Il microbiota intestinale modula le immunotossicità indotte dalle terapie antitumorali convenzionali ed emergenti. Credito: Nature Reviews Immunology (2023). DOI: 10.1038/s41577-023-00951-0
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

I ricercatori confermano il ruolo dei microbi intestinali nella terapia del cancro

Il microbiota intestinale modula le immunotossicità indotte dalle terapie antitumorali convenzionali ed emergenti. Credito: Nature Reviews Immunology (2023). DOI: 10.1038/s41577-023-00951-0

I ricercatori medici hanno confermato il ruolo di una complessa comunità di organismi intestinali nell’efficacia dei trattamenti contro il cancro e nella riduzione della tossicità.

La revisione completa delle prove provenienti da oltre 200 pubblicazioni è stata condotta dalla ricerca SAHMRI e Flinders University guidata dal professor David Lynn e dal dottor Stephen Blake.

Lo studio, condotto con colleghi dell’Università di Tel Aviv e dello Sheba Medical Center in Israele, è stato pubblicato sulla rivista Nature Reviews Immunology .

Delle centinaia di studi analizzati, molti hanno dimostrato gli intricati meccanismi attraverso i quali specifici microbi possono alterare il comportamento del nostro sistema immunitario e rendere l’ambiente all’interno dei tumori più o meno favorevole affinché l’organismo attacchi le cellule tumorali .

“L’ intestino umano ospita trilioni di microbi che influenzano il modo in cui il nostro corpo risponde ai trattamenti contro il cancro, in particolare all’immunoterapia”, afferma il professor Lynn.

“Questo studio evidenzia il potenziale del microbiota intestinale nel migliorare le terapie contro il cancro. Sospettiamo da tempo che questi microbi siano cruciali e ora abbiamo prove crescenti a sostegno di ciò”.

Questo campo sta rapidamente avanzando dalla fase osservativa a studi clinici interventistici precoci che hanno mostrato risultati promettenti, dimostrando che gli interventi sul microbiota possono rendere i trattamenti contro il cancro più efficaci e meno tossici per i pazienti.

Vari metodi per manipolare la composizione dei microbi intestinali sono attualmente allo studio, tra cui il trapianto di microbiota fecale (FMT), che prevede il trasferimento di microbi intestinali sani da una persona a un’altra; oltre ai cambiamenti nella dieta, prebiotici e probiotici.

“Siamo ottimisti riguardo al potenziale di questi approcci perché non stiamo trattando il cancro in sé, stiamo ottimizzando l’ambiente interno per migliorare la risposta del corpo alle varie terapie antitumorali”, afferma il coautore Dr. Blake.

Dice che la terapia contro il cancro non è l’unico beneficiario del boom della ricerca sul microbiota. Esiste anche un enorme potenziale per migliorare il rilevamento, con altri gruppi di ricerca del SAHMRI che studiano metodi per progettare ceppi batterici probiotici in grado di individuare cellule cancerose e somministrare terapie direttamente ai tumori.

“Anche se c’è molto di cui essere entusiasti, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio le implicazioni sulla salute a lungo termine dell’alterazione dei microbi intestinali, in particolare per i sopravvissuti al cancro e continueremo a raccogliere e analizzare questi dati”, aggiunge il dottor Blake.

I ricercatori sono fiduciosi che l’ondata di lavoro in questo campo aprirà la strada a risultati complessivi migliori nella cura del cancro, offrendo maggiori speranze ai pazienti in futuro.

More information: Stephen J. Blake et al, Role of the microbiota in response to and recovery from cancer therapy, Nature Reviews Immunology (2023). DOI: 10.1038/s41577-023-00951-0