Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Uno studio rileva che i trattamenti con ossigeno iperbarico invertono il processo di invecchiamento

Cromosomi umani (grigi) ricoperti da telomeri (bianchi). Credito: PD-NASA; PD-USGOV-NASA

 

Un nuovo studio dell’Università di Tel Aviv (TAU) e dello Shamir Medical Center in Israele indica che i trattamenti con ossigeno iperbarico (HBOT) negli adulti sani che invecchiano possono fermare l’invecchiamento delle cellule del sangue e invertire il processo di invecchiamento. In senso biologico, le cellule del sangue degli adulti diventano effettivamente più giovani con il progredire dei trattamenti.

I ricercatori hanno scoperto che un protocollo unico di trattamenti con ossigeno ad alta pressione in una camera a pressione può invertire due importanti processi associati all’invecchiamento e alle sue malattie: l’accorciamento dei telomeri (regioni protettive situate alle due estremità di ogni cromosoma) e l’accumulo di vecchio e cellule malfunzionanti nel corpo. Concentrandosi sulle cellule immunitarie contenenti DNA ottenuto dal sangue dei partecipanti, lo studio ha scoperto un allungamento fino al 38% dei telomeri, nonché una diminuzione fino al 37% in presenza di cellule senescenti.

Lo studio è stato condotto dal professor Shai Efrati della Sackler School of Medicine e della Sagol School of Neuroscience presso TAU e dal fondatore e direttore del Sagol Center of Hyperbaric Medicine presso lo Shamir Medical Center; e il dottor Amir Hadanny, direttore della ricerca medica del Sagol Center for Hyperbaric Medicine and Research presso lo Shamir Medical Center. La sperimentazione clinica è stata condotta come parte di un programma di ricerca israeliano completo che prende di mira l’invecchiamento come condizione reversibile.

Il documento è stato pubblicato su Aging il 18 novembre 2020.

“Per molti anni, il nostro team è stato impegnato nella ricerca e nella terapia iperbarica, trattamenti basati su protocolli di esposizione all’ossigeno ad alta pressione a varie concentrazioni all’interno di una camera a pressione”, spiega il professor Efrati. “I nostri risultati nel corso degli anni includevano il miglioramento delle funzioni cerebrali danneggiate da età, ictus o lesioni cerebrali.

“In questo studio, abbiamo voluto esaminare l’impatto dell’HBOT su adulti anziani sani e indipendenti e scoprire se tali trattamenti possono rallentare, arrestare o addirittura invertire il normale processo di invecchiamento a livello cellulare”.

I ricercatori hanno esposto 35 individui sani di età pari o superiore a 64 anni a una serie di 60 sessioni iperbariche per un periodo di 90 giorni. Ogni partecipante ha fornito campioni di sangue prima, durante e alla fine dei trattamenti, nonché qualche tempo dopo la conclusione della serie di trattamenti. I ricercatori hanno quindi analizzato varie cellule immunitarie nel sangue e hanno confrontato i risultati.

I risultati hanno indicato che i trattamenti hanno effettivamente invertito il processo di invecchiamento in due dei suoi aspetti principali: i telomeri alle estremità dei cromosomi sono cresciuti più a lungo invece che più corti a una velocità dal 20% al 38% a seconda del tipo di cellula; e la percentuale di cellule senescenti nella popolazione cellulare complessiva è stata ridotta in modo significativo, dell’11% -37% a seconda del tipo di cellula.

“Oggi, l’ accorciamento dei telomeri è considerato il ‘Santo Graal’ della biologia dell’invecchiamento”, afferma il professor Efrati. “I ricercatori di tutto il mondo stanno cercando di sviluppare interventi farmacologici e ambientali che consentano l’allungamento dei telomeri. Il nostro protocollo HBOT è stato in grado di raggiungere questo obiettivo, dimostrando che il processo di invecchiamento può infatti essere invertito a livello cellulare-molecolare di base”.

“Fino ad ora, gli interventi come le modifiche dello stile di vita e l’esercizio fisico intenso hanno dimostrato di avere un effetto inibitorio sull’accorciamento dei telomeri”, aggiunge il dottor Hadanny. “Ma nel nostro studio, solo tre mesi di HBOT sono stati in grado di allungare i telomeri a velocità ben oltre qualsiasi intervento attualmente disponibile o modifiche dello stile di vita. Con questo studio pionieristico, abbiamo aperto una porta per ulteriori ricerche sull’impatto cellulare di HBOT e il suo potenziale per invertire il processo di invecchiamento “.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter