Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

CoronaVirus Covid-19 Remdesivir può bloccarlo ?

NEL FRATTEMPO LA CLOROCHINA È SPARITA DALLE FARMACIE E DAI DEPOSITI

Serve al più presto sbloccare le importazioni dall’India per fare arrivare in Italia  IDROSSICLOROCHINA . Chi ha fatto incetta dei medicinali ?

Nel dicembre 2019, una nuova polmonite causata da un patogeno precedentemente sconosciuto è emersa a Wuhan, una città di 11 milioni di persone nella Cina centrale. I casi iniziali erano collegati alle esposizioni in un mercato del pesce a Wuhan.1 Al 27 gennaio 2020, le autorità cinesi hanno riportato 2835 casi confermati nella Cina continentale, inclusi 81 decessi. Inoltre, sono stati identificati 19 casi confermati a Hong Kong, Macao e Taiwan e 39 casi importati sono stati identificati in Tailandia, Giappone, Corea del Sud, Stati Uniti, Vietnam, Singapore, Nepal, Francia, Australia e Canada. Il patogeno è stato presto identificato come un nuovo coronavirus (2019-nCoV), che è strettamente correlato alla severa sindrome respiratoria acuta CoV (SARS-CoV) .2 Attualmente, non esiste un trattamento specifico contro il nuovo virus. Pertanto, è urgentemente necessario identificare agenti antivirali efficaci per combattere la malattia.



Un approccio efficace alla scoperta di farmaci consiste nel verificare se i farmaci antivirali esistenti sono efficaci nel trattamento delle infezioni virali correlate. Il 2019-nCoV appartiene al Betacoronavirus che contiene anche SARS-CoV e sindrome respiratoria del Medio Oriente CoV (MERS-CoV). Numerosi farmaci, come ribavirina, interferone, lopinavir-ritonavir, corticosteroidi, sono stati utilizzati in pazienti con SARS o MERS, sebbene l’efficacia di alcuni farmaci rimanga controversa.3 In questo studio, abbiamo valutato l’efficienza antivirale di cinque farmaci approvati dalla FAD tra cui ribavirina, penciclovir, nitazoxanide, nafamostat, clorochina e due noti farmaci antivirali ad ampio spettro remdesivir (GS-5734) e favipiravir (T-705) contro un isolato clinico del 2019-nCoV in vitro.



Sono stati condotti test standard per misurare gli effetti di questi composti sulla citotossicità, sulla resa del virus e sui tassi di infezione dei 2019-nCoV. In primo luogo, la citotossicità dei composti candidati nelle cellule Vero E6 (ATCC-1586) è stata determinata dal dosaggio CCK8. Quindi, le cellule Vero E6 sono state infettate con nCoV-2019BetaCoV / Wuhan / WIV04 / 20192 a una molteplicità di infezione (MOI) di 0,05 in presenza di concentrazioni variabili dei farmaci in esame. DMSO è stato utilizzato nei controlli. Le efficacia sono state valutate mediante quantificazione dei numeri di copie virali nel surnatante cellulare tramite RT-PCR quantitativa in tempo reale (qRT-PCR) e confermate con visualizzazione dell’espressione della nucleoproteina virale (NP) mediante microscopia a immunofluorescenza a 48 h post infezione (pi) (citopatica) l’effetto non era evidente in questo momento dell’infezione). Tra i sette farmaci testati, alte concentrazioni di tre analoghi nucleosidici tra cui ribavirina (concentrazione efficace semi-massima (EC50) = 109.50 μM, concentrazione semi-citotossica (CC50)> 400 μM, indice di selettività (SI)> 3.65), penciclovir (EC50 = 95,96 μM, CC50> 400 μM, SI> 4,17) e favipiravir (EC50 = 61,88 μM, CC50> 400 μM, SI> 6,46) erano necessari per ridurre l’infezione virale (Fig. 1a e Informazioni supplementari, Fig. S1). Tuttavia, favipiravir ha dimostrato di essere efficace al 100% nella protezione dei topi contro la sfida del virus Ebola, sebbene il suo valore EC50 nelle cellule Vero E6 fosse alto fino a 67 μM, 4 che suggeriscono ulteriori studi in vivo per valutare questo nucleoside antivirale. Nafamostat, un potente inibitore di MERS-CoV, che previene la fusione della membrana, era inibitore dell’infezione 2019-nCoV (EC50 = 22,50 μM, CC50> 100 μM, SI> 4,44). Il nitazoxanide, un agente antiprotozoico commerciale con un potenziale antivirale contro una vasta gamma di virus tra cui coronavirus umani e animali, ha inibito il 2019-nCoV a bassa concentrazione micromolare (EC50 = 2,12 μM; CC50> 35,53 μM; SI> 16,76). Si raccomanda un’ulteriore valutazione in vivo di questo farmaco rispetto all’infezione 2019-nCoV. In particolare, due composti remdesivir (EC50 = 0,77 μM; CC50> 100 μM; SI> 129,87) e clorochina (EC50 = 1,13 μM; CC50> 100 μM, SI> 88,50) hanno bloccato potenzialmente l’infezione da virus a bassa concentrazione micromolare e hanno mostrato un elevato SI (Fig. 1a, b).



Remdesivir è stato recentemente riconosciuto come un promettente farmaco antivirale contro una vasta gamma di infezioni da virus RNA (incluso SARS / MERS-CoV5) in cellule coltivate, topi e modelli di primati non umani (NHP). È attualmente in fase di sviluppo clinico per il trattamento dell’infezione da virus Ebola.6 Remdesivir è un analogo dell’adenosina, che si incorpora in catene di RNA virali nascenti e provoca l’interruzione pre-matura.7 Il nostro test al momento dell’aggiunta ha mostrato che remdesivir ha funzionato in una fase post post virus (Fig. 1c, d), che è in accordo con il suo putativo meccanismo antivirale come analogo nucleotidico. Warren et al. ha mostrato che nel modello NHP, la somministrazione endovenosa di 10 mg / kg di dose di remdesivir ha determinato livelli persistenti concomitanti della sua forma attiva nel sangue (10 μM) e conferito una protezione del 100% contro l’infezione da virus Ebola.7 I nostri dati hanno mostrato che il valore EC90 di remdesivir rispetto al 2019-nCoV nelle cellule Vero E6 era di 1,76 μM, suggerendo che la sua concentrazione di lavoro potrebbe essere raggiunta in NHP. I nostri dati preliminari (informazioni supplementari, Fig. S2) hanno mostrato che remdesivir ha anche inibito efficacemente l’infezione da virus in una linea cellulare umana (cellule Huh-7 di carcinoma epatico umano), sensibile a 2019-nCoV.2



La clorochina, un farmaco antimalarico e autoimmune ampiamente utilizzato, è stata recentemente segnalata come un potenziale farmaco antivirale ad ampio spettro.8,9 La clorochina è nota per bloccare l’infezione da virus aumentando anche il pH endosomico necessario per la fusione virus / cellula interferendo con la glicosilazione dei recettori cellulari della SARS-CoV.10 Il nostro test del tempo di aggiunta ha dimostrato che la clorochina ha funzionato sia in fase di ingresso, sia in fase post-entrata dell’infezione 2019-nCoV nelle cellule Vero E6 (Fig. 1c, d). Oltre alla sua attività antivirale, la clorochina ha un’attività immunomodulante, che può potenziare sinergicamente il suo effetto antivirale in vivo. La clorochina è ampiamente distribuita in tutto il corpo, compresi i polmoni, dopo somministrazione orale. Il valore EC90 della clorochina rispetto al 2019-nCoV nelle cellule Vero E6 era di 6,90 μM, che può essere clinicamente raggiungibile come dimostrato nel plasma dei pazienti con artrite reumatoide che hanno ricevuto 500 mg di somministrazione.11 La clorochina è un farmaco economico e sicuro che è stato utilizzato da oltre 70 anni e, pertanto, è potenzialmente clinicamente applicabile contro il 2019-nCoV.



I nostri risultati rivelano che remdesivir e clorochina sono altamente efficaci nel controllo dell’infezione 2019-nCoV in vitro. Dal momento che questi composti sono stati utilizzati in pazienti umani con una traccia di sicurezza e hanno dimostrato di essere efficaci contro vari disturbi, suggeriamo che dovrebbero essere valutati in pazienti umani affetti dalla nuova malattia di coronavirus.

NEL FRATTEMPO SI SEGNALA LA COMPLETA sparizione  DALLE FARMACIE E L’IMPOSSIBILITA’ DI REPERIRE NEI DEPOSITI

FARMACEUTICI, DELLA CLOROCHINA BAYER IN COMPRESSE DA 250mg.

QUESTO RISULTA ABBASTANZA STRANO. QUALE IDEA CI SI DEVE FARE ? QUALCUNO SA O SAPEVA ?

COSA HANNO DA DIRE I NOSTRI VIROLOGI IN MERITO ??



——————————-



Dichiarazione di Gilead Sciences sulla risposta in corso dell’azienda al caso Coronavirus 2019 (2019-nCoV)



Foster City, California, 31 gennaio 2020 – Gilead Sciences ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione di Merdad Parsey, MD, PhD, Chief Medical Officer, Gilead Sciences:



“Gilead sta lavorando a stretto contatto con le autorità sanitarie globali per rispondere al nuovo focolaio di coronavirus (2019-nCoV) attraverso l’uso appropriato sperimentale del nostro remdesivir composto sperimentale. Insieme alla US Food and Drug Administration (FDA), i Centri statunitensi per il controllo delle malattie e prevenzione (CDC), il Dipartimento americano per la salute e i servizi umani (DHHS), il China CDC e la National Medical Product Administration (NMPA), l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e il National Institute of Allergies and All Infies and Diseases (NIAID) ) e insieme a singoli ricercatori e clinici, Gilead si concentra sul contributo delle nostre competenze e risorse antivirali per aiutare i pazienti e le comunità a combattere 2019-nCoV.



Remdesivir non ha ancora ottenuto la licenza o l’approvazione in tutto il mondo e non ha dimostrato di essere sicuro o efficace per qualsiasi uso. Su richiesta dei medici curanti e con il supporto delle agenzie regolatorie locali, che hanno valutato i rischi e i benefici della fornitura di un farmaco sperimentale senza dati nel 2019-nCoV, Gilead ha fornito remdesivir per l’uso in un piccolo numero di pazienti con il 2019 -nCoV per trattamenti di emergenza in assenza di opzioni terapeutiche approvate.



Gilead sta lavorando con le autorità sanitarie in Cina per stabilire uno studio randomizzato e controllato per determinare se remdesivir può essere usato in modo sicuro ed efficace per il trattamento di 2019-nCoV. Stiamo inoltre accelerando i test di laboratorio appropriati di remdesivir rispetto ai campioni 2019-nCoV.



Mentre non ci sono dati antivirali per remdesivir che mostrano attività contro 2019-nCoV in questo momento, i dati disponibili in altri coronavirus ci danno speranza. Remdesivir ha dimostrato attività in vitro e in vivo in modelli animali contro i patogeni virali MERS e SARS, che sono coronavirus strutturalmente simili al 2019-nCoV. Sono disponibili anche dati clinici limitati sull’uso di emergenza di remdesivir nel trattamento di pazienti con infezione da virus Ebola.



Gilead si impegna a supportare la comunità sanitaria globale per rispondere rapidamente ed efficacemente alle epidemie virali gravi e potenzialmente letali in tutto il mondo. “



Informazioni su Gilead Sciences



Gilead Sciences è una società biofarmaceutica basata sulla ricerca che scopre, sviluppa e commercializza farmaci innovativi in ​​aree con esigenze mediche insoddisfatte. La società si impegna a trasformare e semplificare l’assistenza a persone con malattie potenzialmente letali in tutto il mondo. Gilead ha operazioni in oltre 35 paesi in tutto il mondo, con sede a Foster City, California.

 

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter