A, indice Invadopodia dei pozzetti trattati con MMPi normalizzato al controllo DMSO in 3 piastre di screening indipendenti come indicato; B, valori del segnale MTS delle cellule B16-F10 e WM983C post-trattamento con DMSO (controllo), Enzastaurin, TGX221 e KU60019 per 72 ore. Le concentrazioni sono quelle indicate (in µM); C, Conteggio delle cellule vive e morte delle cellule B16-F10 trattate con DMSO o 5μM KU60019 nei punti temporali indicati. Credito: Atti dell'Accademia nazionale delle scienze (2023). DOI: 10.1073/pnas.2303978120
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Cancro della pelle: nuova opzione terapeutica per prevenire le metastasi

A, indice Invadopodia dei pozzetti trattati con MMPi normalizzato al controllo DMSO in 3 piastre di screening indipendenti come indicato; B, valori del segnale MTS delle cellule B16-F10 e WM983C post-trattamento con DMSO (controllo), Enzastaurin, TGX221 e KU60019 per 72 ore. Le concentrazioni sono quelle indicate (in µM); C, Conteggio delle cellule vive e morte delle cellule B16-F10 trattate con DMSO o 5μM KU60019 nei punti temporali indicati. Credito: Atti dell’Accademia nazionale delle scienze (2023). DOI: 10.1073/pnas.2303978120

Essendo una forma estremamente aggressiva di cancro della pelle, il melanoma cutaneo è ancora associato ad un elevato tasso di mortalità. Recentemente sono stati compiuti enormi progressi nella lotta contro le metastasi mortali, ma in molti casi le misure terapeutiche esistenti non sono ancora efficaci.

Ora un gruppo di ricerca guidato da Wolfgang Weninger e Shweta Tikoo del Dipartimento di Dermatologia di MedUni Vienna ha scoperto una nuova opzione che mira alla capacità metastatica delle cellule del melanoma . I risultati dello studio aprono la strada allo sviluppo di una nuova classe di farmaci e sono stati recentemente pubblicati sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences .

Effetti collaterali, resistenza ed efficacia limitata delle terapie mirate e degli immunoterapici sono i problemi incontrati nel trattamento del melanoma metastatico nonostante gli enormi progressi della medicina negli ultimi 10 anni. “Inoltre, non esistono ancora farmaci che colpiscano direttamente la capacità metastatica delle cellule del melanoma”, affermano i responsabili dello studio Weninger e Tikoo, descrivendo il punto di partenza del lavoro di ricerca.

Nella ricerca di un’opzione terapeutica che potesse non solo combattere la diffusione del cancro, ma addirittura prevenirla, il gruppo di ricerca si è concentrato sul complesso processo delle metastasi. Una caratteristica fondamentale di questo processo è la formazione della cosiddetta invadopodia. Si tratta di strutture cellulari formate dalle cellule tumorali per facilitare la loro penetrazione nel tessuto circostante. In questo processo è coinvolta anche una proteina chiamata F-actina.

Prevenire la diffusione del cancro

Con l’aiuto di una piattaforma di screening “blocco di invasione” appositamente sviluppata e altamente complessa, i ricercatori hanno esaminato 4.000 sostanze già approvate per la loro capacità di fermare virtualmente la formazione di invadopodia per prevenire la diffusione delle cellule tumorali. “Abbiamo identificato gli inibitori della chinasi come terapie promettenti”, afferma Tikoo, descrivendo i risultati.

Le chinasi sono enzimi che svolgono un ruolo decisivo nella trasmissione dei segnali all’interno delle cellule. Gli inibitori della chinasi, a loro volta, sono sostanze che possono bloccare alcune vie di segnalazione, ad esempio, per frenare la crescita eccessiva delle cellule tumorali .

“Il nostro studio ha aperto la strada allo sviluppo di potenziali farmaci antimetastatici”, affermano i ricercatori. Tikoo è convinta che “la ricerca futura si concentrerà sullo sviluppo di questa opzione per combattere terapeuticamente le metastasi dei melanomi cutanei”.

More information: Dajiang Guo et al, Invasion-Block and S-MARVEL: A high-content screening and image analysis platform identifies ATM kinase as a modulator of melanoma invasion and metastasis, Proceedings of the National Academy of Sciences (2023). DOI: 10.1073/pnas.2303978120