con una dose settimanale e 145 pazienti trattati con una dose bisettimanale più elevata.

Il tasso di risposta complessivo in questi due gruppi è stato di circa il 73%, ha affermato il dott. Chari. Il tasso di risposta è stato mantenuto in tutti i vari sottogruppi esaminati, ad eccezione dei pazienti con una rara forma di mieloma multiplo che si estende anche agli organi e ai tessuti molli. Più del 30% dei pazienti in entrambi i gruppi ha avuto una risposta completa (nessuna rilevazione di marcatori specifici del mieloma) o migliore, e quasi il 60% ha avuto una “risposta parziale molto buona” o migliore (indicando che il cancro era sostanzialmente ridotto ma non necessariamente in calo a zero).

Il tempo mediano per una risposta misurabile è stato di circa 1,2 mesi in entrambi i gruppi di dosaggio e la durata mediana della risposta fino ad oggi è di 9,3 mesi con dosaggio settimanale. I ricercatori stanno continuando a raccogliere dati sulla durata della risposta nel gruppo che ha ricevuto 0,8 mg/kg a settimane alterne e per i pazienti in entrambi i gruppi di dosaggio che hanno avuto una risposta completa o migliore.

Gli effetti collaterali erano relativamente frequenti, ma tipicamente lievi. Circa tre quarti dei pazienti hanno manifestato la sindrome da rilascio di citochine, che è una costellazione di sintomi tra cui la febbre che è comune con le immunoterapie. Circa il 60% ha manifestato effetti collaterali legati alla pelle come eruzioni cutanee, circa la metà ha riportato alterazioni del gusto e circa la metà ha riportato disturbi delle unghie. I ricercatori hanno affermato che pochissimi pazienti (dal 5 al 6%) hanno interrotto il trattamento con talquetamab a causa degli effetti collaterali.

Il tasso di risposta osservato nello studio, che il dott. Chari ha spiegato è superiore a quello della maggior parte delle terapie attualmente disponibili, suggerisce che talquetamab potrebbe offrire un’opzione praticabile per i pazienti il ​​cui mieloma ha smesso di rispondere alla maggior parte delle terapie disponibili, offrendo la possibilità di prolungare la vita e beneficiare da altre terapie nuove e future man mano che vengono sviluppate.

 

Lascia un commento