Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Come l’apprezzamento della bellezza può favorire l’apprendimento percettivo

Fermati, guarda.

 

“Fermarsi” e “vedere” sono componenti cruciali di molti tipi di pratiche meditative, inclusa la meditazione Zen buddista. Infatti, queste pratiche tipicamente comportano la cessazione di tutte le attività per osservare i pensieri, i sentimenti e le sensazioni che sorgono in un dato momento, così come i suoni o altri stimoli sensoriali nell’ambiente circostante.

Nella meditazione buddista, “fermarsi e vedere” si riferisce essenzialmente al processo di non impegnarsi con desideri o delusioni della mente e vedere la “verità”, cioè percepire le cose esattamente come sono, senza interpretarle o cercare di cambiarle. Combinati, questi due concetti riassumono l’antica credenza e nozione filosofica secondo cui l’inibizione dell’azione e l’osservazione / sintonizzazione con gli stimoli sensoriali possono aumentare la consapevolezza e l’apprezzamento, aiutando a stabilire una connessione spirituale con ciò che ci circonda.

Lo stato contemplativo e consapevole che può essere sperimentato durante la meditazione è paragonabile a ciò che una persona può provare mentre osserva uno spettacolo naturale mozzafiato (ad esempio, un tramonto, una cascata, le stelle nel cielo notturno, ecc.), Un’opera d’arte creativa (ad es. , un dipinto, un film, ecc.) o qualsiasi altro fenomeno, cosa o persona che trova esteticamente gradevole. In altre parole, la bellezza sembra incoraggiarci a fermarci e ad abbracciare il momento presente .

Affascinati dagli effetti che l’osservazione di qualcosa che troviamo bello può avere sul nostro cervello e sulle nostre percezioni, i ricercatori dell’Università di Torino hanno recentemente esaminato la letteratura passata concentrandosi su questo argomento e radicata in diverse discipline (ad esempio, neuroscienze, psicologia, informatica e filosofia). Hanno quindi presentato una sintesi dei risultati raccolti finora, insieme alle loro considerazioni, in un documento pubblicato sulla rivista Neuroscience and Biobehavioral Reviews di Elsevier .

Nel complesso, i risultati degli studi che questi ricercatori hanno esaminato nel loro articolo suggeriscono che le emozioni derivanti dall’osservazione di elementi esteticamente gradevoli giocano un ruolo cruciale nel modo in cui le persone acquisiscono nuove conoscenze e si adattano all’ambiente circostante. Questa idea è collegata a teorie introdotte in passato, come la nozione romantica di “primato dell’estetica sulla ragione” o la filosofia greca classica.

Nel loro articolo, i ricercatori dell’Università di Torino esplorano queste teorie e ricerche passate esplorando come la nostra esperienza di bellezza possa facilitare l’acquisizione di conoscenza. Inoltre, introducono quella che chiamano l’ipotesi del “fermarsi alla conoscenza”, che si basa su modelli di apprezzamenti estetici delineati da altri team in passato, tra cui Leonid Perlovsky e Felix Shoeller , Sander Van de Cruys e Johan Wagenmans , come così come la teoria della codifica predittiva proposta da Karl Friston .

“In questa recensione, discutiamo i risultati multidisciplinari e proponiamo un resoconto originale dell’apprezzamento estetico (l’ipotesi dell’arresto della conoscenza) inquadrato all’interno della teoria della codifica predittiva”, affermano i ricercatori nel loro articolo. “Discutiamo le prove che dimostrano che le emozioni estetiche emergono in corrispondenza di un’inibizione del comportamento motorio (cioè, un’azione minimizzante), promuovendo un simultaneo miglioramento dell’elaborazione percettiva a livello delle cortecce sensoriali (cioè, ottimizzando l’apprendimento)”.

Sulla base degli studi passati che hanno esaminato, i ricercatori ipotizzano che l’apprezzamento estetico rappresenti un feedback edonico (cioè, un sistema di ricompensa nel cervello che rinforza comportamenti desiderabili o benefici) che facilita i processi di apprendimento. In definitiva, l’osservazione della bellezza potrebbe quindi motivare gli individui a smettere di muoversi e cercare ulteriori acquisizioni di conoscenza, modulando a sua volta il loro apprendimento percettivo e il recupero della memoria.

I ricercatori sostengono anche che aiutare i pazienti ad apprezzare consapevolmente la bellezza nel mondo che li circonda potrebbe svolgere un ruolo importante nella psicoterapia, poiché molti disturbi mentali sono associati a esperienze dissociate di emozioni e rigidi processi di pensiero. Imparare a essere nel momento, a fermarsi e osservare la bellezza che li circonda, potrebbe quindi aiutare le persone a ritrovare uno sguardo curioso, gioioso e aperto alla vita.

In futuro, i risultati potrebbero guidare ulteriori studi che esplorano l’impatto dell’apprezzamento estetico sull’acquisizione di conoscenze e sui risultati della psicoterapia. Inoltre, può anche informare lo sviluppo di nuovi approcci terapeutici in parte basati sull’apprezzamento estetico o di algoritmi di apprendimento automatico che riflettono i processi di apprendimento umano.

 

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter