La batteria rivoluzionaria
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Betavolt: la batteria nucleare BB100

La batteria rivoluzionaria

 

L’azienda cinese Betavolt ha dato vita a un’innovazione che potrebbe trasformare il deposito di energia: la batteria nucleare BB100, con una durata prevista di 50 anni senza la necessità di ricarica.

Basata sul decadimento radioattivo dell’isotopo del nichel, questa tecnologia modulare promette di adattarsi a svariati dispositivi elettronici, dai cellulari ai sistemi più complessi, offrendo soluzioni sostenibili per la riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di CO2.

Ma cosa significa batteria nucleare? Che può esplodere come una bomba? Che rilascia radiazioni? Nulla di tutto questo. Vediamolo insieme.
In questo articolo:

Cos’è una batteria nucleare

La batteria nucleare sviluppata dalla Betavolt New Energy Technology di Pechino rappresenta una pietra miliare nel campo dell’energia. Questa tecnologia sfrutta il decadimento radioattivo dell’isotopo Nichel-63 (Ni-63) per generare elettricità, un processo che garantisce una produzione di energia stabile e sicura.

Il Ni-63, nel corso del suo decadimento, si trasforma in un isotopo stabile di Rame-63 (Cu-63), senza produrre scarti radioattivi dannosi.

Le caratteristiche salienti della batteria BV-100, alimentata dal decadimento del Ni-63, sono:

Durata Estesa: Con una vita stimata di 50 anni, supera di gran lunga la longevità delle batterie convenzionali.
Conversione Energetica: Utilizza un semiconduttore speciale in diamante per convertire l’energia radioattiva del Ni-63 in energia elettrica.
Dimensioni e Potenza: Misura 15 x 15 x 5 mm, fornendo una tensione di 3 volt e una potenza di 100 microwatt.

I vantaggi di questa nuova tecnologia includono un’elevata densità energetica e una generazione di energia stabile, con un ampio intervallo di temperature operative e senza emissione di radiazioni.

La densità energetica superiore della BV-100 offre più potenza e sicurezza rispetto alle attuali batterie agli ioni di litio. Betavolt ha registrato brevetti per la batteria a Pechino e prevede un’espansione globale.

Le batterie nucleari come la BV-100 hanno un’ampia gamma di applicazioni potenziali, in grado di alimentare dispositivi che richiedono fonti di energia durature e affidabili, come veicoli spaziali, impianti medici e sensori remoti. Queste batterie sono progettate con sistemi di contenimento robusti per prevenire il rilascio di materiali radioattivi in caso di incidenti.
Il ruolo del nichel-63

Il nichel-63 (Ni-63) gioca un ruolo fondamentale nella batteria nucleare sviluppata da Betavolt, agendo come fonte di energia grazie al suo decadimento radioattivo.

Questo processo trasforma il Ni-63 in un isotopo stabile di rame (Cu-63), che non solo è sicuro per l’ambiente ma contribuisce anche alla produzione di energia elettrica in modo costante e affidabile.

Produzione Energetica: Attualmente, la batteria nucleare di Betavolt può erogare una potenza di 100 microwatt, con l’obiettivo di raggiungere 1 watt entro il 2025, segnando un notevole incremento nella capacità energetica.

Sicurezza e Costi: la batteria non emette radiazioni né sostanze tossiche, ed è progettata per essere immune a incendi o esplosioni. Inoltre, il costo di produzione è notevolmente inferiore rispetto alle batterie al litio, con un risparmio evidente di 1,3 euro per microwatt.

Betavolt non si ferma al nichel-63. La ricerca si estende ad altri isotopi come lo stronzio-90, il promezio-147 e il deuterio, al fine di sviluppare batterie ancora più potenti e dalla vita utile prolungata.

Questa esplorazione iscotopica potrebbe aprire nuove frontiere nell’energia nucleare per applicazioni che vanno oltre l’uso nei soli dispositivi elettronici.
Vantaggi rispetto alle batterie convenzionali

La batteria nucleare sviluppata da Betavolt si distingue in maniera significativa dalle batterie convenzionali grazie a una serie di vantaggi tecnici e operativi. In primo luogo, la densità energetica di questa batteria è dieci volte superiore rispetto a quella delle batterie agli ioni di litio, il che la rende particolarmente adatta per settori che richiedono soluzioni di lunga durata come le telecomunicazioni, i droni e altri dispositivi.

Un altro aspetto rilevante è la capacità delle batterie nucleari di fornire energia per anni o addirittura decenni senza necessità di ricarica o sostituzione, a differenza delle batterie tradizionali che hanno una vita utile limitata a poche ore o anni. Questa caratteristica si traduce in una fonte di alimentazione stabile e costante, senza il degrado di potenza che si verifica nel tempo con le batterie convenzionali.

Le batterie nucleari, inoltre, possono operare in condizioni estreme di temperatura, funzionando efficacemente in un intervallo che va da -60 a 120 gradi Celsius. Questo le rende ideali per applicazioni in ambienti difficili o inaccessibili, dove le batterie tradizionali potrebbero non essere efficaci o sicure.

La sicurezza è ulteriormente garantita dal fatto che le particelle emesse durante il decadimento radioattivo del Nickel-63 vengono assorbite dai materiali del dispositivo, eliminando i rischi associati alle batterie convenzionali che possono essere pericolose se maneggiate o smaltite in modo inappropriato.

Infine, la specificità energetica delle batterie nucleari è superiore, offrendo più energia per unità di peso rispetto alle batterie convenzionali. Questo, combinato con una vita operativa fino a 50 anni come dimostrato dal prototipo di Betavolt, potrebbe eliminare la necessità di ricariche o sostituzioni frequenti, con evidenti benefici in termini di costi e manutenzione.

Potenziali applicazioni

La batteria nucleare BV100 di Betavolt, dalle dimensioni contenute e con un’uscita di potenza di 100 microwatt e tensione di tre volt, rappresenta una soluzione energetica efficiente e versatile, adatta a molteplici applicazioni.

La sicurezza è garantita dall’assenza di emissioni di neutroni o raggi gamma nocivi, con soli raggi beta a bassa penetrazione che possono essere facilmente schermati, favorendo l’uso in dispositivi biomedici.

Le potenziali applicazioni della BV-100 spaziano dall’aerospazio ai dispositivi medici, dal settore militare ai sensori, ideali per infrastrutture ad alto valore con sensori in ambienti ostili o inaccessibili all’uomo, come sistemi di monitoraggio in profondità marine, contesti sotterranei, spazio esterno e aree ad alto rischio radioattivo.

Queste batterie possono anche essere utilizzate per monitorare i cavi ad alta tensione sommersi che trasportano energia eolica offshore, prevenendo o minimizzando interruzioni del trasporto energetico a causa di guasti ai cavi.

Con la miniaturizzazione e modularizzazione delle batterie atomiche, si aprono possibilità innovative in vari settori come la medicina, l’industria, la ricerca spaziale e la vita quotidiana. Betavolt prevede il lancio di una batteria da 1 W nel 2025, potenzialmente in grado di alimentare dispositivi elettronici di consumo senza la necessità di ricarica.

Sfide e considerazioni sulla sicurezza

La sicurezza rappresenta una delle sfide principali per l’adozione su larga scala delle batterie nucleari come quelle sviluppate da Betavolt.

La comprensione e l’accettazione pubblica delle batterie nucleari come fonte di energia pulita sono cruciali per il loro utilizzo diffuso.

Betavolt è attenta a questo aspetto, e le sue batterie nucleari non presentano problemi di smaltimento alla fine del loro ciclo di vita, in quanto la completa scarica coincide con la fine del decadimento radioattivo. La società sta anche testando altri isotopi per estendere ulteriormente la vita utile delle batterie.
Nell’esplorare l’avanzamento tecnologico delle batterie nucleari sviluppate da Betavolt, abbiamo esaminato il potenziale di un approccio innovativo all’energia, che promette lunga durata e affidabilità senza precedenti.

La promettente durata di vita di 50 anni della batteria BB100, utilizzando il processo di decadimento radioattivo del nichel-63, apre la strada a una serie di applicazioni, dalla medicina all’aerospaziale, che potrebbero trarre significativi benefici da questa fonte di energia stabile e a basso impatto ambientale.

La continua ricerca nello sviluppo di materiali più efficienti e la progettazione di batterie che possano essere impiegate in una varietà ancora maggiore di contesti dimostra il forte impegno verso un futuro energeticamente più sostenibile.

 

Lascia un commento